Circolo Giovanile San Luigi IX

Circolo del Movimento politico cattolico Militia Christi

La strategia del gaypride

Viene un pò a noia parlare ogni anno del nefasto gaypride che ci viene imposto per educarci alla presunta “normalità” dell’omosessualità.  Come ogni anno Militia Christi rifiuta di farsi plagiare dalle armi di persuasione di massa e per questo viene bollata come omofoba, con evidente discredito alla presunta “legge” che si vorebbe far passare che si legge antiomofobia, ma significa anti dissenso (dalla prospettiva della legge naturale questo dissenso, non immotivato o per opinione). Quest’anno i giornali sono riusciti a riportare, oltre al comunicato e alle foto originali, anche le dichiarazioni del nostro portavoce che condannava fermamente, ancora più fermamente di quanto abbiamo sentito fare dagli strumentalizzatori di aggressioni notturne, le violenze e invocava una giustizia più salda, dall’Agi.it:

Il portavoce del movimento, Fabrizio Lastei, sentito dall’Agi ha aggiunto: “Condanniamo tutte le forme di violenza, in modo molto fermo. Le istituzioni per noi sono gravemente colluse in due ordini di fattori: nel permettere manifestazioni come il Gay pride, che promuovono una visione della sessualita’ contraria oggettivamente alla dignita’ della persona nel vero senso dell’affettivita’ umana, e perche’ bollano solo a parole gravi aggressioni che andrebbero punite in molto piu’ grave che come aggressioni determinate da futili motivi. Le istituzioni politicamente corrette accusano noi di essere oscurantisti, ma nella nostra societa’ ci sarebbe molto piu’ posto verso la dignita’ della persona”

Credo che il maggior servizio al risveglio delle coscienze lo abbiano fatto proprio coloro che hanno fotografato i due scheramenti.

Da Repubblica di oggi:

da una parte c’è il volto sofferente e orante del nostro Beato Papa, dall’altra un uomo (lo è ancora, ma speriamo non si identifichi troppo nel suo travestimento) vestito da alieno-spock- satanello mentre per le vie di Roma porta l’enorme bandiera (orcobaleno) dell’ideologia gay.

Tralasciando i numeri visto che si aspettavano a Roma quasi un terzo dei partecipanti che hanno annunciato (falsamente? d’altronde…) “trionfamente” al microfono, mi voglio soffermare sul tema gay e nazionale di calcio che campeggia pure negli spot di quest’anno al gayvillage.

Tutti abbiamo seguito la telenovela di Cassano sui “froci” in nazionale; il mea culpa dopo che le trasmissioni sportive si erano trasformate in tribune politiche che chiedevano (“dobbiamo farlo”?!) di vedere l’omosessualità come una cosa normale. Personalmente a me è sembrato un autogol, quello di andare a rompere in nazionale nei giorni caldi degli europei, in un clima di disaffezione generale verso l’Italia che ha portato sugli spalti solo qalche italiano emigrato all’estero e quelche straniero a cui piace la pizza. Ma evidentemente “ubi maior…” eh sì perchè l’ideologia gay se ne frega della crisi, dell’austerità delle famiglie (quelle vere) per tirare avanti, anche del rispetto e della tranqullità di una squadra che ci rappresenta. Cecchi Paone non è stato censurato, per me lui doveva chiedere scusa per aver portato gli spogliatoi in campo.

Un pò di ingenuità da parte mia, non avevo capito che era tutto montato ad arte.

Non Cassano (quì video non censurato), forse, che ha usato quei toni da commedia all’italiana (“semo tuti ermafrociti congeniti?” di Manfredi, “non sono frocione, non mi chiemo frifri…” di Banfi e “ma te ‘o immagini si me nasceva un fijo laziale…mejo frocio!” di Mario Carotenuto solo così a memoria) per dire che sono problemi loro (e invece so’ problemi nostri purroppo!); ma il cosiddetto mister (che per inciso spero non sbagli -e ci è andata bene- anche questa volta) Prandelli.

Cecchi Paone infatti ha scritto un libro che campeggia un pò in tutte le edicole, il suo titolo è “il canpione innamorato; giochi proibiti dello sport” dove  quell’innamorato si capisce subito dalla copertina in cui al tema vengono associati due lottatori. Nel libro infatti oltre alle gesta del calciatore Fashanu suicidatosi sopo essere stato accusato di aver violentato un minorenne facendogli perdere conoscenza con le droghe (il calciatore si difese dicendo che il rapporto era stato consenziente e il ragazzo voleva dei soldi), c’è la scarna prfazione del “misterprandelli” che in una pagina e mezzo ripete soltanto slogan ufficiali tra cui “anche l’omofobia è razzismo”,

orbene c’è anche un video in rete fatto nientemeno che  come protagonista dallo stesso Cecchi Paone in cui un finto Cassano fucila tanti gay-zombi che attraverso i baci moltiplicano il virus. La trama corrisponde ai clichè sull’omofobia?

Ovviamente e infatti in rete si scagliano contro il produttore del video (quì)…che però all’apertura fa vedere per un attimo proprio il libro di Cecchi Paone:

E’ evidente che certe cose si fanno coscientemente per un motivo e a noi sembra chiaro:

Ridicolizzare ogni opposizione alla normalizzazione dell’omosessualità nell’attesa che anche le ultime voci si spengano.

E’ purtroppo prassi tra i cattolici quella di avere un profilo basso nell’illusione che la mancata contestazione non offra carburante per la propaganda omosessualista. E’ vero esattamente il contrario; gli avversari si creeranno a tavolino e distorceranno palesemente ogni onesta contestazione, in più le voci oramai sopite non avranno più alcuna rilevanza e rimarrà solamente la voce gay a consolidare le vecchie posizioni (l’abitudine crea il consenso) e andare all’attacco (questo è il motto!) sui matrimoni (lo hanno dicharato apertamente ieri), fecondazioni, adozioni etc.

Per questo è giusto dare rilevanza al nostro comunicato, che contrasta inesorabilemte con un’ideologia fatta solo di accuse e paillettes:

“A nome della Chiesa di Roma non posso non esprimere amarezza per l’affronto recato […] e per l’offesa ai valori cristiani di una città che è tanto cara al cuore dei cattolici di tutto il mondo. La Chiesa non può tacere la Verità […] perchè non aiuterebbe a discernere ciò che è bene da ciò che è male”. (Beato Giovanni Paolo II, commento al gay-pride, nell’Angelus del 9 Luglio 2000).  E’ ricordando queste parole che alcuni militanti del Movimento Politico Cattolico Militia Christi, hanno affisso questa notte alcuni manifesti in Via Cavour, a Roma, lungo il percorso del corteo del “gay-pride”.

Manifestazioni del genere, che rivendicano orgogliosamente comportamenti innaturali, sono un’offesa per chi ancora ha a cuore una sana visione antropologica della società, sono un modello nefasto per i giovani oltre ad essere deleterie verso chi sente dentro di se tendenze omosessuali. Inoltre non servono a combattere i cosiddetti pregiudizi ma solo ad aumentare diffidenza, squallore, volgarità e irriverenza.  Tali manifestazioni sono l’espressione ideologica di movimenti che altro fine non hanno se non quello di promuovere falsi diritti e legittimare comportamenti disordinati e dei quali bisognerebbe vergognarsi per intraprendere, al contrario, un percorso di ricostruzione dell’affettività che conduca alla riscoperta del vero significato della differenza complementare della sessualità umana, maschio-femmina.

121 commenti su “La strategia del gaypride

  1. giovanni
    giugno 24, 2012

    e un vero schifo
    pensare che la chiesa debba sottomettere a queste persone
    la chiesa di per se dovrebbe condannare e scomunicare quanti credono di avere la verità senza neanche conoscere la bibbia perche basterebbe guardare babilonia

    • San Luigi
      giugno 24, 2012

      Dovremmo fare anche noi degli sforzi per comunicare meglio il vangelo.

  2. Cagliostro
    giugno 24, 2012

    Mai lette tante scemenze messe assieme

    • San Luigi
      giugno 25, 2012

      Poteva vedersi la partita invece di leggere questa ‘scemenza’
      In realtà sarebbe buona abitudine entrare nel merito di quello che si critica non usare solo aggettivi ad effetto

      • Cagliostro
        giugno 25, 2012

        E’ vero: anche vedere una gara di tartarughe sarebbe meglio….
        Di solito cerco di entrare nel merito di ciò che viene scritto ma – alla fine – non riesco a capire cosa l’autore dell’articolo voleva scrivere ed intendere.
        L’unica cosa chiara (almeno semanticamente) è il comunicato di Militia Christi.
        Soprassedo sulle parole di Giovanni Paolo II che avrebbe dovuto ricordarsi che la Città del Vaticano non è Roma e Roma non è la Citta del Vaticano e che Roma è la capitale d’Italia oltre ad essere una città che ha avuto anche sindaci comunisti.
        Faccio qui una domanda: i manifesti contro il Gay Pride di Militia Christi erano abusivi o autorizzati??

      • San Luigi
        giugno 26, 2012

        Scusate approfitto di un punto wifi per rispondere.
        Allora non e’ entrato nel merito dell’articolo, comunque riguardo i manifesti sono abusivi anche se abbiamo tutto sulle nostre tasche, non avendo lobby dietro di noi, multe comprese e abbiamo cura di affiggerli sopra altri abusivi quasi sempre. Tuttavia riteniamo che la difficoltà di poter esprimere un pensiero indipendente ci obblighi a dover agire in maniera ‘spontanea’ e certo non siamo soli essendo prassi generalizzata (con la didferenza che gli altri potrebbero fare altrimenti visto cheni
        Loro manifesti vengono pagati con i rimborsi ossia le nostre tasse), comunque visto che il discorso già lo abbiamo affrontato ti invito a leggerti i commenti al post sui 20 anni di MC.
        Per quanto riguarda il resto GPII ha a cuore Roma forse più di noi ed e’ più romano lui di noi e Totti messi insieme, quindi vedila da questo lato, per altro e’ un’autorita comunque anche per chi non e’ cattolico, come Madre Teresa e questo non puoi negarlo. Roma e’ e sara’ sempre la città Santa del Cristianesimo
        ha un’identita che non si può cancellare (identità e’ un valore laico o sbaglio), in più le di GPII che sono comunque non certo clericali come qualsiasi discorso o lettera della Chiesa da 60 anni, ma lui aveva anche più vocazione a parlare ai laici, sono un introduzione alle nostre. Che sono e ti ringrazio di questo chiare
        P.s. La partita non era male, pensavo che i sostenitori del gaypride avessero un po’ di coerenza e se la vedessero, ma forse e’ troppo da machi!!

      • Cagliostro
        giugno 26, 2012

        Avete pagato con le vostre tasche anche i costi per la rimozione dei vostri manifesti abusivi? Se foste coerenti avreste dovuto pagare anche per il danno fatto alla comunità.
        GPII un’autorità per chiunque? Per me e per i milioni di persone come me, il Papa è un cittadino come qualsiasi altro.
        Roma Città santa del Cristianesimo? Al limite la Città del Vaticano (e non Roma) è la città santa per i cristiani. I romani si ribellarono al Papa quasi 200 anni fa ai tempi della Repubblica Romana.
        Roma è solamente la Capitale della Repubblica Italiana: stato laico e non teocratico.
        GPII ha detto solo una marea di scemenze: non mi meraviglia.

      • daouda
        giugno 26, 2012

        Roma è solo capitale d’Italia?

        Non hai idea di cosa rappresenti Roma, come neanche hai idea del perché Costantino il grande portò la “nova Roma” sul bosforo. Meglio un pagano tradizionalista che te, almeno le cose basilari le sà…

        Comunque sia non lo dico tanto per scrivere, veramente. Dal tuo punto di vista è ovvio che tu mantenga una posizione del genere.
        Solo che non ha senso, o perlomeno, lo ha nella misura in cui la decadenza generale imperversa.

  3. daouda
    giugno 25, 2012

    Cagliostro potresti anche porre le cose in modo migliore che sennò anche una mia domanda riguardo una tua ipotetica considerevole esistenza ( oltre i 150 anni ) potrebbe sembrare pertinente oltre che intelligente…

  4. Algophagitis-VIII
    giugno 25, 2012

    “Giovanni Paolo II che avrebbe dovuto ricordarsi…”
    Solita scusa della “laicità” (che ormai è usata solo come parola magica).
    Se guardi alla storia di Roma capisci subito che le parole dette sono pertinenti.
    Comuque il gay pride è un’ offesa non solo alla religione, ma anche alle persone civili e alla cultura, oltre che al senso estetico.

    “i manifesti contro il Gay Pride di Militia Christi erano abusivi o autorizzati??”
    E’ irrilevante.

    • Cagliostro
      giugno 25, 2012

      Non si guarda alla storia ma al presente: 200 anni fa Roma era la città dei Papi ed ora non lo è più.
      Offesa alla religione, alla cultura ed al senso estetico? In Italia esistono delle leggi molto chiare a difesa del costume, della moralità e della religione: se pensate che il Gay Pride abbia offeso queste leggi, denunciatelo alle pubbliche autorità facendo attenzione al fatto che denunciare una persona di un reato di cui si sa che è innocente è un reato definito come “calunnia”.
      Manifesti abusivi irrilevanti? Questo forse per chi come voi non rispetta le leggi. Per ora il dato di fatto è che i vostri manifesti sono oggettivamente offensivi del senso estetico (in quanto abusivi) mentre il Gay Pride (fino a prova contraria oggettiva) non lo è.

      • daouda
        giugno 26, 2012

        La tua statolatria mi sembra quella tipica dei fascisti…

        Anche i tedeschi sotto il nazismo applicavano la legge contro i giudei, i comunisti attivi, gli zingari, i negri, i cattolici ed i protestanti non allineati, come con gli handicappati.
        Semplicemente ci sono leggi che hanno senso e leggi ingiuste che sono intrinsecamente idiote.Di conseguenza , pur sé noi si compisse un atto illecito secondo la legge amministrativa, esso è e rimane legittimo nella sua essenza se non nei mezzi impiegati dipendendo dalle contingenze.
        Quello che fà ridere è che non credo proprio tu sia in prima linea contro i manifesti abusivi qui a Roma, che dovresti sapere, sono circa il 70% di tutti quelli che vedresti qui.

        “i vostri manifesti sono oggettivamente offensivi del senso estetico (in quanto abusivi)”
        Io semmai credevo che fossero lesivi DEL SENSO ESTETICO in quanto brutti,semmai!

        Ad ogni modo esaltare la licenziosità è di per sé stesso illegittimo. Questo già basta senza stare a buttarla sulla Religione, su Dio, sull’estetica o sulla cultura.
        E’ sbagliato.
        Poi se si vuole, e ci si chiede perché e come lo si ritiene sbagliato, entrando nel campo dei principi, è ovvio che ci si deve rifare a Dio come ogni essere intelligente dovrebbe fare.
        Ma forse è pretendere troppo…

        p.s. effettivamente secondo le pseudo leggi attuali una denunzia del genere potrebbe essere lesiva e calunniosa nei confronti della FINTA libertà degli omosessuali.Eppure secondo le leggi attuali non bisognerebbe offendere le religioni altrui e rispettarle, cosa che , se tu andassi ad un ritrovo del genere non accade mai, puntualmente, essendo ritrovo blasfemo oltre che laido e meschino.
        Inoltre le leggi sul decoro pubblico tecnicamente ancora sussistono, quindi, ma de che stai a parlà?
        Non è che ce deve stà na prova contraria…vacce , vedi, e portate appresso er codice.Nun è difficile zi…

      • San Luigi
        giugno 26, 2012

        Ma dai potrebbero essere condannati se proprio il sindaco li legittima a fare tale manifestazione? Siamo seri, questo non fa che dare ragione al fatto che queste manifestazioni ha nonio compito di cambiare il andò comune del pudore, ora la violazione amministrativa dei manifesti abusivi non c’entra niente col pudore e i problemi di Roma sono comunque altri, di solito poi i nostri abbelliscono Roma perché coprono scritti o manifesti pregressi e poi perché sono piu’ belli e in linea con la romanità…:-)
        Comunque ti ho risposto più esaustivamente
        Al tuo commento precedente
        Per quanto riguarda i Papi e Roma non c’entra niente col discorso, ma non si ha rispetto proprio dei romani e della loro storia al di la’ che anche i risorgimentali starebbero contro il gay prode come anche lo sono molti gay proprio perché non e’ un discorso confessionale, infatti il romano e’ sempre orgoglioso del Papa, magari lo critica ma non c’e prova a ignorarlo…

      • Cagliostro
        giugno 26, 2012

        @dauoda
        Certo che è comico sentir parlare male dei fascisti da chi è alleato con Forza Nuova……idee confuse?
        I tedeschi perseguitavano anche gli omosessuali? Perché ti sei dimenticato di citarli?
        Il paragone tra le leggi naziste contro gli ebrei e le leggi attuali è stupido: dimentichi che siamo in uno stato democratico? Quali sarebbero queste leggi ingiuste “intrinsecamente idiote” a cui ti riferisci? Comunque “dura lex sed lex”……
        Ad ogni modo le leggi vanno rispettate: cosa che non fate voi con i vostri manifesti abusivi. Dovreste vergognarvi.
        Perché – secondo te – bisogna rifarsi a Dio? Io sono agnostico e sono un cittadino come tutti gli altri: il principio divino è nullo per me. Non dimenticare che non siamo in uno Stato teocratico ma laico.
        Ripeto: pensate che il gay pride abbia offeso la religione, il decoro, la morale e tutte le leggi relative? Andate a denunciarlo ad un magistrato altrimenti tacete.

        @sanluigi
        Dal numero di errori di grammatica presenti in questo commento, deduco che il livello culturale è basso (non che mi aspettassi qualcosa di più elevato).
        Il fatto che una manifestazione sia autorizzata non significa che eventuali reati commessi non possano essere presenti: proprio questo significa “garantismo”. Inoltre il Gay-pride non è stato autorizzato dal sindaco ma – come tutte le manifestazioni – dal prefetto. Quindi se siete convinti che siano stati commessi dei reati, andate a denunciarli: altrimenti i vostri discorsi sono aria fritta.
        I vostri manifesti abbelliscono Roma? E chi lo dice? La sovrintendenza ai beni architettonici?
        I romani sempre orgogliosi del Papa? Mai sentito parlare di qualcosina chiamata “Repubblica Romana”? Magari fatti una passeggiata verso il gianicolo per saperne di più……

      • daouda
        giugno 26, 2012

        Non è comico affatto perché io non sono alleato di Forza Nuova e ne contesto parecchie idealità.
        Il loro stesso rifarsi al cattolicesimo è scismatico.
        Diciamo che mi riferivo al fascismo gentiliano. Poi tecnicamente non è che ne abbia parlato male, ho scritto che primariamente ( essendovi molte molte correnti nel fascismo ) erano statolatrici, come te, poiché è un dato di fatto.
        Non ho problemi a dialogare con nessuno ed a riconoscere il vero laddove esso è. Sono decisamente al di fuori dalle polemiche fascismo-antifascismo , rifacendomi semmai alla famosa frase di Ennio Flaiano.

        “I tedeschi perseguitavano anche gli omosessuali? Perché ti sei dimenticato di citarli?”
        Perché mi sò dimenticato, caro amico malizioso…c’erano comunque spesso anche gli slavi nazionalisti tanto per continuare, oltre ai traditori ed ai prigionieri di guerra.

        Ora.

        a) il paragone non è stupido. Per te la legge và a pplicata a prescindere, il che è perlomeno irresponsabile se non assurdo

        b) la democrazia è né più né meno che un regime , per sua intrinseca natura, dove gli elettori contano poco ed il gioco si basa su clientele e condizionamenti propagandistici ossia capziosi. Inoltre è chiaramente il sistema dell’oppressione delle minoranze.

        c) Il “dura lex sed lex” và accostato al “parcere subiectis et debellare superbos” , poiché questa fu la mentalità romana.
        Una legge illegittima non ha senso e non ha alcun motivo per venir eseguita.
        Nel caso in cui poi sia necessario od opportuno infrangere una legge per preservare o ribadire un ordine maggiore, “ubi maior minor cessat”.

        d) Gli esempi di leggi illegittime sono svariati. Già il fatto che esista, ad esempio, una tassa sull’ombra è assurdo, soprattutto quando la si deve pagare anche quando è nuvoloso. Qui parliamo di soldi, ma potremmo parlare di qualsiasi cosa fino alle cose più gravi ( come l’aborto ad esempio ).

        e) Innazitutto il secondo me non esiste sul piano dei principi.
        In secondo luogo Dio, questa parola che vi spaventa, è semplicemente l’Uno ossia l’Essere ( vedi Porfirio nella sua opera di coniugazione del platonismo e dell’aristotelismo ).
        Essendo ovvio, bisogna rifarvici per forza.
        La distinzione stato teocratico e stato laico è , a rigore, una distinzione senza senso perché a meno che non governi direttamente Dio, oppure gli addetti al sacro, lo stato è sempre laico.
        Il feudalesimo ad esempio era un tipo di realtà laica.

        f) il relativismo democratico basantesi sul parere ,non sulla verità , ha intaccatto la stessa magistratura.
        Sarebbe doveroso denunziare. Ciò non esime dal presentare una protesta effettiva e perlomeno visibile, anzi…

        p.s. io a te il cui agnosticismo è illogico non ho scritto taci. Forse, più che altro, perché stiamo scrivendo…

      • Cagliostro
        giugno 27, 2012

        Strano che sei contro Forza Nuova ed affermi di non esserne alleato. Mi sembra che – oltre alla MPV – eravate a braccetto allo spettacolo di Castellucci…..insomma una “coppia di fatto”
        a) Irresponsabile ed assurdo applicare sempre la legge? E per quale motivo?
        b) Democrazia come un regime? Quindi la libertà presente ora in Italia è uguale a quella del ventennio fascista o la moderna Germania ha la stessa libertà della Germania nazista?
        c) parcere subiectis et debellare superbos? Infatti non mi sembra che gli omosessuali siano i “superbos”. Nel caso di “ubi maior….” chi lo stabilisce cosa è il maior ed il minor? Voi quattro gatti o le istituzioni e le leggi democratiche?
        d) come prima, dura lex sed lex. Non vi piacciono le leggi? Candidatevi alle elezioni o raccogliete firme per referendum…….così ridiamo…..
        e) Dio ha nessun valore per me e per la stragrande maggioranza degli Italiani: solo voi vi riempite la bocca.
        f) non ho capito una cippa di quello che hai scritto.

      • daouda
        giugno 27, 2012

        Allora chiariamo sta cosa.
        Forza Nuova si basa su di un’ideologia sbagliata ma ciò non toglie che , ad esempio per la manifestazione svoltasi a Milano contro la profanazione del volto del Signore, essa abbia svolto un’azione meritoria.
        Onore a loro!
        Inoltre , per quanto si rifacciano alla FSSPX con la sua impostazione teologica malsana e con i loro atteggiamenti “destroidi”, sono cristiani, cosa che non si può dire di nessun altro gruppo o movimento politico, il ché è comunque meritorio.
        Ma sinceramente non ho pregiudizi neanche con i comunisti, anzi.Spesso mi ci trovo pure.
        A me interessa la verità, non altro.

        Quindi io non ho alcun problema a dichiararmi contro il fascismo o qualsivoglia altro errore dottrinario e politico, ma i meriti non si negano.

        a) quando la legge è stupida ed ingiusta

        b) spero tu stia scherzando. Questa tua domanda svela il grado di non comprensione della realtà.
        Ti converebbe leggere Guy Debord e la sua analisi sullo spettacolare integrato ( non che non ci sianos tati altri a dire di tali cose )

        c) i principi stabiliscono, le leggi e qualsivoglia altra cosa su di essi si deve basare.
        Siamo nella banalità.

        d) Ti ho già scritto che se vuoi ridere, ridi. Non mi interessa. Candidarsi poi, tecnicamente, è già cedere al sistema.
        Ad ogni modo non si è qui per vincere. Noi abbiamo vinto dall’eternità. Questo mondo và così perché è stabilito che così deve andare affinché tutto sia.
        A noi in quest’epoca di barbarie spetta testimoniare la verità.
        Se poi si riuscirà a fare qualcosa di politicamente concreto, tanto meglio. Lo si spera sempre, ma Dio decide.

        e) Il fatto che non abbia nessun valore per te dipende dalla deviazione mentale che subisci. Ad ogni modo se fosse vero non esisteresti per il semplice fatto che L’Essere è e l’esistere dipende da Questo.
        Se fossi coerente ti uccideresti, anche se, pur facendo così, avresti lasciato memoria di te stesso ed in fondo i tuoi componenti si riassorbirebbero nel cosmo.
        Dovresti provare a non essere mai esistito.
        Una sfida interessante , non credi?

        f) la magistratura è asservita all’ideologia dominante. Denunciare sarebbe opportuno, richiederne l’annullamento anche. Impedirlo e farsi sentire contrari altrettanto.
        Pochi o tanti non è importante. Dipende dalla degenerescenza di un popolo.

      • Cagliostro
        giugno 27, 2012

        Che fai? Prendi le distanze da Forza Nuova? Vedo che prendete le distanze da tutto….Forza Nuova, Militia Christi…..non avete proprio il coraggio delle vostre pseudoazioni?
        a) Chi stabilisce quando una legge è ingiusta? Tu?? Con quale autorità???
        b) Non scherzo. Ti ho fatto una domanda e non hai risposto: non sai cosa rispondere?
        c) Bravo. Bisogna basarsi sulla legge: allora perché avete affisso dei manifesti non autorizzati eludendo le tasse??
        d) Candidarsi significa cedere al sistema?? Lo dicevano anche i terroristi? Avete vinto dall’eternità? Ma se i cattolici sono quattro gatti ormai. Tu testimoni la verità? Ma che bravo….
        e) Deviazione mentale?? Il 70% degli Italiani è lontano dalla Chiesa……vedi un po’ tu…..infatti per fortuna voi di Militia Christi siete una decina…..
        f) Ancora con la balla della magistratura asservita? Cosa vorresti annullare??? Il Gay Pride per caso??? Vi suggerisco come muovervi. Al prossimo gay pride raccoglietevi tutti i miliziani di cristo (magari con i legionari) e cercate di impedire lo svolgimento del gay pride…..voglio vedere cosa succede.

      • daouda
        giugno 27, 2012

        PRima parli a me in singolare e poi ti ri-rivolgi a me al plurale. vedi che sei un viscido meschino?

        Io appoggio Militia Christi, ma io non sono di Militia Christi, io medesimo. Non è un prendere le distanze, è semplicemente così.

        Per quanto riguarda FN il loro problema è il non seguire il magistero ecclesiastico vigente e la dottrina sociale della Chiesa oltre per deviare su alcuni punti verso l’ideologismo fascista ( sarebbe corretto specificare di che tipo di fascismo, come d’altronde sarebbe da farsi anche riguardo i vari tipi di comunismo che credo, sinceramente, tu non conosca affatto. Credo tu sia il tipico sbruffone che usa la “reductio ad hitlerum” per metterla in caciara e rimanere il più superficiale possibile ) oltre che , alle volte, ad atteggiamenti inopportuni.

        Comunque sia si elogia chiunque faccia bene. Forza Nuova in quella manifestazione ha partecipato ? BENE!

        a) i principi

        b) veramente ti ho già risposto. A meno che tu non ritenga che una risposta debba concludersi in un SI od un NO per tua mera soddisfazione superficiale e pronta al malevolo giudizio

        c) le tasse non solo vanno eluse, ma vanno, evase essendo che la soglia minima di legittimità è superata.

        d1) Beh se tu ti basi sulla quantità i problemi sono tuoi, soprattutto quando sei un tipo di quelli che hanno paura di morire e scomparire.
        Per il resto non testimonio la verità per osteggiare qualcuno o ricevere elogi…

        d2) Candidarsi vuol dire riconoscere la legittimità della democrazia che, per come è strutturata , è oppressiva, oltre che idiota ed inefficiente.

        e) quel 70% degli italiani è lontano dalla Chiesa per via della propaganda progressista e per via dei tradizionalisti rigoristi che fanno della Religione un qualcosa di stantio e faresaico ed allontanano la gente dalla Fede.

        Ad ogni modo , ribadisco, fossi un vero senza Dio, proveresti a non esistere ontologicamente. Coniglio.

        f) se fosse possibile, ovviamente annullerei il “Gay Pride” e mille altre cose.

    • Cagliostro
      giugno 26, 2012

      Se per te la laicità è una “scusa” forse saresti dovuto nascere nella Roma papalina……
      Proprio guardando la storia di Roma vedo un periodo chiamato “Repubblica romana”: un periodo in cui i Romani si ribellarono al Papa. Ti ricorda qualcosa?
      Il Gay Pride ha offeso la religione? Andate da un magistrato a denunciarlo: sono curioso di sapere come andrà a finire.
      Manifesti abusivi irrilevanti? Forse per te che non rispetti la legge: per me e per tutte le persone oneste è molto importante. Volete insegnare la morale agli altri quando siete i primi che non avete rispetto per il prossimo.

      • daouda
        giugno 26, 2012

        Non te lo hanno mai spiegato chi sono le persone oneste?

        “Volete insegnare la morale agli altri quando siete i primi che non avete rispetto per il prossimo”

        Veramente essendo i manifesti una delle poche modalità di palesare la propria protesta ad un qualcosa che non dovrebbe sussistere, essi diventano automaticamente leciti.
        Inoltre davvero sbagli di grosso. Sai che nel diritto c’è il principio di proporzionalità.Insomma, davvero fai una figura barbina,..

        denuncia o non denuncia ( che in Italia di norma non portano da nessuna parte, e poi ad avecce tutti sti sordi…) il fatto rimane sotto gli occhi di tutti.
        E’ inutile che devi il discorso e cianci.

      • Cagliostro
        giugno 26, 2012

        Le persone oneste sono quelli che rispettano la legge: mi basta questo e voi non lo avete fatto. Non vi vergognate?
        Manifesti automaticamente leciti? Che idiozia: allora perché devono essere autorizzati?
        Principio di proporzionalità? E cosa c’entra? Me lo spieghi? Voglio ridere.
        Servono soldi per fare una denuncia: cosa dici? Al limite per una causa civile. Se vengo a conoscenza di un reato penale e lo voglio denunciare, la denuncia è totalmente gratuita: ma a che livelli siete????
        Ps: i manifestanti per il Gay Pride a Bologna si sono autotassati per raccogliere dei fondi a sostegno delle zone terremotate dell’Emilia. Voi come Militia Christi quanto avete raccolto?

      • daouda
        giugno 26, 2012

        E no non te lo hanno mai spiegato chi sono le persone oneste…era una battuta comunque…

        _

        -ti ho risposto sopra sul perché quei manifesti siano importantissimi a testimonianza di una lotta contro un disordine che non trova alcuna opposizione.

        -no non mi vergogno.

        -principio di proporzionalità applicato : tu riesci ad accusare me di immoralità essendo che attacco dei manifesti e pretendi che io quindi non parlassi dell’immoralità di una manifestazione grave e turpe.
        Apparte che , a rigore, tutta l’umanità non avrebbe mai parlato nella storia dell’homo e non avrebbe potuto caldeggiare alcun principio essendo che la purità al 100% non la si ha, ti rendi conto che sono cose inaccostabili?

        -Se vuoi ridere ridi, che me importa a me? Non è che ogni umore che te passa dentro me lo devi comunicà, poi vabbè, vedi te.

        -Bravo hai ragione. Non una denuncia, una causa civile.

        -Perché sei così viscido? Stai parlando con me , Io non sono militia Christi e e anche ne faccio parte.Non è questione che non lo sapevi e non lo potevi sapere, è questione che sarebbe opportuno non essere prevenuti.

        “i manifestanti per il Gay Pride a Bologna si sono autotassati per raccogliere dei fondi a sostegno delle zone terremotate dell’Emilia. Voi come Militia Christi quanto avete raccolto?”

        ieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeri c’eeeeeeeeeeeeera la luuuuuuuuuuuuna…oggi la terra dormirààààààà!
        domani ci sarà qualcuno che scriveràààààààààà, il senso delle sue asserzioni chi lo sààààààààààà?

        _

        Davvero stai messo così male? Mica qua stamo a scrive che i partecipanti al gay pride sono individui senza cuore.
        Quello semmai lo dite voi a noi cristiani, quantunque si facciano opere pie in tutto il mondo…
        Per il resto , se Militia Christi ti vuole rispondere , lo farà. Io sinceramente ho fatto qualcosa, te ?
        Ad ogni modo sia che tu lo abbia fatto, sia che no, ha senso giudicare un individuo senza conoscerlo su quest’unica cosa?
        Veramente stai bruciato…ho fatto bene a scrivere che sei prevenuto e viscido, così è e lo hai confermato.

      • Cagliostro
        giugno 27, 2012

        Hai ragione: un “disordine” quello omosessuale che non trova opposizione. Vi siete mai domandati perché siete quattro gatti ad essere contro gli omosessuali? Non mi sembra di aver visto i cittadini romani in rivolta…..
        Il principio di proporzionalità di cui parli non c’entra niente con la legge. Per ora i dati di fatto son due: il Gay Pride a Roma ha chiesto l’autorizzazione per la manifestazione mentre voi avete affisso dei manifesti (eludendo le tasse) senza autorizzazione inoltre il Gay Pride ha raccolto dei soldi a favore delle zone terremotate mentre voi ve ne siete disinteressati.
        Sui manifesti, non vale il principio “Date a Dio quel che è di Dio ed a Cesare quel che è di Cesare”? Lo sapete che bisogna pagare una tassa per affiggere dei manifesti e voi – da evasori – non l’avete pagata?
        Fammi capire: vorresti fare una “causa civile” contro il Gay Pride? E su quali basi? Ma ce l’hai la quinta elementare?

      • daouda
        giugno 27, 2012

        -Nessuno qui è contro gli omosessuali in sé. SE NON CAPISCI CONTRO COSA CI SI BATTA LASCIA PERDERE. Eppure non dovrebbe essere così difficile…

        -Il fatto che si sia quattro gatti ( e lo credi te pé datte forza o perché ne sei convinto? ) non c’entra nulla con la giustezza della causa che non è contro gli omosessuali in sé, ribbbbbbbbbbadisco, che magara ste b te entrano in zucca

        -guarda che colla punzecchiata che dai sui cittadini romani non ce fai bella figura…

        -guarda che il principio di proporzionalità è la base della legge. Inoltre accostare due cose di gravità e peso totalmente differente non ha senso, e come è già stato scritto più volte, spesso è utile infrangere una legge per proteggere un ordine maggiore.

        – Eludere le tasse…allora è vero che sei fascio! Ma chiediti prima di tutto come mai i partiti politici eludono anch’essi le tasse?
        Ciò è vergogna e cancro del sistema stesso su sé stesso…

        Ad ogni modo guarda a cosa te stai ad attaccà, davero. Fai quasi pena…

        -Lo sapevi che Cesare era una guida sacra?

        -pagare una tassa? Ne paghiamo già abbastanza caro il mio fascio.

        -in teoria non servirebbe una causa civile, che poi non avrebbe senso dacché sarebbe persa. basterebbe non permettere che esso esista, ma anche questo sembra impossibile.
        Si protesta e testimonia la retta via, e Dio sà meglio.

      • Cagliostro
        giugno 27, 2012

        Guarda che non sei obbligato a scrivere in romanesco anche perché non si capisce niente…..
        Io fascio?? Ma se son di sinistra sino al midollo.
        Anche io pago le tasse e non le eludo come fate voi.
        Cosa c’entra una causa civile col gay pride? Ancora non l’hai detto.

      • daouda
        giugno 27, 2012

        se sei dipendente pubblico non paghi le imposte dirette.

        Ad ogni modo che tu sia di sinistra o di destra poco importa. Sei statolatrico come i fasci alla Gentile.

      • Cagliostro
        giugno 28, 2012

        “se sei dipendente pubblico non paghi le imposte dirette”: questa si aggiudica l’oscar della cavolata. Il dipendente pubblico – come qualsiasi lavoratore dipendente – paga le imposte dirette come qualsiasi altro. La differenza è che il lavoratore dipendente (pubblico o privato) non ha neanche la possibilità di evadere le tasse perché le imposte dirette gli sono prelevate direttamente dalla busta buca tramite il meccanismo del sostituto d’imposta (non sai neanche cosa è).
        Meglio rispettare lo stato che essere eversivo come voi: almeno la Digos si disinteressa di me.

      • daouda
        giugno 28, 2012

        Innazitutto il lavoratore dipendente ,alle volte si accorda col proprio datore di lavoro per ricevere parte del proprio stipendio ( o dei propri straordinari ) in nero, quindi evade.
        In secundis chi lavora in nero accetta ipso facto di evadere le tasse ( dirette ovviamente ).

        Per il resto, se tu asserisci che i dipendenti pubblici paghino le imposte dirette, beh fratello, sei un ignorante.

        Sai benissimo poi che se il sostituto d’imposta fosse abolito tecnicamente non cis arebbe più alcuna differenza tra partite i.v.a. e datori di lavoro privati dipendenti sul meccanismo di pagamento delle imposte e l’evasione aumenterebbe esponenzialmente.
        Inoltre ciò è impossibile poiché scatenerebbe la reazione dei dipendenti pubblici ai quali non può essere abolito il sostituto d’imposta altrimenti lo stato come struttura e sistema in sé stesso collasserebbe all’istante.

        Qua non siamo contro il concetto di stato. Siamo contro l’illegittimità statuale nelle sue ramificazioni erronee e nefande.

        p.s. per buttarla in economia tu credi, sapientino clem clem, che Reagan fosse liberista ed abbia diminuito le tasse ( in generale, non quelle dirette )? Se la risposta tua è sì, come la vulgata propaganda d’altronde, inizia a studiare, e di brutto!
        Se poi vuoi ostinarti a dire il cotrario, fai pure, che me ne freka a me?

        p.p.s. noi eversivi? Guada che a mettere bombe, fare minacce, rompere le vetrine sono sempre gli amichetti tua de sinistra, coll’agganci pé fassé risolve la patata bollente.

      • daouda
        giugno 28, 2012

        L’evasione fiscale in Italia è minore in termini assoluti a quella in Danimarca che si aggira intorno al 20% dek PIL contro il 24% nostro sul nostro PIL.

        Da noi le tasse sono al 58% da loro al 47%.

        L’evasione totale stimata in ITALIA è per il 60% compiuta da grandi aziende e multinazionali, banche, e mafie varie.

        il restante 40% è da dividersi tra lavoratori autonomi e dipendenti ( complici anche nel richiedere fattura per risparmiare of course ).

        p.s. quando pubblicano le statistiche con i dipendenti che hanno stipendi maggiori dei propri “padroni” è perché nel computo rientrano anche i dipendenti statuali-pubblici a 10000 euri al mese. Tutta fuffa propagandistica.

        Vabbé.

        CIAO FASCIO.

        p.s. -Lo sapevi che Cesare era una guida sacra?

      • Cagliostro
        giugno 28, 2012

        Hai parlato dei dipendenti pubblici: secondo te il dipendente pubblico si accorda con lo Stato per ricevere parte del proprio stipendio in nero???? Ma dove vivi????
        Ma devi pure scrivere in romanesco?

      • daouda
        giugno 28, 2012

        No.
        E’ lo stato che privilegia e coopta i dipendenti pubblici sia per controllarli che per alimentare le sue clientele.
        Inoltre il tutto rientra in un programma di destrutturazione sociale tipico del capitalismo nelle sue fasi alterne ( ad esempio il fatto che oggi si voglia attaccare il welfare tou court rientra nella ristrutturazione del Capitale, ma anche gli accordi sindacali e le concessioni del welfare non erano altro che , al tempo, una ristrutturazione del Capitale, ossia il welfare che abbiamo ereditato è un’asservimento , ma lasciamo perdere che sono cose complesse e che dette in due righe vengono banalizzate, come può sembrare che io abbia fatto ).

        Il dipendete pubblico riceve il suo stipendio netto. La sua busta paga è fittizzia.
        Ora spero di aver suscitato la tua curiosità.
        Internet fornisce alcune risposte, e ti potrà illuminare su questo tema.
        Troverari alcune voci divergenti o specifiche al riguardo tra articoli ed autori vari.
        STUDIA.

        “quanno te sveji cò quattro palle, er nemico è alle spalle” ma d’artronde…

        “come stamio, arimanessimo”

  5. Falco
    giugno 26, 2012

    Che branco di bacchettoni!!!

    • daouda
      giugno 28, 2012

      abbiamo anche il fucile!

      • Cagliostro
        giugno 28, 2012

        E state attenti a non farvi male ed a non spararvi nelle parti basse.

      • daouda
        giugno 28, 2012

        Sinceramente la tua battuta è strutturata male. Essendo in realtà un augurio, avresti dovuto esser un poco più sferzante.

  6. hjorvardr
    giugno 27, 2012

    Per Cagliostro:
    I manifesti di Militia Christi sono delle vere e proprie opere d’arte che abbelliscono la città, la rendono più bella, vivace e colorata oltre ovviamente ad essere testimonianza del Vangelo… secondo me tra qualche decennio li troveremo in qualche museo di arte contemporanea… andarsi quindi ad attaccare a qualche regolamento infranto mi sembra veramente meschino …neanche sotto il Terzo Reich o nella Russia Bolscevica si potevano affiggere manifesti che contestavano il regime, ma siamo tutti d’accordo che se ci fosse stata un’opposizione maggiore con manifesti abusivi o quant’altro sarebbe stato meglio no? Per un bene di natura superiore può anche infrangere un legge positiva, noi siamo Cristiani non farisei…

    Parli poi della repubblica romana e immagino tu ti riferisca a quella del 1849 (ce ne fu anche una imposta dalle truppe napoleoniche una cinquantina di anni prima). Prima di tutto bisogna dire che il Beato Pio IX decise di recarsi a Gaeta per motivi di sicurezza, era un periodo di sconvolgimenti terribili, e non fu affatto scacciato dai romani. In seguito i rivoluzionari approfittarono della sua assenza per instaurare la repubblica.
    Inoltre la repubblica romana durò appena cinque mesi (i Papi sono a Roma da duemila anni fatti la proporzione!) e poi fu giustamente spazzata via dalle armate cattoliche francesi che restituirono Roma al suo legittimo sovrano, il Papa. Inoltre non va dimenticato che tale repubblica annoverava trai suoi triunviri il gran massone Mazzini (e scommetto che anche tra gli altri capi, i “figli della vedova” erano non pochi). Ora visto il tuo nick non è che niente niente anche te sei un “libero muratore”?

    Ucci ucci naso fino sento odor di massoncino

    per San Luigi: occhio che fai un errore di battitura Cagliostro se lo segna e poi ti mette il voto…

    • Cagliostro
      giugno 27, 2012

      I manifesti di Militia Christi opere d’arte??? E chi li fa??? Basquiat o Banksy???? Di sicuro sono abusivi ed eludono le tasse. Ma Gesù Cristo non aveva detto “Date a Cesare quel che è di Cesare”?
      Hai detto bene sulla Repubblica Romana: Repubblica Romana spazzata dalle armate cattoliche francesi mentre non mi sembra che i Romani si stracciassero le vesti per le sorti del Papa ed ovviamente accolsero con entusiasmo i gloriosi Bersaglieri a Porta Pia nel 1870 (a proposito ma la ripetete ancora quella pagliacciata??). Come spieghi che – se il Papa era tanto amato – i Romani non si ribellarono ai Bersaglieri né ai tempi della Repubblica Romana?
      No, non sono Massone ma anche perché la Massoneria di ora non è più la gloriosa di un tempo. Certo se ci fossero Massoni come Mazzini ma i tempi sono cambiati ora.

      San Luigi può fare tutti gli errori che vuole……d’altronde ognuno ha la cultura che può.

      • daouda
        giugno 28, 2012

        Lo sai chi me rimembri?
        Maurizio Battista quanno dice ” vò fà la rissa còr terrorista”…

        Tu esisti, perlomeno digitalmente, solo per mettere alla prova la nostra pazienza.
        Esercitarsi fà bene, non c’è dubbio.

  7. Algophagitis-VIII
    giugno 27, 2012

    -“Le persone oneste sono quelli che rispettano la legge”
    -“Ad ogni modo le leggi vanno rispettate”

    Tu, come molti altri, hai un’ impostazione che ha al centro il giuridico, le leggi e lo stato, ignorando deliberatamente che lo strato statale-giuridico non è la base del mondo, ma un sostrato addizionale e assolutamente opzionale, dipendente da altre cose. La legge non definisce cosa è e cosa non è (essere), nè cosa è vero o non vero (verità), nè cosa significa una cosa (semantica), nè cosa è giusto o cosa è sbagliato (morale e giustizia).
    Non si può dunque dire che l’ onestà coincide (o include totalmente) il rispetto delle leggi, nè che le persone dovrebbero “vergognarsi” ad infrangere le leggi, nè che le persone debbano considerare morale ciò che è legale o sentirsi obbligati moralmente all’ obbedienza incondizionata alle leggi.
    E’ un concetto talmente basilare da essere banale e noioso, ma devo ribadirlo perchè spesso quelli che hanno la tua stessa impostazione lo negano.

    – “Quindi se siete convinti che siano stati commessi dei reati, andate a denunciarli:”
    Innanzitutto è ovvio a tutti (i non pervertiti) che in varie occasioni (se non tutte) il gay pride sia stato pieno di atti osceni e raffigurazioni blasfeme. Comunque, ANCHE SE tali cose non fossero reato, sarebbero comunque illecite, o comunque, ANCHE SE definite “non oscene, non blasfeme” a livello giuridico, lo sarebbero lo stesso, perchè la legge non muta la realtà o il significato delle parole. Inoltre, anche se il gay pride fosse esplicitamente concesso e tutelato completamente a livello statale (cosa che non è) non ci sarebbe motivo per non contrastarlo o impedirlo o affermare la verità (cioè che è una parata oscena di persone vestite da pagliacci che propagandano la sodomia e chiedono diritti inventati). Non serve necessariamente la denuncia o la causa, serve la giustizia (e la giustizia non deriva dalla legge, ma può essere sostenuta o contrastata da essa).

    Se non hai capito queste cose dillo subito, perchè ne ho abbastanza di sentire parlare di strato giuridico come se fosse lo strato fondamentale della realtà.

    • Cagliostro
      giugno 27, 2012

      Parole eversive che starebbero bene nella bocca di un terrorista o di qualsiasi integralista religioso: non mi meraviglia per niente che siete sotto l’attenzione della Digos.

      • Algophagitis-VIII
        giugno 27, 2012

        Allora non hai capito proprio nulla. E’ una verità formale, indipendente dall’ ideologia politica e dalla religione, è una verità oggettiva quella che ho detto. Puoi non condividere che il gay pride sia sbagliato, ma non quello che ho detto sulla legge e le altre sfere.
        Già il fatto che mi rispondi classificandomi come sovversivo o terrorista (classificazioni imprecise derivate da ambito giuridico/politico) mi fa capire che non hai capito nulla di un concetto semplicissimo (o non hai voluto capire). Hai praticamente dato a tutto il pensiero antico, medievale, moderno e alcune correnti contemporanee (tranne la statolatria democratica progressista, i regimi totalitari e il nazionalismo romantico) il marchio di “terrorista/ sovversivo/ integralista”.
        Ad esempio: Cicerone? un sovversivo; Aristotele? un fanatico.
        Comunque io sostengo Militia Christi, ma non sono un componente del movimento (tanto per non generalizzare le accuse)

      • Cagliostro
        giugno 27, 2012

        Il punto è molto più semplice.
        Affermi che io ho al centro il giuridico, le leggi e lo stato: non c’è nulla di più che vero. Tu rispetti le leggi e lo Stato? Basta un si o un no. Se le rispetti sei un cittadino onesto, altrimenti non meriti nessuna stima.
        L’onestà non include totalmente con il rispetto delle leggi ma chi non rispetta le leggi è un disonesto che deve vergognarsi di esistere. Ora vuoi fare l’obiezione di coscienza sulle tasse da pagare per l’affissione dei manifesti??? Ridicolo proprio….
        Pensi che il Gay Pride sia osceno? Libero di pensarlo ma nel momento in cui non c’è nessuna sentenza a tal proposito, la tua parola resta fuffa (infatti siete due gatti).
        Io invece tranquillamente posso affermare che la vostra opera di affissione dei manifesti danneggia la comunità sia perché non richiede l’autorizzazione sia perché non pagate le tasse sull’affissione.
        In che senso il Gay Pride non è tutelato completamente a livello statale?
        Non sei anche tu un “miliziano di Cristo”? E cosa aspetti a diventarlo?

  8. Algophagitis-VIII
    giugno 27, 2012

    Rileggiti il commento precedente perchè ti ho già spiegato cosa è e cosa non è la legge. Continui a fare gli stessi errori.

    -“Tu rispetti le leggi e lo Stato? Basta un si o un no.”
    Rileggi sopra e lo capisci da solo se e in che modo chiunque, indipendentemente da religione o ideologia, deve fare ciò.

    -“Se le rispetti sei un cittadino onesto, altrimenti non meriti nessuna stima.”
    Attenzione CITTADINO onesto, non “onesto” in senso ampio. Significa che per la legge/ ideologia civile disobbedire alle leggi è disonesto (ma la disonestà non è la cosa principale, la cosa principale è la criminalità (infrangere le leggi)). Non merito nessuna stima da parte di chi? non ha senso. Ha senso solo se si parafrasa come “chi non rispetta le leggi non è un buon esempio” nell’ ambito giuridico e ideologico statale.

    “L’onestà non include totalmente con il rispetto delle leggi ma chi non rispetta le leggi è un disonesto che deve vergognarsi di esistere.”
    Non è vero. Chi non rispetta le leggi non è necessariamente disonesto. Non è vero neppure che “deve” vergognarsi di esistere. DEVE per legge? ridicolo. Siamo ai livelli di stato fantascientifico o utopico. DEVE per morale? così fai concidere legge e morale (la legge definisce la morale).

    “Ora vuoi fare l’obiezione di coscienza sulle tasse da pagare per l’affissione dei manifesti??? ”
    L’ obiezione di coscenza è regolata dalla legge. Io prescindo dalla legge, è diverso dal farsi concedere qualcosa dalla legge.

    “Pensi che il Gay Pride… [..ecc]… sia perché non pagate le tasse sull’affissione.”
    Continui a considerare l’ ambito giuridico come se fosse lo strato base, cosa che non è.

    “In che senso il Gay Pride non è tutelato completamente a livello statale?”
    Nel senso che se lo fosse sarebbe illegale vietarlo e sarebbe obbligatorio patrocinarlo, oltre che apertamente illegale criticarlo.

    • Cagliostro
      giugno 27, 2012

      La legge per me è ciò che viene pubblicato nella Gazzetta Ufficiale: è tanto difficile da capire?
      Hai ammesso che sei un cittadino disonesto: cos’altro vuoi aggiungere? Non accetti e non rispetti le leggi dello Stato e pretendi di giudicare gli altri? Se non ti piace questa società vattene in un deserto: ne possiamo fare volentieri a meno.
      Qual è la differenza tra disobbedire alle leggi ed infrangere le leggi? Non riesco a cogliere la differenza.
      Non meriti il rispetto delle persone oneste che pagano le tasse: se non paghi (o eludi) le tasse evidentemente non sei una persona onesta e quindi non meriti nessun rispetto.
      Chi non rispetta le leggi non è necessariamente disonesto?? Cose da pazzi…..anzi da ladri.
      Quindi l’obiezione di coscienza ti permette di non pagare i tributi??? Ma dov’è scritto????
      Il problema è che – in un Paese normale – persone che non pagano le tasse avrebbero il buon gusto di mettere la testa sotto la sabbia e vergognarsi: che schifo……
      Non hai nessuna idea di cosa sia il patrocinio. Una manifestazione può essere vietata solo per motivi di ordine pubblico ma se non ci sono motivi di ordine pubblico, una manifestazione è sempre autorizzata. Il patrocinio non c’entra assolutamente niente: il patrocinio è solo un riconoscimento simbolico che un’amministrazione può concedere o meno. Sul totale delle manifestazioni autorizzate, il patrocinio viene concesso solo ad una sparuta minoranza. Certo che l’ignoranza dilaga…….

      • Algophagitis-VIII
        giugno 27, 2012

        ” La legge per me è ciò che […] mettere la testa sotto la sabbia e vergognarsi: che schifo……”.

        ???? Ma cosa stai blaterando? Stai sparando a caso frasi attribuendomi anche cose che non ho detto (evidentemente non hai capito).
        Oltretutto ti accanisci sul tema delle tasse che c’entra poco o nulla. Il discorso è sulla legge in sè e i suoi limiti.
        Ma allora non ci arrivi che le le leggi sono cose palesemente convenzionali e inventate.

        “Chi non rispetta le leggi non è necessariamente disonesto??”
        Certo. E’ sempre disonesto per legge ma oggettivamente può non esserlo, se la legge è ingiusta o falsa (cioè, anche se è formalmente una legge, afferma cose false).
        Te lo ripeto ancora: La legge non definisce il significato delle parole; la legge non definisce la verità; la legge non definisce la giustizia; la legge non definisce la morale.
        Non puoi negare queste cose, è irrazionale, è da fanatici veneratori dello stato.
        L’ unica via che puoi percorrere è quella di negare l’ esistenza della verità, della giustizia e della morale.

      • Cagliostro
        giugno 27, 2012

        Mi sembra di capire che tu non sappia neanche cosa sia la “Gazzetta Ufficiale”: messo male proprio…..
        Leggi palesemente convenzionali e inventate??? Questa è la cazzata del secolo: mai sentito parlare che ti viene chiesto di votare per delle assemblee che approvano delle leggi e cosi via? Dove sarebbe la convenzione delle leggi.
        Chi non rispetta la legge è oggettivamente disonesto. Inutile parlare di scemenze come obiezione di coscienza. Milita Christi non ha rispettato i regolamenti sull’affissione dei manifesti: oggettivamente disonesto. C’è poco da arrampicarsi sugli specchi

  9. hjorvardr
    giugno 27, 2012

    Caro Cagliostro hai proprio ragione a dire che l’ignoranza dilaga… tu ne sei la prova vivente. Quello che Algophagitis-VIII ti ha detto, spiegato e rispiegato e te ti ostini a non voler capire è il semplice fatto che qualora il diritto positivo entri in contrasto con la legge morale naturale perde la sua legittimità, per cui diventa non dico lecito, ma doveroso infrangere una “legge” che a questo punto perde ogni autorità.
    Avrai forse letto la tragedia di Sofocle “Antigone” in cui la protagonista decide di dare sepoltura al corpo del fratello Polinice, seguendo uno dei dettami più universali della legge naturale, ma entrando il contrasto con la legge positiva del sovrano di Tebe Creonte che aveva proibito tale sepoltura. La tragedia dimostra proprio come di fronte a una legge positiva che nega un diritto naturale sia giusto disobbedire.
    Stando al tuo ragionamento i criminali nazisti hanno fatto bene a commettere le atrocità che hanno commesso perché la “legge” glielo imponeva loro. E guarda che al processo di Norimberga la loro autodifesa è stata proprio questa: “ho solo obbedito agli ordini” (legge positiva), ignorando ogni minimo senso di umanità (legge morale naturale).

    • Cagliostro
      giugno 27, 2012

      Lascia perdere il diritto “naturale” che non c’entra niente (per me siete voi contro natura). Ma quale norma del “diritto naturale” vi autorizza ad eludere le tasse sull’affissione dei manifesti? Spiegalo.

      • Algophagitis-VIII
        giugno 27, 2012

        “Mi sembra di capire che tu non sappia neanche cosa sia la “Gazzetta Ufficiale””
        E’ irrilevante. Potrebbe anche essere la costituzione americana, il trattato di Lisbona, il codice napoleonico o altro documento.
        E’ un discorso formale sulla legge in sè, non sulle contingenze o sul metodo in cui si esprimono le norme o sul come vengono divulgate. NON ti sto dicendo cosa dice la legge italiana sulla “legge”, ti sto dicendo cosa è la legge come entità, come oggetto.

        “Leggi palesemente convenzionali e inventate???”
        CERTO. Non vuol dire che ogni politico si “inventa” le leggi (cosa che in certi casi è vera, ma tralasciamo), vuol dire che nessuna cosa è essenzialmente legge. Non ci sono leggi positive “naturali”, che esistono di per sè. Sono norme inventate. Il fatto di considerare qualcosa come legge è un atto di convenzione, di creazione da parte del governo, di uomini, con vari metodi (es. decisione del monarca, voto, ecc…). TUTTE le leggi positive sono inventate e convenzionali (magari alcune sono dedotte da altre). Diventano leggi e sono enti dipendenti, non sono norme assolute che esistono nel trascendente o nella natura.

        “Chi non rispetta la legge è oggettivamente disonesto.”
        Non necessariamente. E’ definito disonesto per legge, semmai. La disonestà in sè riguarda la morale. Alcune leggi stesse possono essere grossolanamente definite “disoneste”.

        “Inutile parlare di scemenze come obiezione di coscienza.”
        Difatti io non sostengo l’ obiezione di coscienza necessariamente. Non serve avere questa (data dallo stato) per opporsi ad alcune leggi.

        “Lascia perdere il diritto “naturale””
        Ma anche se non sostieni il diritto naturale devi ammettere che nella legge positiva non esiste alcunchè che obblighi moralmente qualcuno all’ osservanza della stessa.

      • hjorvardr
        giugno 27, 2012

        Cagliostro, continui evidentemente a non leggere le risposte e a buttare lì frasi senza senso (in cosa saremmo contro natura?). Sulla questione dell’affissione abusiva ti è già stato risposto, quindi altro tempo su questo non lo spreco.

      • Cagliostro
        giugno 28, 2012

        @Algo
        Capisco che ciò che vi rende fastidio la definite come “irrilevante”: bella scusa….. Per fortuna ad essere “irrilevanti” siete proprio voi……
        Caro mio, ti piaccia o no, la legge è legge. Se vai in tribunale voglio proprio vedere se gli fai il “discorso formale sulla legge in sé”: si mettono a ridere.
        Non serve l’obiezione di coscienza per opporsi alle leggi? Certo: puoi sempre non rispettare le leggi (come avete fatto). Ovviamente poi ne paghi le conseguenze civili o penali.

        @hjorvardr
        Se non sprechi tempo tu, figurati io.

  10. San Luigi
    giugno 27, 2012

    Cagliostro ancora non hai parlato del perchè ciò che ho scritto nel post le hai considerate sciocchezze. Nel contempo hai posto altre questioni che io riassumerei come pretesti.
    Infatti spero che questo tuo zelo missionario contro i maniesti abusivi non sia unidirezionale (e se ce lo dimostrassi te ne saremmo grati), in tal caso ogni tua critica perderebbe rilevanza e tu non saresti degno del minimo rispetto per ciò che scrivi.
    Io, ti ripeto non credo sia un problema fondamentale, soprattutto per chi già si autofinanzia i manifesti, se uno scandalo c’è non è quello della fatica di levare i manifesti abusivi (i nostri sono spesso spra altri quindi nessuna fatica suplementare), ma del fatto che chi non è iscritto alle grandi lobbies (gay, radicali etc.) o a qualche circolo politico o costola del sistema partititco che noi avversiamo, non può fare politica, è costretto a farla sul web senza poi apportare mutamenti significativi di prospettiva a questa politica. Il gay pride si è svolto per strada e la contestazione doveva svolgersi per strada. Tu ci ha proposto di fermare con la forza la prossima manifestazione e, nel ricordarti che ci stai istigando ad un reato e che sei quindi codannabile ex art. 414 (quacosa di un pò peggio di quello di cui blateri con noi, caro fanatico della Gazzetta Ufficiale), ti rispondo che proprio per questo il nostro atto di affissione è meritorio (e quindi ti potresti salvare per merito nostro), proprio perchè mantiene ancora la dialettica nell’ambito del civile.
    Comunque ci prendiamo sempre le responsabilità di ciò che facciamo, i manifesti sono sempre firmati con tanto di indirizzo e numero di elefono pubblici. di solito le persone disoneste fanno tutto ciò o nascondendosi sotto l’immunità oppure non firmando di persona. Tu ci hai paragonato a Banky e ti ringrazio anche se lui a differenza nostra è anonimo, a me personalemnte non verrebbe mai neanche di pensare se ha pagato le tasse per il maniìfesto della bambina con i palloncini sul muro d’Israele e neanche a te , credo e spero. Evidentemente la rabbia che vuoi sfogare nei nostri confronti ti acceca.
    Anche nella repubblica romana (illegittima) che tu richiami c’erano sostenitori del Papa come Ciceruacchio esponente del Comitato popolare (una specie di BR antelitteram) di cui puoi vedere il gilè nel Vittoriano. Oppure Mamiani che voleva un Papato costituzionale e che per questo si dimise dopo la costituente. Stiamo parlando di realtà che eranio guidate oggettivamente da forze antitaliane (la massoneria che distrugge ogni identità) e terroritiche. Ricordo il discorso di Cavour (mica Pio IX) sull’assassini politico della Giovane Italia del 16 aprile 1858, forse non è del tutto campato in aria l’acronimo M.A.F.I.A.
    Poi sinceramente questo tuo inciso dovrebbe dimostrare che i costituenIt la repubblica romana appoggerebbero il gaypride? Come fai a sostenerlo?
    Le critiche all’ideologia omosessaulista sono assolutamente di diritto naturale che non si declina con il secondo me (tra l’altro dicendo una castroneria dietro l’altra) come hai fatto te, ma secondo come è l’uomo.
    C’è insomma un criterio superiore che determina cosa è giusto e cosa è ingiusto e ci sono anche umerosi leggi ingiuste che non solo è giusto, ma doveroso combattere. Purtroppo nella tua logica questo non potrebbe avverire, per questo saresti connivente con queste premesse con l’aborto forzato in Cina, con le leggi razziali e magari anche con leggi che permettono lo sterminio degli omosessuali come si vede nel video promosso dal tuo amico Cecchi.
    C’è anche una gradazione nelle leggi e veramente rompere sulle violazioni amministrative (come sarebbe se parcheggi un attimo in doppia fila, ahi ahi lo hai fatto?) in uno stato che ti supertassa mi sembra buono per chi è povero di argomenti.
    Continua a balterare sul nulla (sai quanti ne ho visti di sel, comunisti e pd di manifesti abusivi, pagati poi da noi?) noi ci occupiamo delle cose serie.
    Per quanto riguarda Forza Nuova, pur non condividendone alcuni aspetti, mi ritorna in mente sempre di più questo detto purtroppo sempre più vero di Ennio Flaiano:
    “I fascisti in Italia si dividono i due categorie, i fascisti e gli antifascisti”. I secondi numericamente superiori e con un maggiore potere dei primi aggiungo io.
    Per quanto riguarda le tue parcentuali tratte forse dal libro di Zoccatelli e Introvigne, si parla non di chi è lontano ideologicamente dalla Chiesa come te, ma dei tiepidissimi che nominalmente si dicono cattolici.
    Per quanto riguarda che siamo in pochi a manifestare a parte che l’Europride evdeva un video promozionale dello stesso Alemanno (la vedo dura quindi ogni iniziativa che lo possa censurare, anche giuridicamente, anche se è vero che rimane un’offesa al buon costume e spesso anche alla religione (una vera ossessione, lo spregio ormai un’abitudine), ma soprattutto alla dignità dell’uomo che viene mortificata troppo spesso in nome di una distruttiva (proprio per le persone omosessuali) libertà. Non è che devo indicare io il deeclino di istituzioni, della giustizia e della mancanza di valori in questa società. La conseguenza è un uomo sempre più appiattito e preda dei suio istinti.
    Io non vedo più nessuno protestare per niente, non solo contro li gaypride, ma per la riforma del lavoro, le continue guerre di aggressione, le tasse sproporzionate per pagare le banche, un governo imposto da queste ultime, la fine dell’indipendenza (se ce l’abbiamo mai avuta) propri nel 150 di quella che viene sbandierata come unità e che invece si porta dietro ingiustizie e mali atavici frutto di come si è compiuta.
    Vabbè forse perdo tempo a dire queste cose a uno che mi critica la punteggiaura (non sai che fatica scrivere col cellulare per doverti rispondere e il tempo perso per te).
    Adios

    • Cagliostro
      giugno 28, 2012

      Vuoi sapere perché il post è una sciocchezza? Molto semplice. Te ne offro solo uno (non voglio infierire particolarmente). Il vostro leader (Lastei) ha affermato (da quello che leggo nel post) che le istituzioni sono colluse con il gay-pride. Questa è una sciocchezza totale perché le istituzioni (nel caso il prefetto) possono proibire una manifestazioni solo se esistono motivi di ordine pubblico. Il fatto che il Gay Pride si svolga ogni volta tranquillamente significa che le idee ed il modo in cui si svolge sono ben più che rispettate nella società a parte voi e qualche altro sparuto gruppo.
      Manifesti abusivi come pretesti? Solo per chi – come voi – non rispetta le leggi. Per me non è un pretesto.
      Quindi se non fai parte di qualche lobby (guarda che lobby al plurale resta invariato) non può apportare mutamenti alla politica? Guarda cosa è successo negli ultimi anni con i vari movimenti (ultimo quello sull’acqua pubblica). Il problema è saper proporre qualcosa di intelligente. Comunque l’idea che non possiate apportare nessun mutamento non mi rattrista affatto.
      Guarda che nessuno ti ha paragonato a Banksy (anzi considero i vostri manifesti molto brutti graficamente) e forse ti sfugge che quelli di Banksy non sono manifesti ma graffiti. In ogni caso la sua è arte mentre la vostra è……..lasciamo perdere.
      Repubblica romana illegittima? E per quale motivo? Cosa rendeva lo Stato della Chiesa “legittimo”? Forse ti sfugge che in tutta l’Italia centrale molte città si sono ribellate al dominio temporale dei papi. Questo per far capire che la Roma “cristiana” è una totale bufala. Ti devo ricordare che la Roma “cristiana” ha avuto ben tre sindaci comunisti? Grande esempio di cristianità……
      Criterio superiore che determina cosa è giusto e cosa è ingiusto? E chi lo stabilisce? Tu? Andiamo bene…… Non vuoi vedere il Gay Pride? Nulla di più facile. Battiti per riconoscere agli omosessuali uguali diritti civili ed il Gay Pride non avrà ragion d’essere.
      Graduazione nelle leggi? E che significa? Una violazione è sempre una violazione, non è un reato penale ma è sintomatico di uno scarso rispetto per le leggi.
      Per fortuna che gli antifascisti sono superiore dei fascisti: ci manca altro che ritorna la feccia al potere. Quella la lasciamo a voi ed alle vostre manifestazioni.
      La percentuale del 70% viene da Introvigne ma quello è solo l’ultimo di una serie di studi che rivelano come i cattolici ormai siano una minoranza in Italia.

      Ti saluto miliziano e la prossima volta pagate le tasse

      • daouda
        giugno 28, 2012

        guarda che evadere le tasse è cosa buona e giusta visto a cosa servono e dove sono arrivate.

        Studia!

      • Cagliostro
        giugno 28, 2012

        Pura istigazione a delinquere. Visto che sono questi i ragionamenti, capisco che non vi facciate molti problemi ad evadere le tasse.

      • daouda
        giugno 28, 2012

        “Visto che sono questi i ragionamenti” presuppone ci sia un altro ragionamento che abbia condotto all’istigazione alla violenza ma tali ragionamenti a cui hai risposto vertevano sullo stesso tema in esame su cui poi tu appunto hai scritto “capisco che non vi facciate molti problemi ad evadere le tasse” il ché è una ridondanza e rende del tutto illogica la tua rispsota.

        Ciao.

  11. Algophagitis-VIII
    giugno 28, 2012

    Mi sto leggermente alterando. Non riesco a capire come si possa negare cose così basilari (come quando un certo signore si ostinava ad affermare che l’ apparato digerente è un organo sessuale).

    -“Capisco che ciò che vi rende fastidio la definite come “irrilevante”: bella scusa….. ”
    Era irrilevante ai fini del discorso, non inventarti le cose.

    -“Caro mio, ti piaccia o no, la legge è legge.”
    E tu hai probabilmente qualche cosa che ti impedisce di vedere le cose come stanno. Non è possibile che tu creda che lo strato giuridico sia la base del reale.
    Non voglio credere che tu non riesca a ragionare al di fuori della sfera giuridica, altrimenti sei a livelli di ritardo mentale (spero di no) o di lavaggio del cervello.

    -“Se vai in tribunale voglio proprio vedere se gli fai il “discorso formale sulla legge in sé”: si mettono a ridere.”
    Si mettono a ridere perchè sono talmente immersi nelle loro farneticazioni giuspositivistiche da perdere di vista la realtà. Il loro riso è come quello del deficiente che non capisce il teorema di Pitagora. Persino un bambino capisce cosa è la legge in sè.

    -“le istituzioni (nel caso il prefetto) possono proibire una manifestazioni solo se esistono motivi di ordine pubblico.”
    E non possono proibire manifestazioni oscene?
    (rispondi su base giuridica).
    Nota: il gay pride è oggettivamente osceno, negamelo con ragionamenti e non con riferimenti giuridici, se ci riesci.

    -“Manifesti abusivi come pretesti?”
    Si. Magari tu, da fanatico dello stato, sei contro tutte le minime infrazioni, ma chi ha chiesto la rimozione non lo ha fatto perchè i manifesti erano abusivi, ma per via del contenuto. Ne hanno chiesto la rimozione a prescindere dal fatto che fossero abusivi.

    -“Il fatto che il Gay Pride si svolga ogni volta tranquillamente significa che le idee ed il modo in cui si svolge sono ben più che rispettate nella società… ”
    Non è vero. Il gay pride è voluto da pochi interessati ed è imposto dall’ alto. La società se ne frega e la maggior parte delle persone lo vede per ciò che è (anche se non lo ammette in pubblico per le ritorsioni dei media).

    -“Criterio superiore che determina cosa è giusto e cosa è ingiusto? E chi lo stabilisce? Tu? Andiamo bene…”
    Andremo bene con te, che nel delirio giuridico, fai stabilire il giusto e la verità da leggi (che sono anch’ esse convenzioni decise da uomini).

    -“Battiti per riconoscere agli omosessuali uguali diritti civili ed il Gay Pride non avrà ragion d’essere.”
    Si. Così sarà gay pride tutti i giorni. Comunque il gay pride non è solo per chiedere diritti, ma una celebrazione dell’ essere gay, quindi può essere concepito come “ricorrenza”, tipo festa della donna o della repubblica. Comunque il vizio è incontinenza, non smetteranno mai di chiedere sovvenzioni e leggi speciali (matrimonio, adozioni, matrimonio religioso, sovvenzioni in denaro, legge antiomofobia, educazione omosessuale dalle elementari, corsi di rieducazione per omofobi. possibilità di avere associazioni, alberghi, aree solo per gay (ma non aree solo per non gay) ecc…

    • Cagliostro
      giugno 28, 2012

      Ti stai alterando? Oh che peccato……..
      E chi si è inventato che i vostri manifesti sono abusivi e non avete neanche pagato le tasse per affiggerli? Lo avete ammesso voi stessi e ne siete pure orgogliosi.
      Lo strato giuridico non sarà la base del reale (e poco mi importa) ma di certo è una parte del reale che nessuno (volente o nolente) può ignorare: neanche tu.
      Quindi i giudici sono (uso parole tue) “talmente immersi nelle loro farneticazioni giuspositivistiche da perdere di vista la realtà”? Però in galera ci vai tu: non loro e nessun altro. Vedi se puoi esserne felice.
      Mi chiedi se il prefetto possa proibire una manifestazione oscena? Di per sé nessuna manifestazione è abusiva “ex ante” (ossia a priori). Se sono stati commessi atti osceni, la polizia (che è sempre presente) può intervenire e denunciare. Quindi non “ex ante” (ossia a priori) ma “ex post” (a posteriori): è tanto difficile da capire?
      Gay pride oggettivamente osceno? Dammi un parametro per stabilire che qualcosa sia “oggettivamente” osceno. Essendo un giudizio estetico evidentemente non è oggettivo ma soggettivo e – nel caso specifico – a parte voi non mi sembra che ci siano molte altre persone scandalizzate per il gay pride: ci sarà una ragione.
      Chi ha chiesto la rimozione dei vostri manifesti lo ha fatto per il contenuto? Ha fatto più che bene.
      Secondo te la società si disinteressa del gay pride e non lo ammette in pubblico per le “ritorsioni dei media”. Giudizio tutto personale che si basa sul nulla. Se vogliamo parlare di ricerche serie, la situazione è ben diversa.
      http://alessandrocagliostro.wordpress.com/2012/05/17/omofobia-in-italia-istat-ancora-molta-strada-da-fare/
      Io faccio stabilire il giusto e la verità dalle leggi. Le leggi sono scelte dagli uomini e mi sembra che tu sia un uomo come gli altri. Perché un uomo come te (che non rappresenta nessuno tranne sé stesso) dovrebbe stabilire cosa sai giusto e cosa sia sbagliato e questo non deve competere a uomini come te che invece sono stati democraticamente eletti? Cosa ti rende “speciale” rispetto agli altri?
      Gay Pride come celebrazione dell’essere gay? E cosa c’è di male? Soprattutto in un Paese in cui assistiamo a migliaia di processioni religiose dell’orgoglio cristiano. Tutti hanno il diritto di manifestare: almeno in un paese democratico come l’Italia.
      Secondo te gli omosessuali richiederanno leggi speciali per – esempio tuo – imporre il matrimonio religioso? Ma sei serio??? Nessuna legge può imporre alla Chiesa di adottare il matrimonio per gli omosessuali: lo sai per quale motivo? Vediamo se ci arrivi da solo…….certo che hai proprio idee molto confuse.

      Ps. Le associazioni per gay esistono già e di certo non c’è bisogno di nessuna legge speciale per avere associazioni per gay: bastano le leggi attuali.

  12. San Luigi
    giugno 28, 2012

    No Cagliostro mi dispiace, ma svicoli da un discorso serio.
    La prova della collusione delle istituzioni (nello specifico il sindaco) sono il video di cui già ti ho parlato di promozione dell’europide.
    Inoltre già il fatto che siano permesse tali nefandezze (non so se ti è capitato di vedere quacosa) fa capire a tutti di quanto queste lobby godano di appoggi a livello di istituzioni comunitarie Non è un mistero per nessuno, ma se vuoi continuare a negarlo, fai pure, copriti gli occhi.
    Ah la prova che sia bello e buono è che si svolga tranquillamente cioè dovremmo impedirlo con la forza per farti capire che è uno shifo?
    TRu pensi poi che chi non si indigna sia a favore o subisca come subisce milioni di altre cose su cui on è d’accordo come l’aumento dell’iva, delle tasse?
    Continui a non fornirmi indicazioni che il tuo sproloquiare sui manifesti sia altro che un pretesto; te la sei mai presa con quelli che affiggevano abusivamente i manifesti sull’acqua pubblica (che ho condiviso come referendum personalmente), tanto per citare quello che hai preso come modello?
    Oltre ad averli visti personalmente come abusivi campeggiano come terzi nella pagina http://www.manifestiabusivi.com
    Fammi vedere quanto ti indigni, aspetto un tuo commento sotto la foto, in cui sputi tutto il vleno che hai riversato su di noi…
    Bansky fa murales attraverso dei manifesti se non lo sai che sono un pò l’evoluzione dei vecchi graffiti.
    Noi consideriamo i nostri manifesti belli perchè rispettano l’identità della nostra città e non ne sono in contrasto. Quelli del gayvillage con la nazionale di calcio in tacchi a spillo anche se pagati con tanti soldi (nostri?) sono brutti e offensivi del nostro sport e della nostra dignità come italiani (a proposito speriamo che oggi onno giochiamo coi tacchi contro la Germania, e per inciso la partita si gioca nello stesso stadio dove si è svolta quella ripresa nel film fuga per la vittoria!).
    il carattere di Roma non cambia certo per tre sindaci comunisti e per la repubblica di 5 mesi, comunque i sindaci comunisti in Italia non è detto che non andassero ad omaggiare il Papa, il comunismo in Italia è sempre stato cattocomunismo da gramsci (si dice si sia convertito) a togliatti, anzi finiva per essere la secolarizzazione (in realtà il comunismo è un ideologia messianica, una pseudoreligione comunque) di questo.
    Per quanto riguarda la repubblica romana ho già detto, ma posso continuare dicendo che è illegittima perchè frutto di un usurpazione di poteri avvenuta dopo l’uccisione di un Ministro. Inoltre il suffragio che avvenne dopo vide un’esigua minoranza di votanti e comunque non è detto per nulla che questi abbiano votato contro il Papa. Magari ritenevano la scomunica esagerata (invece il Papa fu buon profeta) e chiedevano riforme. Prova ne è che Mamiani fu eletto e voleva proprio questo, tanto che quando fu esautorato il Papa da una giunta con 7 rappresentanti non romani (altro che espressione del popolo), e a rigore non elegibili, si dimise.
    Vogliamo parlare della cittadinanza romana data a Mazzini che ancora non era giunto a Roma?
    O quella a garibaldi che era stato eletto a Macerata?
    E l’interpretazione per consentire la sua partecipazione e quella dei suoi volontari al voto?
    Mancando l’autorità legittima, si può pensare anche ad una forma di coazione (promozione di qualche tipo anche) da parte dei repubblicani, non certo noti per la gentilezza?
    Ma soprattutto non è dimostrato che comunisti o repubblichini favorreggerebbero un gaypride, visto che per i comunisti l’omosessaulità è un vizio borghese.
    Per ultimo:
    Il discorso che fai te sul fatto che le leggi sono fatte dagli uomini significa che non hanno nulla di oggettivo e quindi perchè dovrei rispettarle?
    Perchè me le impone la forza dello stato come lasci intuire te? E allora che uomo saresti stato in un altro regime? saresti stato feccia, come epiteti gli altri?
    In realtà c’è un giudizio superiore che distingue le leggi in buone o cattive, a te questo ti sfugge, ma è così.
    Lo stesso dicasi per compotamenti osceni che rimangono tali anche qualora fossimo talmente anestetizzati e assuefatti dal bombardametno mediatico da non farci caso. Un domani se tu vedessi un bambino che si bacia per strada con un adulto in nome della libertà sessaule potresti non farci caso (oggi spero di sì), anche perchè nel frattempo potrebbero aver cambiato le leggi sulla maggiore età (e queto basterebbe per te a far maturare prima le persone, che sciocchezza, questa, veramente!! ma è l’applicazione di quello che stai scrivendo), ma rimane una cosa oscena.
    Lo stesso dicasi di chi rivendicasse una sessualità con gli animali (un domani potrebbero dire che dato che discendiamo dalle scimmie siamo uguali, già ci sono pensieri in questo senso come lì’antispecismo), rimarrebbe oscena oggettivamente.
    Capisci ora?
    Se non capisci mi dispiace, ma il tuo pensiero porta a derive pericolose.
    Inotlre che volgiano il matrimonio lo hanno detto loro e la furberia di aggiungerci religioso non cambia la sostanza. Il matrimonio è un istituto naturale.
    Ora ti saluto che mi fai perdere sempre un sacco di tempo e mi raccomando il commento a manistestiabusivi.com

    • Cagliostro
      giugno 28, 2012

      Il Sindaco Alemanno da il benvenuto all’Europride? E’ il segno dei tempi che cambiano: un segno in più che dimostra che il Gay Pride è più che accettato nella società.
      Permesse tali nefandezze?? Guarda che nessuno può vietare – tranne per motivi di ordine pubblico – che si svolga una manifestazione come il Gay Pride.
      Vorreste impedire con la forza il Gay Pride? E come? Con quattro manifesti strappati? Auguri: penso che gli organizzatori del Gay Pride provano pena più che indignazione per quattro manifesti e due persone che protestano contro il Gay Pride: se questa è la forza…….
      Io credo tranquillamente che chi non si indigna sia a favore del Gay Pride e dei diritti degli omosessuali ma questa non è la mia opinione ma ciò che risulta da una ricerca Istat.
      http://alessandrocagliostro.wordpress.com/2012/05/17/omofobia-in-italia-istat-ancora-molta-strada-da-fare/
      Tu pensi ai manifesti abusivi degli altri ma giudichi “legittimi” i vostri manifesti? Ma che bella ipocrisia…….
      Ma veramente vi volete paragonare a Bansky??? Certo che non c’è fine al ridicolo…..
      Tu potrai considerare i tuoi manifesti belli (quale sarebbe l’identità di Roma che sarebbe rispecchiata nei vostri manifesti) ma a me personalmente fanno schifo.
      I manifesti del gay-village offensivi della nostra dignità come Italiani? Sono Italiano e non mi sento affatto offeso.
      Sulla repubblica romana fammi capire da dove verrebbe la sua legittimità? Hai mai sentito parlare delle “Stragi di Perugia”???
      Perchè dovresti rispettare le leggi imposte dallo Stato? Molto semplice. Ti piaccia o no appartieni ad una nazione (Italia) composta da una comunità di individui (Italiani come me e te) che condividono alcune caratteristiche comuni quali la lingua, il luogo geografico, la storia e – soprattutto – un governo (come vedi non c’è la religione). Quindi – se vuoi considerarti Italiano – non puoi fare a meno di rispettare le leggi scelte dalla comunità di individui a cui anche tu appartieni a meno che di non cambiare cittadinanza o porti come eversivo: a te la scelta.
      C’è un giudizio superiore che distingue le leggi in buone o cattive? E chi stabilisce quale sia questo “giudizio superiore”? Son proprio curioso…..
      Veramente a parlare di matrimonio religioso tra omosessuali siete stati voi: non credo ci sia stato nessun omosessuale in Italia che abbia chiesto di sposarsi in Chiesa.
      Matrimonio “istituto naturale”? Ma sai di cosa stai parlando? In base a cosa sarebbe un “istituto naturale”…….attento che pure il Consiglio Pontificio per la Famiglia ha preso belle tegole in materia.
      Perdi tempo a rispondermi? Mica sei obbligato. Poi se appartieni a Militia Christi credo che di tempo da buttar via ne hai parecchio.

      • San Luigi
        giugno 28, 2012

        Il giusto e lo sbagliato sono criteri oggettivi che abbiamo dentro di noi (ci puoi arrivare anche da solo se non sei accecato dall’ideologia; la favola di Pinocchio indica questo, se no rimaniamo burattino, proprio come te!), più la legge positiva si distanzia da questi e meno è giusta, mi sembra molto facile.
        Il matrimonio (per la costituzione la base della famiglia) è un unità perpetua tra un uomo e una donna non perchè lo dice la Chiesa.
        I teteschi appartenefano alla Crante Cermania e dofefano ubbidire a quanto detto da Crante Cermania.
        Continui a non portare avanti le tematiche che ti sono proposte, nè prendi in considerazione le obiezioni degli altri, in più non hai ancora commentato sul sito manifestiabusivi, ergo chiacchierare inutilmente per me è perdere tempo. Preferisco vedermi la partita io!

      • Cagliostro
        giugno 28, 2012

        Il giusto e lo sbagliato sono criteri oggettivi che abiamo dentro di noi“: contraddizione in termini; se sono dentro di noi significa che sono “soggettivi” e non “oggettivi”. Tanto difficile da capire?
        Lascia perdere la Costituzione perché non proibisce affatto il matrimonio omosessuale: studiati la sentenza della Corte Costituzionale 138/2010.

  13. San Luigi
    giugno 28, 2012

    Oggettivi vuol dire che non cambiano da soggetto a soggetto
    Se vedi bene la sentenza parla di un intervento legislativo diocendo che gli estensori della Costituzione parlavano di famiglia come società naturale (preesistente alle leggi al contrario di quello che sostieni te, anche perchè di naturale ci sarebbe niente con persone dello stesso sesso) fondata sul matrimonio di un uomo e una donna. E tale “significato del precetto costituzionale non può essere superato per via ermeneutica.”

    “Tu non essere prafo tedesco se non rispettare leggi crante Cermania.
    Bravo Cagliostro tu fare tanto per me tu non fare saluto romano, ma portare avanti statolatria, tu avere baffetti come me o come mio amico che aveva più lunghi?”
    A.Hitler

    Forza Italia

  14. Algophagitis-VIII
    giugno 28, 2012

    -“Io faccio stabilire il giusto e la verità dalle leggi.”
    Con questa frase ti sei appena autodichiarato ritardato mentale. Puoi “salvarti” solo autoproclamandoti dicendo che la verità e la giustizia non esistono e esistono solo in quanto definite tali per legge (e quindi sono convenzionali). Poi sarai costretto a dire che BISOGNA obbedire alle leggi (VERITà ASSOLUTA UNIVERSALE OGGETTIVA IMPERATIVO CATEGORICO “SACRO”), pretendendo che tutti ti credano.

    -“Però in galera ci vai tu: non loro e nessun altro.”
    Così come qualcuno fu crocifisso, qualcuno esiliato, qualcuno cremato, col marchio delle leggi.
    Preferisco essere un “criminale” razionale e giusto che un politico o giudice ignorante e scellerato.

    -“Gay pride oggettivamente osceno? Dammi un parametro per stabilire che qualcosa sia “oggettivamente” osceno. Essendo un giudizio estetico evidentemente non è oggettivo ma soggettivo”
    NO. Mi stai rispondendo ancora con il tuo sterco giuridico. Per te qualcosa è “osceno” oggettivamente se è definito tale dalla legge, il resto è “opinione”. E’ sempre lo stesso errore. Non puoi credere che le parole abbiano un significato inventato e arbitrario per ciascuno, che i significati siano opinioni.

    Nel gay pride sono presenti scene palesememte sessuali, di nudità, di blasfemia, di travestitismo. Il tutto è all’ insegna del pornografico e della provocazione. Ora, tutto questo non è osceno oggettivamente?
    Devono mettersi a mangiare i propri escrementi (Mieli insegna) per poter finalmente essere considerati osceni?
    RISPONDI SENZA VOMITARE STERCO GIURIDICO. RAGIONA.

    -“Perché un uomo come te (che non rappresenta nessuno tranne sé stesso) dovrebbe stabilire cosa sai giusto e cosa sia sbagliato e questo non deve competere a uomini come te che invece sono stati democraticamente eletti? Cosa ti rende “speciale” rispetto agli altri?”
    E cosa ha di speciale la prostituta-democrazia? Sei tu che ti inventi che la democrazia renda le cose giuste, perchè è la tua “divinità”.
    Io non stabilisco cosa è giusto, il giusto e l’ ingiusto esistono di per sè. Puoi dirmi che non credi che il giusto sia quello in cui credo io, ma non puoi credere che verità o giustizia siano oggettive e al contempo stabilite dallo stato, è irrazionale

    AMMETTI DI VENERARE LO STATO E DI ESSERE IRRAZIONALE O INIZIA A RAGIONARE.

    Io non voglio credere che tu sia COSì ritardato o fondamentalista dello stato da continuare a sostenere queste assurdità.

  15. San Luigi
    giugno 28, 2012

    Un aggiornamento al post.
    Due notizie per certi versi simili a quanto ho già scritto.
    Mancanza di rispetto per i luoghi, quello che rappresentano, la loro dignità e Strategia:
    Sabato il gaypride violerà il simbolo degli alpini, il Ponte a Bassano, l’associazione degli alpini si dice amareggiata (le stesse parole di Giovanni Paolo II, guarda un pò!) e il deputato di sinistra che appoggia l’evento dice che porterà pure il cappellino da alpino al gaypride.
    E’ uscito un gruppo su facebook che si chiama: “abortire i gay è un atto di fede” con tanto di citazioni fasulle attribuite alla Chiesa e a Benedetto XVI, un riosario e la foto di Benedetto XVI che abbraccia un bambino, qualcuno ipotizza sia addirittura gestito da Militia Christi!!!

    http://www.agoravox.it/Abortire-un-gay-e-un-atto-di-fede.html

    Naturalmente si indignano e si rivendicano leggi sull’omofobia…come da copione!

  16. San Luigi
    giugno 29, 2012

    Euro2012 sarà ricordato anche per le Jesus zone agli ingressi degli stadi dove c’è la possibilità di confessarsi; gli opuscoli dati gratuitamente sui valori dello sport
    http://vaticaninsider.lastampa.it/homepage/nel-mondo/dettaglio-articolo/articolo/fade-faith-fe-sport-15925/
    e anche il segreto delle vittorie azzurre:

    Cesare Prandelli continua la sua marcia. Letteralmente parlando. Perché se sul campo sta portando avanti un progetto tattico assolutamente vincente (la sua è forse la più bella nazionale italiana degli ultimi 20 anni per gioco espresso sul campo), fuori dal rettangolo verde si sta dando a pellegrinaggi notturni post-partita. Dopo il 2-0 contro l’Irlanda che aveva dato il passaggio ai quarti di finale (anche grazie al non biscotto della Spagna contro la Croazia), il tecnico di Orzinuovi aveva marciato per 21 chilometri e quasi tre ore e mezza di cammino verso l’Eremo dei Camaldolesi. Sconfitta l’Inghilerra ai rigori, eccolo andare in un vecchio convento di Wieliczcka. Chilometri percorsi? Circa 11. E il 2-1 da sogno contro la Germania è stato celebrato da lui e dal suo staff (che sempre lo accompagna) recandosi – al rientro dalla trasferta di Varasavia – nel cuore della notte alla Parrocchia della Sacra Famiglia, nella diocesi di Cracovia. Questa volta è stata quasi una passeggiata di salute: circa 10 chilometri e ritorno ‘a casa’ alle cinque del mattino. C’è da giurare che se dovesse esser sconfitta la Spagna..

    Chi parla di superstizione mi dica se sulla carta eravamo i favoriti dopo aver perso con la Russia due giorni prima dell’inizio degli Europei.
    .

    • daouda
      giugno 29, 2012

      Purtroppo sono i media che spesso riducono a superstizione genuine manifestazioni di devozione.

      E’ chiaro però che se Prandelli facesse queste cose solo durante gli Europei…beh…ma io non sò e non posso giudicare, e comunque sia anche se lo facesse solo in questi momenti, sarebbe sempre e comunque da valutare il foro interno, cosa che tutti i superficiali e bifolchi pronti all’attacco dell’altro dimenticano sempre, mossi dalle passioni e dai demoni.

      Ad ogni modo fà sempre piacere sapere di queste cose!

  17. San Luigi
    giugno 30, 2012

    Concordo Dà, se c’è speranza per noi, figuriamoci per Prandelli, e poi andare al Santuario della Sacra Famiglia (visto la Provvidenza) non può che fare tanto bene!

  18. San Luigi
    luglio 5, 2012

    (su Libertà e Persona) Prandelli: “La mia vita senza Manuela tra il calcio, i figli e Dio”
    L’allenatore della Fiorentina Prandelli e il calvario della moglie scomparsa. La malattia, le cure, il dolore, la fine. E l’obbligo di ricominciare.
    di Dario Cresto-Dina

    Questa è la storia di un uomo e una donna. Come ce ne sono tante. È la storia di un amore. Come a volte esistono. È la storia di un dolore. Come quelle che prima o poi ci sbattono addosso perché non può esserci una vita senza dolore. L’uomo si chiama Cesare Prandelli. Ha cinquant’anni. Alla fine della terza media voleva iscriversi al liceo artistico, si è ritrovato invece geometra perché la mamma gli raccomandava: il diploma, Cesare, il diploma… Voleva diventare architetto perché gli è sempre piaciuto pensare, creare, costruire qualcosa. Anche solo un’idea. Ha fatto invece il calciatore. Ha vinto con la Juventus qualche scudetto e una coppa campioni, si è distrutto le ginocchia e ha smesso presto, senza barare, a trentadue anni. Oggi è l’allenatore della Fiorentina, ma qui se potessero lo farebbero sindaco, presidente di tutti i posti in cui è previsto un presidente e, perché no?, persino papa e santo, naturalmente subito.

    La donna si chiama Manuela Caffi, è sua moglie. È morta all’ora di pranzo del 26 novembre dell’anno scorso. Aveva quarantacinque anni. Quel giorno era un lunedì, il giorno in cui i calciatori e gli allenatori si riposano. “Fino alle dieci della domenica era lucidissima. Io e i miei figli durante le ultime ore ci siamo messi nel letto con lei. L’abbracciavamo, la accarezzavo, le parlavamo di continuo. I medici della terapia del dolore, che lei chiamava i suoi angeli, ci hanno spiegato che i malati terminali perdono per ultimo il senso dell’udito, ma riconoscono solamente le voci dei familiari, quelle degli estranei si trasformano in un rumore metallico. Porto dentro di me le sue ultime parole. Ma non riesco a dirle, a farle uscire. È troppo dura”.

    Dopo tre mesi è la prima volta che Cesare Prandelli accetta di raccontare la sua Manuela. Nella sala riunioni della sede della Fiorentina. Una t-shirt bianca e un maglione arancione, il fisico da ragazzo, lo sguardo sulla fede che porta al dito, un bicchiere d’acqua sul tavolo che a un tratto si rovescia e lui va nello sgabuzzino, prende uno straccio e asciuga il pavimento mettendosi in ginocchio. Si deve pur ricominciare, da qualche parte, in qualche modo.

    Potremmo partire dalla terra, la sua. Da Orzinuovi, provincia di Brescia.
    “Di lì si parte e lì si torna. Dove sono nato e cresciuto, dove vivo ancora nella casa dei miei. Papà è morto che avevo sedici anni, mamma sta con me. A Orzinuovi sono Cesare e basta. C’è la piazza Vittorio Emanuele, una bella piazza con i portici. Manuela l’ho conosciuta là, al bar, una domenica pomeriggio. Giocavo in B con la Cremonese, tornavo dalla partita, avevo voglia di una cioccolata calda. Lei era con una sua amica, ci siamo soltanto guardati, ci siamo piaciuti subito. Il giorno dopo con una scusa sono andato a prenderla a scuola. Avevo diciott’anni, lei non ancora quindici. Non ci siamo più lasciati”.

    Quando vi siete sposati?
    “Nell’82. Ero alla Juve. I miei testimoni sono stati Antonio Cabrini e Domenico Pezzolla, mio compagno a Cremona. Ora fa l’ambulante, vende formaggi”.

    Mai una crisi, mai un tradimento?
    “In trent’anni abbiamo litigato una volta sola, colpa di una racchetta da tennis. Se mi chiede se le ho messo le corna le rispondo di no. Se per tradimento invece intende la mancata condivisione di una scelta e di una idea, allora le dico di sì, che a volte credo di averlo fatto. Nell’educazione dei figli, per esempio. Su questo piano sarò sempre in difetto nei confronti di mia moglie”.

    Padri e figli: che cosa ha imparato dai suoi genitori?
    “Da mio padre il rispetto per chi lavora, spero di averlo fatto mio. Da mia madre la fisicità dell’amore, il non vergognarsi di volere bene. Dimostrarlo con il cuore, la testa, le mani”.

    E che cos’è l’amore?
    “Credo ci siano diversi tipi di amore. Quello per una donna, quello per i figli, quello per gli amici. Ho scoperto che molte persone hanno paura di amare, hanno paura di vivere l’amore. Perché in amore devi dare, devi essere altruista. Forse è più facile non amare. Siamo spesso prigionieri del nostro egoismo”.

    Che cosa le ha insegnato Manuela?
    “Tutto. Ho sempre le tasche vuote, non un soldo. Mai usato il bancomat, i soldi me li dava lei. Qualche giorno fa sono stato costretto a farmi prestare cinquanta euro da un collaboratore della società per fare benzina. Non mi sono ancora abituato… Manuela mi ha insegnato a usare le parole. Mi diceva: Cesare, la cosa più importante è sapere che cosa si vuole. Domandarselo e avere il coraggio di darsi le risposte. Quando sono diventato responsabile del settore giovanile dell’Atalanta mi sembrava di toccare il cielo con un dito. Poi mi offrirono il Lecce. Le dissi: mi piacerebbe provare, ma solo se tu vieni con me. I bambini erano piccoli. Andiamo, mi rispose, ma promettimi che terrai i nostri figli fuori dal mondo del calcio”.

    A lei che cosa non piace di questo suo mondo?
    “L’esasperazione, le polemiche, i processi, l’arroganza, la stupidità, l’oblio. Quando giocavo io ci divertivamo di più, tra compagni di squadra ci si frequentava dopo le partite, gli allenamenti. Mischiavamo le nostre solitudini. Oggi i calciatori lo fanno molto di meno. Questo mondo ha dato lavoro a tanti, ma tanti si prendono troppo sul serio. Eppure fai un mestiere che ti piace, ti danno un sacco di soldi, sei un privilegiato. Vivi una vita che non è normale. Se ho una qualità è quella di saper scegliere i miei abiti mentali. Non posso assumere un modo di essere che non è il mio. Non riesco a fingere, a mordermi la lingua, a mettere su il disco dell’ipocrisia”.

    Parlavate spesso di politica, lei e sua moglie?
    “Poco. Ho votato la sinistra più di una volta, ho avuto ad un certo punto simpatia per il centrodestra. Sono stato un ondivago, come vede. Vorrei una politica liberata dall’ideologia. Non mi chieda di più. Non sono preparato”.

    Lei è ricco?
    “Sto bene, molto bene. Ma la ricchezza non mi interessa. Mi preme la tranquillità economica dei miei figli. Nicolò ha ventitré anni, studia da manager dello sport. Carolina ne ha ventuno, fa lettere all’università e adora la danza. Non voglio diventare ricco. Voglio cercare di vincere qualcosa, questo sì”.

    Mi hanno raccontato che prima di prendere Capello, la Juventus la voleva come allenatore. Di fronte alla scrivania di Moggi lei sparò una richiesta altissima, Moggi si alzò, le strinse la mano e le disse arrivederci. È vero?
    “Sì. Per la Juve avrei firmato in bianco, ma sapevo che non mi avrebbero preso. Chiesi quella cifra per andare a scoprire le loro carte. Non mi presero, come avevo previsto”.

    Quando si è ammalata Manuela?
    “Sette anni fa. Allenavo il Venezia. Un nodulo a un seno. Sembrava routine. Operazione a Brescia. Meno di due anni dopo un problema a un linfonodo. Nuova operazione, parecchie metastasi, chemioterapia. Un disastro”.

    La Roma per qualche mese, poi le dimissioni. Perché?
    “Manuela voleva stare a casa. Facemmo un patto, le dissi che se le cure fossero state invasive sarei stato ogni minuto al suo fianco. Era lei la mia priorità. La sua vita era la mia vita. Tornai a Orzinuovi. Molti si sorpresero, per me invece fu una scelta naturale. Il calcio a volte ha paura della normalità”.

    C‘è stato un momento in cui ha creduto che Manuela si sarebbe salvata?
    “Sì, dopo Parigi e un interminabile calvario di terapie chemioterapiche. I medici ci diedero molte speranze. Lei stava meglio. Venimmo a Firenze. Per quasi tre anni le cose sono andate bene. La scorsa primavera la situazione è improvvisamente precipitata, a maggio il tumore ha colpito il fegato. È stato l’inizio della fine. Da allora la lotta è stata soltanto contro il dolore, un dolore devastante, non più contro la malattia”.

    A chi altri avete chiesto aiuto in questi anni?
    “A Dio. Siamo andati a Spello, da frate Elia. Lunghe, dolcissime chiacchierate. Sedute di preghiera. Emozionanti, commoventi. Manuela, io, i due ragazzi. Io ho la fede, l’abitudine alla preghiera. Lei era invece un po’ come San Tommaso, ma l’incontro con frate Elia è stato straordinario. L’ha cambiata. Credo che senza di lui la mia Manu sarebbe morta prima”.

    Ora lei come sta?
    “Sto. Quasi tutta la mia famiglia è venuta a Firenze, respiro quando sono con Carolina e Nicolò. Cerchiamo di capire assieme come ricominciare. Mi danno sollievo il campo, i ragazzi, le partite. Da solo mi sento sperduto”.

    E crede che rimarrà da solo?
    “Adesso le posso solo rispondere di sì. Non riesco a immaginarmi con un’altra donna accanto. Penso che una persona che abbiamo tanto amato continui a vivere dentro di noi fino a quando moriremo a nostra volta”.

    A Firenze la strada principale che conduce allo stadio si chiama Viale dei Mille. Per un lungo tratto a ogni albero è appeso un cartellone dell’Associazione tumori della Toscana. Raffigura Cesare Prandelli sul prato del campo. È in giacca blu e cardigan viola. Non sorride. Con il braccio destro saluta i tifosi della curva Fiesole. È il suo modo di dire grazie.
    La Repubblica di Firenze (27 febbraio 2008)

  19. Orazio Pecci
    luglio 6, 2012

    Come Cecchi Paone e Cagliostro ci ricordano, ci sono paesi più ‘civili’ e ‘progrediti’ del nostro, in cui la famiglia è intesa in senso più ‘aperto’. Ecco, penso che valga la pena considerare il punto di vista di qualcuno che è cresciuto in una famiglia così. http://www.catholicworldreport.com/Item/1448/raised_under_the_glbt_umbrella.aspx

    • San Luigi
      luglio 7, 2012

      Grazie Orazio preziosa testimonianza che non conoscevamo.

  20. Maledettoilvostr'odio
    agosto 7, 2012

    Mi dispiace per Cagliostro. Non era evidentemente a conoscenza di dove si era andato a ficcare. Le vostre scorrettezze retoriche, la vostra malafede, la vostra disonestà intellettuale e la vostra presunzione sulle vostre idee che diventano assolute sono sempre le stesse. Quante cazzate in articolo+commenti.
    – Non esiste nessuna “ideologia” gay, brutti caproni, i gay hanno bisogno di cose come il gay pride solo perchè siamo un popolo talmente arretrato, così come tutti i paesi a maggioranza di persone ipocritamente religiose, anzi, moraliste, perchè di religiosi in Italia ce ne sono pochi, che i gay non possono rivelarsi tali nella società normale per non subire torti che partono dagli abusi e arrivano al sorrisetto. Quindi nessuna ideologia , si tratta di far rendere conto che non c’è nulla di strano nell’essere gay, o lesbiche, non è una scelta ideologica è una condizione naturale.
    -Parlate di “Presunta normalità”, e allora la vostra presunta “anormalità” ? L’omosessualità esiste in moltissime specie animali, e in tutta l’umanità, in zone differenti, culture differenti ecc. si è sviluppata, ancora con la cazzata del contro natura? Sempre considerato che, se una cosa è esistente, come potrebbe essere contro natura? E perchè poi addirittura “anormale”.
    -Ecco qui che si arriva alla vostra essenza, quello che Daouda attribuiva alla democrazia, cioè lo schiacciamento delle minoranze è perpetrato da chi la democrazia non la capisce e non la sa appliccare perchè non la condivide. Voi siete fascisti dentro, non sulla carta, perchè non riuscite a giudicare opinioni ciò che pensate, e dunque VOI avete bisogno della repressione e dello zittire ciò che evade dalle vostre idee. La democrazia invece è proprio la conservazione delle minoranze, che anche se sono tali, hanno diritto di esprimersi e di esistere.
    ( http://esistgut.blogspot.it/2012/06/dopo-aver-letto-una-dichiarazione.html )
    -Nessuno stima GPII (che pare una stazione di benzina), minimamente, non è un modello, per niente. Ha fatto tante di quelle merdate che io non lo prendo minimamente come modello da seguire, tralasciando il fatto che uno scroccone che campa sul mio groppone senza darmi nulla non lo avrei stimato a prescindere. Idem vale per Maria Teresa, una schifosa sadica che preferiva non dare la morfina ai malati per farli soffrire e che segretamente si dichiarava anche atea, un modello? No. Padre Pio idem e così via, ma già voi Padre Pio non lo citate perchè la vostra chiesa prima l’ha condannato e giudicato un pazzo, poi appena ha sentito l’odore dei soldi si è ricreduta. Tutto per un po’ di acido e tintura di iodio, mah.
    -I vostri manifesti sono abusivi, illegali, e voi siete degli evasori. Punto. Il dissenso si può mostrare e gridare anche in maniera legale, perciò non cercate scuse. E se basta il giudizio di uno sciocco bigotto per giudicare una legge assurda e quindi che non è giusto che venga seguita, direi che non siete persone adatte a vivere in uno stato di diritto.
    -Roma capitale della cristianità? Forse lo è stata, ma ora è la capitale di uno stato laico, quindi non deve niente alla cristianità più di quello che già vi da. Anzi, ridateci i fottuti milioni di euro di acqua che vi paghiamo illegalmente, grazie, maledetti scrocconi.

    • San Luigi
      agosto 7, 2012

      con il suo nick certifica la qualità delle baggianate che scrive.

      • Maledettoilvostr'odio
        agosto 7, 2012

        Scusa se maledico il vostro odio. Comunque ottima risposta. Quello che parla di ideologia gay viene a dire a me che dico baggianate. Oppure quello che crede che un vecchio di 600 anni costruisce una barca. 🙂

  21. San Luigi
    agosto 7, 2012

    Gli insutli gratuiti e privi di contenuto (e comuqnue ogni pretesto è buono per dargli al cattolico) sono purtroppo solamente a senso unico contro i cristiani.
    Vigliaccamente perchè non si ha paura della reazione come in altri casi e poi perchè ci si cela dietro internet, che diventa il posto dove scaricare le proprie frustrazioni dirette magari dalla propaganda mediatica, nelle solite direzioni (ossia la Chiesa), per mascherare le vere cause dei problemi.

  22. Maledettoilvostr'odio
    agosto 7, 2012

    No no, qui in questo vostro “blog” io vi descrivo, in altri contesti anche lo faccio contro altre persone. Cos’è, ora non gradite più il dissenso? Le mie frustrazioni? No , io sono antireligioso perchè le religioni, tutte, hanno rovinato il mondo e sono l’espressione più pericolosa delle paure e dell’ignoranza umana, per questo me la prendo con voi su internet, o discuto le mezzore con i testimoni di Geova quando per loro sfortuna mi incontrano o così via. Perciò tieniti le tue supposizioni, e torna a non farti domande e a dire baggianate, sempre mentre credi nel pupazzetto di 600 anni che costruisce un’arca ahahahahahaha

    Comunque non sono gratuiti gli insulti! Sono assolutamente meritati. Siete così schifosamente in malafede che è anche troppo poco.

  23. San Luigi
    agosto 7, 2012

    Si confermo sei una persona molto frustrata non capisci neanche che gratuito vuol dire senza motivazione. L’unico pupazzo in mano alla propaganda mi sembri te…fatte n’altra risata, ma da un’altra parte, magari. Se stai quì cerca di ragionare, se ti riesce e impara magari che la mancanza di educazione non è un’argomentazione.

  24. Maledettoilvostr'odio
    agosto 7, 2012

    Non capisci nemmeno che la motivazione è la vostra malafede. Comunque purtroppo io non ho chi mi dice cosa pensare, a differenza vostra. La risata me la faccio in faccia (tiè!) a chi crede in un vecchio di 600 anni che costruisce una barca.
    Se dopo tutto ciò che ho scritto ti attacchi a qualche insulto (e bisogna vedere se è tale) , senza considerare il resto, è un brutto segno. L’educazione fine a sè stessa la odio. L’educazione non te la meriti. E soprattutto, sei molto più offensivo tu per l’intelligenza umana, o Daouda che parla con termini senza definirli come i bambini che ti parlano con le parole del loro linguaggio inventato, che io che vi dico che siete scrocconi. Pfff, smettila di piangere come tutti i cattolici, cerca nei pantaloni, e se trovi un paio di palle usale e rispondi.

  25. San Luigi
    agosto 7, 2012

    La motivazione? la malafede? ma come ti giustifichi?
    Non è che non hai nessuno che ti dice come pensare, non pensi proprio.
    ma cosa devo considerare? uno che dice che insulta per malafede (?). Hai poco da ridere, giusto su internet puoi stare che così ti credi un vero uomo e capisco che imparare l’educazione è un compito troppo gravoso per te.

  26. Maledettoilvostr'odio
    agosto 7, 2012

    Si, la malafede. Dalle vostre frasi si capisce che siete fortemente in malafede. Mettere in un articolo “ideologia gay”, dire che GPII è un esempio per tutti, che Roma è il simbolo della cristianità sono menzogne talmente palesi anche per chi le dice, che merita degli insulti. Perchè mentire per aver ragione o ingannare è veramente squallido. Ecco perchè li meritate.
    Si, considera ciò che ho detto. Io considero ciò che dici anche se credi in un uomo di 600 anni che costruisce un’arca, in un uomo che vive in una balena, in tante altre cazzate.

    Io rido invece, rido per le sciocchezze in cui credi, e non sono poche.Poi , inutile che continui a dire “solo su internet”, io discuto sempre di questi temi, anche a voce, sempre. Perciò puoi anche continuare a dirlo, ma da uno che non mi conosce una cosa come questa conta meno di 0.

    Io l’educazione la conosco benissimo, la applico con chi la merita.

  27. San Luigi
    agosto 7, 2012

    Si vabbè, ciao!
    Un consiglio: leggi di più (chissà magari le cose che “critichi” visto che stai a un livello prossimo allo slogan televisivo), magari riesci a farlo un discorso, mi dispiace averti riportato brutalmente alla realtà, lo so che preferisci ripeterti come un mantra che non è vero e crederci (infatti l’ateismo è una forma di fede), è più difficile cercare le risposte, anche perchè prima qualche domanda bisogna pur farsela.
    Mò basta però finito il tempo con me, a Dios.
    (vedi l’educazione la applico a tutti anche a chi come te non la merita non per quello che dice, se vuoi le risposte te le trovi da solo pure tra i nostri commenti e post, ma per come lo dice.)

  28. Maledettoilvostr'odio
    agosto 7, 2012

    Io leggo, leggi anche tu. Poi io un discorso l’ho fatto, sopra, al quale tu non hai risposto in maniera maleducata, per altro.
    L’ateismo è una forma di fede è la cosa più vecchia e banale, e anche falsa ma comunque non è certo una fede contenutistica come la tua.
    Parli di domande, tu? Un cattolico? Ahahahaha poi dici che non devo ridere. Domandati se la terra è tonda, se un libro perfetto può avere contraddizioni, se la chiesa perfetta può essere alleata del fascismo, se un uomo può vivere 3 giorni in una balena, ecc. poi parla. Io le domande me le pongo, è per questo che non “Credo”. Io penso.

    Questo è un tuo modo, non mi riguarda. Voi cattolici non vi meritate più la mia educazioni, figurarsi il mio rispetto.

    • daouda
      agosto 7, 2012

      Quindi ogni volta dobbiamo riscrivere e richiariche quel che affermiamo perché il primo fesso che arriva non si prende la briga di leggere ed approfondire il tema?

      Che la cosa simpatica è che l’odio dovrebbe essere il nostro mentre il cane rabbioso qui sopra è ovviamente esente da questo ed il suo è solo e chiaramente uno zelo per la Causa. Noi non ci meritiamo rispetto? La cosa è molto ilare giacché mentre noi non rispettiamo il libertinismo omosessuale e l’ideologia confacente ad esso, non ci azzardiamo a giudicare gli individui in quanto omosessuali, cosa di cui ci accusi ignobilmente ed artatamente il che svela veramente dove debba essere cercata la malafede. Inoltre, ed questa la cosa veramente stramba, noi per come scrivi non meritiamo rispetto a prescindere perché cristiani. In pratica i perseguitati dovremo essere noi essendo che non abbiamo diritto di esistere ossia noi in realtà ci ritroviamo nella condizione , innazi a gente come te che spesso comanda anche le nazioni, degli omosessuali quando malauguratamente devono fare i conti con realtà che vogliono la loro estinzione.

      Sei un un grande esempio di dissonanza cognitiva e grande applicatore, cosciente o no, degli insegnamenti di Lenin.
      Ad ogni modo che si sia in guerra ( che questo ribadiscono le tue parole ), noi lo si sà da tempo e morire d’altronde è destino comune.
      Se ti fà piacere fare il leone da tastiera e mischiare le carte, è un problema tuo.

      La questione è che per te i sacramenti sono cermonialismo e la religione favole.
      Ahimé la stupidità è altamente diffusa ed i mass media e l’istruzione pubblica inculcano al volgo le più crasse amenità e sconcezze.
      Come se l’incarnazione del Verbo non fosse una necessità ontologica ( non a negare il libero arbitrio, anzi, ma proprio a coronamento di questo ).
      Ma d’altronde questo mondo è piegato all’ottica sperimentalista nel suo infondato materialismo. I muri non rispondono né intendono.

  29. Maledettoilvostr'odio
    agosto 8, 2012

    [Quindi ogni volta dobbiamo riscrivere e richiariche quel che affermiamo perché il primo fesso che arriva non si prende la briga di leggere ed approfondire il tema?]

    No, ma tu non l’hai mai fatto. In un post ti è stato esplicitamente chiesto di chiarire cosa tu intendessi con quei termini metafisici che usi, e non l’hai fatto.se perchè non lo sai manco tu, oppure perchè è troppo comodo parlare con termini che l’altro non capisce, non lo so.

    [Che la cosa simpatica è che l’odio dovrebbe essere il nostro mentre il cane rabbioso qui sopra è ovviamente esente da questo ed il suo è solo e chiaramente uno zelo per la Causa.]

    Quelli che piangono , ingannano, truffano , sfruttano ecc. siete voi, quelli che alla fine rovinano il mio paese, sempre piangendo e lamentandosi di quanto sono oppressi.

    [Noi non ci meritiamo rispetto? La cosa è molto ilare giacché mentre noi non rispettiamo il libertinismo omosessuale e l’ideologia confacente ad esso, non ci azzardiamo a giudicare gli individui in quanto omosessuali, cosa di cui ci accusi ignobilmente ed artatamente il che svela veramente dove debba essere cercata la malafede. ]

    La differenza è sostanziale. L’essere gay non è un’ideologia , è una preferenza sessuale, che a voi non riguarda nemmeno. L’essere cattolico è un’ideologia e la cosa non finisce qui. In virtù di questa stessa ideologia, voi condizionate tutti, tentando di imporre le vostre assurdità agli altri. Ecco che si arriva a voi che parlate di “presunta normalità” , partendo dall’assunto che l’essere gay è anormale, senza spiegare il perchè ovviamente, non capendo appunto che ciò è frutto della vostra concezione che è oggettivamente errata, in quanto è contro i fatti.

    [Inoltre, ed questa la cosa veramente stramba, noi per come scrivi non meritiamo rispetto a prescindere perché cristiani. In pratica i perseguitati dovremo essere noi essendo che non abbiamo diritto di esistere ossia noi in realtà ci ritroviamo nella condizione , innazi a gente come te che spesso comanda anche le nazioni, degli omosessuali quando malauguratamente devono fare i conti con realtà che vogliono la loro estinzione.]

    Ancora qui il paragone non regge. Prima di tutto io non voglio perseguitare, io voglio solo che voi vi facciate i xxxxx vostri, senza imporre agli altri le vostre , strambe ed indimostrate, idee basate sulle assurdità di fede. I gay non pretendano che tutti diventino gay, vogliono solo la loro libertà che in questo paese, per gente arretrata mentalmente come voi, o interessata a mantenere il controllo sul sesso come ha sempre fatto per far sentire sempre le persone in debito, e quindi per averle in pugno, ancora non c’è. Voi la libertà la avete, e voi siete gli oppressori. Io vi ricordo quando 8 mesi fa, stavate tutti piangendo e frignando sul governo anticlericale che voleva far pagare qualche tassa in più alla chiesa. 8 mesi dopo cosa è stato fatto contro la chiesa? Niente. Ne avete parlato? No. Avete vinto, ancora una volta, costringendo tutti a pagarvi i conti, ma siete ancora qui a lamentarvi.

    [Sei un un grande esempio di dissonanza cognitiva e grande applicatore, cosciente o no, degli insegnamenti di Lenin.
    Ad ogni modo che si sia in guerra ( che questo ribadiscono le tue parole ), noi lo si sà da tempo e morire d’altronde è destino comune.
    Se ti fà piacere fare il leone da tastiera e mischiare le carte, è un problema tuo.]

    Questa frase è totalmente fuori luogo e mi sembra anche priva di senso. Comunque io combatto l’intromissione illecita della vostra assurda religione in ogni campo, come ho già detto, non solo dietro la tastiera.

    [La questione è che per te i sacramenti sono cermonialismo e la religione favole.
    Ahimé la stupidità è altamente diffusa ed i mass media e l’istruzione pubblica inculcano al volgo le più crasse amenità e sconcezze.]

    Si, concordo. Le religionI sono favole. Tutte. Purtroppo è vero, i mass media concedono più tempo alle dichiarazioni del papa che ai primi due esponenti politici, abbiamo le messe ogni domenica, e nemmeno un programma seriamente scientifico, abbiamo i servizi dei tg su quanto sono utili gli oratori della chiesa, pagati dallo stato, e le pubblicità che ingannano facendoci credere che i soldi dell’8×1000 sono destinati unicamente alla carità. L’istruzione pubblica privilegia l’insegnamento dell’IRC, rispetto alla materia alternativa (che è interesse pubblico che venga insegnata) a piè sospinto. Tant’è che vengono sempre rispettati i dictat della chiesa in materia, come il fatto di mettere queste/a ore/a (alle elementari, dove è meno utile e dove si ha meno strumenti per ragionare le ore sono due) nelle prime ore o nelle ultime ore, o dove i presidi e nessuno (tranne me) si lamenta del fatto che i criteri dell’attribuzione del credito nelle scuole superiori non vengono rispettati, e così i “professori ” regalano crediti in cambio della frequenza. Queste sono le sciocchezze che vengono inculcate. I servizi sulla madonna della chiesa de L’Aquila che si salva, e su Medjugorje ecc.. Viviamo in un paese assolutamente laico sulla carta e clericale nei fatti, grazie all’ignoranza e all’arretratezza delle nostre persone.

    [Come se l’incarnazione del Verbo non fosse una necessità ontologica ( non a negare il libero arbitrio, anzi, ma proprio a coronamento di questo ).]

    Non lo è. Se fosse necessario, esisterebbe, esisterebbe per tutti e soprattutto non esisterebbero altre 12mila religioni o culti, tra i quali anche il vostro culto fantasy e scopiazzato, nonchè adattato e cambiato ad hoc quando serviva.
    Comunque un’affermazione di tale portata necessita altrettanta dimostrazione. Ma tanto se ti chiedessi di dimostrarlo diresti che l’assoluto serve per giustificare il relativo e tante altre frasi non sensate, usando termini senza degnarti di specificare cosa intendi, perciò , lascia perdere.

    [Ma d’altronde questo mondo è piegato all’ottica sperimentalista nel suo infondato materialismo. I muri non rispondono né intendono.]

    Con lo sperimentalismo si curano le malattie e si ha un riscontro nella realtà in moltissimi aspetti. Con la fede ancora non ci si è fatto niente. I muri sono coloro che non cambiano idea di fronte ai fatti, sono coloro che credono ad un uomo di 600 anni che costruisce barche, o ad un uomo che vive 3 giorni in un pesce, o nei giganti, o che Adamo ed Eva siano esistiti davvero, o che sia nata prima la luce e poi il Sole, o che la terra abbia 4000 anni, o che si possa nascere da una vergine , eccetera eccetera.

    • San Luigi
      agosto 8, 2012

      Non è un discorso di fede essere contro l’ideologia gay (che esiste ed è quella portata avanti dalle lobby e dai circoli gay che fanno politica e il gaypride è politica se on te ne sei accorto), è semplicemente un fatto di ragione che porta a non approvare stili di vita che sono distruttivi per la società e per le persone.
      Come ti ha ripetuto Dauda un conto sono le persone con tendenze omosessuali (innate o legate allo sviluppo quì non entriamo in merito), un altro chi pretende di far diventare normale la condotta, accampando presunti diritti. Non è un fatto di gusti perchè se ti dico che cìè chi fa le stesse cose con gli animali tu giustamente ti ripugni, spero (e non lo chiameresti “naturale”).
      Per il resto del tuo discorso una cosa può essere vera anche se tu non la consideri come tale e il fatto che ci siano molte religioni una prova a favore dell’esistenza di Dio intuita da tutti i popoli in maniere differenti fino a che non si è Rivelato Egli stesso. Il fatto della Rivelazione rimane vero anche se tu non lo pensi, lo capisci questo?

  30. Maledettoilvostr'odio
    agosto 8, 2012

    agosto 8, 2012

    Non è un discorso di fede essere contro l’ideologia gay (che esiste ed è quella portata avanti dalle lobby e dai circoli gay che fanno politica e il gaypride è politica se on te ne sei accorto), è semplicemente un fatto di ragione che porta a non approvare stili di vita che sono distruttivi per la società e per le persone.

    Ti sei scoperto le carte da solo. Essere gay è un gusto sessuale che provoca un diverso stile di vita. Nello specifico stile di vita si intende che a differenza della “””””maggioranza”””” un gay dorme,vive,ama ecc. una persona del suo stesso sesso. Pericolosissimo direi! I circoli gay, combattono per i LORO diritti, che ancora non sono riconosciuti. E’ incredibile che un gay non possa lasciare legalmente l’eredità alla persona che ha amato la sua eredità ad esempio e tutto il resto. Questo è ciò che loro vogliono, i loro diritti. Quale sarebbe lo stile di vita DISTRUTTIVO per la società? Il fatto che non possono fare figli? Allora lo è anche il farsi prete.

    Come ti ha ripetuto Dauda un conto sono le persone con tendenze omosessuali (innate o legate allo sviluppo quì non entriamo in merito), un altro chi pretende di far diventare normale la condotta, accampando presunti diritti. Non è un fatto di gusti perchè se ti dico che cìè chi fa le stesse cose con gli animali tu giustamente ti ripugni, spero (e non lo chiameresti “naturale”).

    Si , è un fatto di gusti. I diritti dei gay sono ovvi. Una persona ha tutto il diritto di vivere come vuole nel rispetto delle leggi. E comunque un animale non si ama, un animale al massimo per una perversione può essere oggetto di desiderio, così come gli alberi. E per perversione qui parlo di malattia,patologica, non come l’omosessualità che è MOLTO più diffusa di queste patologie, e soprattutto è presente in tantissime specie animali.

    Per il resto del tuo discorso una cosa può essere vera anche se tu non la consideri come tale e il fatto che ci siano molte religioni una prova a favore dell’esistenza di Dio intuita da tutti i popoli in maniere differenti fino a che non si è Rivelato Egli stesso. Il fatto della Rivelazione rimane vero anche se tu non lo pensi, lo capisci questo?

    Ah, ora vince il più recente? Joseph Smith vi ara allora. Quante falsità. Ottima argomentazione “rimane vero!” ahahah . Dimostrami che una persona può vivere 600 anni naturalmente e forse inizio a prendere seriamente ciò che dici. E comunque la tua idea spiega al massimo le religioni monoteiste, non spiega minimamente i culti politesti e animisti, che mi fanno pensare solo che a gradi diversi di ignoranza , sono esistiti gradi diversi di religioni.

    • San Luigi
      agosto 8, 2012

      Anche l’uomo può essere oggetto di desiderio come nella pornografia e l’amore ha tantissime forme particolari a seconda delle relazioni, anche l’amicizia è una forma di amore.
      La rivelazione della Chiesa mormone non ha riscontro storico, non è certamente la vicinanza con noi il criterio per stabilire cosa sia Rivelazione.
      600 anni può essere un numero simbolico, avere un computo diverso, oppure un’iperbole per delle caratteristiche che esprimono una protezione divina. Comunque non sappiamo molto degli uomini del passato, ma di varie civiltà prospere che furono distrutte dalle acque si parla in varie tradizioni, da Platone a Gilgamesh, pare che sul monte Ararat (che tradizionalmente, Gen,8,4 è considerato il monte dove si è fermata la famosa arca) abbiano ritrovato una nave, insomma c’è da pensare più che da ridere.
      http://www.scienze.tv/node/4721
      http://www.noahsark.it/

  31. daouda
    agosto 8, 2012

    [No, ma tu non l’hai mai fatto. In un post ti è stato esplicitamente chiesto di chiarire cosa tu intendessi con quei termini metafisici che usi, e non l’hai fatto.se perchè non lo sai manco tu, oppure perchè è troppo comodo parlare con termini che l’altro non capisce, non lo so.]

    Tu me lo hai chiesto?
    Rammentami ti prego che sono sinceramente curioso. Di cosa si trattava?

    Ad ogni modo ogni volta venite e sparate a zero. Venire e chiedere è un conto, venire e sbraitare cose già confutate da tempo diviene noioso.
    Oltre a questo la vostra sicumera non permette certo delle risposte serene, perlomeno io non ci riesco.
    Me ne dispiaccio perché tali divisioni sono strumentali.

    [Quelli che piangono , ingannano, truffano , sfruttano ecc. siete voi, quelli che alla fine rovinano il mio paese, sempre piangendo e lamentandosi di quanto sono oppressi.]

    Non è che forse tali vizi riguardino l’umanità? Mi sembra perlomeno più sensato e meno deviato dall’odio cieco che ancora una volta confermi.
    Che poi innanzi ad una analisi storica verresti smentito, senza parlare che d’altronde la stessa storia và interrpetata e quindi, nuovamente, c’è sempre da confrontarsi piuttosto che inveirsi addosso.

    [La differenza è sostanziale. L’essere gay non è un’ideologia , è una preferenza sessuale, che a voi non riguarda nemmeno. L’essere cattolico è un’ideologia e la cosa non finisce qui. In virtù di questa stessa ideologia, voi condizionate tutti, tentando di imporre le vostre assurdità agli altri. Ecco che si arriva a voi che parlate di “presunta normalità” , partendo dall’assunto che l’essere gay è anormale, senza spiegare il perchè ovviamente, non capendo appunto che ciò è frutto della vostra concezione che è oggettivamente errata, in quanto è contro i fatti.]

    Creare una pseudo famiglia gay, ottenere un riconoscimento giuridico, leggi discriminatorie gli eterosessuali, le adozioni, sono una questione politica e visto che tale richieste sono illegittime e sovversive, si ha uan questione ideologica dove ideologia.
    Ribadire questo, anche a discapito di chi esso sia, è un dovere sociale.

    [Ancora qui il paragone non regge. Prima di tutto io non voglio perseguitare, io voglio solo che voi vi facciate i xxxxx vostri, senza imporre agli altri le vostre , strambe ed indimostrate, idee basate sulle assurdità di fede. I gay non pretendano che tutti diventino gay, vogliono solo la loro libertà che in questo paese, per gente arretrata mentalmente come voi, o interessata a mantenere il controllo sul sesso come ha sempre fatto per far sentire sempre le persone in debito, e quindi per averle in pugno, ancora non c’è. Voi la libertà la avete, e voi siete gli oppressori. Io vi ricordo quando 8 mesi fa, stavate tutti piangendo e frignando sul governo anticlericale che voleva far pagare qualche tassa in più alla chiesa. 8 mesi dopo cosa è stato fatto contro la chiesa? Niente. Ne avete parlato? No. Avete vinto, ancora una volta, costringendo tutti a pagarvi i conti, ma siete ancora qui a lamentarvi.]

    Affrontiamo la questione in due punti

    a) come gli omosessuali corrono dei pericoli in quanto tali, spesso,e quindi subivano ed in parte ancora subiscono elle vessazioni, ugualmente i cristiani sono sbeffeggiati e combattuti politicamente solo perché tali.

    b) la questione tasse della Chiesa può anche essere affrontata ma è un discorso intrinsecamente legato ANCHE alle altre confessioni, alle associazioni no-profit ed alle ONG varie, come anche agli altri stati, come anche ai vari enti pubblici o sindacati.
    Insomma se fai così la butti solo in caciara. Per quanto mi riguarda, di inghippi sono sicuro che ce ne siano, e spero scompaiano per il bene della collettività e della Chiesa stessa, ma spesso sono solo attacchi artati e gonfiati unicamente contro la Chiesa dimenticando ogni altra realtà.

    Per comprendere veramente questo punto che affermi dovremmo però parlare del laicismo ed il discorso sarebbe troppo largo.

    Poi guarda io non ho frignato affatto. Riporto questa tua frase per farti notare una contraddizione logica inerente alla tassazione:

    “Avete vinto, ancora una volta, costringendo tutti a pagarvi i conti, ma siete ancora qui a lamentarvi.”

    Tecnicamente ciò è un’impossibilità. A rigore ogni detrazione fiscale è quindi un’usurpazione verso il resto della cittadinanza eppure ciò non lo considereresti così.
    Inoltre come avevo già accennato, molte delle presunte agevolazioni non riguardano nello specifico la Chiesa ma realtà in cui la Chiesa rientra in quanto categoria.
    Poi certo per te la Chiesa mangia solo i soldi mentre non fà carità e varie altre belle cose.
    Ma questa logica la conosciamo già e si chiama socializzazione statualista.

    [Questa frase è totalmente fuori luogo e mi sembra anche priva di senso. Comunque io combatto l’intromissione illecita della vostra assurda religione in ogni campo, come ho già detto, non solo dietro la tastiera.]

    Tu accusi “noi” dell’invasione che tu compi. E’ questa la vostra strategia da tempi immemori.
    Se la Chiesa sbaglia, discutiamone. Tu invece hai un partito preso a priori che non permette alcun dialogo.

    Per dire:

    I riconoscimenti giuridici come pacs, l’aborto , l’eutanasia od anche a che livello è la tassazione, il tipo di conformazione statuale, quando è opportuno reagire e come, questi sono temi generali e naturali su cui la Chiesa ribadisce il giusto. Se gli vai contro nel torto sei tu.

    Mica si pretende che tu sia vergine al matrimonio, che tu vada a messa la domenica ed in tale giorno non si lavori, che tu ti confessi almeno a Pasqua e faccia la comunione almeno a Pasqua, che tu debba pregare il padre nostro almeno 3 volte al giorno, che tu digiuni e ti astieni dal sesso in determinati periodi,che tu sia per forza battezzato.

    [Si, concordo. Le religionI sono favole. Tutte. Purtroppo è vero, i mass media concedono più tempo alle dichiarazioni del papa che ai primi due esponenti politici, abbiamo le messe ogni domenica, e nemmeno un programma seriamente scientifico, abbiamo i servizi dei tg su quanto sono utili gli oratori della chiesa, pagati dallo stato, e le pubblicità che ingannano facendoci credere che i soldi dell’8×1000 sono destinati unicamente alla carità. L’istruzione pubblica privilegia l’insegnamento dell’IRC, rispetto alla materia alternativa (che è interesse pubblico che venga insegnata) a piè sospinto. Tant’è che vengono sempre rispettati i dictat della chiesa in materia, come il fatto di mettere queste/a ore/a (alle elementari, dove è meno utile e dove si ha meno strumenti per ragionare le ore sono due) nelle prime ore o nelle ultime ore, o dove i presidi e nessuno (tranne me) si lamenta del fatto che i criteri dell’attribuzione del credito nelle scuole superiori non vengono rispettati, e così i “professori ” regalano crediti in cambio della frequenza. Queste sono le sciocchezze che vengono inculcate. I servizi sulla madonna della chiesa de L’Aquila che si salva, e su Medjugorje ecc.. Viviamo in un paese assolutamente laico sulla carta e clericale nei fatti, grazie all’ignoranza e all’arretratezza delle nostre persone.]

    E grazie che concordi…lo so benissimo.

    Il paese è religioso? E perché non avere programmi religiosi? Lamentati con la Rai ( essendo pubblica…dicono…) mica con me.

    Ora la questione 8×1000 sarà anche poco edificante, ma tutti sanno che per fare il bene c’è bisogno di una struttura che ha bisogno di olio per funzionare.
    Ci sono dei magheggi, degli inghippi, dei crimini?
    Qualcuno è corrotto?
    Bene , si carcerino tutti questi. Ma però si abbia qualche prova e qualche conoscenza di come funzionino le cose invece di sparare giudizi che poi vengono rettificati anni dopo, tanto l’importante era il fango mediatico.

    Io non sono affatto clericale.
    Il popolo italiano crede in qualche sua parte di essere cattolico, ma è lontano dalla Fede. Sono più cattolici popoli che non ostentano questa loro peculiarità secondo il detto ” chi parla ed appare poi non è”

    Ad ogni modo la religione non è favola.
    Ma questo è un tema di difficile comprensione per chi ormai è imbevuto di una cultura deviata.
    D’altronde finché si blatera sull’esistenza di Dio invece di concepirne l’Unica Unità d’Essenza le atrocità aumenteranno ed i vizi pure.
    E tutti troveranno il capro espiatorio di turno.
    La filosofia con Cartesio è caduta nell’opinionismo. E si parli allora, ognuno ha da dire qualcosa, tutto è equivalente, la verità è convenzione e chi ne ha più ne metta.
    Però poi a frignare siete voi, mica “noi”. Cacciate Dio e poi ci interrogate sulla sua assenza, è un po’ ridicolo ( visto che oltretutto essenzialmente è impossibile ma non era qeusto l’aspetto che focalizzavo ).

    [Non lo è. Se fosse necessario, esisterebbe, esisterebbe per tutti e soprattutto non esisterebbero altre 12mila religioni o culti, tra i quali anche il vostro culto fantasy e scopiazzato, nonchè adattato e cambiato ad hoc quando serviva.
    Comunque un’affermazione di tale portata necessita altrettanta dimostrazione. Ma tanto se ti chiedessi di dimostrarlo diresti che l’assoluto serve per giustificare il relativo e tante altre frasi non sensate, usando termini senza degnarti di specificare cosa intendi, perciò , lascia perdere.]

    Guarda i simboli delle altre tradizioni altro non sono che intuizioni e retaggi di sapienze più antiche.
    Per un materialista , il cui funzionamento cerebrale è affine alla deviazione contorta che accompagna il paranoico, ogni altro dato è interpretato alla luce della sua lente offuscata.
    Per dirti risulta ovvio ( anche gli stoici vi erano giunti per dire , o le concezioni delle discese avatariche ne sono similari ) il Cristo , come dice Paolo,si sia annientato della sua Deità poiché la manifestazione del Verbo in quanto tale avrebbe annichilito il cosmo.
    Per comprenderne la necessità ontologica bisogno prima di tutto comprendere cosa significa UMANO , in secondo luogo bisogna capire che Cristo non aveva un ego ossia Egli ha assunto in sé la natura umana, non l’uomo Gesù che sarebbe non solo eretico ma anche inutile.
    L’ovvietà sta tutta nel fatto che se Dio non fosse stato incarnato sarebbe impossibile avere l’Universo poiché si creerebbe una frattura tra immanenza e trascendenza e sopratutto un limite alla sua Infinità che comprende ogni possibilità.
    E’ chiaro che nel divenire ogni cosa ha una sua congiuntura.
    Discutere sul quando significa indagare la “pienezza dei tempi” e comprendere l’unicità di tale evento sono termini sui cui si può anche dibattere giacché le cose vanno spiegate e precisate.
    Ma ogni altra tradizione , che deve conformarsi a differenze di tempo,luogo e qualità proprie a dati popoli, eccone spiegata la varietà, in sé afferma simbolicamente queste cose che celebrano e ritualizzano.

    [Con lo sperimentalismo si curano le malattie e si ha un riscontro nella realtà in moltissimi aspetti. Con la fede ancora non ci si è fatto niente. I muri sono coloro che non cambiano idea di fronte ai fatti, sono coloro che credono ad un uomo di 600 anni che costruisce barche, o ad un uomo che vive 3 giorni in un pesce, o nei giganti, o che Adamo ed Eva siano esistiti davvero, o che sia nata prima la luce e poi il Sole, o che la terra abbia 4000 anni, o che si possa nascere da una vergine , eccetera eccetera.]

    Chi nega i risultati? Io affermo solo che l’empirismo è una favola questa sì, che vogliono che crediate.
    D’altronde chi ci comanda credi che non abbia una sua “religione”?

    Con la fede, di solito, ci si divinizza, ossia si crea quell’unione tra universale e particolare cosicché l’infinito gusti sé stesso in ogni sua possibilità.

    Lo sai si che certe cose vanno lette simbolicamente? E lo sai sì che i miracoli , per chi domina le leggi della natura, non sono altro che quello che io faccio muovendo un dito?
    Veramente hai un concetto strano della realtà fisica.

    [Ti sei scoperto le carte da solo. Essere gay è un gusto sessuale che provoca un diverso stile di vita. Nello specifico stile di vita si intende che a differenza della “maggioranza” un gay dorme,vive,ama ecc. una persona del suo stesso sesso. Pericolosissimo direi! I circoli gay, combattono per i LORO diritti, che ancora non sono riconosciuti. E’ incredibile che un gay non possa lasciare legalmente l’eredità alla persona che ha amato la sua eredità ad esempio e tutto il resto. Questo è ciò che loro vogliono, i loro diritti. Quale sarebbe lo stile di vita DISTRUTTIVO per la società? Il fatto che non possono fare figli? Allora lo è anche il farsi prete.]

    Allora non hai capito. Che il xxxxx viva la sua vita è pacifico. Che lo faccia ostentando NO; il che non significa che debba non far sapere di essere gay o che debba venir bistrattato perché tale.

    Quelli che tu chiami diritti sono illegittimità. E’ questo che non capisci. Se il gay vuole lasciare l’eredità, và dal notaio, dov’è il problema?
    Ti chiedi perché non lo può fare? Peché ciò compete l’istituzione familiare ( ergo anche per le coppie di fatto etero non è possibile ).
    Il diritto non può venire cambiato a piacimento giacché esso sussiste ed ha competenze sul mondo secondo la natura propria di ciò che và a toccare.
    Ma ancora una volta è un discorso che non può essere compreso se ci si ferma al materialismo.

    Inoltre l’atto omosessuale è un atto disordinato e compiuto secondo modalità non edificanti che avranno ripercussione sull’anima dell’individuo.
    Come la droga dà benessere e piacere immediati, ma poi porta alla degenerazione dell’individuo.Così anche la fornicazione, sia chiaro. Qua ve fermate sempre ai froci ma il discorso è molto più ampio e leverebbe subito , se riproposto correttamente, tutta l’iperattenzione verso il mondo omosessuale.

    Per quanto riguarda il farsi prete, essendo la sacramentalità fondamentale e dovendo rispettare norme di purità ed ontologiche rispetto al sacramento ricevuto, egli dev’essere celibe.
    Se fossimo tutti preti l’umanità morirebbe sicuramente, è scontanto. Ma il rpete ha una funzione da adempiere, l’omosessuale no.
    Ecco perché le richieste degli omosessuali non hanno senso , oltre ad essere illegittime di per sé.
    Siano omosessuali e basta, come è sempre stato. Anche io spero non vengano insultati e scansati, ma quello che richiedono è sovversivo oltre che idiota.

    [Si , è un fatto di gusti. I diritti dei gay sono ovvi. Una persona ha tutto il diritto di vivere come vuole nel rispetto delle leggi. E comunque un animale non si ama, un animale al massimo per una perversione può essere oggetto di desiderio, così come gli alberi. E per perversione qui parlo di malattia,patologica, non come l’omosessualità che è MOLTO più diffusa di queste patologie, e soprattutto è presente in tantissime specie animali.]

    Si ma il problema è che voi volete rendere legale qualcosa che è contro la legge di per sé.

    Poi permettimi, quanta confusione. Tutti i filosofi sanno che l’amore non è una questione di sentimento ma è un atto di volontà.
    E la volontà deve rispettare determinate regole per essere corretta ed onesta.
    Sicuramente abbiamo varie gradualità e vari argomenti d’azione.
    Ma l’omosessualità come atto e pensiero erotico è il problema.
    Noi tutti siamo chiamati AD AMARCI.
    Il problema è che l’amore è di 3 tipi secondo la divisione greca. Forse delle coppie omosessuali possono anche riuscire ad avvicinarsi ad un certo tipo di amore completo ma il problema non è solo l’impossibilità intrinseca poiché per quanto ciò sia possibile non potrà mai essere completamente vero e sincero per via della difformità della natura e dell’oggetto d’amore rispetto alla reale Unione d’amore tra maschio e femmina ( senza dimenticare la grazia divina, ma sarebbe un altro discorso anche se fondamentale ) , ma soprattutto è un atto che , se pubblicizzato, crea scandalo.
    La questione è difatti PRIMARIAMENTE SOCIALE se ancora non lo avessi capito.

    [Ah, ora vince il più recente? Joseph Smith vi ara allora. Quante falsità. Ottima argomentazione “rimane vero!” ahahah . Dimostrami che una persona può vivere 600 anni naturalmente e forse inizio a prendere seriamente ciò che dici. E comunque la tua idea spiega al massimo le religioni monoteiste, non spiega minimamente i culti politesti e animisti, che mi fanno pensare solo che a gradi diversi di ignoranza , sono esistiti gradi diversi di religioni.]

    Che pizza. NOn esistono culti politeisti tecnicamente. Sono solo degenerazioni del monoteismo.
    Inoltre a rigore neanche noi cristinai siamo monoteisti, e neanche gli ebrei e gli islamici se avessi la briga di studiare.
    Difatti i termini monoteismo e politeismo sono del tutto insensati.
    Ma questo è un altro discorso.

  32. Maledettoilvostr'odio
    agosto 9, 2012

    Anche l’uomo può essere oggetto di desiderio come nella pornografia e l’amore ha tantissime forme particolari a seconda delle relazioni, anche l’amicizia è una forma di amore.

    Tralasciando che queste sono affermazioni tue che richiedono una dimostrazione, io sottolineavo il fatto che l’omosessualità non è una perversione sessuale patologica come quella di voler far sesso con gli animali, se cogli la differenza, dimmelo.

    La rivelazione della Chiesa mormone non ha riscontro storico, non è certamente la vicinanza con noi il criterio per stabilire cosa sia Rivelazione.

    La vostra rivelazione si. Ovvio.

    600 anni può essere un numero simbolico, avere un computo diverso, oppure un’iperbole per delle caratteristiche che esprimono una protezione divina. Comunque non sappiamo molto degli uomini del passato, ma di varie civiltà prospere che furono distrutte dalle acque si parla in varie tradizioni, da Platone a Gilgamesh, pare che sul monte Ararat (che tradizionalmente, Gen,8,4 è considerato il monte dove si è fermata la famosa arca) abbiano ritrovato una nave, insomma c’è da pensare più che da ridere.

    600 anni non è un numero sibolico, anche perchè mi pare fosse “604” , e che simbolo è. E poi non solo lui, tu avrai letto la Genesi, e avrai visto che tutta la discendenza campa più o meno quegli anni. Comunque lui ne campa un altro centinaio dopo eaver costruito la barca.
    Comunque ci sono delle smentite da parte di alcuni membri del gruppo di spedizione da te evidenziato che parlano di legno portato li apposta, falsificando così come anni prima avevano falsificato delle foto. E comunque se pensavi veramente che ci fossero entrate tutte le specie animali, stai fresco.
    P.s. Un numero simbolico di cosa? Per dire che era “vecchio”? Proprio 604 anni un simbolo,. Oppure “L’intera vita di Adamo fu di 930 anni” , ovvio.

    [Tu me lo hai chiesto?
    Rammentami ti prego che sono sinceramente curioso. Di cosa si trattava?]

    Ti ho chiesto (in più post, e nemmeno solo io) di definire i termini con il quale ti spieghi ogni volta, cioè Verità, Principi, Essere, Assoluto, Intelletto e altre parole vane come queste, ma hai sempre glissato dal farlo.
    [Ad ogni modo ogni volta venite e sparate a zero. Venire e chiedere è un conto, venire e sbraitare cose già confutate da tempo diviene noioso.
    Oltre a questo la vostra sicumera non permette certo delle risposte serene, perlomeno io non ci riesco.
    Me ne dispiaccio perché tali divisioni sono strumentali.]

    Un tuo problema che non mi riguarda. Ma comunque quelli che parlano di “presunta normalità” riguardo ai gay siete voi, e se questo non è sparare a zero…

    Non è che forse tali vizi riguardino l’umanità? Mi sembra perlomeno più sensato e meno deviato dall’odio cieco che ancora una volta confermi.
    Che poi innanzi ad una analisi storica verresti smentito, senza parlare che d’altronde la stessa storia và interrpetata e quindi, nuovamente, c’è sempre da confrontarsi piuttosto che inveirsi addosso.

    I cristiani hanno la sindrome di persecuzione. E ciò che intendevo io era molto più semplice: avete uno spazio televisivo e mediatico che fa invidia ai più importanti politici, in tv si parla spessissimo di cristianità e mai di scienza seriamente , lo stato italiano vi da una fracca di soldi ogni anno, vi paghiamo tutto (ovviamente “vi” intendo le autorità ecclesiastiche) , però siete qui a parlare di società “sperimentalista” o come se il nostro paese non fosse completamente dominato dal clericalismo e dalla superstizione. Se fossimo un paese sperimentalista, i soldi che buttiamo dandoli a voi , li daremo alla ricerca. Ma indovina un po’ invece che succede? Esatto. Perciò siete sempre a piangere su quanto è anticlericale questa società, ma alla fine voi la spuntate sempre. Esempio lampante quello dell’ICI. Appena qualcuno si è ricordato che gli edifici ecclesiastici , a volte evadendo, sono esenti dall’ICI voi a gridare su come se la prendevano tutti con la buona e cara chiesa, ma dopo che non è stata messa comunque la tassa non avete mica detto “ah meno male, non esiste tutto questo anticlericalismo che pensavamo!” no! Continuate a piangere lo stesso!
    [Creare una pseudo famiglia gay,]

    Dipende dalla definizione di famiglia che assumi. Comunque non vedo perchè una coppia gay non possa formare una famiglia (anche se costituita da solo 2 elementi).Perciò nessuno pseudo, tu hai la tua definizione di famiglia, e se vuoi l’esclusiva del nome famiglia è un tuo problema egoistico.

    [ottenere un riconoscimento giuridico, ]

    Si chiama rivendicare un diritto. Perchè una coppia gay non può beneficiare delli stessi diritti giuridici di un’altra coppia? Quando si parla di poter far visita in ospedale ad esempio, perchè un compagno o una compagna gay/lesbica non potrebbe entrare dal suo compagno/compagna e un marito/compagno/moglie/compagna eterosessuale si? L’affetto e il legame dipendono da chi sei?

    leggi discriminatorie gli eterosessuali,

    Questa è falsa. Postane una, o ritira questa espressione. Rivendicare i propri diritti non discrimina nessuno.

    le adozioni, sono una questione politica

    Sulle adozioni non mi pronuncio perchè non ho sentito abbastanza pareri medici / pedagogici. Però si, sono una questione politica nella misura in cui riguardano i diritti , è vero. Ma voi fate passare queste ovvie richieste di diritti per politiche di “lobby” o partiti. Ma per favore.

    [e visto che tale richieste sono illegittime e sovversive, si ha uan questione ideologica dove ideologia.]

    Ok, grazie di aver stabilito che sono illeggittime con tantissime prove.Comunque definire ideologia questo è un’esagerazione illeggittima, in quanto le richieste che loro rivendicano riguardano solo loro stessi, senza condizionare tutti e inoltre sono appunto soltanto delle richieste di diritti, la cui cosa non costituisce un’ideologia. “L’ ideologia è il complesso di credenze, opinioni, rappresentazioni, valori che orientano un determinato gruppo sociale.” I gay non hanno le loro opinioni in quanto gay, non hanno i loro valori in quanto gay, non hanno le loro credenze in quanto gay, questo è ciò che voi ritenete perchè pensate che essere gay sia come essere comunisti o come essere cristiani, come se si decidesse di “diventare gay” accettando in quel momento un pacchetto valoriale e sinceramente dubito che sia così, anche solo vedendo la moltitudine di gay che si comportano in maniera diversa. Ci sono addirittura gay cattolici professori di fisica !

    [Ribadire questo, anche a discapito di chi esso sia, è un dovere sociale.[

    Un tuo dovere sociale, di chi ha la Verità in tasca e dunque vuole imporre le sue idee sugli altri.

    [Affrontiamo la questione in due punti
    a) come gli omosessuali corrono dei pericoli in quanto tali, spesso,e quindi subivano ed in parte ancora subiscono elle vessazioni, ugualmente i cristiani sono sbeffeggiati e combattuti politicamente solo perché tali.]

    I cristiani non sono sbeffeggiati, non sono combattutti, e non subiscono nulla. E poi la differenza tra gay e cristiani è sostanziale. Una è una condizione naturale, in quanto si manifesta spontaneamente in natura (vienimi a dire che i Gorilla omosessuali sono influenzati dal gay pride e diventano gay), essere cristiani è accettare un pacchetto costituito da dogmi, valori, codici comportamentali ecc. . Un nazista sarebbe combattutto in quanto tale perchè ciò che lui ha deliberatamente accettato “di pensare”, o scelto di ritenere più giusto, va contro la libertà e la salute altrui. Essere gay non significa aver scelto, è come essere biondi, come essere neri, come essere con gli occhi chiari e così via.

    b)[ la questione tasse della Chiesa può anche essere affrontata ma è un discorso intrinsecamente legato ANCHE alle altre confessioni, alle associazioni no-profit ed alle ONG varie, come anche agli altri stati, come anche ai vari enti pubblici o sindacati.
    Insomma se fai così la butti solo in caciara. Per quanto mi riguarda, di inghippi sono sicuro che ce ne siano, e spero scompaiano per il bene della collettività e della Chiesa stessa, ma spesso sono solo attacchi artati e gonfiati unicamente contro la Chiesa dimenticando ogni altra realtà.]
    No , quello che dici è vero SOLO in parte. Solo alcune esenzioni di cui gode la chiesa sono garantite a tutte le altre associazioni no-profit ecc. Altre sono esclusivi privilegi cattolici. Ad esempio il pagamento della bolletta dell’acqua, lo sconto sulla ZTL, oppure sulle tasse postali ecc. Quindi il tuo è un modo per buttarla in caciara e mischiare le carte, perchè evidentemente non sei informato sull’argomento.
    Comunque c’è poco da “sperare” che scompaiano, bisogna darsi da fare. Ad ogni modo quali attacchi? Avessi sentito una volta in televisione dire a qualcuno che noi spendiamo 6 miliardi l’anno per la chiesa cattolica, forse una volta ad Annozero. Vedi? E’ questo ciò a cui mi riferivo prima parlando di sindrome di persecuzione. Avete 6 miliardi di euro l’anno, una classe politica asservita, spazio mediatico, ma state qui a lamentarvi di quanto le persone brutte e cattive attaccano la vostra POVERA e perseguitata chiesa.

    ]Per comprendere veramente questo punto che affermi dovremmo però parlare del laicismo ed il discorso sarebbe troppo largo.
    Poi guarda io non ho frignato affatto. ]

    Leggi sopra.
    [Riporto questa tua frase per farti notare una contraddizione logica inerente alla tassazione:
    “Avete vinto, ancora una volta, costringendo tutti a pagarvi i conti, ma siete ancora qui a lamentarvi.”
    Tecnicamente ciò è un’impossibilità. A rigore ogni detrazione fiscale è quindi un’usurpazione verso il resto della cittadinanza eppure ciò non lo considereresti così.]

    Non condivido. a)Non lo è quando rispetta la legge. b)Non lo è quando ad un tipo specifico di organizzazioni viene garantita la stessa esenzione. Io contesto i privilegi. Io contesto quando i cattolici truffano per guadagnarsi un’esenzione fiscale che in quel caso non spettava loro. Oppure quando la chiesa è l’unica beneficiaria di alcune donazioni o esenzioni.
    E poi comunque non c’è proporzione che permette un paragone tra la chiesa e tutte le altre no-profit o ONG neanche messe insieme. Puoi fare un discorso di principio che tiene, ma quando vai a guardare i fatti, i soldi che vengono regalati alla chiesa (in maniera diretta o meno) non sono nemmeno paragonabili a quelli che vengono dati alle altre associazioni , così che il tuo discorso perde di credibilità.

    Inoltre come avevo già accennato, molte delle presunte agevolazioni non riguardano nello specifico la Chiesa ma realtà in cui la Chiesa rientra in quanto categoria.
    Poi certo per te la Chiesa mangia solo i soldi mentre non fà carità e varie altre belle cose.
    Ma questa logica la conosciamo già e si chiama socializzazione statualista.

    L’avevi accennato, ma ciò che dici è vero. Solo che una piccola parte di queste agevolazioni effettive (magari presunte) riguardano realtà in cui la chiesa rientra (e spesso ricorre all’illegalità per rientrarci) , ancora una volta ti dico che se vai a informarti rispetto a tutti i privilegi, esenzioni o regali che facciamo alla chiesa e SOLO a lei ti rendi conto che non ha senso. E poi il fatto che lei faccia carità ecc. non è una questione di opinioni ma di fatti. Fare carità con i soldi altrui mettendoci solo la faccia per me è ipocrita e troppo comodo. Ma comunque basta vedere i dati forniti dalla CEI stessa. Su un miliardo di euro 18/20 milioni vanno in carità. Fatteli tu i conti, forse il resto va in vasellina.

    Tu accusi “noi” dell’invasione che tu compi. E’ questa la vostra strategia da tempi immemori.
    Se la Chiesa sbaglia, discutiamone. Tu invece hai un partito preso a priori che non permette alcun dialogo.

    Io non pretendo di schiacchiare le vostre idee rimpiazzandole con le mie. E comunque in certe occasioni ci sono i fatti, non serve la discussione. Certe questioni non sono di opinione.
    Per dire:
    I riconoscimenti giuridici come pacs, l’aborto , l’eutanasia od anche a che livello è la tassazione, il tipo di conformazione statuale, quando è opportuno reagire e come, questi sono temi generali e naturali su cui la Chiesa ribadisce il giusto. Se gli vai contro nel torto sei tu.

    E poi sono io quello che ha un partito preso a priori? 🙂 Non so cosa risponderti, perchè non c’è nulla da dire. Ad ogni modo tutte quelle questioni sono individuali, ognuno può scegliere se compierle o meno e il fatto che la chiesa pretenda di imporre la SUA visione delle cose a tutti, è illeggittimo. Se tu vuoi, sposati , se tu vuoi non abortire, ma non impedire agli altri di fare come preferiscono, soprattutto quando si parla di questioni che non sono oggettive. Se a te piace stare 20 anni in un letto fermo paralizzato soffrendo tu e facendo soffrire i tuoi cari (e anche facendo spendere soldi a tutti) , nessuno ti impedisce di starci, nemmeno se viene legalizzata l’eutanasia; ma se io non voglio perchè diavolo mi devi costringere? Perchè tu hai la tua visione del c**** della vita? Vedi, questo è ingiusto.

    Mica si pretende che tu sia vergine al matrimonio, che tu vada a messa la domenica ed in tale giorno non si lavori, che tu ti confessi almeno a Pasqua e faccia la comunione almeno a Pasqua, che tu debba pregare il padre nostro almeno 3 volte al giorno, che tu digiuni e ti astieni dal sesso in determinati periodi,che tu sia per forza battezzato.

    Ci mancherebbe, ma la cosa non è diversa. Vietare l’aborto non è diverso. Obbligarmi a “vivere” allettato per anni è come obbligarmi ad andare in chiesa.

    E grazie che concordi…lo so benissimo.
    Il paese è religioso? E perché non avere programmi religiosi? Lamentati con la Rai ( essendo pubblica…dicono…) mica con me.

    Infatti non mi sto lamentando, ma bisogna guardare i dati di fatto. Ci stanno moltissimi programmi religiosi, tantissimo spazio mediatico dato alla religione, che non dico non ci debba essere, però non c’è la controparte scientifica. Non c’è una trasmissione che ti spiega nel dettaglio come sia nato l’universo, o cosa sia il bosone di Higgs e il campo bosoniano. Per questo dico che siamo un paese “clericale” più che religioso. Siamo il paese in cui uno non è che sceglie di fare educazione alla legalità , oppure se vuole vai a fare religione, siamo nel paese in cui tu fai religione e se ti dice bene che te lo permettono puoi fare educazione alla legalità. Siamo il paese che non pubblicizza sé stesso per l’8×1000 .
    Ora la questione 8×1000 sarà anche poco edificante, ma tutti sanno che per fare il bene c’è bisogno di una struttura che ha bisogno di olio per funzionare.
    Ci sono dei magheggi, degli inghippi, dei crimini?
    Qualcuno è corrotto?
    Bene , si carcerino tutti questi. Ma però si abbia qualche prova e qualche conoscenza di come funzionino le cose invece di sparare giudizi che poi vengono rettificati anni dopo, tanto l’importante era il fango mediatico.

    Tralasciando il fatto che di sostanze per fare la carità la chiesa ne ha a vagonate (tant’è che dell’8×1000 ne usa solo il 18% per quello, figurati) , io non sono contro l’8×1000 di per sé. Lo sono quando lo stato lascia le persone nell’ignoranza, che si fanno fregare la loro parte di 8×1000 non esprimendo la scelta, e dove lo stato (come ho detto) non pubblicizza sé stesso, nonostante l’8×1000 costituisca un fondo per la ricostruzione ai terremotati ad esempio.

    Io non sono affatto clericale.
    Il popolo italiano crede in qualche sua parte di essere cattolico, ma è lontano dalla Fede. Sono più cattolici popoli che non ostentano questa loro peculiarità secondo il detto ” chi parla ed appare poi non è”

    Ovvio, è questo che penso. Però il nome conta, e lo fanno contare le stesse gerarchie cattoliche che non pronunciano mai discorsi come il tuo. Ma anzi! Si vantano sempre di una quasi totalità di cattolici, anche se, come dici anche tu, lo sono solo di nome. Però che importa! Basta far vedere che influenzi potenzialmente 35 milioni di persone e nessun politico ti farà mai niente che non vuoi.

    Ad ogni modo la religione non è favola.
    Ma questo è un tema di difficile comprensione per chi ormai è imbevuto di una cultura deviata.

    Potrei fare lo stesso discorso al contrario. Per te è ormai impossibile capire che è una favola, essendone imbevuto.

    [D’altronde finché si blatera sull’esistenza di Dio invece di concepirne l’Unica Unità d’Essenza le atrocità aumenteranno ed i vizi pure.
    E tutti troveranno il capro espiatorio di turno.
    La filosofia con Cartesio è caduta nell’opinionismo. E si parli allora, ognuno ha da dire qualcosa, tutto è equivalente, la verità è convenzione e chi ne ha più ne metta.
    Però poi a frignare siete voi, mica “noi”. Cacciate Dio e poi ci interrogate sulla sua assenza, è un po’ ridicolo ( visto che oltretutto essenzialmente è impossibile ma non era qeusto l’aspetto che focalizzavo ).]

    Opinionismo , mah. Comunque “tutto è equivalente” è giusto quando si parla di scelte individuali, altrimenti basta guardare la realtà dei fatti. L’ultima frase non la capisco.

    [Guarda i simboli delle altre tradizioni altro non sono che intuizioni e retaggi di sapienze più antiche.
    Per un materialista , il cui funzionamento cerebrale è affine alla deviazione contorta che accompagna il paranoico, ogni altro dato è interpretato alla luce della sua lente offuscata.
    Per dirti risulta ovvio ( anche gli stoici vi erano giunti per dire , o le concezioni delle discese avatariche ne sono similari ) il Cristo , come dice Paolo,si sia annientato della sua Deità poiché la manifestazione del Verbo in quanto tale avrebbe annichilito il cosmo.
    Per comprenderne la necessità ontologica bisogno prima di tutto comprendere cosa significa UMANO , in secondo luogo bisogna capire che Cristo non aveva un ego ossia Egli ha assunto in sé la natura umana, non l’uomo Gesù che sarebbe non solo eretico ma anche inutile.
    L’ovvietà sta tutta nel fatto che se Dio non fosse stato incarnato sarebbe impossibile avere l’Universo poiché si creerebbe una frattura tra immanenza e trascendenza e sopratutto un limite alla sua Infinità che comprende ogni possibilità.
    E’ chiaro che nel divenire ogni cosa ha una sua congiuntura.
    Discutere sul quando significa indagare la “pienezza dei tempi” e comprendere l’unicità di tale evento sono termini sui cui si può anche dibattere giacché le cose vanno spiegate e precisate.
    Ma ogni altra tradizione , che deve conformarsi a differenze di tempo,luogo e qualità proprie a dati popoli, eccone spiegata la varietà, in sé afferma simbolicamente queste cose che celebrano e ritualizzano.]

    Mah. Comunque un religioso ha la sua lente offuscata quanto il materialista, per come la vedo. Ma comunque parli di trascendente, postuli dio senza metterlo in discussione, “la sua manifestazione avrebbe annichilito il cosmo” ?? Sinceramente mi sembrano chiacchiere sul nulla.
    [Chi nega i risultati? Io affermo solo che l’empirismo è una favola questa sì, che vogliono che crediate.
    D’altronde chi ci comanda credi che non abbia una sua “religione”?
    Con la fede, di solito, ci si divinizza, ossia si crea quell’unione tra universale e particolare cosicché l’infinito gusti sé stesso in ogni sua possibilità.
    Lo sai si che certe cose vanno lette simbolicamente? E lo sai sì che i miracoli , per chi domina le leggi della natura, non sono altro che quello che io faccio muovendo un dito?
    Veramente hai un concetto strano della realtà fisica.]

    L’empirismo è una favola perchè? La frase dopo per me non ha senso.
    Comunque il problema del “leggere simbolicamente” è un po’ spinoso, chi ti da la chiave di lettura? Te la dai tu da solo per farti tornare le cose? Oppure spiegami che significa dire che “[10]Questa è la discendenza di Sem: Sem aveva cento anni quando generò Arpacsad, due anni dopo il diluvio; [11]Sem, dopo aver generato Arpacsad, visse cinquecento anni e generò figli e figlie.
    [12]Arpacsad aveva trentacinque anni quando generò Selach; [13]Arpacsad, dopo aver generato Selach, visse quattrocentotrè anni e generò figli e figlie.
    [14]Selach aveva trent’anni quando generò Eber; [15]Selach, dopo aver generato Eber, visse quattrocentotrè anni e generò figli e figlie.”

    Allora non hai capito. Che il xxxxx viva la sua vita è pacifico. Che lo faccia ostentando NO; il che non significa che debba non far sapere di essere gay o che debba venir bistrattato perché tale.

    Haha ostentando cioè? Vivendo secondo la sua stessa essenza. Bene.
    Quelli che tu chiami diritti sono illegittimità. E’ questo che non capisci. Se il gay vuole lasciare l’eredità, và dal notaio, dov’è il problema?
    Ti chiedi perché non lo può fare? Peché ciò compete l’istituzione familiare ( ergo anche per le coppie di fatto etero non è possibile ).
    Il diritto non può venire cambiato a piacimento giacché esso sussiste ed ha competenze sul mondo secondo la natura propria di ciò che và a toccare.
    Ma ancora una volta è un discorso che non può essere compreso se ci si ferma al materialismo.

    No. Ci sono occasioni in cui mi rifiuto di rispondere a tali assurdità.

    Inoltre l’atto omosessuale è un atto disordinato e compiuto secondo modalità non edificanti che avranno ripercussione sull’anima dell’individuo.

    Disordinato? Perchè. Non edificante perchè? Anima? Dove? Ma per favore.

    Come la droga dà benessere e piacere immediati, ma poi porta alla degenerazione dell’individuo.

    Anche mangiare da piacere momentaneo, anche un bel libro, anche una bella canzone. Funziona per tutto?

    Così anche la fornicazione, sia chiaro. Qua ve fermate sempre ai froci ma il discorso è molto più ampio e leverebbe subito , se riproposto correttamente, tutta l’iperattenzione verso il mondo omosessuale.

    No siete voi che avete la paura del sesso.

    Per quanto riguarda il farsi prete, essendo la sacramentalità fondamentale e dovendo rispettare norme di purità ed ontologiche rispetto al sacramento ricevuto, egli dev’essere celibe.

    xxxxxx. Francamente. Non entro nel merito , dicevo solo che se il problema non era far figli , i preti creano questo problema (e le suore anche) , a prescindere dalle ragioni che uno ha.

    Se fossimo tutti preti l’umanità morirebbe sicuramente, è scontanto. Ma il rpete ha una funzione da adempiere, l’omosessuale no.

    L’omosessuale ha una vita da vivere.

    Ecco perché le richieste degli omosessuali non hanno senso , oltre ad essere illegittime di per sé.
    Siano omosessuali e basta, come è sempre stato. Anche io spero non vengano insultati e scansati, ma quello che richiedono è sovversivo oltre che idiota.

    Ok. Smetto in questo momento di leggere ciò che dici. Sto letteralmente sprecando il mio tempo a leggere frasi che sono palesemente in malafede.

    Si ma il problema è che voi volete rendere legale qualcosa che è contro la legge di per sé.

    Contro la legge? Essere omosessuale è contro la legge?
    Poi permettimi, quanta confusione. Tutti i filosofi sanno che l’amore non è una questione di sentimento ma è un atto di volontà.

    E le parole di un filosofo su una questione chimica per me contano meno delle tue (e ce ne vuole).

    [E la volontà deve rispettare determinate regole per essere corretta ed onesta.
    Sicuramente abbiamo varie gradualità e vari argomenti d’azione.
    Ma l’omosessualità come atto e pensiero erotico è il problema.
    Noi tutti siamo chiamati AD AMARCI.
    Il problema è che l’amore è di 3 tipi secondo la divisione greca. Forse delle coppie omosessuali possono anche riuscire ad avvicinarsi ad un certo tipo di amore completo ma il problema non è solo l’impossibilità intrinseca poiché per quanto ciò sia possibile non potrà mai essere completamente vero e sincero per via della difformità della natura e dell’oggetto d’amore rispetto alla reale Unione d’amore tra maschio e femmina ( senza dimenticare la grazia divina, ma sarebbe un altro discorso anche se fondamentale ) , ma soprattutto è un atto che , se pubblicizzato, crea scandalo.
    La questione è difatti PRIMARIAMENTE SOCIALE se ancora non lo avessi capito.]

    Tanto se non levi quegli assurdi assunti che hai le cose non cambieranno mai. Continui a parlare di cose innaturali, di tipi di amore , tutte questioni chimico-fisiche. Perciò….

    [Che pizza. NOn esistono culti politeisti tecnicamente. Sono solo degenerazioni del monoteismo.]

    In realtà sono nati prima i culti politeisti poi i monoteisti il che mi fa pensare che il monoteismo sia solo un’evoluzione di ALCUNI culti politeisti dettati da motivazioni sociali.

    [Inoltre a rigore neanche noi cristinai siamo monoteisti, e neanche gli ebrei e gli islamici se avessi la briga di studiare.
    Difatti i termini monoteismo e politeismo sono del tutto insensati.
    Ma questo è un altro discorso.]

    Si, così come è insensato il tuo dire “capire l’UNICO Dio” spontaneamente. Ma tanto…Comunque dubito che il Catechismo sia felice di sentirti dire che i cristiani non sono monoteisti a rigore.

    • San Luigi
      agosto 9, 2012

      Vuoi una dimostrazione che l’amicizia è una forma d’amore o che la pornografia è una forma di strumentalizzazione?
      Boh non ti capisco…ti devo dare pure la prova che il cielo è blu?
      A proposito che ne pensi di questo?
      http://www.repubblica.it/esteri/2012/08/08/news/dollari_immortalit-40558655/
      p.s. sì ci sono evidenze storiche nella tradizione cattolica
      p.p.s mi è sfuggita questa affermazione del corpo di spedizione, sarò distratto io ma non l’ho trovata, se sei più preciso discutiamo con le fonti
      p.p.p.s sugli anni ti ho già fornito vari orientamenti, ma perchè ti ci fissi, sai prendere la Bibbia e leggere frasi a caso non porta da nessuna parte.

  33. Maledettoilvostr'odio
    agosto 9, 2012

    Vai, parlami dell’amicizia come forma d’amore, ma prima dimmi cos’è l’amore, e poi anche cos’è un sentimento.
    Il cielo non esiste e lo sanno tutti.
    Comunque la Templeton finanzia spesso progetti del genere. Ma non ha senso investire un filosofo di tali compiti. Comunque non colgo il punto.

    Evidenze storiche ? Ci sono anche errori però. Ci sono aggiunte, ritrattazioni, negazioni cambiamenti ecc.

    ” Noah’s Ark Found? Insider Randall Price Now Says Discovery May Be a Hoax


    Cerca.

    No, non mi hai fornito niente. Mi hai detto “un simbolo” . Senza dirmi il criterio. Io voglio sapere la chiave di lettura per poter interpretare, cell’hai o interpreti come ti fa comodo? Perchè altrimenti tutto diventa un simbolo, dio, la creazione, il diluvio tutto.
    E poi io ho fatto un esempio. Ce ne sono molti altri, quello di Giona per esempio. Perchè se diventano simboli quando tu non li sai spiegare, e non sai nemmeno dire simboli di cosa e perchè la faccenda cambia (anche perchè dire 600 anni che diamine di simbolo è!).

    [10]Questa è la discendenza di Sem: Sem aveva cento anni quando generò Arpacsad, due anni dopo il diluvio; [11]Sem, dopo aver generato Arpacsad, visse cinquecento anni e generò figli e figlie.
    [12]Arpacsad aveva trentacinque anni quando generò Selach; [13]Arpacsad, dopo aver generato Selach, visse quattrocentotrè anni e generò figli e figlie.
    [14]Selach aveva trent’anni quando generò Eber; [15]Selach, dopo aver generato Eber, visse quattrocentotrè anni e generò figli e figlie.

    Spiegami questa parte (ne ho citata una piccola, è molto più lunga la parte simile) e dimmi come hai interpretato.

    • daouda
      agosto 9, 2012

      [Tralasciando che queste sono affermazioni tue che richiedono una dimostrazione, io sottolineavo il fatto che l’omosessualità non è una perversione sessuale patologica come quella di voler far sesso con gli animali, se cogli la differenza, dimmelo.]

      Allora forse non ci capiamo. I maschi che xxxxx sono dei pervertiti pure loro.
      Il sesso è un atto della più alta sacralità che non và profanato

      [La vostra rivelazione si. Ovvio.]

      Infatti. Inoltre il mormonismo è pieno di contraddizioni e teorizzazioni fallaci mentre , ad esempio, gli antichi misteri e le antiche sapienze sono comunque parzialmente illuminate poiché comunque insegnamento di maestri che grazie alla loro purità e costanza sono riusciti ad avere un rapporto con il divino, cosa che i mormoni non avranno mai.

      [600 anni non è un numero sibolico, anche perchè mi pare fosse “604” , e che simbolo è. E poi non solo lui, tu avrai letto la Genesi, e avrai visto che tutta la discendenza campa più o meno quegli anni. Comunque lui ne campa un altro centinaio dopo eaver costruito la barca.
      Comunque ci sono delle smentite da parte di alcuni membri del gruppo di spedizione da te evidenziato che parlano di legno portato li apposta, falsificando così come anni prima avevano falsificato delle foto. E comunque se pensavi veramente che ci fossero entrate tutte le specie animali, stai fresco.
      P.s. Un numero simbolico di cosa? Per dire che era “vecchio”? Proprio 604 anni un simbolo,. Oppure “L’intera vita di Adamo fu di 930 anni” , ovvio.]

      Innazitutto non si possono accollare al cristianesimo i difetti che sono dell’ebreaismo poiché noi leggiamo i libri sacri alla luce del Cristo e del suo Vangelo.
      La nostra sarà sempre una lettura diversa nei modi da quella ebraica, rispettando le quattro categorie d’importanza ( storico-letterale / morale / analogica / simbolica-anagogica ).
      PEr leggere la bibbia correttamente , alla maniera ebraica, bisogna padroneggiare la ghematria ossia la scienza delle lettere e dei numeri essendo una particolarità tutta ebraica ( ed araba, infatti il caso vale anche per il Corano ) la corrispondenza tra numeri e parole.

      Ad ogni modo è ovvio che gli abitanti della terra dei primordi vivessero di più. Anzi è scontanto anche il fatto che i loro corpi fossero così deboli come i nostri se non così materiali.
      E’ la legge dell’evoluzione inversa , dal polo spirituale del paradiso terrestre al polo materiale del futuro regno anticristico.
      E’ un’ovvietà filosofica.

      [Ti ho chiesto (in più post, e nemmeno solo io) di definire i termini con il quale ti spieghi ogni volta, cioè Verità, Principi, Essere, Assoluto, Intelletto e altre parole vane come queste, ma hai sempre glissato dal farlo]

      In verità lo ho sempre fatto e non hai mai capito. Perché se io ti scrivo che l’infinito è incontraddicibile per definizione poiché assimilabile al Tutto e quindi completamente Ab-solutus essendo che ogni realtà gli è propria e chiaramente non in quanto parte di esso ma in quanto esso stesso ( giacché l’infinità non dispone di parti per definizione ), tu non solo non comprendi le parole ma evadi gli stessi nessi causali e le sue conseguenze logico-pratiche di questa ovvietà.

      Possiamo parlare della relazione Uno-molteplice e cos’altro, ma negare Dio è un assurdo che non merita troppo tempo.

      [Un tuo problema che non mi riguarda. Ma comunque quelli che parlano di “presunta normalità” riguardo ai gay siete voi, e se questo non è sparare a zero…]

      Ti sfugge che quello che ha torto sei tu, non noi. Il discrimine è solo questo perché se fosse l’inverso, quantunque rimarresti “ospite di casa” ed il tuo comportamento non sarebbe comunque dei più consoni, avremmo torto noi.

      Riuscire a districarsi nei meandri dell’opinione per giungere alla verità è operazione possibile solo se si hanno principi universali che tu e quelli come te per definizione negate ossia, volendo, ad essere rigorosi e formalisti, ogni vostro parere o dato è da rifiutarsi a priori proprio per tale fallacia.
      Lo facciamo? No.
      Stiamo qui a dialogare ( anche se tu sei alquanto indisposto ). Noi ci basiamo sui principi per avallare quel che affermiamo.
      Come ho già scritto la problematica è il sesso e la sua sacralità.

      [I cristiani hanno la sindrome di persecuzione. E ciò che intendevo io era molto più semplice: avete uno spazio televisivo e mediatico che fa invidia ai più importanti politici, in tv si parla spessissimo di cristianità e mai di scienza seriamente , lo stato italiano vi da una fracca di soldi ogni anno, vi paghiamo tutto (ovviamente “vi” intendo le autorità ecclesiastiche) , però siete qui a parlare di società “sperimentalista” o come se il nostro paese non fosse completamente dominato dal clericalismo e dalla superstizione. Se fossimo un paese sperimentalista, i soldi che buttiamo dandoli a voi , li daremo alla ricerca. Ma indovina un po’ invece che succede? Esatto. Perciò siete sempre a piangere su quanto è anticlericale questa società, ma alla fine voi la spuntate sempre. Esempio lampante quello dell’ICI. Appena qualcuno si è ricordato che gli edifici ecclesiastici , a volte evadendo, sono esenti dall’ICI voi a gridare su come se la prendevano tutti con la buona e cara chiesa, ma dopo che non è stata messa comunque la tassa non avete mica detto “ah meno male, non esiste tutto questo anticlericalismo che pensavamo!” no! Continuate a piangere lo stesso!]

      Di chi è la colpa scusa? Avete chi? Anche a me dispiace che non si parli di scienza, ma ormai molti scienziati sono proni ad ideologismi che falsificano i dati della scienza stessi.
      E ringraziando Dio non vanno affermando le proprie amenità in televisione, ma come ho scritto, magari si parlasse di più di scienza, chi ne ha paura? Noi no di certo essendo la tradizione scientifica della Chiesa ancora oggi rigogliosa.

      Come ti ho già scritto io non nego che possono esserci delle incongruità , anche crimini quindi, ma la maggior parte delle agevolazioni che la Chiesa ha , come ho provato a dirti inutilmente, sono previste per moltissime altre realtà.
      Inoltre sta cosa della spesa che lo stato darebbe alla Chiesa quando essa con le sue opere fà risparmiare allo stato na fracca di soldi, beh, è ridicola.
      Ad ogni modo sei bravissimo a generalizzare ma poi come tutti, alla fonte dei dati, chiudi la coda dentro le gambe.
      L’importante è ripetere la propaganda, questo metodo molto simile agli intenti nazisti di Goebbels.

      Comunque sia sai perché la scienza non è in tv? Perché la scienza non rende dal punto di vista del mercato.
      La fede evidentemente si e non è cosa che mi dà fastidio e né che mi faccia particolarmente piacere.
      Le cose scientifiche sono per specialisti. Se parlare di Fede fosse il semplice indagare i misteri cristiani stai pur certo che non si avrebbero che uno sparuto numero di trasmissioni erudite sulla religione.

      Quindi , insomma, vedi di saper porre i problemi, i tuoi discorsi sembrano infantili.

      [Dipende dalla definizione di famiglia che assumi. Comunque non vedo perchè una coppia gay non possa formare una famiglia (anche se costituita da solo 2 elementi).Perciò nessuno pseudo, tu hai la tua definizione di famiglia, e se vuoi l’esclusiva del nome famiglia è un tuo problema egoistico.]

      Perché è impossibile.Anche la definizione di stato, di proprietà è un fine egoistico. Domani vengo a casa tua e ti prendo tutto perché il concetto di proprietà è falso.
      Indaga il perché io ti risponda che è impossibile, non fare i capricci.

      [Si chiama rivendicare un diritto. Perchè una coppia gay non può beneficiare delli stessi diritti giuridici di un’altra coppia? Quando si parla di poter far visita in ospedale ad esempio, perchè un compagno o una compagna gay/lesbica non potrebbe entrare dal suo compagno/compagna e un marito/compagno/moglie/compagna eterosessuale si? L’affetto e il legame dipendono da chi sei?]

      Guarda che noi diciamo quel che diciamo anche contro le coppie normosessuali.

      Se il problema è la visita all’ospedale, basta cambiare la legge.Ugualmente se si vuole lasciare l’eredità, si và dal notaio.

      [Questa è falsa. Postane una, o ritira questa espressione. Rivendicare i propri diritti non discrimina nessuno.]

      Ogni agevolazione illegittima è a discapito di qualcun altro.I gay dovrebbero solo pretendere che essi possano avere rispetto, cosa che effettivament non hanno e non hanno avuto in quanto persone.
      Il resto sono stupidaggini che danneggiano il resto della società.

      La pubblicistica che hanno i gay non è poi tanto eterofobica quanto sovversiva. Chiunque lo direbbe per l’esaltazione della droga , l’esaltazione del potere mafioso, l’esaltazione dell’alcolismo, l’esaltazione del gioco d’azzardo.

      [Sulle adozioni non mi pronuncio perchè non ho sentito abbastanza pareri medici / pedagogici. Però si, sono una questione politica nella misura in cui riguardano i diritti , è vero. Ma voi fate passare queste ovvie richieste di diritti per politiche di “lobby” o partiti. Ma per favore.]

      Esattamente così.

      [Ok, grazie di aver stabilito che sono illeggittime con tantissime prove.Comunque definire ideologia questo è un’esagerazione illeggittima, in quanto le richieste che loro rivendicano riguardano solo loro stessi, senza condizionare tutti e inoltre sono appunto soltanto delle richieste di diritti, la cui cosa non costituisce un’ideologia. “L’ ideologia è il complesso di credenze, opinioni, rappresentazioni, valori che orientano un determinato gruppo sociale.” I gay non hanno le loro opinioni in quanto gay, non hanno i loro valori in quanto gay, non hanno le loro credenze in quanto gay, questo è ciò che voi ritenete perchè pensate che essere gay sia come essere comunisti o come essere cristiani, come se si decidesse di “diventare gay” accettando in quel momento un pacchetto valoriale e sinceramente dubito che sia così, anche solo vedendo la moltitudine di gay che si comportano in maniera diversa. Ci sono addirittura gay cattolici professori di fisica !]

      Ma guarda le prove puoi anche andartele a cercare. Forse in luoghi più appropriati che su un blog. Ad ogni modo in altri post era stato scritto e scritto, insomma, che noia!
      Il problema è il sesso il suo scopo e la sua realtà, la natura umana nelle sue sfaccettature materiali ed immateriali, il mantenimento dell’ordine sociale, cosa è il vizio e cosa comporta, come gli atti influenzino la nostra struttura e come noi si sia in relazione con la realtà circostante, la relazione tra norme/leggi e l’essenza propria di quel che si indaga.
      Ma molte altre cose.

      Insomma tu vieni qua e blateri.Per parlare di certe invece cose bisogna avere competenza.

      [ Un tuo dovere sociale, di chi ha la Verità in tasca e dunque vuole imporre le sue idee sugli altri.]

      Apparte che le idee essendo universali , sono improprie ed impossedibili. Inoltre imporre ai recalcitranti l’ordine su questioni sociali non è sbagliato affatto.
      Tale dovere è mio e di tutti, ma massimamente dovrebbe essere incarnato dallo stato poiché tale è la sua ragion d’essere mentre esso è usato per fini opposti, anche in tempi passati sia chiaro.

      [I cristiani non sono sbeffeggiati, non sono combattutti, e non subiscono nulla. E poi la differenza tra gay e cristiani è sostanziale. Una è una condizione naturale, in quanto si manifesta spontaneamente in natura (vienimi a dire che i Gorilla omosessuali sono influenzati dal gay pride e diventano gay), essere cristiani è accettare un pacchetto costituito da dogmi, valori, codici comportamentali ecc. . Un nazista sarebbe combattutto in quanto tale perchè ciò che lui ha deliberatamente accettato “di pensare”, o scelto di ritenere più giusto, va contro la libertà e la salute altrui. Essere gay non significa aver scelto, è come essere biondi, come essere neri, come essere con gli occhi chiari e così via.]

      Dici?
      Scusa ma la logica dov’è…essere cristiani è ben prima della natura come lo spirito è ben prima della materia.
      Inoltre i dogmi non sono certo invenzioni ma enucleazioni simboliche di realtà effettive.
      Apparte che molti gay sono stati indotti ad esserlo. Apparte che l’orientamento sessuale lo stai sconfessando perché ora ti torna comodo far riferimento alla biologia, io fatto solo un’analogia ossia ho scritto che quando il gay è osteggiato in quanto tale ( ed è sbagliato ) ugualmente capita che il cristinao lo sia in quanto tale ( ed è sbagliato ). Tutto qua.
      Sei te che vai cercando difformità reali ma che con l’analogia espressa non hanno nulla a che fare!!!

      [No , quello che dici è vero SOLO in parte. Solo alcune esenzioni di cui gode la chiesa sono garantite a tutte le altre associazioni no-profit ecc. Altre sono esclusivi privilegi cattolici. Ad esempio il pagamento della bolletta dell’acqua, lo sconto sulla ZTL, oppure sulle tasse postali ecc. Quindi il tuo è un modo per buttarla in caciara e mischiare le carte, perchè evidentemente non sei informato sull’argomento.
      Comunque c’è poco da “sperare” che scompaiano, bisogna darsi da fare. Ad ogni modo quali attacchi? Avessi sentito una volta in televisione dire a qualcuno che noi spendiamo 6 miliardi l’anno per la chiesa cattolica, forse una volta ad Annozero. Vedi? E’ questo ciò a cui mi riferivo prima parlando di sindrome di persecuzione. Avete 6 miliardi di euro l’anno, una classe politica asservita, spazio mediatico, ma state qui a lamentarvi di quanto le persone brutte e cattive attaccano la vostra POVERA e perseguitata chiesa.]

      Ma lo sai che il Vaticano è uno stato? E lo sai che molte delle gabelle che magari la Chiesa non paga fà bene a non pagarle essendo illegittime, ossia, sei tu che dovresti pretendere le medesime cose, non imporre in modo masochistico ed invidioso quel che te paghi anche a chi non lo fà quando è ingiusto.
      Ma ad ogni modo cianciamo tutti e due.

      Chi porta i dati ed i riferimenti?

      [Non condivido. a)Non lo è quando rispetta la legge. b)Non lo è quando ad un tipo specifico di organizzazioni viene garantita la stessa esenzione. Io contesto i privilegi. Io contesto quando i cattolici truffano per guadagnarsi un’esenzione fiscale che in quel caso non spettava loro. Oppure quando la chiesa è l’unica beneficiaria di alcune donazioni o esenzioni.
      E poi comunque non c’è proporzione che permette un paragone tra la chiesa e tutte le altre no-profit o ONG neanche messe insieme. Puoi fare un discorso di principio che tiene, ma quando vai a guardare i fatti, i soldi che vengono regalati alla chiesa (in maniera diretta o meno) non sono nemmeno paragonabili a quelli che vengono dati alle altre associazioni , così che il tuo discorso perde di credibilità.]

      FINALMENTE ARGOMENTI E SI DIALOGA!!!!!!!!!
      bene.

      il tuo punto a) contraddice quanto hai scritto riportato appena sopra.

      PEr i cattolici che truffano, guarda, sfondi una porta aperta.PEr le esenzioni unicamente alla Chiesa, bisogna vedere quali esse siano e che giustificazione gli viene apportata.
      Non si può fare un discorso senza dati e senza comprensione del motivo del suo essere.

      Poi scusa, se vengono regalati migliaia di soldi alla Chiesa, e regolarmente, siano tanti o pochi, non mi interessa, anzi, son contento che son tanti.Basta che sia regolare.

      Inoltre come avevo già accennato, molte delle presunte agevolazioni non riguardano nello specifico la Chiesa ma realtà in cui la Chiesa rientra in quanto categoria.
      Poi certo per te la Chiesa mangia solo i soldi mentre non fà carità e varie altre belle cose.
      Ma questa logica la conosciamo già e si chiama socializzazione statualista.

      [L’avevi accennato, ma ciò che dici è vero. Solo che una piccola parte di queste agevolazioni effettive (magari presunte) riguardano realtà in cui la chiesa rientra (e spesso ricorre all’illegalità per rientrarci) , ancora una volta ti dico che se vai a informarti rispetto a tutti i privilegi, esenzioni o regali che facciamo alla chiesa e SOLO a lei ti rendi conto che non ha senso. E poi il fatto che lei faccia carità ecc. non è una questione di opinioni ma di fatti. Fare carità con i soldi altrui mettendoci solo la faccia per me è ipocrita e troppo comodo. Ma comunque basta vedere i dati forniti dalla CEI stessa. Su un miliardo di euro 18/20 milioni vanno in carità. Fatteli tu i conti, forse il resto va in vasellina.]

      Scusami eh ma cosa c’entra questo magna magna da verificare ed estirpare con i principi?

      La Chiesa piena di ipocriti? Sei arrivato tardi fratello!!! Se io vado in Chiesa è per i sacramenti, non per chi vedo e per i sepolcri imbiancati che trovo ( sperando di non esserlo io stesso )!

      Tu accusi “noi” dell’invasione che tu compi. E’ questa la vostra strategia da tempi immemori.
      Se la Chiesa sbaglia, discutiamone. Tu invece hai un partito preso a priori che non permette alcun dialogo.

      [Io non pretendo di schiacchiare le vostre idee rimpiazzandole con le mie. E comunque in certe occasioni ci sono i fatti, non serve la discussione. Certe questioni non sono di opinione.]

      ma neanche io. solo che finché non capiamo perché l’Universo sia e che scopo ha, è evidente che il dialogo tra di dice che io sono un lobotomizzato appecoronato e chi crede che l’altro è un deviato satanista SARA’ SOLO FINTO.

      Io non è che voglio imporre la Fede. Stiamo parlando solo e semplicemente di realtà sociali e naturali.

      [E poi sono io quello che ha un partito preso a priori? 🙂 Non so cosa risponderti, perchè non c’è nulla da dire. Ad ogni modo tutte quelle questioni sono individuali, ognuno può scegliere se compierle o meno e il fatto che la chiesa pretenda di imporre la SUA visione delle cose a tutti, è illeggittimo. Se tu vuoi, sposati , se tu vuoi non abortire, ma non impedire agli altri di fare come preferiscono, soprattutto quando si parla di questioni che non sono oggettive. Se a te piace stare 20 anni in un letto fermo paralizzato soffrendo tu e facendo soffrire i tuoi cari (e anche facendo spendere soldi a tutti) , nessuno ti impedisce di starci, nemmeno se viene legalizzata l’eutanasia; ma se io non voglio perchè diavolo mi devi costringere? Perchè tu hai la tua visione del c**** della vita? Vedi, questo è ingiusto.]

      Non puoi rispondermi finché si rimane sul vago. Questi atti non sono individuali ( anche il tipo di tassazione e la sua “pesantezza” non può essere arbitraria ).

      Per dirti però. A rigore se in Italia si volesse fare la poligamia io non dovrei dire niente poiché tale possibilità è del tutto naturale.

      Sull’eutanasia la problematica è simile alle richieste illegittime dei gay. Chi vuole morire ha molti modi per farlo, non serve certo un riconoscimento giuridico che di per sé è contraddittorio.
      Ergo se io stessi male, e non avessi la forza e la Grazia di Dio per capire e resistere, mi farei ammazzare.
      Ma ad ogni modo l’accanimento terapeutico è vietato. Basta definirlo meglio, non serve stravolgere il diritto.
      Ma un discorso interessante per quanto io ne sappia poco. Basta parlare e capire invece di cercare di annichilire l’altro e affermare che esso si basa su favole…

      [Ci mancherebbe, ma la cosa non è diversa. Vietare l’aborto non è diverso. Obbligarmi a “vivere” allettato per anni è come obbligarmi ad andare in chiesa.]

      L’aborto và contro un individuo e contro la realtà sociale.
      E’ del tutto diverso.
      Che poi ma come nascono i bambini? Se sei un xxxxxx, assumiti le responsabilità.
      E’ dibattuto il caso delle donne stuprate ad esempio e lì almeno c’è un motivo reale.
      Chi scopa irresponsabilmente è un cretino.

      E grazie che concordi…lo so benissimo.
      Il paese è religioso? E perché non avere programmi religiosi? Lamentati con la Rai ( essendo pubblica…dicono…) mica con me.

      [Infatti non mi sto lamentando, ma bisogna guardare i dati di fatto. Ci stanno moltissimi programmi religiosi, tantissimo spazio mediatico dato alla religione, che non dico non ci debba essere, però non c’è la controparte scientifica.]

      Ho già spiegato perché.

      Ma non mi paice questo attegiamneto come se noi volessimo in quanto cristiani ostacolare la Scienza.
      Ma magari se parlasse de Platone, Tommaso e Aristotele, così , riconoscendo i pregi ed i meriti di un Einstain si potrebbe affermare senza aver paura di venir considerati bigotti o cretini che egli era un ignorante riguardo la casualità dell’Universo, per scrivere, e così molti riguardo la questione della teoria dell stringhe o l’universo quantistico od olografico et similia, tutte cose che riguardano cmunque sia sempre la FISICA e non la META-FISICA ossia la fiosofia prima, i principi.
      Ma che paura dovrei avé?

      semmai come può essere un certo tipo di clericalismo, ugualmente c’è un certo tipo di scientismo.Come chi usa la fede per abbindolare, ugualmente c’è chi lo fà ideologicamente con la scienza.
      MA CONTRO DI QUESTI NON ALZATE MAI LA VOCE, E SONO ALTRETTANTO NEFASTI, SE NON DI PIU’.

      [Non c’è una trasmissione che ti spiega nel dettaglio come sia nato l’universo, o cosa sia il bosone di Higgs e il campo bosoniano. Per questo dico che siamo un paese “clericale” più che religioso. Siamo il paese in cui uno non è che sceglie di fare educazione alla legalità , oppure se vuole vai a fare religione, siamo nel paese in cui tu fai religione e se ti dice bene che te lo permettono puoi fare educazione alla legalità. Siamo il paese che non pubblicizza sé stesso per l’8×1000 .]

      ma tecnicamente il fatto che ci sia anche lo stato per l’8×1000 è comunque sia ilare e contraddittorio essendo istituito NON PER LUI.
      Comunque sia io sono d’accordo, ma sai, come ti scritto, quanti scienziati sono solo dei paraculi ideologizzati e politicamente schierati?

      Poi ricorda che la scienza si è ridotta a parlare di teorie opinabili. Sinceramente è ben poco scientifica e lo dico con tutta la stima che ho verso la vera scienza.

      [Tralasciando il fatto che di sostanze per fare la carità la chiesa ne ha a vagonate (tant’è che dell’8×1000 ne usa solo il 18% per quello, figurati) , io non sono contro l’8×1000 di per sé. Lo sono quando lo stato lascia le persone nell’ignoranza, che si fanno fregare la loro parte di 8×1000 non esprimendo la scelta, e dove lo stato (come ho detto) non pubblicizza sé stesso, nonostante l’8×1000 costituisca un fondo per la ricostruzione ai terremotati ad esempio.]

      Guarda che la questione della scelta è ripartita eh. E’ chiaro che la Chiesa prenda di più, è proporzionale…

      [Ovvio, è questo che penso. Però il nome conta, e lo fanno contare le stesse gerarchie cattoliche che non pronunciano mai discorsi come il tuo. Ma anzi! Si vantano sempre di una quasi totalità di cattolici, anche se, come dici anche tu, lo sono solo di nome. Però che importa! Basta far vedere che influenzi potenzialmente 35 milioni di persone e nessun politico ti farà mai niente che non vuoi.]

      Beh questo è vero.

      Ad ogni modo la religione non è favola.
      Ma questo è un tema di difficile comprensione per chi ormai è imbevuto di una cultura deviata.

      [Potrei fare lo stesso discorso al contrario. Per te è ormai impossibile capire che è una favola, essendone imbevuto.]

      Ovvio, è per questo che l’unico modo per non seguire una determinata sovrastruttura è seguendo la facoltà intellettuale che rimane sempre pura di per sé essendo universale e , diciamo, coestensiva all’uomo per quanto non sua propria essendo quella che viene chiamata la scintilla divina nell’anima.
      Oltre alle comprensioni intellettuali, la vera prova è “empirica” ( dove l’empirica và letto analogicamente giacché non si può fare, tecnicamente, esperienza di quel che è al di là del cosmo ) ossia divenire quel che è, divinizzarsi.
      Ma che me nefrega a me delle consolazioni psicologiche o della rettitudine di per sé stesse ( che anche ci stanno, come in tutto d’altronde ).

      Se non fosse tale l’intelletto, la cui capacità e potenza conferma una visione del mondo religiosa, non sarebb epossibile appurare alcuna verità e né sancire cosa possa riuscire a liberarsi da qualsivoglia sovrastruttura.
      Tanto varrebbe seguire modelli come De Sade, Stirner, Nietzsche o chi altro, che ne sò, Andrei Chitakilo o Adolf Hitler.

      [Opinionismo , mah. Comunque “tutto è equivalente” è giusto quando si parla di scelte individuali, altrimenti basta guardare la realtà dei fatti. L’ultima frase non la capisco.]

      Cartesio è un buontempone 😉 Quello che volevo scrivere era. Prima annichiliscono la fede , poi recriminano che essa sia mal vissuta.
      E’ una strategia di guerra, pura e semplice di cui tu ti fai collaboratore nella misura in cui rinunci al dialogo.
      ORa stavamo facendo ciò, ma ci abbiamo messo un po’ di messaggi…

      [Mah. Comunque un religioso ha la sua lente offuscata quanto il materialista, per come la vedo. Ma comunque parli di trascendente, postuli dio senza metterlo in discussione, “la sua manifestazione avrebbe annichilito il cosmo” ?? Sinceramente mi sembrano chiacchiere sul nulla.]

      Per chi ha una certa comprensione intellettuale tali frasi comportano riflessioni drastiche e profonde. Come il matematico che pone i numeri innanzi ad un pur bravo giurista non ricevererà che uno sguardo perplesso.

      Chi morrà vedrà.

      [L’empirismo è una favola perchè? La frase dopo per me non ha senso.]

      LA frase dopo voleva solo farti presente che quelli che divulgano ateismo e scientismo e progressismo morale et similia sono gli stessi che credono in una “divinità” e che sanno che ad esempio l’egualitarismo collettivista è una stupidaggine.

      Comunque sia calcolando che si dovrebbe aver sperimentato dall’inizio dell’universo alla sua fine, perpetuamente senza aver manco mai, avendo tenuto comunque conto di qualsiasi possibile interagibilità che possa aver influenzato un esperimento, E’ OVVIO CHE LE DIMOSTRAZIONI PRATICHE SIANO SOLO EVENTI DIPENDENTI DA LEGGI LA CUI GIUSTEZZA E’ INDAGABILE SOLO TEORICAMENTE OSSIA GIUSTIFICABILE SOLO TRAMITE L’INTELLETTO.Gli eventi pratici affinano la riflessione e le danno orientamento ma non provano nulla.

      [Haha ostentando cioè?]

      ostendando qualcosa che , essendo vizioso, non ha legittimità in campo pubblico.

      [No. Ci sono occasioni in cui mi rifiuto di rispondere a tali assurdità.]

      eppure mi sembrava abbastanza chiaro che un diritto deve avere corrispondenza con la natura propria che và ad indagare.
      Altrimenti anche io ho diritto ad avere una zappa al posto del braccio…

      [Disordinato? Perchè. Non edificante perchè? Anima? Dove? Ma per favore.]

      Vedi…se non poni Dio ed il fine del cosmo all’inizio , come si può parlare? A te non interessa neanche valutare le nostre posizioni.
      Ci avevo sperato…mi sembrava…ma non è così.

      E’ inutile mettersi d’accordo sui casi specifici quando sui principi non si ha intesa.

      Scusami ma perché sei così illogico. Se uno leggesse tutto il tempo sarebbe dannosso, come se uno mangiasse sempre, come se uno si martoriasse l’udito con la musica. Questa è questione di quantità ed ordine del tempo.

      Gli atti gay chi li vuole fare li faccia ma non pretenda di asserire che , come un ubriacone che affermi di godere di ottima lucidità, egli è un essere andante verso l’armonia.

      ma allora perché rompi le palle coi froci. E’ meglio e più onesta e specifica la vecchia cantilena della sessuofobia!

      Per quanto riguarda il farsi prete, essendo la sacramentalità fondamentale e dovendo rispettare norme di purità ed ontologiche rispetto al sacramento ricevuto, egli dev’essere celibe.

      [Sticazzi. Francamente. Non entro nel merito , dicevo solo che se il problema non era far figli , i preti creano questo problema (e le suore anche) , a prescindere dalle ragioni che uno ha.]

      MA che c’entra…il problema dell’omosessualità ed il fatto che non abbia possibilità fertile come rapporto è inerente alla sessualità.
      Questo collegamento coi preti è assurdo perché essi DOVREBBERO rinunciare per definizione al sesso e rinunciano a formare una coppia.

      [L’omosessuale ha una vita da vivere.]

      e che il prete no?

      [Ok. Smetto in questo momento di leggere ciò che dici. Sto letteralmente sprecando il mio tempo a leggere frasi che sono palesemente in malafede.]

      Ma nun ciài capito na mazza e mmo sò io quello in malafede? Fà come te pare…

      [Contro la legge? Essere omosessuale è contro la legge?]

      Legge naturale intendevo.

      [E le parole di un filosofo su una questione chimica per me contano meno delle tue (e ce ne vuole).]

      Lo sapevo che tiravi fuori sta stupidaggine. Ti consiglierei di non dare credito ai tuoi pensieri essendo aggregazioni fittizie di risultanze elettriche e chimiche.
      VUoi fare il materialista : NON PENSARE , ah, certo, sempre che tu non riesca a dimostrare che un concetto possa avere “residenza” nell’empirico!
      E saremmo noi quelli che credono alle favole?

      [Tanto se non levi quegli assurdi assunti che hai le cose non cambieranno mai. Continui a parlare di cose innaturali, di tipi di amore , tutte questioni chimico-fisiche. Perciò…]

      Idem come sopra. Ma che scrivi a fà?

      [In realtà sono nati prima i culti politeisti poi i monoteisti il che mi fa pensare che il monoteismo sia solo un’evoluzione di ALCUNI culti politeisti dettati da motivazioni sociali. Si, così come è insensato il tuo dire “capire l’UNICO Dio” spontaneamente. Ma tanto…Comunque dubito che il Catechismo sia felice di sentirti dire che i cristiani non sono monoteisti a rigore ]

      Guarda che i culti politeisti sono una degenerazione di culti monoteistici quantunque anche nei culti monoteistici ci siano aspetti politeistici.
      Ma qui si và sul tecnico giacché ad esempio il culto dei santi non è che un omaggio ad essi ed una adorazione tramite loro delle energie/virtù divine in essi coabitanti essendo che non ha senso a rigore la distinzione trascenden-immanente.

      Stiamo semplicemente usando i termini in modo conviviale. Dovessimo usarli in modo tecnico dovremmo avere pure altra caratura personale, non credi?

      Il tutto era solo per farti capire che è il monoteismo a stare prima. Gli hindù, per dire, sono monoteisti, o volendo enoteisti.
      Ma il principio è Uno.

      • Maledettoilvostr'odio
        agosto 9, 2012

        daouda
        agosto 9, 2012

        [Allora forse non ci capiamo. I maschi che xxxxxxxx sono dei pervertiti pure loro.
        Il sesso è un atto della più alta sacralità che non và profanato]

        Forse tu non capisci. Essere omosessuale non significa strettamente xxxxxxx. Essere attratti da un uomo per un uomo non significa xxxxxxx. Quindi una coppia omosessuale che non “xxxxxxx” dovrebbe godere di quei diritti? E invece chi ha rapporti sessuali con anticoncezionali non dovrebbe? Ma dai.

        [Infatti. Inoltre il mormonismo è pieno di contraddizioni e teorizzazioni fallaci mentre , ad esempio, gli antichi misteri e le antiche sapienze sono comunque parzialmente illuminate poiché comunque insegnamento di maestri che grazie alla loro purità e costanza sono riusciti ad avere un rapporto con il divino, cosa che i mormoni non avranno mai.]

        Anche la vostra religione è piena di contraddizioni e cavolate, per non parlare di PESSIMI insegnamenti morali. Ergo?
        [Innazitutto non si possono accollare al cristianesimo i difetti che sono dell’ebreaismo poiché noi leggiamo i libri sacri alla luce del Cristo e del suo Vangelo.
        La nostra sarà sempre una lettura diversa nei modi da quella ebraica, rispettando le quattro categorie d’importanza ( storico-letterale / morale / analogica / simbolica-anagogica ).
        PEr leggere la bibbia correttamente , alla maniera ebraica, bisogna padroneggiare la ghematria ossia la scienza delle lettere e dei numeri essendo una particolarità tutta ebraica ( ed araba, infatti il caso vale anche per il Corano ) la corrispondenza tra numeri e parole.]

        Bhè ma siete voi che vi siete accollati i libri degli Ebrei , mica io. Poi il libro uno è, e il fatto che ebrei e voi lo leggiate in maniera diversa mi sa tanto di oroscopo, cioè un ammasso di frasi vaghe che ognuno fa combaciare con quello che più è comodo.
        [Ad ogni modo è ovvio che gli abitanti della terra dei primordi vivessero di più. Anzi è scontanto anche il fatto che i loro corpi fossero così deboli come i nostri se non così materiali.
        E’ la legge dell’evoluzione inversa , dal polo spirituale del paradiso terrestre al polo materiale del futuro regno anticristico.
        E’ un’ovvietà filosofica.]

        Questa è il top. E’ un’ovvietà filosofica? Forse, ma anche una xxxxsperimentale e una cazzata storica. No, seriamente, non posso mettermi a confutare delle cose basate sul NULLA.
        Tra l’altro dov’è che Dio dice “vi credo che campate tanto, e prima o poi morirete sempre prima? E soprattutto si sta sbagliando, perchè le persone campano di più di secoli fa, come mai?

        [In verità lo ho sempre fatto e non hai mai capito. Perché se io ti scrivo che l’infinito è incontraddicibile per definizione poiché assimilabile al Tutto e quindi completamente Ab-solutus essendo che ogni realtà gli è propria e chiaramente non in quanto parte di esso ma in quanto esso stesso ( giacché l’infinità non dispone di parti per definizione ), tu non solo non comprendi le parole ma evadi gli stessi nessi causali e le sue conseguenze logico-pratiche di questa ovvietà.]

        Bhè , non hai chiarito cosa sia il Tutto e poi contiene delle contradizioni logiche ciò che hai scritto, perciò per me sono parole vuote. Tante belle chiacchiere con termini filosofiche ma che non significano nulla.

        [Possiamo parlare della relazione Uno-molteplice e cos’altro, ma negare Dio è un assurdo che non merita troppo tempo.]

        Certo, certo.

        Ti sfugge che quello che ha torto sei tu, non noi. Il discrimine è solo questo perché se fosse l’inverso, quantunque rimarresti “ospite di casa” ed il tuo comportamento non sarebbe comunque dei più consoni, avremmo torto noi.

        Ah, meno male che tu mi dici che ho torto.
        Riuscire a districarsi nei meandri dell’opinione per giungere alla verità è operazione possibile solo se si hanno principi universali che tu e quelli come te per definizione negate ossia, volendo, ad essere rigorosi e formalisti, ogni vostro parere o dato è da rifiutarsi a priori proprio per tale fallacia.
        Lo facciamo? No.
        Stiamo qui a dialogare ( anche se tu sei alquanto indisposto ). Noi ci basiamo sui principi per avallare quel che affermiamo.
        Come ho già scritto la problematica è il sesso e la sua sacralità.
        Dipende dalla definizioni di principi che tu usi. Io ho un principio universale, ed’è metodologico, cioè per giungere alla verità c’è un metodo preciso da seguire che si basa sul continuo riscontro con la realtà, previsione e verifica . I tuoi “principi” sono contenutistici, ma non dimostrati, e valgono meno di nulla per me.
        Il sesso per me non è sacro, e sei tu che hai l’onere della prova. Non vedo cosa ci sia di sacro nello sfregare le cellule del glande fino a che dei muscoli non si contraggano e rilascino del liquido seminale (da parte maschile) , oppure dalla stimolazione delle terminazioni nervose nella vagina fino a (se sei bravo, ipotesi che escludo) alla contrazione dei muscoli anali. Mah. A me sembra solo un meccanismo naturale senza niente di trascendetale, senza nessun valore aggiunto artificialmente che tu vuoi per forza attribuirgli.
        [Di chi è la colpa scusa? Avete chi? Anche a me dispiace che non si parli di scienza, ma ormai molti scienziati sono proni ad ideologismi che falsificano i dati della scienza stessi.
        E ringraziando Dio non vanno affermando le proprie amenità in televisione, ma come ho scritto, magari si parlasse di più di scienza, chi ne ha paura? Noi no di certo essendo la tradizione scientifica della Chiesa ancora oggi rigogliosa.]

        Non stavo cercando le colpe ma stavo solo dicendo che la situazione è questa, nei fatti. E quindi c’è poco da gridare che viviamo in una società “sperimentalista” perchè viviamo in una società totalmente immersa nella superstizione e nel clericalismo.
        [Come ti ho già scritto io non nego che possono esserci delle incongruità , anche crimini quindi, ma la maggior parte delle agevolazioni che la Chiesa ha , come ho provato a dirti inutilmente, sono previste per moltissime altre realtà.
        Inoltre sta cosa della spesa che lo stato darebbe alla Chiesa quando essa con le sue opere fà risparmiare allo stato na fracca di soldi, beh, è ridicola.]

        Non sono la maggior parte, informati e te ne rendi conto. E soprattutto quanto ne beneficia lei non è proporzionalmente paragonabile a quanto ne beneficiano le altre realtà.
        Comunque lo stato con 6 miliardi l’anno potrebbe (potenzialmente, ma il beneficio del dubbio va dato) fare molto più di quello che la chiesa fa (in maniera discriminatoria a volte, come negli scout..). E poi sembra che la chiesa faccia un favore allo stato. Questo è il semplice accordo fatto con la rettifica di quel maledetto concordato , dove lo stato appalta la carità alla chiesa mantenendola per renderla necessaria. No carità=Chiesa inutile. Se lo stato si occupasse di carità la chiesa sarebbe inutile e non potrebbe pretendere i privilegi che ha, e quando mai questo avverrà mai in uno stato clericale?

        [Ad ogni modo sei bravissimo a generalizzare ma poi come tutti, alla fonte dei dati, chiudi la coda dentro le gambe.
        L’importante è ripetere la propaganda, questo metodo molto simile agli intenti nazisti di Goebbels.]

        http://Www.icostidellachiesa.it io ho fatto anche degli esempi specifici, tu invece hai generalizzato. Comunque quelli che fanno propaganda e spendono anche più di quanto investono in carità non siamo “noi”.
        [Comunque sia sai perché la scienza non è in tv? Perché la scienza non rende dal punto di vista del mercato.
        La fede evidentemente si e non è cosa che mi dà fastidio e né che mi faccia particolarmente piacere.
        Le cose scientifiche sono per specialisti. Se parlare di Fede fosse il semplice indagare i misteri cristiani stai pur certo che non si avrebbero che uno sparuto numero di trasmissioni erudite sulla religione.
        Quindi , insomma, vedi di saper porre i problemi, i tuoi discorsi sembrano infantili.]

        A questo poteva arrivarci anche un bambino, ma io non stavo piangendo sul fatto “oh no , neanche un programma scientifico” , stavo solo dimostrando nei fatti che dire che viviamo in una società in cui la religione è sbeffegiata e lo “sperimentalismo scientifico” è all’ordine del giorno è una falsità biblica (perdonatemi la battuta) . E questo ti dimostra anche come religione e ignoranza vanno da sempre a braccetto. Per capire la scienza serve una forma mentis e delle conoscenze, nonché un impegno attivo, per sentire il papa che parla e prenderlo alla lettera spegnendo il cervello non è richiesto nulla.

        [Perché è impossibile.Anche la definizione di stato, di proprietà è un fine egoistico. Domani vengo a casa tua e ti prendo tutto perché il concetto di proprietà è falso.
        Indaga il perché io ti risponda che è impossibile, non fare i capricci.]

        Esatto, e quindi non vedo perchè dovremmo far valere la tua definizione sulla mia. E il fatto che tu venga a rubare a me è un danno, il fatto che due gay possano risultare giuridicamente (che è un ambito dove regna la convenzione) come famiglia non crea danni a nessuno.
        Guarda che noi diciamo quel che diciamo anche contro le coppie normosessuali.
        Se il problema è la visita all’ospedale, basta cambiare la legge.Ugualmente se si vuole lasciare l’eredità, si và dal notaio.

        Oppure si cambia UNA legge dalla quale ne derivano tutte le altre. Non vedo cosa ci sia di difficile da capire.Ma poi è inutile discutere di questo. E’ lapalissiano che il monopolio sui matrimonio è uno strumento di controllo cattolico che non sarete mai disposti a cedere o a vedervi strappato.
        [Questa è falsa. Postane una, o ritira questa espressione. Rivendicare i propri diritti non discrimina nessuno.]
        Ogni agevolazione illegittima è a discapito di qualcun altro.I gay dovrebbero solo pretendere che essi possano avere rispetto, cosa che effettivament non hanno e non hanno avuto in quanto persone.
        Il resto sono stupidaggini che danneggiano il resto della società.

        Agevolazione? Illeggittima? Non corcordo con nessuna di queste due parole. Concedere loro di sposarsi non sarebbe una agevolazione (in quanto non è che loro guadagnano questo diritto mentre le altre coppie no) tantomeno illeggittima , in quanto non sei certo tu a poterlo giudicare (e nemmeno io).Per quanto riguarda il danneggiare la società, spiega come, perchè non vedo una ragione che sia una.
        [La pubblicistica che hanno i gay non è poi tanto eterofobica quanto sovversiva. Chiunque lo direbbe per l’esaltazione della droga , l’esaltazione del potere mafioso, l’esaltazione dell’alcolismo, l’esaltazione del gioco d’azzardo.]

        Questo è collegato al fatto dei “danni per la società” i gay non ne creano, ciò che hai citato, si.
        [Esattamente così.]
        Bhè finchè non mi dici quale sarebbe questa “lobby” e che interessi ha al di fuori dei propri SENZA esserci un discapito altrui, resta aria fritta. Perchè vedi, in america i produttori di sigarette sono una lobby, che spinge e condiziona il governo per ottenere dei PRIVILEGI. I gay cercano i loro diritti che le altre persone già hanno e la definizione mi pare alquanto coraggiosa. Per non parlare del fatto che se anche fossero una lobby sarebbero debolissimi perchè ancora non hanno guadagnato nulla, mentre la “lobby” cattolica è la più potente perchè condiziona governi da secoli.
        [Ma guarda le prove puoi anche andartele a cercare. Forse in luoghi più appropriati che su un blog. Ad ogni modo in altri post era stato scritto e scritto, insomma, che noia!
        Il problema è il sesso il suo scopo e la sua realtà, la natura umana nelle sue sfaccettature materiali ed immateriali, il mantenimento dell’ordine sociale, cosa è il vizio e cosa comporta, come gli atti influenzino la nostra struttura e come noi si sia in relazione con la realtà circostante, la relazione tra norme/leggi e l’essenza propria di quel che si indaga.
        Ma molte altre cose.]
        Tutte questioni opinabili e soggettive.
        [Insomma tu vieni qua e blateri.Per parlare di certe invece cose bisogna avere competenza.]

        Esatto, per esempio bisogna essere dei biologi o chimici per poter parlare del nostro corpo, non degli pseudo teologi con qualche conoscenza Agostiniana che blaterano con termini vuoti.
        [Apparte che le idee essendo universali , sono improprie ed impossedibili. Inoltre imporre ai recalcitranti l’ordine su questioni sociali non è sbagliato affatto.
        Tale dovere è mio e di tutti, ma massimamente dovrebbe essere incarnato dallo stato poiché tale è la sua ragion d’essere mentre esso è usato per fini opposti, anche in tempi passati sia chiaro.]
        Si, un ordine stabilito sul nulla, stiamo sempre la. Il problema è pensare di avere la verità in tasca. Capito questo, tutti i tuoi ragionamenti li capisco perfettamente.
        [I cristiani non sono sbeffeggiati, non sono combattutti, e non subiscono nulla. E poi la differenza tra gay e cristiani è sostanziale. Una è una condizione naturale, in quanto si manifesta spontaneamente in natura (vienimi a dire che i Gorilla omosessuali sono influenzati dal gay pride e diventano gay), essere cristiani è accettare un pacchetto costituito da dogmi, valori, codici comportamentali ecc. . Un nazista sarebbe combattutto in quanto tale perchè ciò che lui ha deliberatamente accettato “di pensare”, o scelto di ritenere più giusto, va contro la libertà e la salute altrui. Essere gay non significa aver scelto, è come essere biondi, come essere neri, come essere con gli occhi chiari e così via.]
        Dici?
        Scusa ma la logica dov’è…essere cristiani è ben prima della natura come lo spirito è ben prima della materia.
        Inoltre i dogmi non sono certo invenzioni ma enucleazioni simboliche di realtà effettive.
        Apparte che molti gay sono stati indotti ad esserlo. Apparte che l’orientamento sessuale lo stai sconfessando perché ora ti torna comodo far riferimento alla biologia, io fatto solo un’analogia ossia ho scritto che quando il gay è osteggiato in quanto tale ( ed è sbagliato ) ugualmente capita che il cristinao lo sia in quanto tale ( ed è sbagliato ). Tutto qua.
        Sei te che vai cercando difformità reali ma che con l’analogia espressa non hanno nulla a che fare!!!

        I bambini nascono atei. Diventano cristiani col tempo. Essere cristiani non è una condizione naturale, né prenaturale, e che lo spirito (del quale non dimostri l’esistenza…e come potresti.) esiste prima della natura è palesemente falso, o non dimostrato.
        Che molti gay sono stati indotti ad “esserlo” devi dimostrarlo, perchè quello che so e che è empiricamente dimostrabile è che molti sono stati indotti a rivelarsi tali. Comunque l’orientamento sessuale potrebbe essere benissimo un fattore genetico , ci sono studi che parlano di quantità ormonale nel feto prima della nascita che condiziona l’orientamento sessuale futuro. E poi tutti sanno che si nasce bisessuale.
        Comunque il cristiano è osteggiato in quanto tale, perchè la sua ideologia costituisce delle determinate regole che vanno contro la libertà altrui. E essere cristiani significa assumersi anche la storia della chiesa che è sporchissima di sangue. Per quanto riguarda i dogmi, direi che ciò che dici è falso. Se fossero realtà effettive non servirebbe porre un dogma.Dire 60 anni fa che la madonna è ascesa in cielo, dubito sia una enunciazione simbolica (di che?) di una realtà effettiva (e qui è la parte divertente, perchè viene spiegata con “aria rarefatta” che ha permesso ciò.)

        [Ma lo sai che il Vaticano è uno stato? E lo sai che molte delle gabelle che magari la Chiesa non paga fà bene a non pagarle essendo illegittime, ossia, sei tu che dovresti pretendere le medesime cose, non imporre in modo masochistico ed invidioso quel che te paghi anche a chi non lo fà quando è ingiusto.
        Ma ad ogni modo cianciamo tutti e due.
        Chi porta i dati ed i riferimenti?]
        Vedi sopra.

        PEr i cattolici che truffano, guarda, sfondi una porta aperta.PEr le esenzioni unicamente alla Chiesa, bisogna vedere quali esse siano e che giustificazione gli viene apportata.
        Non si può fare un discorso senza dati e senza comprensione del motivo del suo essere.
        Poi scusa, se vengono regalati migliaia di soldi alla Chiesa, e regolarmente, siano tanti o pochi, non mi interessa, anzi, son contento che son tanti.Basta che sia regolare.
        Io non sono contento quando li devo dare anche io. Se vuoi darli tu, fai pure.
        [L’avevi accennato, ma ciò che dici è vero. Solo che una piccola parte di queste agevolazioni effettive (magari presunte) riguardano realtà in cui la chiesa rientra (e spesso ricorre all’illegalità per rientrarci) , ancora una volta ti dico che se vai a informarti rispetto a tutti i privilegi, esenzioni o regali che facciamo alla chiesa e SOLO a lei ti rendi conto che non ha senso. E poi il fatto che lei faccia carità ecc. non è una questione di opinioni ma di fatti. Fare carità con i soldi altrui mettendoci solo la faccia per me è ipocrita e troppo comodo. Ma comunque basta vedere i dati forniti dalla CEI stessa. Su un miliardo di euro 18/20 milioni vanno in carità. Fatteli tu i conti, forse il resto va in vasellina.]
        Scusami eh ma cosa c’entra questo magna magna da verificare ed estirpare con i principi?

        Prima di tutto io mi interesso della realtà dei fatti, quindi dei “principi” me ne sbatto. Secondo il tuo “da estirpare” è sterile se poi nessuno di voi dice nulla. Terzo come farebbe la chiesa, ispirata divinamente a commettere tutto questo magna magna ? Perchè è composta da persone? Bene, allora l’ispirazione divina non conta nulla.
        La Chiesa piena di ipocriti? Sei arrivato tardi fratello!!! Se io vado in Chiesa è per i sacramenti, non per chi vedo e per i sepolcri imbiancati che trovo ( sperando di non esserlo io stesso )!

        Parla per te, purtroppo la maggior parte va per tutt’altro.
        ma neanche io. solo che finché non capiamo perché l’Universo sia e che scopo ha, è evidente che il dialogo tra di dice che io sono un lobotomizzato appecoronato e chi crede che l’altro è un deviato satanista SARA’ SOLO FINTO.
        Io non è che voglio imporre la Fede. Stiamo parlando solo e semplicemente di realtà sociali e naturali.

        Si ma il problema è che tu hai una visione altri hanno la loro. La differenza si può spiegare con un semplice esempio: l’eutanasia, per esempio.
        Immagina una persona paralizzata da 30 anni. Una persona come me, preferirebbe morire. Probabilmente uno come te , preferirebbe “vivere” a ogni costo. La differenza tra me e te è che io chiedo una legge che permetta a ognuno di scegliere secondo le proprie idee. Tu vuoi una legge che permetta solo la scelta dettata dalla tua idea.
        [Non puoi rispondermi finché si rimane sul vago. Questi atti non sono individuali ( anche il tipo di tassazione e la sua “pesantezza” non può essere arbitraria ).]

        Si, l’aborto è una questione individuale, così come tutto il resto. Se la mia ragazza abortisce a te non cambia nulla.
        [Per dirti però. A rigore se in Italia si volesse fare la poligamia io non dovrei dire niente poiché tale possibilità è del tutto naturale.]
        Infatti, io tra l’altro non ci vedrei nessun problema, tranne ciò che ne conseguirebbe. Cioè un notevole abbassamento dei diritti della donna e della sua importanza, con conseguente perdita di diritti. Ma si. Se venisse permessa la poligamia a me nei fatti non cambierebbe niente. Se non voglio mi sposo solo una donna. Se una donna vuole sposarsi con un uomo che si sposa con altre donne (il consenso della donna in questo mi sembra fondamentale e se garantito allora ok) , scelta sua, nessun problema.
        [Sull’eutanasia la problematica è simile alle richieste illegittime dei gay. Chi vuole morire ha molti modi per farlo, non serve certo un riconoscimento giuridico che di per sé è contraddittorio.]

        Paralizzato o in coma non puoi morire autonomamente.

        [Ergo se io stessi male, e non avessi la forza e la Grazia di Dio per capire e resistere, mi farei ammazzare.
        Ma ad ogni modo l’accanimento terapeutico è vietato. Basta definirlo meglio, non serve stravolgere il diritto.
        Ma un discorso interessante per quanto io ne sappia poco. Basta parlare e capire invece di cercare di annichilire l’altro e affermare che esso si basa su favole…]
        Io non voglio che qualcuno mi ammazzi, voglio solo che si sospendano le cure. Non voglio sentire nessuno responsabile della mia morte se non me stesso.
        E per accanimento terapeutico non si potrà mai intendere il solo nutrimento, ad esempio. Quindi è impossibile definirlo meglio in questo senso.
        [L’aborto và contro un individuo e contro la realtà sociale.
        E’ del tutto diverso.
        Che poi ma come nascono i bambini? Se sei un xxxxxxx, assumiti le responsabilità.
        E’ dibattuto il caso delle donne stuprate ad esempio e lì almeno c’è un motivo reale.
        Chi scopa irresponsabilmente è un cretino.]
        Un feto non è un individuo, e spesso è un processo l’aborto che giova molto di più alla società di un parto non voluto. Senza considerare l’aborto terapeutico.
        Può essere un preservativo rotto, un liquido preseminale che per iprudenza ha raggiunto la vagina , uno stupro a causare la gravidanza. E comunque uno stato non dovrebbe avere la mentalità da ragazzino “hai voluto la bicicletta , pedala” , dovrebbe puntare alla difesa degli individui. E un ragazzo o una ragazza che hanno fatto una “cazzata” ammesso che sia colpa loro, non sono una giustificazione a far nascere un bambino che non sia ha voglia, soldi, tempo , capacità di crescere, perchè una volta nato un bambino così sarebbe sì un individuo che ne risentirebbe.

        [Ho già spiegato perché.
        Ma non mi paice questo attegiamneto come se noi volessimo in quanto cristiani ostacolare la Scienza.
        Ma magari se parlasse de Platone, Tommaso e Aristotele, così , riconoscendo i pregi ed i meriti di un Einstain si potrebbe affermare senza aver paura di venir considerati bigotti o cretini che egli era un ignorante riguardo la casualità dell’Universo, per scrivere, e così molti riguardo la questione della teoria dell stringhe o l’universo quantistico od olografico et similia, tutte cose che riguardano cmunque sia sempre la FISICA e non la META-FISICA ossia la fiosofia prima, i principi.
        Ma che paura dovrei avé?]

        E infatti non è questo il punto, ribadisco ancora, sto solo dicendo che la situazione è così. E che certo non può essere considerata la nostra società “alfabetizzata” in senso scientifico.
        [semmai come può essere un certo tipo di clericalismo, ugualmente c’è un certo tipo di scientismo.Come chi usa la fede per abbindolare, ugualmente c’è chi lo fà ideologicamente con la scienza.
        MA CONTRO DI QUESTI NON ALZATE MAI LA VOCE, E SONO ALTRETTANTO NEFASTI, SE NON DI PIU’.]

        Lo scientismo non è scienza. Se ci sono prove , evidenze, conferme, non si inganna. Se si sfrutta il titolo di “ricercatore” per ingannare, non è scienza, è merda. E io me la prendo anche con loro, non in questa sede. Non sono così ipocrita da non criticare solo perchè hanno un camice. Chi inganna attraverso la scienza non è perdonabile. Però se ci sono prove o conferme nei fatti, sperimentali, non è scientismo, è scienza.
        [ma tecnicamente il fatto che ci sia anche lo stato per l’8×1000 è comunque sia ilare e contraddittorio essendo istituito NON PER LUI.
        Comunque sia io sono d’accordo, ma sai, come ti scritto, quanti scienziati sono solo dei paraculi ideologizzati e politicamente schierati?
        Poi ricorda che la scienza si è ridotta a parlare di teorie opinabili. Sinceramente è ben poco scientifica e lo dico con tutta la stima che ho verso la vera scienza.]
        Certo che non è nato “per lui” , ma visto il bisogno e la possibilità che c’è, non vedo perchè non pubblicizzarsi da solo.E comunque era un esempio.
        Comunque tutte le teorie sono opinabile. Una teoria non è altro che un’ipotesi che spiega avvenimenti passati, viene confermata tramite esperimenti presenti, e deve permettere previsioni su avvenimenti futuri, prendendo col tempo sempre più forza. Come diceva Popper, per essere scientifica una teoria deve essere falsificabile. E per quanto riguarda il bosone di Higgs, ammesso che tu sappia cosa sia, esso sarebbe un bel problema per voi cattolici e io mi auspico che verranno fatti tantissimi esperimenti prima di gridare vittoria mediaticamente (ipocritamente) come hanno fatto i tg e i media appunto.
        [Guarda che la questione della scelta è ripartita eh. E’ chiaro che la Chiesa prenda di più, è proporzionale…

        Si io contesto il sistema di proporzione. Ma non mi ripeterò anche in questo post.
        [Potrei fare lo stesso discorso al contrario. Per te è ormai impossibile capire che è una favola, essendone imbevuto.]
        Ho levato alcune parti perchè mi sembravano fine a sé stesse, senza la minima pertinenza con il resto, per non parlare del solito uso di termini vuoti.
        [Comunque sia calcolando che si dovrebbe aver sperimentato dall’inizio dell’universo alla sua fine, perpetuamente senza aver manco mai, avendo tenuto comunque conto di qualsiasi possibile interagibilità che possa aver influenzato un esperimento, E’ OVVIO CHE LE DIMOSTRAZIONI PRATICHE SIANO SOLO EVENTI DIPENDENTI DA LEGGI LA CUI GIUSTEZZA E’ INDAGABILE SOLO TEORICAMENTE OSSIA GIUSTIFICABILE SOLO TRAMITE L’INTELLETTO.Gli eventi pratici affinano la riflessione e le danno orientamento ma non provano nulla.]
        Come ovvio che sia, la scienza cammina nel probabile, sempre più probabile, secondo la legge del “vero fino a prova contraria”, perciò non serve sperimentare dall’inizio dell’universo.
        [ostendando qualcosa che , essendo vizioso, non ha legittimità in campo pubblico.]
        Siamo sempre li. Vizioso secondo i tuoi criteri. Illeggittimo secondo i tuoi criteri.
        [No. Ci sono occasioni in cui mi rifiuto di rispondere a tali assurdità.]
        eppure mi sembrava abbastanza chiaro che un diritto deve avere corrispondenza con la natura propria che và ad indagare.
        Altrimenti anche io ho diritto ad avere una zappa al posto del braccio…
        [Vedi…se non poni Dio ed il fine del cosmo all’inizio , come si può parlare? A te non interessa neanche valutare le nostre posizioni.
        Ci avevo sperato…mi sembrava…ma non è così.
        E’ inutile mettersi d’accordo sui casi specifici quando sui principi non si ha intesa.]
        Porre Dio significa darsi dei contnuti, io mi do un metodo , niente di più.
        [Scusami ma perché sei così illogico. Se uno leggesse tutto il tempo sarebbe dannosso, come se uno mangiasse sempre, come se uno si martoriasse l’udito con la musica. Questa è questione di quantità ed ordine del tempo.]

        Uno mangia quando ha fame, xxxxx quando ha voglia e sente la musica quando gli va. Dove è la differenza. Ora essere gay è dannoso solo nell’esserlo, senza nemmeno esservi bisogno del sesso?

        [Gli atti gay chi li vuole fare li faccia ma non pretenda di asserire che , come un ubriacone che affermi di godere di ottima lucidità, egli è un essere andante verso l’armonia.
        ma allora perché rompi le palle coi froci. E’ meglio e più onesta e specifica la vecchia cantilena della sessuofobia!]

        Sempre stessa cantilena…
        [MA che c’entra…il problema dell’omosessualità ed il fatto che non abbia possibilità fertile come rapporto è inerente alla sessualità.
        Questo collegamento coi preti è assurdo perché essi DOVREBBERO rinunciare per definizione al sesso e rinunciano a formare una coppia.]
        Io ho supposto ciò che tu intendessi per “dannosi alla società” , intendendo con ciò il non procreare. Se fosse così ho detto, non sarebbero più dannosi di una coppia sterile o di un prete e una suora. Tutto qui.

        [e che il prete no?]

        Certo, solo che non si nasce prete. Comunque l’ho scritto in relazione al tuo “il prete ha un compito da portare avanti” come se fosse più importante della vita dell’omosessuale che non per un compito , ma per la sua stessa natura si trova impossibilitato a procreare.
        [Ma nun ciài capito xxxxxx e mmo sò io quello in malafede? Fà come te pare…]
        Il problema di parlare con te è che è come (mi ripeto) leggere l’oroscopo. Forse hai imparato bene dalla Bibbia. Cioè tu usi parole alle quali non attribuiamo entrambi un significato convenuto, e perciò io devo interpretarle e risponderti su quelle. Perciò ciò che dici spesso mi sembra totalmente insensato.

        [Legge naturale intendevo.]

        Ah, e a casa hai il “codice naturale” , oppure lo conosci nell’Inttelletto, tramite la Verità mostrata all’ homo tramire la Rivelazione dell’Essere dell’Assoluto? Perchè a me sembra che una cosa che si manifesta in natura sia perfettamente legale (secondo la legge naturale, sia chiaro!)

        [Lo sapevo che tiravi fuori sta stupidaggine. Ti consiglierei di non dare credito ai tuoi pensieri essendo aggregazioni fittizie di risultanze elettriche e chimiche.
        VUoi fare il materialista : NON PENSARE , ah, certo, sempre che tu non riesca a dimostrare che un concetto possa avere “residenza” nell’empirico!
        E saremmo noi quelli che credono alle favole?]
        E perchè mai? Dire che un pensiero è una questione chimica o elettrica la rende meno importante? Non capisco. Il fatto che i miei pensieri siano scosse elettriche non li sminuisce. E se essi sono ciò (come le neuroscienze stanno sempre più confermando) dire che non lo sono li renderebbe migliori?

        [Guarda che i culti politeisti sono una degenerazione di culti monoteistici quantunque anche nei culti monoteistici ci siano aspetti politeistici.
        Ma qui si và sul tecnico giacché ad esempio il culto dei santi non è che un omaggio ad essi ed una adorazione tramite loro delle energie/virtù divine in essi coabitanti essendo che non ha senso a rigore la distinzione trascenden-immanente.
        Stiamo semplicemente usando i termini in modo conviviale. Dovessimo usarli in modo tecnico dovremmo avere pure altra caratura personale, non credi?
        Il tutto era solo per farti capire che è il monoteismo a stare prima. Gli hindù, per dire, sono monoteisti, o volendo enoteisti.
        Ma il principio è Uno.]
        Non condivido, non concepisco, e anzi mi sembra che dalle tue stesse parole si possa trarre la conclusione opposta alla tua.

      • daouda
        agosto 10, 2012

        [Forse tu non capisci. Essere omosessuale non significa strettamente xxxxxxxx. Essere attratti da un uomo per un uomo non significa xxxxxxxx. Quindi una coppia omosessuale che non “xxxxxxx” dovrebbe godere di quei diritti? E invece chi ha rapporti sessuali con anticoncezionali non dovrebbe? Ma dai.]

        Quello che non capisce rimani tu. Amenità varie come anticoncezionali o diritti non c’entrano nulla. Il sesso, fuori da una cornice legittima, non ha valore.
        E’ chiaro?

        Inoltre buon uomo l’attrazione non è compiere l’atto.Quindi ma di che cosa vai cianciando?

        [Anche la vostra religione è piena di contraddizioni e cavolate, per non parlare di PESSIMI insegnamenti morali]

        Senti se devi dare fiato alla bocca, il tutto lascia spazio per quel che trova, ossia il momento stesso in cui viene proferito e quello in cui il destinatario ci pensa su.
        O motivi, o blateri. Nel secondo caso non c’è niente pi da dire, nel primo, qualora chiedessi spiegazioni, attendo di ricevere puntuali critiche che possano venir indagate.
        Che io vivo bene con e senza, mi adatto a tutto.

        [Bhè ma siete voi che vi siete accollati i libri degli Ebrei , mica io. Poi il libro uno è, e il fatto che ebrei e voi lo leggiate in maniera diversa mi sa tanto di oroscopo, cioè un ammasso di frasi vaghe che ognuno fa combaciare con quello che più è comodo.]

        Apparte che Bibbia vuol dire etimologicamente LIBRI e non libro, il fatto che lo si legga in modo diverso è ovvio. Ora davvero, in tutta sincerità, non credo che meriti un esempio per farti capire che un medesimo oggetto può avere interpretazioni diverse.
        Ti chiami la presa per i fondelli. Svegliati!

        Ad ogni modo studia. Anche un xxxxxxxx qualunque vedendo i segni matematici afferma quel che dici tu.

        [Questa è il top. E’ un’ovvietà filosofica? Forse, ma anche una xxxxx sperimentale e una xxxxx storica. No, seriamente, non posso mettermi a confutare delle cose basate sul NULLA.
        Tra l’altro dov’è che Dio dice “vi credo che campate tanto, e prima o poi morirete sempre prima? E soprattutto si sta sbagliando, perchè le persone campano di più di secoli fa, come mai?]

        Ribadiamo la norma. Teoria è nulla senza prassi, la prassi idem senza teoria. Di conseguenza se nell’antichità i patriarchi vivevano di più è del tutto scontato sia per la minor materialità( se tu avessi concezione del vero significato di materia sarebbe più facile per te PROVARE a capire ) degli stessi.
        Le statistiche dei secoli antichi sono falsate poiché si basano sulla mortalità infantile. E’ raro che si superino i 120 anni, se non impossibile.
        Ed è scritto.
        Per capire ciò dovresti studiare la qualità del tempo. Ma ovviamente uno pseudo scienziato come te si esimerà dal farlo no?

        Comunque si è il TOP, top gun!

        [Bhè , non hai chiarito cosa sia il Tutto e poi contiene delle contradizioni logiche ciò che hai scritto, perciò per me sono parole vuote. Tante belle chiacchiere con termini filosofiche ma che non significano nulla.Certo, certo.]

        sei una forza!

        [Ah, meno male che tu mi dici che ho torto.]

        Il male c’è, ma è appunto meno!

        [Dipende dalla definizioni di principi che tu usi. Io ho un principio universale, ed’è metodologico, cioè per giungere alla verità c’è un metodo preciso da seguire che si basa sul continuo riscontro con la realtà, previsione e verifica . I tuoi “principi” sono contenutistici, ma non dimostrati, e valgono meno di nulla per me.]

        Perché sei un ignorante.I principi per essere tali e determinare la realtà sono per definizione anteriori alla dimostrabilità.ORa se tu non capisci, il difetto è tuo.
        E non dirmi che io sia cattivo ed impositivo, giacché la filosofia da 500 anni ha sovvertito quel che io affermo. Il discriminato qui sono io non tu, che hai l’appoggio del mondo!

        [Il sesso per me non è sacro, e sei tu che hai l’onere della prova. Non vedo cosa ci sia di sacro nello sfregare le cellule del glande fino a che dei muscoli non si contraggano e rilascino del liquido seminale (da parte maschile) , oppure dalla stimolazione delle terminazioni nervose nella vagina fino a (se sei bravo, ipotesi che escludo) alla contrazione dei muscoli anali. Mah. A me sembra solo un meccanismo naturale senza niente di trascendetale, senza nessun valore aggiunto artificialmente che tu vuoi per forza attribuirgli]

        L’unione maschile e femminile ripropone l’unità adamitica, l’androgino platonico. PEr il resto, continui a cianciare di cellule ed io continuo nel farti presente che se sei coerente alla tua natura, non puoi assecodare quel che ne fuoriesce come scarto ( secondo la modalità materialistica ) come il pensiero.
        XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

        [Non stavo cercando le colpe ma stavo solo dicendo che la situazione è questa, nei fatti. E quindi c’è poco da gridare che viviamo in una società “sperimentalista” perchè viviamo in una società totalmente immersa nella superstizione e nel clericalismo.]

        Boh.

        [Non sono la maggior parte, informati e te ne rendi conto. E soprattutto quanto ne beneficia lei non è proporzionalmente paragonabile a quanto ne beneficiano le altre realtà.
        Comunque lo stato con 6 miliardi l’anno potrebbe (potenzialmente, ma il beneficio del dubbio va dato) fare molto più di quello che la chiesa fa (in maniera discriminatoria a volte, come negli scout..). E poi sembra che la chiesa faccia un favore allo stato. Questo è il semplice accordo fatto con la rettifica di quel maledetto concordato , dove lo stato appalta la carità alla chiesa mantenendola per renderla necessaria. No carità=Chiesa inutile. Se lo stato si occupasse di carità la chiesa sarebbe inutile e non potrebbe pretendere i privilegi che ha, e quando mai questo avverrà mai in uno stato clericale?]

        Studia economia e ti renderai conto che ciò è impossibile.
        Il concordato successe in seguito alla soppressione di tutti gli ordini religiosi ed alla confisca.
        Se lo stato si occupasse di carità ci sarebbero molti più morti di fame essendo impropria tale funzione e proprio per questo inefficiente se compiuta da questo.

        [http://Www.icostidellachiesa.it io ho fatto anche degli esempi specifici, tu invece hai generalizzato. Comunque quelli che fanno propaganda e spendono anche più di quanto investono in carità non siamo “noi”.]

        Guarda che tu hai generalizzato allo stesso modo giacché tali tematiche solo cosìmsono affrontabili, anzi, tu hai solo cianciato per luoghi comuni.
        La cosa buffa, sempre se si potesse dar ragione al tuo modo di porre le cose ( e che io non voglio negare a priori prima di verifica ) è che tra quel noi ci sono una sbraga di cattolici e credenti di ogni tipo.
        Suvvia quanto sei paraculo!

        [A questo poteva arrivarci anche un bambino, ma io non stavo piangendo sul fatto “oh no , neanche un programma scientifico” , stavo solo dimostrando nei fatti che dire che viviamo in una società in cui la religione è sbeffegiata e lo “sperimentalismo scientifico” è all’ordine del giorno è una falsità biblica (perdonatemi la battuta) . E questo ti dimostra anche come religione e ignoranza vanno da sempre a braccetto. Per capire la scienza serve una forma mentis e delle conoscenze, nonché un impegno attivo, per sentire il papa che parla e prenderlo alla lettera spegnendo il cervello non è richiesto nulla.]

        Ti rendi conto che sei un impostore?
        Innazitutt la propaganda antireligiosa si ha con la propagazione del vizio e con la giustificazione di norme immorali e con la presa per culo ai credenti.
        In secondo luogo ti ho spiegato che come un programma prettamente teologico non avrebbe seguito ugualmente ed per un programma scientifico tou court.
        E’ inutile che rigiri le parole facendo la prima donna. Si è capito benissimo cosa intendevi.
        La religione è ogni aspetto della vita , volto verso Dio.
        Se parliamo dei principi e dei dogmi, me te magno come la maggior parte dei filosofi attuali che sono costretti a vergognarsi per le amenità che riescono a pronunciare.
        E se ciò non è pubblicizzato e l’ateismo ha giustificazione è proprio per l’opera mistificatrice della stampa e dei media.
        Statt’accuort che devi da crepà!

        [Esatto, e quindi non vedo perchè dovremmo far valere la tua definizione sulla mia. E il fatto che tu venga a rubare a me è un danno, il fatto che due gay possano risultare giuridicamente (che è un ambito dove regna la convenzione) come famiglia non crea danni a nessuno.]

        Aspetta un attimo. Tu affermi nella totale idiozia che io ho ragione laddove nego la possibilità di proprietà od autorità. Allora perché vieni qui a frignare?
        Se noi siamo più forti di te, evidentemente tu sei inferiore e devi essere muto! Se io subisco te , io dovrei secondo la tua logica star zitto e muto giacché comanda chi può e basta.
        Ma noi non ragioniamo come te, ragionamento che usi solo strumentalmente.
        Guarda…è la carità che mi induce a risponderti…come ti ho già scritto siamo IN GUERRA…continua a mistificare, io ho già vinto nell’eternità.
        Se non concepisci l’eternità, ti consiglio di studiare.PEr me non ci sono problemi.

        [Oppure si cambia UNA legge dalla quale ne derivano tutte le altre. Non vedo cosa ci sia di difficile da capire.Ma poi è inutile discutere di questo. E’ lapalissiano che il monopolio sui matrimonio è uno strumento di controllo cattolico che non sarete mai disposti a cedere o a vedervi strappato.]

        Scusa ma il matrimonio civile che cavolo c’è a fare? Davvero fai ridere i polli se non le cagne.
        se cambi a monte cambi il principio, A BELLO!!!
        Qua si tratta solo di norme congiunturali poiché la famiglia non è al di fuori del matrimonio eterosessuale per definizione ergo tale principio è connaturato al diritto.

        [Agevolazione? Illeggittima? Non corcordo con nessuna di queste due parole. Concedere loro di sposarsi non sarebbe una agevolazione (in quanto non è che loro guadagnano questo diritto mentre le altre coppie no) tantomeno illeggittima , in quanto non sei certo tu a poterlo giudicare (e nemmeno io).Per quanto riguarda il danneggiare la società, spiega come, perchè non vedo una ragione che sia una.Questo è collegato al fatto dei “danni per la società” i gay non ne creano, ciò che hai citato, si.]

        Haidi , Haidi, le caprette ti fanno ciao!

        [Bhè finchè non mi dici quale sarebbe questa “lobby” e che interessi ha al di fuori dei propri SENZA esserci un discapito altrui, resta aria fritta. Perchè vedi, in america i produttori di sigarette sono una lobby, che spinge e condiziona il governo per ottenere dei PRIVILEGI. I gay cercano i loro diritti che le altre persone già hanno e la definizione mi pare alquanto coraggiosa. Per non parlare del fatto che se anche fossero una lobby sarebbero debolissimi perchè ancora non hanno guadagnato nulla, mentre la “lobby” cattolica è la più potente perchè condiziona governi da secoli.]

        Le lobbies fanno schifo, tutte.In termini economici si tratta di mercantilismo corporativista.INFAMIA

        [Esatto, per esempio bisogna essere dei biologi o chimici per poter parlare del nostro corpo, non degli pseudo teologi con qualche conoscenza Agostiniana che blaterano con termini vuoti.]

        Che te devo dì, fossi davvero curioso xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx (frase molto grave, ndr)…Quanto ce pijava quer genio de Dostojevski cò quer gran personaggio de Kirillov…nessuno di voi è alla sua altezza.

        [Si, un ordine stabilito sul nulla, stiamo sempre la. Il problema è pensare di avere la verità in tasca. Capito questo, tutti i tuoi ragionamenti li capisco perfettamente.]

        Pure io capisco che sei un ignorante e capisco ancora meglio che in questi tempi sono questi esseri ad aver la meglio nel mondo.

        [I bambini nascono atei. Diventano cristiani col tempo. Essere cristiani non è una condizione naturale, né prenaturale, e che lo spirito (del quale non dimostri l’esistenza…e come potresti.) esiste prima della natura è palesemente falso, o non dimostrato.
        Che molti gay sono stati indotti ad “esserlo” devi dimostrarlo, perchè quello che so e che è empiricamente dimostrabile è che molti sono stati indotti a rivelarsi tali. Comunque l’orientamento sessuale potrebbe essere benissimo un fattore genetico , ci sono studi che parlano di quantità ormonale nel feto prima della nascita che condiziona l’orientamento sessuale futuro. E poi tutti sanno che si nasce bisessuale
        Comunque il cristiano è osteggiato in quanto tale, perchè la sua ideologia costituisce delle determinate regole che vanno contro la libertà altrui. E essere cristiani significa assumersi anche la storia della chiesa che è sporchissima di sangue. Per quanto riguarda i dogmi, direi che ciò che dici è falso. Se fossero realtà effettive non servirebbe porre un dogma.Dire 60 anni fa che la madonna è ascesa in cielo, dubito sia una enunciazione simbolica (di che?) di una realtà effettiva (e qui è la parte divertente, perchè viene spiegata con “aria rarefatta” che ha permesso ciò.) ]

        Quello che tu dovresti comprendere è che l’a-teismo non esiste, tecnicamente.
        Dici lo Spirito esiste, ma è ovvio che non esiste!
        Dici che si diviene cristiani col tempo…grazie…se nascevo in arabia ero islamico!
        Dici che ixxxx nascono xxxx? Può darsi, ma è anche vero che molti lo divengono strada facendo…lo neghi(ahahahh)?
        Dici che essere cristiani và contro la libertà ma tu neanche sai cosa significhi tale termine!
        Dici che essere cristiani sia strada lastricata di sangue quando ignori che è l’umanità di per sé ad avere tali pecche!
        Dici che il dogma è imposizione quando esso non è che un assioma intellettuale/spirituale, mica ti vedo protestare contro imatematici!

        Come al solito siamo alla differenza tra Essere ed Esistenza. Sono generoso ad inteloquire con te mentre tu mi insulti. La mia vanità mi fà scrivere ciò, ma tu veramente parli di ciò che non comprendi…

        [Io non sono contento quando li devo dare anche io. Se vuoi darli tu, fai pure.]

        Nemmeno io sono contento di finanziare cose contro la mia morale. E’ lo stato baby, lo stato che voti. Combatti lui, perché vomiti stronzate contro gli altri?

        [Prima di tutto io mi interesso della realtà dei fatti, quindi dei “principi” me ne sbatto. Secondo il tuo “da estirpare” è sterile se poi nessuno di voi dice nulla. Terzo come farebbe la chiesa, ispirata divinamente a commettere tutto questo magna magna ? Perchè è composta da persone? Bene, allora l’ispirazione divina non conta nulla.]

        Ed allora perché vieni a cianciare qui. Fai il poliziotto od il finanziere che è meglio. te ne sarei grato così faresti un po’ di pulizia.

        Se poi però rompi il cazzo non comprendendo la differenza tra immanenza e trascendenza, ti ripeto, studia, perché sei ridicolo.
        Comunque sia prendo per buono l’impeto alla pulizia ed alla coerenza che non ci sono. Questo non è vero….E’ VERISSIMO.A te l’onore.

        [Si ma il problema è che tu hai una visione altri hanno la loro.]

        Allora non hai capito che se dovemo annà appresso alle visione de tutti succede ‘r marasma e si è sempre nel torto giacché si lede il desiderio altrui?
        Quel che è giusto è giusto in quanto universale. Gli altri, se non lo capiscono, sono dei degenerati che vanno ricondotti all’ordine.
        Io non dico che sul caso dell’eutanasia si sia nel certo assoluto. Ma si deve riflettere. Chi parte senza riflessione, dall’una e dall’altra parte, è XXXXX.

        [La differenza tra me e te è che io chiedo una legge che permetta a ognuno di scegliere secondo le proprie idee. Tu vuoi una legge che permetta solo la scelta dettata dalla tua idea.]

        Quanto sei ingenuo…anche io vorrei uccidere o cos’altro ma non è legittimo. Come ho scritto la cosa và ben studiata e ponderata ma l’arbitrio personale NON HA ALCUNA POSSIBILITA’ DI POTER DECIDERE BENE O MALE, ergo , il tuo parere, come il mio qualora volessi vivere oltre quel che sarebbe giusto ( che dovrebbero contemplarsi anche casi del genere ) E’ VANO.

        [Si, l’aborto è una questione individuale, così come tutto il resto. Se la mia ragazza abortisce a te non cambia nulla.]

        XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXxx

        [Infatti, io tra l’altro non ci vedrei nessun problema, tranne ciò che ne conseguirebbe. Cioè un notevole abbassamento dei diritti della donna e della sua importanza, con conseguente perdita di diritti. Ma si. Se venisse permessa la poligamia a me nei fatti non cambierebbe niente. Se non voglio mi sposo solo una donna. Se una donna vuole sposarsi con un uomo che si sposa con altre donne (il consenso della donna in questo mi sembra fondamentale e se garantito allora ok) , scelta sua, nessun problema.]

        Però il problema è che tale cosa rientra nella naturalità. Ci fosse la poliandria , sarebbe da combattere…do you understand?

        [Paralizzato o in coma non puoi morire autonomamente.]

        Come no? Ti ammazza uno su tuo consenso, uno che si deve assumere le responsabilità del gesto.

        [Io non voglio che qualcuno mi ammazzi, voglio solo che si sospendano le cure. Non voglio sentire nessuno responsabile della mia morte se non me stesso.
        E per accanimento terapeutico non si potrà mai intendere il solo nutrimento, ad esempio. Quindi è impossibile definirlo meglio in questo senso.]

        Il nutrimento non è accanimento terapeutico. Se sei così arrabbiato, xxxxx con la tecnologia ( o magari chiediti perché è ancora così arretrata rispetto agli sviluppi tecnologici attuali…ohibò! )

        [Un feto non è un individuo, e spesso è un processo l’aborto che giova molto di più alla società di un parto non voluto. Senza considerare l’aborto terapeutico.
        Può essere un preservativo rotto, un liquido preseminale che per iprudenza ha raggiunto la vagina , uno stupro a causare la gravidanza. E comunque uno stato non dovrebbe avere la mentalità da ragazzino “hai voluto la bicicletta , pedala” , dovrebbe puntare alla difesa degli individui. E un ragazzo o una ragazza che hanno fatto una “xxxxxx” ammesso che sia colpa loro, non sono una giustificazione a far nascere un bambino che non sia ha voglia, soldi, tempo , capacità di crescere, perchè una volta nato un bambino così sarebbe sì un individuo che ne risentirebbe.]

        Tutti i motivi sociali ed economici sono solo tangenziali e la colpa è dello stato e dell’indifferenza , cosa da combattere ma a quanto vedo te ne freghi altamente, e non toglie di certo le responsabilità dei due cretini che hanno avuto, ipotesi, un figlio indesiderato che non ha fatto niente di male. Come ti ho detto l’unico motivo di dibattito è nel caso di una ragazza stuprata.
        PEr il resto sei solo un qua qua ra qua.

        [E infatti non è questo il punto, ribadisco ancora, sto solo dicendo che la situazione è così. E che certo non può essere considerata la nostra società “alfabetizzata” in senso scientifico.]

        E che voi allora da me?

        [Lo scientismo non è scienza. Se ci sono prove , evidenze, conferme, non si inganna. Se si sfrutta il titolo di “ricercatore” per ingannare, non è scienza, è xxxxx. E io me la prendo anche con loro, non in questa sede. Non sono così ipocrita da non criticare solo perchè hanno un camice. Chi inganna attraverso la scienza non è perdonabile. Però se ci sono prove o conferme nei fatti, sperimentali, non è scientismo, è scienza.]

        Bene.

        [Certo che non è nato “per lui” , ma visto il bisogno e la possibilità che c’è, non vedo perchè non pubblicizzarsi da solo.E comunque era un esempio.
        Comunque tutte le teorie sono opinabile. Una teoria non è altro che un’ipotesi che spiega avvenimenti passati, viene confermata tramite esperimenti presenti, e deve permettere previsioni su avvenimenti futuri, prendendo col tempo sempre più forza. Come diceva Popper, per essere scientifica una teoria deve essere falsificabile. E per quanto riguarda il bosone di Higgs, ammesso che tu sappia cosa sia, esso sarebbe un bel problema per voi cattolici e io mi auspico che verranno fatti tantissimi esperimenti prima di gridare vittoria mediaticamente (ipocritamente) come hanno fatto i tg e i media appunto.]

        A me il bosone di Higgs fà ridere e sentire che qualcuno creda che possa crearci problemi, questo è comico.
        Tu forse dovresti iniziare a comrpendere veramente quale sia la differenza tra Essere e Divenire.
        Il bello è che tra 100 anni questa scoperta sarà antiquata mentre i nostri discendenti cristiani continueranno a parlare nello stesso modo. MA MICA PERCHE’ CRISTIANI! PERCHE’ SEMPLICEMENTE SANNO USARE IL CERVELLO!
        Questo semplicemente perché gli àmbiti di dialogo sono completamente diversi.Certo avete sempre carta facile a dire che siamo dei creduloni menzogneri.
        Pazienza.
        Le vostre teorie cambiano…

        [Si io contesto il sistema di proporzione. Ma non mi ripeterò anche in questo post.]

        Ottimo. Sono d’accordo anche io, pijamosela cò tutti però.

        [Ho levato alcune parti perchè mi sembravano fine a sé stesse, senza la minima pertinenza con il resto, per non parlare del solito uso di termini vuoti.]

        na na na na na naaaaa, na na na na naaaa, na na na na naaaaaah naaaaaaaaaaaaaaaaah , NAH!

        [Come ovvio che sia, la scienza cammina nel probabile, sempre più probabile, secondo la legge del “vero fino a prova contraria”, perciò non serve sperimentare dall’inizio dell’universo.]

        PErfetto. Fai ricerca non scienza. Tanti saluti.

        [Siamo sempre li. Vizioso secondo i tuoi criteri. Illeggittimo secondo i tuoi criteri.]

        PEr caso sai cosa sono i trascendetali?

        [Porre Dio significa darsi dei contnuti, io mi do un metodo , niente di più.]

        spero tu non voglia farmi commentare tale frase…Sarebbe veramente scandaloso avere un metodo senza avere un obiettivo! ahahaha

        [Uno mangia quando ha fame, scopa quando ha voglia e sente la musica quando gli va. Dove è la differenza. Ora essere gay è dannoso solo nell’esserlo, senza nemmeno esservi bisogno del sesso?]

        A parte il decadimento umano che proponi, e siamo proprio nel pragmatismo più insulso, ad ogni modo l’essere gay non è un problema, quantunque si possa uscirne ed è meglio.
        Come anche scopare , se non ce la si fà a resistere.
        QUI PARLIAMO DEL RICONOSCIEMNTO DEI XXXX CHE NON HA ALCUNA POSSIBILITA’ DI ESSER CONSIDETATO IN SE’ NORMALE. stop.

        [Sempre stessa cantilena…]

        Perché te no?

        [Io ho supposto ciò che tu intendessi per “dannosi alla società” , intendendo con ciò il non procreare. Se fosse così ho detto, non sarebbero più dannosi di una coppia sterile o di un prete e una suora. Tutto qui.]

        allora se interpreti male sò problemi tua, perché tale giudizio è valido ma non sufficiente.Do you undestand?

        [Certo, solo che non si nasce prete. Comunque l’ho scritto in relazione al tuo “il prete ha un compito da portare avanti” come se fosse più importante della vita dell’omosessuale che non per un compito , ma per la sua stessa natura si trova impossibilitato a procreare.]

        Quanto sei xxxxx…allora…l’orientamento sessuale è innato e ciò è ovvio. Ed innato in quanto sessuale. Anche xxxx i morti è “innato” come xxxx gli animali. Semplicemente innato è un paravento insensato ahahaha.
        Il fatto che tu non ci badi non significa nulla. Lo vuoi capire o no? Tutti siamo propensi ad utilizzare la sessualità in modo non legittimo, TUTTI.
        Quindi i tuoi artifici logici fittizi non hanno alcun valore. Non ha alcuna attinenza con la biologia. l tuo discoso avrebbe una parvenza di senso se lo dicesse un Trans che si sente donna in un corpo di uomo o l’inverso, ma sarebbe comunque erroneo.
        Ma è ovvio che in tal caso si è innazi a individui disagiati che avrebbero bisogno di supporto mentre le merde attuali gli fanno cambiare sesso!

        [Il problema di parlare con te è che è come (mi ripeto) leggere l’oroscopo. Forse hai imparato bene dalla Bibbia. Cioè tu usi parole alle quali non attribuiamo entrambi un significato convenuto, e perciò io devo interpretarle e risponderti su quelle. Perciò ciò che dici spesso mi sembra totalmente insensato.]

        Ti avevo già accennato riguardo alla dissonanza cognitiva? BRAVO ESECUTORE DI LENIN!
        Lo sò che mi prenderai per sfinacamento, perché porgo il fianco oltretutto. Vabbuòne, Dio sà.

        [Ah, e a casa hai il “codice naturale” , oppure lo conosci nell’Inttelletto, tramite la Verità mostrata all’ homo tramire la Rivelazione dell’Essere dell’Assoluto? Perchè a me sembra che una cosa che si manifesta in natura sia perfettamente legale (secondo la legge naturale, sia chiaro!)]

        quindi lo stupro è legale? Bravo i miei complimenti…in realtà abbiamo già spiegato cosa intendessimo per naturale, abbi pietà, TI PREGOOOOOOOOOOOO!

        [E perchè mai? Dire che un pensiero è una questione chimica o elettrica la rende meno importante? Non capisco. Il fatto che i miei pensieri siano scosse elettriche non li sminuisce. E se essi sono ciò (come le neuroscienze stanno sempre più confermando) dire che non lo sono li renderebbe migliori?]

        Lo sò che non capisci.Mi astengo…

        [Non condivido, non concepisco, e anzi mi sembra che dalle tue stesse parole si possa trarre la conclusione opposta alla tua]

        Il tuo parere è il tuo, ma, curiosamente, sapresti mostrarmelo nello specifico nelle mie parole?

        Cià cià cià cià

  34. San Luigi
    agosto 9, 2012

    -Amore è volere il bene dell’altro.
    -E’ un modo di dire.
    -Non ha investito solo un filosofo, ma un team di scienziati di varie discipline guidati da questo signoe che porteranno esperienze di cosiddtta premorte etc. Molto interessante, no?
    Volevo sapere cosa tu ne pensassi, anche da materialista (se lo sei era appunto una domanda) dovresti esserne curioso, no?
    -Trovato l’articolo ma le testimonianze che ci sono nel sito che ti ho dato datano dai primi del ‘900.
    -Per quanto riguarda il criterio io ti ho scritto sia di numeri simbolici, sia di un computo che potrebbe essere legato alle fasi lunari per esempio, oppure ad una imperbole per indicare una protezione divina in quanto la longevita era considerata segno del favore divino.
    Considera che il valore simbolico dei numeri per gli ebrei aveva sviluppato un’arte
    che è quella della gematria (assegnazione di numeri a lettere dell’alfabeto ebraico, nel Nuovo testamento questo avviane solo nell’Apocalisse).
    Ora io non interpreto a modo mio, ma il senso e il criterio per interpretare l’Antico Testamento è la preparazione al Nuovo.
    Esempio lampante è la figura di Giona, la cui interpretazione ci viene fornita nientemeno che da gesù stesso (Mt, 12,39).
    La prudenza mi invita a lasciare questo compito alla Chiesa, custode delle Scritture, con la sua esperienza millenaria. posso provare a fare una ricerca in tal senso per te…aspetta…hai citato non la discendenza di Noè, ma quella di Sem, ebbene questa è una preparazione alla figura di Abramo e un collegamento allo stesso tempo con quella di Noè ad indicare nella discendenza una storia comune di salvezza.
    http://www.corsobiblico.it/genesi.htm#_Toc73414966

  35. Maledettoilvostr'odio
    agosto 9, 2012

    -Amore è volere il bene dell’altro.

    E allora perchè un gay non potrebbe amare?(Daouda) e comunque è una definizione che non mi soddisfa.

    -E’ un modo di dire.
    Era giusto per puntualizzare. Tante volte ci fosse qualcuno che credesse di andare in cielo dopo la morte.

    -Non ha investito solo un filosofo, ma un team di scienziati di varie discipline guidati da questo signoe che porteranno esperienze di cosiddtta premorte etc. Molto interessante, no?
    Volevo sapere cosa tu ne pensassi, anche da materialista (se lo sei era appunto una domanda) dovresti esserne curioso, no?

    Si, già l’avevo letto stamattina, ma non mi fido molto delle ricerche della Templeton. Comunque attenderò per sapere cosa diranno, e poi per ulteriori ricerche di controllo/smentita.

    -Trovato l’articolo ma le testimonianze che ci sono nel sito che ti ho dato datano dai primi del ’900.

    Si, mi sono limitato a cercare smentite per l’ultima spedizione (turca-cinese) , per quelle precedenti ci sono varie notizie su falsificazioni di foto ecc. ma poi la cosa nemmeno mi tocca più di tanto. Anche se ci fosse una barca, non vedo come essa non potrebbe essere stracolma di fossili, ad esempio.

    -Per quanto riguarda il criterio io ti ho scritto sia di numeri simbolici, sia di un computo che potrebbe essere legato alle fasi lunari per esempio, oppure ad una imperbole per indicare una protezione divina in quanto la longevita era considerata segno del favore divino.

    Numeri simbolici, non significano nulla. Se fossero legati alle fasi lunari non vedo perchè dovrebbero essere usati solo nella Genesi e in qualche altra parte. Cambiare modo così non è solo un modo per creare confusione?
    Comunque per legati cosa intendi? In che modo?
    Se fossero una imperbole mi sembra strano che venga usata in maniera così ripetitiva e precisa. Perchè non dire 500 anni, 700 anni e dire 738 anni. Non mi sembra il miglior modo.

    Considera che il valore simbolico dei numeri per gli ebrei aveva sviluppato un’arte
    che è quella della gematria (assegnazione di numeri a lettere dell’alfabeto ebraico, nel Nuovo testamento questo avviane solo nell’Apocalisse).

    Ok, questo lo posso capire, anche se è un po’ debole perchè a quest’ora si sarebbero già recuperate le parole corrispondenti ai numeri (e non so che senso avrebbe..) , mentre la nota della bibbia stessa dice “il criterio di attribuzione ci sfugge”.

    Ora io non interpreto a modo mio, ma il senso e il criterio per interpretare l’Antico Testamento è la preparazione al Nuovo.

    Questa mi pare una cosa un po’ artefatta. E’ come vedere un film che conosci a memoria, è normale che qualsiasi evento viene adattato a come sai che devi finire. Io penserei più ad una lettura oggettiva e letterale in stile “old school” .

    Esempio lampante è la figura di Giona, la cui interpretazione ci viene fornita nientemeno che da gesù stesso (Mt, 12,39).

    “38 Allora alcuni scribi e farisei lo interrogarono: «Maestro, vorremmo che tu ci facessi vedere un segno». Ed egli rispose: 39 «Una generazione perversa e adultera pretende un segno! Ma nessun segno le sarà dato, se non il segno di Giona profeta. ”

    E questo dovrebbe significarmi qualcosa?

    La prudenza mi invita a lasciare questo compito alla Chiesa, custode delle Scritture, con la sua esperienza millenaria. posso provare a fare una ricerca in tal senso per te…aspetta…hai citato non la discendenza di Noè, ma quella di Sem, ebbene questa è una preparazione alla figura di Abramo e un collegamento allo stesso tempo con quella di Noè ad indicare nella discendenza una storia comune di salvezza.

    Si , ho preso un pezzo a caso della Genesi dove c’è la genealogia. Tanto è tutto concatenato. E questo ti mostra che se fosse una cosa simbolica l’autore sarebbe un pessimo scrittore. Comunque la Chiesa è una figura interessata, io non mi fiderei troppo. Non per nulla ha sempre vietato la lettura della Bibbia riservandola solo a sè stessa. A me pare evidente che per mantenere il suo potere (temporale) interpreti come vuole lei nascondendosi dietro una “conoscenza” infondata, solo al fine di non far rendere conto che l’AT è una valanga di atrocità , e il nuovo è scritto per lo più da analfabeti che non seppero mettersi d’accordo tra di loro nemmeno su alcuni punti fondamentali.

  36. San Luigi
    agosto 9, 2012

    Certo che se non ti fidi della Chiesa è un pò difficile che tu capisca la Bibbia, ma non eri tu quello che dicevi: “chiave di lettura per poter interpretare, cell’hai o interpreti come ti fa comodo?” e quando te la fornisco dicendoti che l’At è preparatorio al NT, che questo è evidente nel segno di Giona (morte e resurrezione di Gesù), mi dici che preferisci il fai da te?

  37. Maledettoilvostr'odio
    agosto 9, 2012

    Certo che se non ti fidi della Chiesa è un pò difficile che tu capisca la Bibbia,

    Non mi fido di chi è interessato a mantenere il potere. Oltretutto la Bibbia è scritta da semi analfabeti e non c’è nulla di difficile da capire, solo di assurdo. Il compito della chiesa è quello di giustificare le assurdità.

    ma non eri tu quello che dicevi: “chiave di lettura per poter interpretare, cell’hai o interpreti come ti fa comodo?” e quando te la fornisco dicendoti che l’At è preparatorio al NT,

    Si ma avrei voluto una chiave di lettura del tipo “E Gesù disse: quando si parla di numeri nell’AT, si intende un calendario lunare” oppure “E Gesù disse : quando si usano nomi di persona spesso si intendono generazioni di persone” o che ne so. Un criterio come “vedere l’AT come preparatorio al NT” a me non significa nulla, significa solo “accettare le xxxxxx dell’AT, ispirate da Dio per permettere al NT di smentirle (dal figlio di Dio)” tralasciando il fatto che questo criterio viene dall’uomo (giusto?) e che viene applicato in maniera molto soggettiva volendo, e che Gesù non è venuto per dire “l’AT era una xxxxxxx, ve lo dico io come stanno le cose ” ma per :

    “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada. Sono venuto infatti a separare ‘‘il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla suocera: e i nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa’’.
    Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me; chi non prende la sua croce e non mi segue, non è degno di me. Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà. Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato. Chi accoglie un profeta come profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto come giusto, avrà la ricompensa del giusto. E chi avrà dato anche solo un bicchiere di acqua fresca a uno di questi piccoli, perché è mio discepolo, in verità io vi dico, non perderà la sua ricompensa”.
    Quando Gesù ebbe terminato di dare queste istruzioni ai suoi dodici discepoli, partì di là per insegnare e predicare nelle loro città.”

    che questo è evidente nel segno di Giona (morte e resurrezione di Gesù), mi dici che preferisci il fai da te?

    Cosa significa “nel segno”? Non preferisco assolutamente il fai-da-te , dico che ciò che mi hai appena detto è un altro fai-da-te solo della chiesa, anzi da qualche uomo di chiesa. Ma voi ci siete abituati, lo avete fatto anche quando avete scelto i vangeli che preferivate e avete stabilito a tavolino (…e non dovrei ridere?) se cristo era dio+uomo o dio o uomo.

    • daouda
      agosto 11, 2012

      Pare che sai legge li sacri Vangeli!!! Alle persone come te preferisco quello che me dicheno ” ai zi ‘a na capito che nun me ne frega nxxxx (sforziamoci di alzare il livello dei commenti ndr)?” perché sò più sinceri.
      Guarda che leggeli è cosa ardua! Primariamente si nun sai er greco, ma che parli a fà?

      Che poi un santo possa dire qualcosa come fai-da-te beh, c’è una inincomprensione vera di quel che è la filosofia.Pazienza., evidentemente, ci dobbiamo accontentare di guide cieche che ci porteranno al baratro predetto e previsto. Ciò che nasce muore, al contempo vale per la seguente umanità.Né più né meno.

      Ad maiora.

    • San Luigi
      agosto 11, 2012

      Per me puoi andare via non ha senso che tu stia qui non sei riuscito a farmi un discorso compiuto e offendi pure dopo essere stato preso in contraddizione, oltre la tua arroganza, non c e niente…
      Circolo S.Luigi in trasferta

      • Maledettoilvostr'odio
        agosto 12, 2012

        Offesa…e dove? Poveri cristiani con la loro sindrome di persecuzione.
        Comunque io leggo la traduzione in italiano dei vangeli, e il greco lo sapevano male anche gli stessi evangelisti. E non c’è nulla di difficile.
        Comunque posso andare via si, non c’è bisogno del tuo permesso, ma dipende se io voglio o meno. Altrimenti non aprire un blog se non sei in grado di accettare ciò che ne consegue…Comunque ti ho spiegato la contraddizione e fai finta di nulla, mentre sai bene che intendo.
        BTW , piangere serve a poco anche se sei un maestro.

      • daouda
        agosto 13, 2012

        Ti ho già scritto che innanzi alla scrittura matematica, di solito, ci si deve fare una competenza al riguardo, e lo stesso vale per i sacri Vangeli.

        Altro non serve scrivere.

        saluti

  38. Maledettoilvostr'odio
    agosto 10, 2012

    Quello che non capisce rimani tu. Amenità varie come anticoncezionali o diritti non c’entrano nulla. Il sesso, fuori da una cornice legittima, non ha valore.
    E’ chiaro?

    Il sesso non ha valore fuori da una cornice illeggittima. Bene. Affermazione che prima di tutto è totalmente soggettiva (leggi, per te non ha valore) e poi senza i parametri della legittimità non significa comunque nulla.
    Inoltre buon uomo l’attrazione non è compiere l’atto.Quindi ma di che cosa vai cianciando?

    Appunto, ma tu nel post precedente avevi marchiato un gay come una persona che pratica sesso contronatura.
    [Anche la vostra religione è piena di contraddizioni e cavolate, per non parlare di PESSIMI insegnamenti morali]
    Senti se devi dare fiato alla bocca, il tutto lascia spazio per quel che trova, ossia il momento stesso in cui viene proferito e quello in cui il destinatario ci pensa su.
    O motivi, o blateri. Nel secondo caso non c’è niente pi da dire, nel primo, qualora chiedessi spiegazioni, attendo di ricevere puntuali critiche che possano venir indagate.
    Che io vivo bene con e senza, mi adatto a tutto.

    (meno male che son i cattolici quelli brainless che citiamo a memoria senza spiegare, ndr) Bhè , per quanto riguarda contraddizioni nella Bibbia ce ne sono una fracca (basta pensare alle 2 creazioni, ai 2 diluvi ecc. ) ma guarda qui : http://sciencebasedlife.files.wordpress.com/2011/02/biblecontradictions-reasonproject.png
    Per quanto riguarda i vangeli invece si sa benissimo che i 4 analfabeti (tanto per giustificare altre offese ndr) non si sono messi d’accordo su tantissimi dettagli che siano la famiglia (i fratelli e sorelle di Gesù) o anche la resurrezione, la crocifissione, l’apertura del sepolcro ecc. http://www.utopia.it/contraddizioni_cristo_vengelo.htm

    Per quanto riguarda i pessimi insegnamenti morali, soprattutto l’AT ne è pieno zeppo, ma anche Gesù compie qualcosina che non è proprio il massimo (come quando fa ammazzare inutilmente tutti i maiali facendo entrare dentro di loro lo “spirito maligno” esorcizzato).
    Apparte che Bibbia vuol dire etimologicamente LIBRI e non libro, il fatto che lo si legga in modo diverso è ovvio. Ora davvero, in tutta sincerità, non credo che meriti un esempio per farti capire che un medesimo oggetto può avere interpretazioni diverse.
    Ti chiami la presa per i fondelli. Svegliati!
    Ad ogni modo studia. Anche un xxxxx qualunque vedendo i segni matematici afferma quel che dici tu.
    Intendevo che le parole scritte sono quelle, a prescindere da chi le legga e poi ti ripeto, il fatto che tu vada orgoglioso che lo si legga in maniera diversa per me è assurdo.Un saggio scientifico supporta una tesi con delle prove, nessuno si sognerebbe di trarre conclusioni diverse perchè non ce ne sono le possibilità. Nella Bibbia invece, se ciò può essere fatto significa soltanto che non dice nulla di preciso, e ognuno può prenderci ciò che vuole, come nel Corano del resto, e prenderci ciò che si vuole significa essere già dotati di un’idea e estrapolarne solo le parti che la confermano, tralasciando quelle che la smentiscono. Questo è il motivo per il quale voi fate finta di xxxxx dell’AT, come se non fosse ispirato da Dio solo perchè è ancora più rozzo e zeppo di sciocchezze (sempre gratuite queste affermazioni ndr) del NT (non è la posizione cattolica quella di non curarsi dell’AT, ndr).
    [Ribadiamo la norma. Teoria è nulla senza prassi, la prassi idem senza teoria. Di conseguenza se nell’antichità i patriarchi vivevano di più è del tutto scontato sia per la minor materialità( se tu avessi concezione del vero significato di materia sarebbe più facile per te PROVARE a capire ) degli stessi.
    Le statistiche dei secoli antichi sono falsate poiché si basano sulla mortalità infantile. E’ raro che si superino i 120 anni, se non impossibile.
    Ed è scritto.
    Per capire ciò dovresti studiare la qualità del tempo. Ma ovviamente uno pseudo scienziato come te si esimerà dal farlo no?
    Comunque si è il TOP, top gun!]

    Esatto, teoria senza prassi è nulla. E tu non hai le MINIME prove sperimentali, archeologiche, antropologiche, biologiche per affermare ciò che affermi. Minor materialità un xxxx, non siamo fatti di chissà che, siamo carbonio e qualche altro elemento messo insieme, perciò le tue sono solo fandonie. Materia significa atomi, significano protoni, neutroni,elettroni (e altre microparticelle) e niente più di questo. Ora le statistiche non SI BASAVANO ma semmai erano sbilanciate dalla mortalità infantile, ma quelle più catastrofiche attribuivano una mortalità media di 35/40 anni, il che vuol dire che senza le morti infantili si sarebbe arrivati alla normalissima media dei 75/80 anni, come oggi. E comunque i bambini contano ed’è giusto che venga considerato. Piuttosto che studiare la concezione di materia, fossi in te porterei delle prove e mi informerei su come fa un uomo a vivere 600 anni , o anche 200, se dai 21 anni le cellule cerebrali (e un tempo il cervello era anche più piccolo) smettono di riprodursi fino alla morte. Perchè le tue motivazioni trascendentali fanno ridere, sinceramente.
    [Perché sei un ignorante.I principi per essere tali e determinare la realtà sono per definizione anteriori alla dimostrabilità.ORa se tu non capisci, il difetto è tuo.
    E non dirmi che io sia cattivo ed impositivo, giacché la filosofia da 500 anni ha sovvertito quel che io affermo. Il discriminato qui sono io non tu, che hai l’appoggio del mondo!]

    Io non voglio dimostrarli, voglio solo capire di che parli. E il difetto non è mio, perchè usare parole come principi senza spiegare cosa tu intendi è scorretto. “In generale il termine principio indica le basi e i presupposti iniziali su cui si basa o poggia una teoria e che assumono, per convenzione o riconosciuto diritto, validità generale ed universale all’interno della teoria stessa; da esso discendono dunque per deduzione o logica conseguenza, ovvero in maniera coerente al principio stesso, tutta una serie di leggi secondarie che caratterizzano la teoria in questione.” . Se è da 500 anni che la filosofia ha sovvertito ciò che pensi, fossi in te una domanda me la farei.
    [L’unione maschile e femminile ripropone l’unità adamitica, l’androgino platonico. PEr il resto, continui a cianciare di cellule ed io continuo nel farti presente che se sei coerente alla tua natura, non puoi assecodare quel che ne fuoriesce come scarto ( secondo la modalità materialistica ) come il pensiero.
    XXXXXXXXXXXXXXXX]

    Ecco una serie di significati totalmente artificiosi attribuiti al sesso. Però li capisco, sono assurdi, ma comprensibili. Chiaramente per chi non crede alla favola di Adamo, che oggi fa totalmente ridere a questo punto perde il senso. E poi il pensiero non è uno scarto, è un processo come un altro. Io sono cellule, che a loro volta sono aggregati di atomi e molecole, così come il pensiero è un’interazione tra alcune cellule speciali. Perchè lo dovrei scartare? Comunque quelli che xxxxxx sono quelli che tentano di imporre le loro idee sul mondo, o quelli che ti bussano alla porta per benedirti casa, o che suonano le campane la mattina, non io.

    [Boh.]
    Semplice: avevi colto il mio discorso come “maledetti cristiani che fate si che in tv non ci sia niente di scientifico!” mentre era solo un “che xxxx dici che viviamo in una società sperimentalista se , guardando i fatti, il predominio culturale cell’ha la pseudo-religiosità e la superstizione?”
    [Non sono la maggior parte, informati e te ne rendi conto. E soprattutto quanto ne beneficia lei non è proporzionalmente paragonabile a quanto ne beneficiano le altre realtà.
    Comunque lo stato con 6 miliardi l’anno potrebbe (potenzialmente, ma il beneficio del dubbio va dato) fare molto più di quello che la chiesa fa (in maniera discriminatoria a volte, come negli scout..). E poi sembra che la chiesa faccia un favore allo stato. Questo è il semplice accordo fatto con la rettifica di quel maledetto concordato , dove lo stato appalta la carità alla chiesa mantenendola per renderla necessaria. No carità=Chiesa inutile. Se lo stato si occupasse di carità la chiesa sarebbe inutile e non potrebbe pretendere i privilegi che ha, e quando mai questo avverrà mai in uno stato clericale?]
    Studia economia e ti renderai conto che ciò è impossibile.
    Il concordato successe in seguito alla soppressione di tutti gli ordini religiosi ed alla confisca.
    Se lo stato si occupasse di carità ci sarebbero molti più morti di fame essendo impropria tale funzione e proprio per questo inefficiente se compiuta da questo.
    Il concordato (il secondo) non successe dopo ciò. A quello mi riferivo. Comunque certo, lo stato non farebbe carità, farebbe assistenza.Questa è una funzione che gli spetta e che potrebbe fare in maniera molto più proficua e disinteressata della chiesa, per come la vedo io.
    [Guarda che tu hai generalizzato allo stesso modo giacché tali tematiche solo cosìmsono affrontabili, anzi, tu hai solo cianciato per luoghi comuni.
    La cosa buffa, sempre se si potesse dar ragione al tuo modo di porre le cose ( e che io non voglio negare a priori prima di verifica ) è che tra quel noi ci sono una sbraga di cattolici e credenti di ogni tipo.
    Suvvia quanto sei paraculo!]
    Quali luoghi comuni! Io ho parlato citando anche qualche (qualche perchè sono 35 voci) caso specifico. Quello che parla di luoghi comuni, gli stessi propinati da l’Avvenire a Dicembre tra l’altro sei stato tu.. Prima di tutto ho virgolettato il noi perchè io ho un mio pensiero e non esiste una classe di persone che la pensa come me, nel senso che a differenza dei credenti, un ateo non ha dei contenuti nei quali crede.
    [Ti rendi conto che sei un impostore?
    Innazitutt la propaganda antireligiosa si ha con la propagazione del vizio e con la giustificazione di norme immorali e con la presa per culo ai credenti.
    In secondo luogo ti ho spiegato che come un programma prettamente teologico non avrebbe seguito ugualmente ed per un programma scientifico tou court.
    E’ inutile che rigiri le parole facendo la prima donna. Si è capito benissimo cosa intendevi.
    La religione è ogni aspetto della vita , volto verso Dio.
    Se parliamo dei principi e dei dogmi, me te magno come la maggior parte dei filosofi attuali che sono costretti a vergognarsi per le amenità che riescono a pronunciare.
    E se ciò non è pubblicizzato e l’ateismo ha giustificazione è proprio per l’opera mistificatrice della stampa e dei media.
    Statt’accuort che devi da crepà!]
    Perdere le speranze. Vizio è una parola insignificante. Immorale è una parola insignificante. Dipende da come la pensi. Certo è vero che un programma prettamente teologico non avrebbe seguito, ma ciò che sto dicendo è che il clima della nostra società è PSEUDO-religioso e superstizioso, e NON sperimentalistico scientifico. Ecco perchè la maggior parte dei programmi “religiosi” sono qualunquisti e superficiali, perchè così è il nostro paese.
    Parla pure di ciò che vuoi, basta che eviti xxxx come gli uomini un tempo vivevano di più. E comunque una semplice cosa secondo me non è chiara. Adattare la realtà alle idee è una gran cavolata. Una realtà logica, che è perfettamente plausibile, che deriva dai principi, dogmi tutto quello che vuoi, può essere tranquillamente una xxxxx ontologica, basta che apri gli occhi e guardi.
    [Aspetta un attimo. Tu affermi nella totale idiozia che io ho ragione laddove nego la possibilità di proprietà od autorità. Allora perché vieni qui a frignare?
    Se noi siamo più forti di te, evidentemente tu sei inferiore e devi essere muto! Se io subisco te , io dovrei secondo la tua logica star zitto e muto giacché comanda chi può e basta.
    Ma noi non ragioniamo come te, ragionamento che usi solo strumentalmente.
    Guarda…è la carità che mi induce a risponderti…come ti ho già scritto siamo IN GUERRA…continua a mistificare, io ho già vinto nell’eternità.
    Se non concepisci l’eternità, ti consiglio di studiare.PEr me non ci sono problemi.]

    No, io affermo che ci sono campi in cui una convenzione linguistica in ambito giuridico è utile per stabilire delle leggi. Come nel caso della proprietà. Nel caso di famiglia, per come la vedo io, due gay insieme non creerebbero nessun danno a nessuno, e devi ancora dimostrare il contrario, e perciò non vedo perchè dovremmo prendere per buona la tua definizione di famiglia essendo , così come la proprietà, una sovrastruttura creata dall’uomo.
    [Scusa ma il matrimonio civile che cavolo c’è a fare? Davvero fai ridere i polli se non le cagne.
    se cambi a monte cambi il principio, A BELLO!!!
    Qua si tratta solo di norme congiunturali poiché la famiglia non è al di fuori del matrimonio eterosessuale per definizione ergo tale principio è connaturato al diritto.]
    Infatti il matrimonio civile dovrebbe essere aperto anche ai gay. La famiglia potrebbe essere al di fuori del matrimonio , e se “per definizione” per te non è così, definiscila. Alle medie ho imparato a scrivere la definizione di una figura geometrica quando dimostravo qualcosa “per definizione”.
    [Che te devo dì, fossi davvero curioso ti uccideresti mentre invece sei un cacasotto di merda…Quanto ce pijava quer genio de Dostojevski cò quer gran personaggio de Kirillov…nessuno di voi è alla sua altezza.]
    Io non voglio morire, ma vivere con la consapevolezza che le mie cellule moriranno con me. E così semplicemente smetterò di percepire e di vivere. E poi, posso aspettare 1,2,5,20,50,70 anni per morire, in confronto a 13 miliardi di anni che sono?
    Quello che tu dovresti comprendere è che l’a-teismo non esiste, tecnicamente.
    Infatti non esiste, è vero, ma in un mondo pieno di superstiziosi tocca distinguersi tramite termini impropri. E’ come dover dire che non ho un tumore.

    Dici lo Spirito esiste, ma è ovvio che non esiste!
    Dici che si diviene cristiani col tempo…grazie…se nascevo in arabia ero islamico!
    Dici che i froci nascono froci? Può darsi, ma è anche vero che molti lo divengono strada facendo…lo neghi(ahahahh)?
    -Che lo divengano non puoi saperlo, che dicano di esserlo col tempo al massimo lo sai.

    Dici che essere cristiani và contro la libertà ma tu neanche sai cosa significhi tale termine!
    Non và contro la libertà in senso assoluto, va contro la mia libertà nel momento in cui per tue credenze vengo condizionato anche io.

    Dici che essere cristiani sia strada lastricata di sangue quando ignori che è l’umanità di per sé ad avere tali pecche!
    Uguale, anche i cristiani hanno i loro omicidi sulle spalle e non in quanto uomini ma proprio in quanto cristiani.

    [Dici che il dogma è imposizione quando esso non è che un assioma intellettuale/spirituale, mica ti vedo protestare contro imatematici! ]
    Ma la matematica da Godel si sa che è valida nel suo sistema , e solo li. I matematici sono onesti, sanno che la matematica è un sistema chiuso e le sue regole possono valere solo entro quei limiti. Voi no 😉
    [Nemmeno io sono contento di finanziare cose contro la mia morale. E’ lo stato baby, lo stato che voti. Combatti lui, perché vomiti stronzate contro gli altri?]
    Io combatto lui infatti, però non si può negare lo stato delle cose.E poi c’è differenza tra pagare un medico (e sono mooooolto pochi) che pratica ANCHE aborti e dare 6miliardi l’anno così , a forfait, alla chiesa, non ci prendiamo in giro.
    [Ed allora perché vieni a cianciare qui. Fai il poliziotto od il finanziere che è meglio. te ne sarei grato così faresti un po’ di pulizia.
    Se poi però rompi il xxxxx non comprendendo la differenza tra immanenza e trascendenza, ti ripeto, studia, perché sei ridicolo.
    Comunque sia prendo per buono l’impeto alla pulizia ed alla coerenza che non ci sono. Questo non è vero….E’ VERISSIMO.A te l’onore.]
    Che linguaggio scurrile il caro Daouda! Spero proprio che Circolo interverrà come ha fatto con me per dirgli che certe parole non devono essere usate! Ahah
    Comunque io la differenza tra immanenza e trascendenza la capisco, ma non ci sono prove di nessuna delle due cose per quanto mi riguarda, e perciò per me rimangono solo chiacchiere filosofiche.
    [Allora non hai capito che se dovemo annà appresso alle visione de tutti succede ‘r marasma e si è sempre nel torto giacché si lede il desiderio altrui?
    Quel che è giusto è giusto in quanto universale. Gli altri, se non lo capiscono, sono dei degenerati che vanno ricondotti all’ordine.
    Io non dico che sul caso dell’eutanasia si sia nel certo assoluto. Ma si deve riflettere. Chi parte senza riflessione, dall’una e dall’altra parte, è UNA MERDA.]
    Si ma in temi etici non esiste il giusto assoluto. E poi ci sono modi per evitare “ ‘r marasma e si è sempre nel torto giacché si lede il desiderio altrui?” cioè permettere l’esaudire del desiderio altrui fin quando questo non crea danni ad altri, mi sembra regolare. L’eutanasia è uno di questi casi.
    Poi è giusto riflettere e io ho espresso le motivazioni per le quali sono d’accordo, ma quello che fate voi mi sembra tutt’altro che “riflettere”.
    [Quanto sei ingenuo…anche io vorrei uccidere o cos’altro ma non è legittimo. Come ho scritto la cosa và ben studiata e ponderata ma l’arbitrio personale NON HA ALCUNA POSSIBILITA’ DI POTER DECIDERE BENE O MALE, ergo , il tuo parere, come il mio qualora volessi vivere oltre quel che sarebbe giusto ( che dovrebbero contemplarsi anche casi del genere ) E’ VANO.]
    No. Uccidere crea danni ad altro. Morire individualmente no. Non confondere le carte in tavola c****! Leggi sopra. Il criterio è tanto semplice. Ognuno fa il c**** che vuole finchè questo c**** che vuole non comporta un danno provato ad altri.
    [xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx vacanza per Dauda ndr]

    A parte che alla mia ragazza cambia. Ma comunque non hai colto il punto (so che fremevi dallo sfogare la probabile repressione sessuale per iscritto) . Ciò che intendevo dire è che l’aborto è una questione che coinvolge una e una sola persona (la donna , nello specifico) e indirettamente il suo compagno. Punto. Niente coinvolgimenti di persone esterne. Perciò è una cosa individuale, che non riguarda la società, ma i singoli individui che la praticano. Se tu volessi xxxxxxx, oltre ad essere reato, oltre al fatto che dubito che ti rialzeresti da perterra, essa è una cosa che va contro la mia volontà, contro la mia salute fisica, e dal quale il beneficio (immagino ti piaccia) è sicuramente minore degli svantaggi. Nell’aborto la cosa è diversa, soprattutto in QUELLO TERAPEUTICO (termine ipocrita e agghiacciante, come se il bambino fosse il male, ma purtroppo usato ai più alti livelli del politically correct, ndr).
    [Però il problema è che tale cosa rientra nella naturalità. Ci fosse la poliandria , sarebbe da combattere…do you understand?]
    No. Se una donna vuole sposare più uomini, PREVIO CONSENSO DEI MASCHI, non ci sarebbe nessun problema, fosse per me.

    [Come no? Ti ammazza uno su tuo consenso, uno che si deve assumere le responsabilità del gesto.]
    Se sei cosciente tanto da dare quel consenso, forse. E poi io non voglio che nessuno si prende una responsabilità che è MIA, e solo MIA.
    [Il nutrimento non è accanimento terapeutico. Se sei così arrabbiato, incazzati con la tecnologia ( o magari chiediti perché è ancora così arretrata rispetto agli sviluppi tecnologici attuali…ohibò! )]
    Appunto, il nutrimento non è accanimento terapeutico ma ti lascia vivere in alcuni casi, perciò la tua soluzione di ritoccare la legge sull’accanimento terapeutico è insufficiente.
    [Tutti i motivi sociali ed economici sono solo tangenziali e la colpa è dello stato e dell’indifferenza , cosa da combattere ma a quanto vedo te ne freghi altamente, e non toglie di certo le responsabilità dei due cretini che hanno avuto, ipotesi, un figlio indesiderato che non ha fatto niente di male. Come ti ho detto l’unico motivo di dibattito è nel caso di una ragazza stuprata.
    PEr il resto sei solo un qua qua ra qua.]

    Un bambino non voluto, o senza la giusta attenzione, i soldi, la competenza per essere cresciuto è una cosa molto più importante rispetto alla “lezione sull’indifferenza”. Comunque i due “cretini” come ho detto possono aver avuto un preservativo rotto, o altri casi.
    Per quanto riguardo l’ “unico” motivo di dibattito, io credo che anche l’aborto terapeutico sia da discutere, sai com’è… E comunque non esiste “La Verità” su questi temi, perciò siamo tutti qua qua ra qua. La differenza sta che il mio “Qua qua ra qua” dice , fai come xxxx ti pare a te secondo la tua etica, il tuo dice fai come xxxx mi pare secondo la mia etica.
    [E che voi allora da me? ]
    Che non insinui il contrario perchè è palesmente falso.
    [A me il bosone di Higgs fà ridere e sentire che qualcuno creda che possa crearci problemi, questo è comico.
    Tu forse dovresti iniziare a comrpendere veramente quale sia la differenza tra Essere e Divenire.
    Il bello è che tra 100 anni questa scoperta sarà antiquata mentre i nostri discendenti cristiani continueranno a parlare nello stesso modo. MA MICA PERCHE’ CRISTIANI! PERCHE’ SEMPLICEMENTE SANNO USARE IL CERVELLO!
    Questo semplicemente perché gli àmbiti di dialogo sono completamente diversi.Certo avete sempre carta facile a dire che siamo dei creduloni menzogneri.
    Pazienza.
    Le vostre teorie cambiano…]
    Solo uno stupido non cambia idea. E averne una fissa da 2000 anni non è un punto d’onore. Comunque il problema è che probabilmente tu non sai nemmeno cosa sia il bosone di Higgs, e il fatto che vi crei problemi è costituito dal fatto che esso spiega come potrebbe essersi innescata la reazione del “Big Bang” , che voi avete sempre negato, e vi costringerà solo a più stupide arrampicate sullo specchio.
    [PErfetto. Fai ricerca non scienza. Tanti saluti.]
    La ricerca è scienza. La scienza è l’insieme delle conoscenze molto probabili (quasi certe, ma mai certe, è come un asintoto) studiate attraverso la ricerca.
    [PEr caso sai cosa sono i trascendetali?]
    Si delle xxxxx che per quanto mi riguarda non esistono.
    [spero tu non voglia farmi commentare tale frase…Sarebbe veramente scandaloso avere un metodo senza avere un obiettivo! Ahahaha]
    L’obiettivo? La verità. Che c’è di strano. La verità intesa come capire la realtà effettiva. Il metodo è il punto importante. Tu non hai metodo, tu hai solo obiettivo.
    [A parte il decadimento umano che proponi, e siamo proprio nel pragmatismo più insulso, ad ogni modo l’essere gay non è un problema, quantunque si possa uscirne ed è meglio.
    Come anche scopare , se non ce la si fà a resistere.
    QUI PARLIAMO DEL RICONOSCIEMNTO DEI XXXXX (Dauda si squalifica da solo con certi epiteti, ndr) CHE NON HA ALCUNA POSSIBILITA’ DI ESSER CONSIDETATO IN SE’ NORMALE. Stop.]
    E per me invece non ha senso stare in cattedra per dire cosa è normale e ciò che non lo è.
    [allora se interpreti male sò problemi tua, perché tale giudizio è valido ma non sufficiente.Do you undestand?]
    Io ti ho chiesto quali danni creasse alla società, ¾ volte, tu non mi hai risposto, io ho SUPPOSTO non interpretato.
    [Quanto sei xxxxx…allora…l’orientamento sessuale è innato e ciò è ovvio. Ed innato in quanto sessuale. Anche scopare i morti è “innato” come scopare gli animali. Semplicemente innato è un paravento insensato ahahaha.
    Il fatto che tu non ci badi non significa nulla. Lo vuoi capire o no? Tutti siamo propensi ad utilizzare la sessualità in modo non legittimo, TUTTI.
    Quindi i tuoi artifici logici fittizi non hanno alcun valore. Non ha alcuna attinenza con la biologia. l tuo discoso avrebbe una parvenza di senso se lo dicesse un Trans che si sente donna in un corpo di uomo o l’inverso, ma sarebbe comunque erroneo.
    Ma è ovvio che in tal caso si è innazi a individui disagiati che avrebbero bisogno di supporto mentre le merde attuali gli fanno cambiare sesso!]
    Per me semplicemente non esiste una maniera illeggitima di usare il sesso. Lo vuoi capire o no? [cit.] Ecco perchè cade il tuo discorso secondo me.
    [quindi lo stupro è legale? Bravo i miei complimenti…in realtà abbiamo già spiegato cosa intendessimo per naturale, abbi pietà, TI PREGOOOOOOOOOOOO!]
    No, non è legale per le leggi che noi ci diano per la nostra conservazione, ma lo stupro è perfettamente naturale. No, non sei mai riuscito a darmi la tua definizione di naturale, se non “conforme alla legge naturale” senza ovviamente definire cosa sia questa. Perciò, non inventare.

    [Il tuo parere è il tuo, ma, curiosamente, sapresti mostrarmelo nello specifico nelle mie parole?]
    [Guarda che i culti politeisti sono una degenerazione di culti monoteistici quantunque anche nei culti monoteistici ci siano aspetti politeistici.
    Il fatto che l’insieme “culti monoteisti” sia interno a quello “politeisti” mi fa supporre che i culti monotesti siano una devianza dei culti politeisti, non viceversa.

    Ma qui si và sul tecnico giacché ad esempio il culto dei santi non è che un omaggio ad essi ed una adorazione tramite loro delle energie/virtù divine in essi coabitanti essendo che non ha senso a rigore la distinzione trascenden-immanente.
    Questa per me non è altro che un retaggio di culti politeisti a dimostrazione di come l’uomo tenda non a unificare il “principio” quanto tenda a dividere il principio di tutto.
    Il tutto era solo per farti capire che è il monoteismo a stare prima. Gli hindù, per dire, sono monoteisti, o volendo enoteisti.
    Questo appunto mi fa pensare che è il politeistmo a stare prima e il monoteismo è un rozzo e imperfetto tentativo di unificare le varie divinità, che , proprio per la sua origine fallisce.
    [Cià cià cià cià]
    Cià!

  39. San Luigi
    agosto 12, 2012

    Mi dispiace, ma non hai detto nulla di sensato e hai ignorato le contraddizioni rispondendo ad capocchiam, le offese le ho cancellate dalla tua precedente risposta che sono oltretutto volgari, il fatto che tu non te ne renda conto la dice lunga sul tuo (non…e lo hai dimostrato tu) pensiero. Non perdere tempo, usalo per riflettere.
    Ciao

  40. Maledettoilvostr'odio
    agosto 12, 2012

    Hemm…credo che tu ti sia confuso con quelle che erano citazioni del post di Daouda,mio caro, tipo “xxxxxxxxxxxxxx (frase che non c’entra niente col discorso ndr)]” per dirne una, “xxxx (censuro quest’offesa di Dauda ndr)? RIPIJATI DIAMINE!” ecc. , che non sono mie, ma , come chiunque potrebbe verificare, sono di Daouda, per il quale non hai speso nemmeno una riga sottolineando la volgarità (che da fastidio a te, parole tue) usata. Hai raggiunto il lvl 100 di ipocrisia , complimenti.

    Comunque io rifletto, non mi limito a riportare in maniera se possibile ancora più imprecisa frasi scopiazzate dal catechismo.
    Ho capito perchè nessuno di voi è stato mai in grado di dirmi cosa sia la “legge naturale”, perchè il catechismo dice che è la “ragione umana” , che di per sè non vuol dire nulla, così come tutto il discorso che gli fa appresso. Ma tanto, a voi basta ripetere a macchinetta in maniera brainless (giudizio gratuito, dove questo? ndr).
    P.s. Prendersela per la presunta e (l’hai dimostrato tu..) anche errata volgarità è ridicolo dopo tutto quello che è stato detto. Che non ho detto nulla di sensato è una bugia bell’e buona , mi confesserei fossi in te. Addirittura mi sono autocensurato i “xxxx” , figurati… 🙂 ahaha che fail, e che dimostrazione di xxxxx (non sei da meno rispetto a chi offende ndr).

    • daouda
      agosto 13, 2012

      Tecnicamente , ed è argomento che abbiamo affrontato altre volte qui, natura è un termine dai significati più vari.

      Quel che noi intendiamo per naturale và inteso come legittimo, quel che è innaturale è illegittmo.

      Ogni volta tocca ri-iniziare. Non è un problema in fin dei conti, ma è cosa ridicola, sia che sia cosa voluta sia che non lo sia.

      • Maledettoilvostr'odio
        agosto 13, 2012

        No, il problema non è che tocca re-iniziare è che usi a seconda delle occasioni leggittimo—->Naturale e ora naturale—-> leggittimo. Un po’ troppo comodo.

        Io invece sostengo che non ci sia nulla di innaturale se questo si è verificato in natura, e cioè esiste. Qualsiasi cosa, anche di antropico, è materia naturale più o meno raffinata da esseri naturali. Qualsiasi comportamento è naturale in quanto praticato da un essere naturale…

        Comunque questo è ciò che dice il catechismo sulla legge naturale:

        L’uomo partecipa alla sapienza e alla bontà del Creatore, che gli conferisce la padronanza dei suoi atti e la capacità di dirigersi verso la verità e il bene. La legge naturale esprime il senso morale originale che permette all’uomo di discernere, per mezzo della ragione, il bene e il male, la verità e la menzogna:

        « La legge naturale è iscritta e scolpita nell’anima di tutti i singoli uomini; essa infatti è la ragione umana che impone di agire bene e proibisce il peccato. […] Questa prescrizione dell’umana ragione, però, non è in grado di avere forza di legge, se non è la voce e l’interprete di una ragione più alta, alla quale il nostro spirito e la nostra libertà devono essere sottomessi ». 182

        1955 La Legge divina e naturale 183 mostra all’uomo la via da seguire per compiere il bene e raggiungere il proprio fine. La legge naturale indica le norme prime ed essenziali che regolano la vita morale. Ha come perno l’aspirazione e la sottomissione a Dio, fonte e giudice di ogni bene, e altresì il senso dell’altro come uguale a se stesso. Nei suoi precetti principali essa è esposta nel Decalogo. Questa legge è chiamata naturale non in rapporto alla natura degli esseri irrazionali, ma perché la ragione che la promulga è propria della natura umana:

        « Dove dunque sono iscritte queste regole, se non nel libro di quella luce che si chiama verità? Di qui, dunque, è dettata ogni legge giusta e si trasferisce nel cuore dell’uomo che opera la giustizia, non emigrando in lui, ma quasi imprimendosi in lui, come l’immagine passa dall’anello nella cera, ma senza abbandonare l’anello ». 184

        La legge naturale « altro non è che la luce dell’intelligenza infusa in noi da Dio. Grazie ad essa conosciamo ciò che si deve compiere e ciò che si deve evitare. Questa luce o questa legge Dio l’ha donata alla creazione ». 185

        1956 Presente nel cuore di ogni uomo e stabilita dalla ragione, la legge naturale è universale nei suoi precetti e la sua autorità si estende a tutti gli uomini. Esprime la dignità della persona e pone la base dei suoi diritti e dei suoi doveri fondamentali:

        « Certamente esiste una vera legge: è la retta ragione; essa è conforme alla natura, la si trova in tutti gli uomini; è immutabile ed eterna; i suoi precetti chiamano al dovere, i suoi divieti trattengono dall’errore. […] È un delitto sostituirla con una legge contraria; è proibito non praticarne una sola disposizione; nessuno poi può abrogarla completamente ». 186

        1957 L’applicazione della legge naturale si diversifica molto; può richiedere un adattamento alla molteplicità delle condizioni di vita, secondo i luoghi, le epoche e le circostanze. Tuttavia, nella diversità delle culture, la legge naturale resta come una regola che lega gli uomini tra loro e ad essi impone, al di là delle inevitabili differenze, principi comuni.

        1958 La legge naturale è immutabile 187 e permane inalterata attraverso i mutamenti della storia; rimane sotto l’evolversi delle idee e dei costumi e ne sostiene il progresso. Le norme che la esprimono restano sostanzialmente valide. Anche se si arriva a negare i suoi principi, non la si può però distruggere, né strappare dal cuore dell’uomo. Sempre risorge nella vita degli individui e delle società:

        « La tua Legge, Signore, condanna chiaramente il furto, e così la legge scritta nel cuore degli uomini, legge che nemmeno la loro malvagità può cancellare ». 188

        1959 Opera molto buona del Creatore, la legge naturale fornisce i solidi fondamenti sui quali l’uomo può costruire l’edificio delle regole morali che guideranno le sue scelte. Essa pone anche il fondamento morale indispensabile per edificare la comunità degli uomini. Procura infine il fondamento necessario alla legge civile, la quale ad essa si riallaccia sia con la riflessione che trae le conseguenze dai principi della legge naturale, sia con aggiunte di natura positiva e giuridica.

        1960 I precetti della legge naturale non sono percepiti da tutti con chiarezza ed immediatezza. Nell’attuale situazione, la grazia e la Rivelazione sono necessarie all’uomo peccatore perché le verità religiose e morali possano essere conosciute « da tutti e senza difficoltà, con ferma certezza e senza alcuna mescolanza di errore ». 189 La legge naturale offre alla Legge rivelata e alla grazia un fondamento preparato da Dio e in piena armonia con l’opera dello Spirito.

        Per la maggior parte non dice nulla, “Certamente esiste una vera legge: è la retta ragione” , senza ovviamente aggiungere che “retta” è un principio tutt’altro che oggettivo, ma vabbè…e così tutto il resto.
        Definire il naturale col leggittimo mi pare assurdo oltre che insensato.

        A ogni modo San Luigi (pare vero..) riportami le mie offese, perchè dubito di averne scritte (e figurati se mi frega di nascondermi…), ma solo come citazioni, citazioni che non faccio assolutamente come mie, che scusa ridicola, ma che sono necessarie data la lunghezza del post per rispondere a tema. Perciò non vedo la difficoltà che hai ad ammettere che DaOuda (…mai vista la o nel suo nome?) ha offeso e io no ahah mica c’è niente di male. Soprattutto perchè io me ne infischio delle offese, penso più al (non)senso del discorso. Comunque modera nella maniera che ritieni più opportuna, basta che non inventi scuse ridicole per attribuirmi ciò che non ho scritto, e ammetti che non ti sei fatto remore a condannare senza nemmeno verificare le mie presunte offese e invece è stato necessario che te lo sottolineassi io una seconda volta per esprimerti in merito alle offese di Daouda, mostrando una netta parzialità che da un moderatore non ci si aspetterebbe …

      • San Luigi
        agosto 14, 2012

        La differenza tra bene e male o e’ oggettiva ossia valida per tutti gli uomini o e’ soggettiva ossia subordinata all’arbitrio di persone gruppi maggioranze o minoranze. Il fatto che
        La legge morale sia scritta nel cuore di ogni uomo lo si può ricavare anche dal fatto che le leggi che si sono dati gli uomini dal codice di hamnutabi alla legge delle xii tavole hanno principi comuni. Questo e’ anche ciò che e’ sottinteso nella dichiarazione universale
        dei diritti umani dove viene stabilito che tutti gli uomini sono uguali e hanno comuni diritti in quanto uomini, c’e quindi un bene che
        e’ comune a tutti gli uomini. Lampadina retto e’ sempre stata associata a diritto e lo si può vedere in molte lingue derecho, right; diritto e’ qualcosa di valido per tutti. Se non ci fosse questo criterio universale di cui ogni uomo può rendersi conto da solo investigando con la ragione non esisterebbe la giustizia, l’applicare gli stessi principi
        Universali a tutti. Ora giustamente mi
        hai fatto notare la parzialità del mio intervento, non avresti potuto con un criterio relativo di morale. Posso dirti pero’ che tra le cose gravi che ho cancellato non ho trovato quella con cui mi hai risposto senza senso. Mi dispiace non ho controllato, non me l’aspettavo.

      • daouda
        agosto 13, 2012

        Offendere alle volte è necessario e per quanto mi riguarda ho solo reagito al tuo ameno attegiamento pretestuoso visto che qui tu il dialogo non vuoi averlo.

        Ad ogni modo , per quanto non mi sembri affatto di aver esagerato, mi rimetto al giudizio del moderatore.

        saluti

        p.s. il termine natura può significare tutto quel che ora io scriverò:

        -Dio ( natura naturans )
        -il principio intrinseco d’attività
        -il creato ed il crebile
        -l’opposto al soprannaturale
        -l’inclinazione spontanea/istintiva delle cose o dell’uomo
        -stato primitivo dell’uomo ( Rosseau )
        -il regno meccanicista
        -il carattere individuale di una data cosa

        Quindi, come ho scritto, il significato è vasto e nel nostro la legittimità dipende dalla conformità al carattere dell’homo stesso.

  41. San Luigi
    agosto 13, 2012

    Non sono citazioni dei post di Dauda o meglio io non le ho ancora trovate come tali e comunque tu le riporti come tuo pensiero e quindi le fai tue, non nasconderti dietro ad un dito. Dauda ha scritto cose gravissime che sinceramente non fanno bene alla serenità del dialogo, della ricerca e creano un circolo vizioso di passioni nefaste; inoltre possono essere veramente mal interpretate finendo per significare (il tono magari vuol dire altro, ma non lo colgo) cose nefaste. Quindi invito pure Dauda a smettere proprio di scrivere e limitarsi per un pò a rileggersi, anche molte sue frasi non riesco a capirle come purtroppo i tuoi commenti in mia risposta, su un altro argomento però rispetto a quello di Dauda. Dato che i post di Dauda contengono anche delle offese credo che sia opportuno cancellarli o censurarli, cercherò di eliminare solo il superfluo facendo rimanere i concetti, cosa ardua lo so. Purtroppo questo periodo è un pò complicato per gestire il blog, ma si sa gli imprevisti capitano quando meno te l’apetti.

  42. Maledettoilvostr'odio
    agosto 13, 2012

    [Offendere alle volte è necessario e per quanto mi riguarda ho solo reagito al tuo ameno attegiamento pretestuoso visto che qui tu il dialogo non vuoi averlo.]

    Ok, non è una scusa, ma comunque non mi interessa che tu l’abbia fatto, mi interessa il fatto che se lo fai tu nessuno ti dice nulla, se lo faccio io diventa il tema della settimana.

    [Ad ogni modo , per quanto non mi sembri affatto di aver esagerato, mi rimetto al giudizio del moderatore.

    saluti]

    Figurati. Sai cosa mi interessa.

    [p.s. il termine natura può significare tutto quel che ora io scriverò:

    -Dio ( natura naturans )—-> Ok, comprensibile.
    -il principio intrinseco d’attività —–> Ok, questo è comprensibile.
    -il creato ed il crebile—->credibile?
    -l’opposto al soprannaturale—->Tautologia
    -l’inclinazione spontanea/istintiva delle cose o dell’uomo
    -stato primitivo dell’uomo ( Rosseau ) —>Perchè il “primitivo” ? E perchè non anche l’attuale?
    -il regno meccanicista—>Il meccanicismo non solo è indimostrato, ma figurati se ha un regno.
    -il carattere individuale di una data cosa—> ???

    Quindi, come ho scritto, il significato è vasto e nel nostro la legittimità dipende dalla conformità al carattere dell’homo stesso.]

    • daouda
      agosto 13, 2012

      Vedi che non capisci. Io non affermo le tue stupidaggini ed i miei insulti quindi già parto da un livello di credibilità maggiore, sempre se ci sono; inoltre esse dipendono dall’esasperazione nel dialogare con chi si ostina a paragonarsi ad un mulo, fazioso ed in malafede a priori, il che ne determina che io faccio ciò come reazione.
      Ti ponessi meglio, lo farei anche io.

      Ma il vero problema è che te non vuoi dialogare per nulla. E poi vuoi pretendere un corretto trattamento. Il fregnone qua dentro sei tu.

      Già il fatto che io ti scriva le molteplici possibilità di intendimento del termine natura e tu ti metta a confutarle, come se dipendessero da me tra l’altro, è perlomeno bamboccesco.

      Inoltre credo che sinceramente sarebbe meglio che tu non ti prenda troppo sul serio. Suvvia…

      p.s. il creabile, l'”opposto al soprannatutale” non è affato tautologico in sé se ti ho appunto appena scritto che la natura può indicare Dio. Sul “primitivo” parla con Rosseau ed i primitivisti et similia, il meccanicismo è una posizione deterministica , regno và letto in senso figurativo, riguardo l’ultima studiati il significato filosofico di CARATTERE.

      Ciao

      • San Luigi
        agosto 14, 2012

        Allora prima di tutto stai attento a quello che scrivi, si dice casomai frignone da frignare, piangere detto in maniera popolare, se non sai parlare in dialetto affidati all’italiano.
        Poi non ci sono giustificazioni per quello che gli hai scritto sei andato troppo oltre e non te ne sei reso conto. Cura anche il modo di parlare che non e’ per nulla chiaro ‘regno’ in senso figurato dove? Sei sicuro che stai riportando il pensiero della Chiesa o e’ il tuo?
        Spesso ti trascini tra un dare le perle ai porci nel senso che porti concetti troppo alti per la discussione ad un parlare sboccato e volgare dove sporchi ogni buon ragionamento e la materia che meriterebbe ben altra cura. Sei troppo frettoloso hai messo troppa carne al fuoco e il tuo interlocutore non ha fatto altro che risponderti secondo il suo pregiudizio.
        Un consiglio: scrivi meno.

      • daouda
        agosto 14, 2012

        -E’ vero…frignone!

        -Regno meccanicistico relativamente al termine natura? E’ una delle tante possibili interpretazioni, semplice. O c’è un re Robot in giro che comanda la natura?

        -No stavo riportando i vari modi di poter intendere il termine “natura”.

        Ad ogni modo il SUGO del discorso è questo : non serve “parlà” cò chi nun ha alcun desiderio di dialogare.
        Se i miei insulti sono serviti a qualcosa , è senz’altro questo, ma mica pé lui, pé voi. Il resto, ossia le critiche circostanziate che mi fai, le prendo con stima e ringrazio giacché vere.
        Ed io mica pretendo di aver virtù di per…me, sia chiaro.

        Saluti e auguri per domani!

      • San Luigi
        agosto 14, 2012

        Beh tanto più se pensi di non poterci dialogare che scrivi a fare?
        Non ho capito bene il senso della tua definizione di natura, ma pure se tu volessi intendere le sue leggi come meccaniche perché questo implicherebbe un ‘rerobot’?
        Il costruttore di una macchina non lo e’ per esempio…
        Buona festa dell’Assunta (dato che i primi vespri sono gia’ iniziati) a te e agli altri frequentatori del Blog.

      • daouda
        agosto 14, 2012

        Quello che mi chiedo io, prima, è: perché ci dialoghi te? Io sto seguendo la falsa riga tua, in peggio, dai vari punti di vista che hai già delineato, ma anche in meglio, perché lo tratto come merita una volta che si inizia a “dialogare” ( che andrebbe segato a prescindere ) con chi a tal scopo mai ci ha pensato minimamente.
        A quello che te rubba in casa je parli de Dio? T’arigira ‘r Vangelo e te dice che devi lascià che te derubbi!

        Natura in quel tipo di accezzione http://it.wikipedia.org/wiki/Meccanicismo , uno dei vari possibili.
        D’altronde quando afferma che anche uccidere è atto naturale, nel caso che usi il termine nell’accezione di attività passibile d’esistenza ha ragione.
        Il termine natura ha varie, appunto, denotazioni ed usi. Come dire sostanzialità : la scolastica la usa per far presente la forma, ma altri usi filosofici usano il termine per indicare la materia associandola alla potenza ( laddove gli scolastici la associano all’atto ).

      • San Luigi
        agosto 15, 2012

        Io di solito a domanda rispondo, ma forse hai ragione te alla fine risulta una perdita di tempo, chi va in certi siti tipo costidellachiesa evidentemente di ragionare non ne sente il bisogno. Fatto sta che non meritava anche la discussione quel tono, e quelle parole alcune molto gravi a prescindere, che hai usato tu: credi davvero che a uno con quel nick faccia effetto come lo epiteti? Anzi se voleva provocarti per farti sbroccare c’e pure riuscito. Poi noi dobbiamo servire la Verità mica i nostri comodi. Passa davvero una serena festa, a presto.

  43. daouda
    agosto 14, 2012
  44. falco82it
    agosto 20, 2012

    Che branco di fondamentalisti bacchettoni!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 24, 2012 da in Uncategorized.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: