Circolo Giovanile San Luigi IX

Circolo del Movimento politico cattolico Militia Christi

Marcia pro Vita!

Un giorno di ordinaria allegria nelle vie di Roma che ritorna la Capitale del mondo civile.

Due partecipanti (anzi tre) alla Marcia per la Vita. Uno è un “teocratico” che ha indosso persino i colori della Santa Sede.

Un oceano di uomini e donne (e bambini) hanno sfilato per le vie del centro benedicendo con un inno alla vita i luoghi storici e significativi dove si è fatta la storia.

E’ la reazione composta, ma ferma dei cattolici e degli uomini di buona volontà di fronte all’agnosticismo etico che subordina la vita ai parametri  dell’efficenza e della visibilità.

Dopo più di trent’anni di attentati alla vita si è finalmente scelto un gesto chiaro e inequivocabile di opposizione al male che in maniera subdola, mascherato da diritto, ci ha privato di 5.000.000 amici, parenti, cittadini, scienziati, “buoni politici”…

Una rivoluzione della mentalità moderna, egoista e materialista, che ha scatenato le ire dell’idra  relativista che si è vista scivolare il terreno sotto ai piedi e scricchiolare un potere che ha conquistato al prezzo di tanto sangue innocente.

Tutte le armi sono spuntate contro il bene e infatti anche la prevedibile accusa di estremismo non ha fatto che confermare l’estrema varietà di sigle che hanno composto un mosaico dove a prevalere è stato il coraggio di esprimersi per i più piccoli, per gli innocenti ed indifesi.

Un cammino espiatorio e di crescita spirituale verso il bene, consapevoli che chi salva una vita salva il mondo intero.

5 commenti su “Marcia pro Vita!

  1. Algophagitis-VIII
    maggio 16, 2012

    uccronline.it/2012/05/15/anche-in-italia-la-marcia-pro-life-i-quotidiani-si-scatenano/

    uccronline.it/2012/05/15/anche-in-italia-la-marcia-pro-life-i-quotidiani-si-scatenano/#comment-70586

  2. hjorvardr
    maggio 17, 2012

    Al di là del caldo (sono tornato a casa disidratato), al di là della fatica, al di là delle tante piccole cose che si potevano fare meglio (ma l’imperfezione è caratteristica delle cose umane), è stata una giornata unica, esaltante e meravigliosa che mi auguro segni un punto di svolta nella lotta contro l’aborto.
    Mai avrei pensato così tanta gente (le stime ottimistiche della vigilia erano 3-4000 persone siamo arrivati a 15000) sarebbe scesa in piazza per gridare il suo no all’aborto e il suo sì alla vita. Segno evidente di un (pur lento) risvegliarsi delle coscienze troppo spesso intorpidite dalla cultura della morte; e se è pur vero che la battaglia è ancora lunga e faticosa giornate come questa fanno ben sperare per il futuro.
    Avanti così ragazzi, fino all’abrogazione della “legge” 194 (e della “legge” 40)!
    W la Vita!
    W Cristo Re!

    • daouda
      maggio 17, 2012

      Che poi è davvero bizzarro…Alemanno può patrocinare il “gay pride” e noi si deve stare muti, ma non la “marcia per la vita” perché quegli altri si offendono…bah.

      Riporto alcune frasi di Olavo de Carvalho dal blog di Cabasilas che mi sembrano veramente circostanziate riguardo la nostra epoca:

      “il cittadino comune, ignorando le correnti storiche che generano questo stato di cose, resta attonito davanti alla degradazione generale e dà molto più credito ai discorsi d’accusa rivoluzionaria, senza sospettare che vengono dalla stessa fonte degli orrori che lo tormentano. La mentalità volgare , incapace di spiegare le condotte umane se non con i motivi che si applicherebbero a sé stessa – ipocrisia, ricerca di vantaggi materiali, compulsione nevrotica et cetera – diviene facile preda della manovra rivoluzionaria proprio perché non può rendersi conto delle tenebrose necessità dell’animo luciferino”

      Questo perché la marcia della vita possa essere un’occasione di risveglio per tutti gli homini che si rendono conto dell’inconsistenza della pratica abortiva e della sua inumanità, e soprattutto affinché i cattolici tutti si rendano conto che le prese di posizione sono urgenti ma soprattutto possibili , autonomamente possibili!
      Si risveglio questi dal torpore, e se tra noi c’è qualche indifferente, scelga finalmente chi servire, Dio o mammona, poiché è scritto che il tiepido verrà vomitato dalla bocca del Signore!

      saluti

      • daouda
        maggio 18, 2012

        “Imitare il Cristo è partecipare a un gigantesco esercizio di antigravitazione umana. I primi cristiani erano tutti discepoli dell’ arte dell’ antigravitazione”

        Ho letto qualcosa di Peter Sloterdijk…è uno molto curioso, puntuale e suggestivo puntuale ma sempre un po’ codardo e sempre un po’ comodo come tutti gli atei ( quelli non laicisti si intende )…ma sta frase è senzazionale!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il maggio 14, 2012 da in Uncategorized.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: