Circolo Giovanile San Luigi IX

Circolo del Movimento politico cattolico Militia Christi

La Repubblica delle banche

Domani si festeggerà la Repubblica  di un’Italia che dopo 150 anni si capisce definitivamente schiava, e non di Roma.

In un paese scosso dal terremoto che tenta con una solidarietà spontanea  di ricostruirsi (Monti è stato solo capace di alzare le accise, di nuovo), le banche lucrano sulla solidarietà.

5 euro per una transazione in favore dei terremotati date alle banche.

E quelli che si distraggono con il Vaticano, immaginando chissà quali complotti sotto il cuppolone, si sono già dimenticati che l’Imu le fondazioni bancarie non lo pagano.

12 commenti su “La Repubblica delle banche

  1. Nonimo
    giugno 2, 2012

    Se volete fare solidarietà, spingete affichè il vaticano devolva l’intero 8×1000 (così come lo stato e tutti gli altri) ai terremotati. Con 1 miliardo di euro non ci sarà bisogno più di fondi , o quasi. Le vostre preghiere del xxxxx, non ci servono , soprattutto quando ci costano 10 milioni di euro per far parlare il papa a Milano.

    • San Luigi
      giugno 2, 2012

      Che tristezza sei veramente il prodotto di questa società mediatica.
      Pensi che la Chiesa debba dare tutto per i terremotati dell’Emilia, così ci mangia qualche altra banca o qualche amico laico di Monti?
      Chi hai il dovere di aiutare i suoi cittadini?
      La Chiesa aiuta e silenziosamente, lo Stato pensa alle parate, quelle che non fa la nostra nazionale di calcio, e intanto dispone che solo assicurandosi si potranno aiutare i terremotati. Ma bene complimenti hai capito proprio tutto, come al solito…

  2. Nonimo
    giugno 2, 2012

    Prodotto di questa società mediatica? La nostra società mediatica fa vedere il papa come seconda notizia al tg , come una persona che aiuta il nostro paese, che fa convegni il giorno della festa della repubblica (deviando l’attenzione) che CI costano 3 volte la parata a roma, che comunque non dovrebbe essere fatta. Nessuno dice un xxxxx della chiesa che non rinuncia a un centesimo, per aiutare l’Emilia. Potrebbe usare 1 miliardo di euro per pagare ditte edili e ricostruire direttamente le case, senza dare soldi a nessuno, ma non lo fa , e non per i motivi che dici tu, perchè non gliene frega un xxxxx di niente. E’ ovvio che lo stato deve aiutare i cittadini, ma visto che non navighiamo nell’oro fossi lo stato, forzerei tutto l’8×1000 e lo destinerei all’Emilia, senza consenso della chiesa, così lo aiuterebbe. Io certamente dico che lo stato non sta facendo abbastanza, ma che la chiesa non sta facendo un xxxxx.Le preghiere mettetevele nel…la chiesa.
    La chiesa non fa niente, niente, ha dato 3 milioni di euro di soldi nostri, per il terremoto, nonostante ciò che ottiene dall’8×1000 sia 5 volte ciò di cui necessita e 5 volte quanto era la congrua di prima, perchè dal momento che può farlo e dal momento che l’Italia è senza una lira non rinuncia a una parte , come può fare?
    Perchè il Vaticano, e tutta la Chiesa sono un branco di avidi scrocconi che pensano solo ai propri interessi, come lo dimostrano innumerevoli occasioni, e sono le xxxxxxx della politica che si buttano dove più fa comodo loro per incassare qualche spicciolo in più.

    • San Luigi
      giugno 2, 2012

      Forzeresti, vuoi dire ruberesti…ma che ti importa, ahahah basta che il tuo stato sta al calduccio, poi della popolazione che ce frega!
      Quando parlo di rappresentazione mediatica parlo delle disinformazione strisciante pure su internet (ma anche in tv), della Chiesa ricca che pensa solo a sè stessa. Ma le famiglie chi sono?
      Siamo noi, sono i terremotati, anche i cretini come…vabbè vai cerco di non arrabbiarmi, leggiti l’altro articolo che ho scritto….

  3. Nonimo
    giugno 3, 2012

    Ruberesti? No, il furto implica la proprietà. Comunque tra dare soldi alla chiesa per usarli verso un’utenza parziale e darli allo stato per fare del bene (ammesso che lo faccia ovviamente) sono più propenso a darli allo stato.
    Della popolazione che ci frega? Ancora una volta tu confondi stato con governo. Lo stato è la popolazione.Quindi si, stato al calduccio se possibile. Purtroppo questi sono fatti, la Chiesa è un’organizzazione ricchissima, tu pensa che anche dopo il 1870 , quando poveretti avevano subito tante offese, dopo che fu stanziato il risarcimento di 750 milioni di lire + 5% annuo su 1 miliardo, l’ex ministro nesti, che conosceva le finanze della chiesa disse che non ne aveva minimamente bisogno la chiesa di quei soldi. E le cose non sono cambiate. Cosa fa in concreto la chiesa per aiutare i terremotati? Preghiere e poi? 3 milioni di euro ha stanziato? Capito? 3milioni di soldi nostri. Una miseria! Eprice ha dato di più. Ma vergognatevi xxxxx (ultimo richiamo)!

    • San Luigi
      giugno 3, 2012

      più dal Papa direttamente altri 500 mila euro. Ora primo per te lo Stato è il popolo e
      neanche nello Stato nazista pensavano così, poi se ti preoccupassi un decimo di quanto sbraiti della destinazione dei nostri soldi allo Stato che mantiene solo in piedi un apparato elefantiaco che tu vorresti anche rendere totalitario, invece che del bene delle persone, forse arriveresti a fare un discorso decente. La Chiesa tappa tutti i buchi di uno Stato sempre più assente nelle questioni sue proprie oltre a fare un di più che non può essere mortificato come fasi tu. Inoltre vista la maggiore vicinanza con le realtà locali fa sicuramente meglio di uno Stato centralista e accentratore, per questo dove è possibile sono meglio le iniziative di solidarietà popolari piuttosto che quelle calate dall’alto. Quando crescerai capirai.
      Per ora visto che non posso sostituirmi ai tuoi genitori, ti avviso che alla prossima parolaccia, se non ti controlli, sei fuori.

  4. Nonimo
    giugno 3, 2012

    Il papa è nullatenente, così dite voi. Comunque , io sottolineavo semplicemente il fatto che tu non riesci a capire che quando io dico stato non dico Monti, tu non capisci che c’è differenza tra classe politica , governo e stato. L’esercito,la stessa protezione civile, nei mezzi , sono pagati dallo stato, e sono loro ad aver costruito tendopoli e a fornire pasti ecc. Quei soldi provengono dallo stato, cioè dalle casse comuni. Questo è ciò che lo stato ha fatto. Il tuo discorso tra l’altro è anche contradditorio, se infatti lo stato non aiutasse in questo modo che senso avrebbe dargli soldi come anche il papa ha fatto, aprendo il borsellino degli spicci dello IOR?
    Comunque la chiesa ripeto non fa niente, non può far niente perchè un vecchio di 70 anni che ha scroccato tutta la vita non è utile alla ricostruzione, e non dona soldi in proporzione a quelli che le diamo noi.
    Per quando riguarda la chiesa come tappabuchi, purtroppo è vero, e questa è una politica clericale attuata dallo stato da dopo l’84 , proprio per far finta che la chiesa sia necessaria, il problema è che i soldi sono dello stato e la faccia è della chiesa.

    Per quanto riguarda il “sei fuori” oltre a dirti che sei ridicolo perchè ormai cazzo oltre che sul dizionario, si trova in ogni film o serie tv , e non ci vedo nulla di male, (a proposito bel servizio anticlericale quello di 10 minuti del papa come prima notizia ) ad usarlo. Poi mi piacerebbe sapere in cosa consiste il “sei fuori”, spero proprio non nel ban dell’ip, perchè è la maniera meno efficace ahaha

    • San Luigi
      giugno 3, 2012

      Io non ho parlato assolutamente di Monti, nè di Napolitano, io dico che pensare che lo Stato da solo possa garantire tutto è pura utopia. Le persone si possono riunire spontaneamente e organizzarsi per portare benefici localmente in modo molto più produttivo.
      Ora questo in genere, poi la situazione italiana è ben lungi dall’essere uno Stato efficiente, moltissimo spreco, poche infrastrutture (se ci fossero più criteri nelle costruzioni molti problemi si anticiperebbero) e mancanza di sovranità monetaria la fanno essere uno Stato assente.
      Il clientelismo statale il parassitismo amministrativo non hanno nulla a che fare con Chiesa e l’84 dopo il quale anzi si è trascurato troppo il peso storico della Chiesa, con le conseguenze della perdita di ogni valore e direzione a rimorchio costante delle novità degli altri paesi.
      Il Papa i soldi che ha devoluto, a cui non era tenuto come chiunque spontaneamente fa beneficenza, lo ha fatto attraverso la raccolta fondi della Caritas, che naturalmente si è attivata come i boy scout, senza naturalmente vedere 8 per mille e tasse.
      Il sei fuori consiste semplicemente nella tua esclusione, visto che per me (questo è il tuo criterio e la dice lunga) non è il fatto che una cosa compaia nelle serie tv, o nei film o la dicano milioni di persone che la legittima in un discorso che vuole essere civile. Quindi adeguati per favore.
      Tra l’altro la tua mancanza di rispetto verso le persone più grandi di te (vecchio di 70 anni, a parte che ne ha 84…) dimostra come la mancanza di una famiglia (anche concettualmente non so se anche di fatto) sia deleteria e spinga alla mancanza di rispetto per il prossimo.

  5. Nonimo
    giugno 3, 2012

    Tu fai il salto logico tra dare i soldi allo stato e lo spreco. Questo non è reale, è tendenzioso. Certo che le persone possono riunirsi spontaneamente, ma secondo te la protezione civile, i pompieri chi li finanzia?
    La stessa caritas che la finanzia? La chiesa di suo non finanzia niente, e ci mancherebbe, le offerte dirette in chiesa sono le più basse di Europa, per questo è necessario che lo stato by-passi la volontà e obblighi tutti a pagare la chiesa, altrimenti creperebbe di fame se fosse per i suoi “fedeli”.
    Mia esclusione? Si ma che vuol dire?
    Comunque quale altro criterio se non l’uso che se ne fa per giudicare un termine? Non vedo cosa ci sia di brutto di per sè nella parola cazzo. Mah.
    Comunque non mi riferivo al papa, mi riferivo a un prete x generico che aiuta quanto un bicchiere d’acqua per un infarto. E che sia vecchio di 70 anni molte volte è una visione anche troppo ottimista della realtà. E anche se fosse sarebbe solo una costatazione nessuna mancanza di rispetto. Se mi dicessero che sono un ragazzo di 20 anni non mi dispiacerebbe, è la verità, mia nonna è una persona vecchia di 76 anni, e allora? C’è da offendersi? Mancare rispetto? Ma per favore, il moralismo bacchettone tienilo per altri, per gli eufemisti che usano disabile al posto di handicappato o casa-famiglia al posto di orfanotrofio

    • San Luigi
      giugno 3, 2012

      No vedi io non sono politically correct, ma il disprezzo lo leggo benissimo dalle tue parole (a te dovrebbero dirti ragazzino per stare pari casomai) e mi dispiace, mi dispiace poi perchè non riesci minimamente a dialogare, qualsiasi cosa tu dai per scontato che lo stato sia tutto buono ciò che fa la Chiesa niente, e addirittura in questo tuo delirio annoveri la Caritas con il primo…pensa che onestà!
      Comunque io non parlo di riunirsi liberamente (che non c’entra niente), parlo di solidarietà spontanea, molto più efficace, del tuo stato, in astratto. Poi se volgiamo parlare della situazione italiana…quale salto logico, è la realtà, ma non puoi perchè dovresti mettere in discussione il tuo “dogma” laico, le parolaccie comuqnue aiutano ad offendere e di solito questo avviene (e tu nota che ti avviane spesso) quando non ci sono argomenti.

  6. Nonimo
    giugno 4, 2012

    Lo leggi male, era solo una constatazione la mia. Sei pregiudiziale e ciò che sostieni è solo una supposizione basata sui pregiudizi che non puoi pretendere che valga per nessun altro oltre a te. Tanto più in questo caso , dove il tuo “leggere” aveva addirittura frainteso pensando che fosse il papa.
    Io non do per scontato nulla, io dico che tu salti a conclusioni troppo azzardate. Non hai la minima capacità di dimostrare che se io donassi dei fondi per i terremotati allo stato, questi verrebbero con certezza matematica TUTTI buttati o usati male. Io penso invece che uno stato con più soldi potrebbe evitare contratti dei pompieri da 600 euro al mese, assicurare ancora più mezzi alla protezione civile, eccetera. Non dico che non ci saranno sprechi , o criminali che ci mangiano sopra, ma dico che una parte sicuramente verrà usata.
    Tu invece dai scontato il contrario, cioè che ciò che fa lo stato è tutto cattivo e ciò che fa la chiesa è tutto giusto (la stessa chiesa che si alleò col fascismo, sigh!).
    Inoltre la caritas so che è un’associazione filocattolica, però è finanziata direttamente o indirettamente dallo stato, che tu lo voglia riconoscere o no.
    In sostanza ciò che sto dicendo è che laddove la chiesa fa del bene , lo fa con i soldi dello stato, e non saprei chi dei due ringraziare di più sinceramente 🙂
    Vero, spesso le parolacce sono usate quando non si ha altro da dire, ma questa frase in questo contesto detta da te non ha senso.
    Avrebbe senso se avessi detto “zitto tu , testa di caxxo, non capisci una sega, muori” , questo sarebbe stato un utilizzo di parolacce per non rispondere a tema, ciò che ho fatto io è rafforzare un sostantivo, niente di tutto ciò. Quindi non mischiare le carte in tavola deviando un discorso.

    • San Luigi
      giugno 4, 2012

      Purtroppo, ti ripeto è la realtà che ti smentisce, io non sono per l’abbatttimento dello Stato, mica sono un anarchico, ma non lo voglio certo totalitario. Che sia filocattolica, filoquello che ti pare, la solidarietà reciproca si costruisce a livello spontaneo da personei di buona volontà, e non devono chiedere permesso allo Stato anche perchè i soldi sono loro non dello Stato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 1, 2012 da in Uncategorized.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: