Circolo Giovanile San Luigi IX

Circolo del Movimento politico cattolico Militia Christi

La scelta di Giuliano

Proprio io che non sono un occidentalista convinto sono rimasto scioccato dalla morte di Giuliano Delnevo, combattente in Siria dalla parte di chi compie la jihad islamica.  Troppo sbrigativo parlare di terrorismo e di reclutamento, non è detto che abbia compiuto per forza attentati, nè che si sia rivolto contro persone inermi. E’ vero che il terrorismo dei ribelli è purtroppo pane quotidiano in Siria, presente in ogni destabilizzazione american-rivoluzionaria dall’Iraq, alla Libia, ma non credo che un italiano parta per la Siria per fare attentati.

Ciò che mi preme comunque, come da titolo, è capire il perchè di tale scelta.

Sicuramente due elementi sono stati fondamentali nel muovere le azioni di Giuliano:

1) la religione

2) il combattimento

Ora di certo su una cosa sono d’accordo mussulmani da una parte e atei, liberali, socialisti e “democratici” dall’altra; l’Islam è una religione guerriera. Gli uni utilizzano questo come atto d’accusa, ma gli altri, o almeno sicuramente la fazione di cui faceva parte Giuliano (che non si può certo tacciare di ipocrisia), sono ben orgogliosi di ciò e ne fanno motivo di vanto. Non si può ignorare certo questo elemento nella considerazione delle componenti che hanno attratto il giovane.

Un altro elemento è di certo il rifuto totale dell’idolatria occidentale che si manifesta in vari modi, non ultimo il culto della “democrazia” (la maggioranza ha sempre ragione, oracolo sostituito ultimamente, ufficiosamente, dalla “voce del web”), dopo quello del libero mercato e del consumismo, dell’individualismo o della libertà intesa come licenza.

Ora siamo ben lungi dal fomentare qualsiasi scontro di civiltà, anche perchè crediamo che proprio in Siria assuma alleanze inedite che fanno davvero riflettere, mi preme invece individuare ancora una volta una via uscita (sì sempre quella) dall’apparente scelta obbligata tra due fazioni contrapposte (che poi come dicevo proprio in Siria…).

Si tratta del Messaggio evangelico, fuori dalle contraffazioni senza spina dorsale propagandate dalle agenzie del mondo che tentano di addomesticare ciò che non riescono a vincere. Un messaggio per il quale ci si può spendere senza sconti, con tutta la persona, senza sacrificare la razionalità da una parte o lo spirito e la coerenza dall’altra. E’ proprio questa la vera Rivoluzione della storia, quella che muove il tempo e gli eventi, e ci si può solo porre pro o contro questa.

Mi hanno colpito molto le parole del padre di Giuliano che parlava di lui come di un “cavaliere medioevale” e anche il fatto che Giuliano gli diceva di pregare per lui (il padre è cattolico e ci tiene a dire praticante, il che sembra sottintendere una seria adesione),  alcuni tweet di una giornalista, invece, parlavano di impossibilità di tornare indietro da parte del ragazzo che si era reso conto di dove si era andato a cacciare…seguendo il suo itinerario ho trovato il forum che seguiva da anni, i messaggi che scriveva e mi sono imbattuto via twitter con chi lo conosceva,  Fabrizio. Questo (presumo) ragazzo ha un Blog che si chiama invitoallaverità; veramente un invito troppo importante da lasciar cadere per me. Gli ho scritto qualche commento su un post in cui si parla delle prove dell’esistenza di Dio, un tema che sicuramente unisce tutta l’umanità.

Con mia sorpresa il dialogo è proseguito anche privatamente, purtroppo l’ultimo mio commento non è stato accettato, non so per volontà effettiva di chi o perchè, allora lo ripropongo quì: http://invitoallaverita.it/la-prova-dellesistenza-di-dio/#comments

Allora nell’ordine hai detto che in quanto cattolico sono irrazionale perchè ti ho parlato dei Misteri della Fede, ossia ti ho detto che la Fede è qualcosa che non deriva dall’intelletto umano, ma è un dono del Signore. Non c’è obiezione più semplice per me. La Fede e la ragione non sono mai in contrasto, ma neanche si sovrappongono come vorresti fare intendere tu (che poi è più un discorso da ateo), in realtà la Fede supera la ragione, ossia i limiti della natura umana, proprio perchè ha come oggetto Iddio Onnipotente che non può essere totalmente compreso dalla natura umana, imperfetta e sostenuta da Dio stesso nella sua Misericordia. La ragione in qualche modo segna i primi passi da percorrere, ci sostiene nelle scelte e certifica la verità, un cammino che ho fatto personalmente confrontandomi con altre tradizioni religiose. Anche io non rigetto quanto di vero in queste, ma non posso dimenticare che il Cristianesimo è piuttosto lo sviluppo dell’Ebraismo, sviluppo e compimento storico che non può essere cancellato.
Sulle persecuzioni dei cristiani, come dei manoscritti e della Siria neanche parlo per non andare fuori tema visto che rimane una discussione teologica (e non ho fatto confronti, neanche parlando scienza [e suo sviluppo] Cristianesimo, o Islam, altra obiezione semplice…nè detto a te che sei irrazionale… però da noi si dice avere la “coda di paglia…”) e continuo in pvt, perchè penso che tutti possano studiare con profitto la storia e anche l’attualità nonostante che per la Siria in Occidente ci sia un informazione partigiana.
Armando
p.s. su Giuliano mi sto facendo un’idea, stavo leggendo qualcosa sul vostro forum più che altro per capire il pensiero, ma non si può negare che lui dimostri che quella non è una guerra civile. Ho su di lui comunque una pregiudiziale positiva, pur non condividendone le scelte, perchè mi sembra una persona generosa, anche se plasmata da un’ideologia più grande di lui.
Armando

Privatamente il discorso si è sviluppato poi sull’unicità dell’Incarnazione e della Passione e di come questa sia espressione massima dell’onnipotenza di Dio e della sua Bontà, di come i primi cristiani fossero perseguitati (ho dovuto inoltre spiegare il significato autentico di martire, confuso da lui come suicida) dagli ebrei in quanto idolatri e dai pagani perchè si rifiutavano di esserlo e di come la politica (sorprendentemente si rifiutava di mettere questo elemento nella sua scelta, pur seguendo il modello dei talebani, mentre per me è stato un elemento fondamentale in quanto la politica è l’applicazione pratica di principi) e il diritto naturale corroborino la bontà del messaggio evangelico.

Non mi illudo.

In conclusione, credo che sia giusto scrivere queste righe per fissare nella mia mente un’esperienza, e per ripartire un giorno da queste per cercare di riannodare dei fili che anche nella nostra società locale si sono profondamente lacerati, riflettendo la profonda lacerazione globale.

Sempre più convinto che di mussallah riconciliazione) abbia bisogno anche l’Italia

Armando

guiliano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 25, 2013 da in Uncategorized.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: