Circolo Giovanile San Luigi IX

Circolo del Movimento politico cattolico Militia Christi

WELCOME!

Il Movimento Politico Cattolico Militia Christi, ha voluto "salutare" a suo modo il vergognoso Euro Pride che inizierà oggi a Roma, nei giardini di Piazza Vittorio, dove sono stai montati numerosi gazebo per il cosìdetto "Pride Park".

Il Movimento ha affisso nella notte, su uno dei cancelli di ingresso del parco di Piazza Vittorio, uno striscione con su scritto: "WELCOME TO PRIDE PORK!" a sottolineare la vera natura della manifestazione omosessuale.

L'iniziativa esprime lo sdegno di un quartiere intero verso l'organizzazione e verso il comune di Roma, con toni adeguati alla gravità del fatto.

Pride pork 2

124 commenti su “WELCOME!

  1. anonimo
    giugno 1, 2011

    I maiali siete voi. Io sono una ragazza lesbica, laureata in critica e convivo con una dottoressa logopedista. Lavoriamo entrambe, spesso facciamo volontariato nelle associazioni infantili per i disturbi psicofisici, abbiamo amici, parenti e colleghi che amiamo e che, a loro volta, ci amano. Fate VOI QUANLCOSA CHE POSSA SERIAMENTE RIMANERE ALL'UMANITA' INVECE DI ANDARE AD APPENDERE CARTELLI PRIVI DI QUALSIASI ETICA E/O MORALE. Se dovessimo fare come voi, su ogni chiesa, circolo, refettorio e persino al vaticano dovremmo scrivere ben di peggio. Coglioni.

  2. todikaion
    giugno 1, 2011

    Beh magari non hai imparato la gentilezza facendo volontariato. Il fatto che tu faccia volontariato non legittima l'omosessualità, o magari è strumentale a questo per te?

  3. waltergolden
    giugno 1, 2011

    alla gentile donzella #1: tutto dipende da cosa tu intenda per la parola "amore"…amore è anche lottare affinché la perversione non avveleni del tutto il nostro mondo, e se un semplice cartello può contribuire a svegliare le menti intorpidite dalla propaganda pro-omosessualità, benvenga!

  4. anonimo
    giugno 1, 2011

    Mh… "amore" è "lottare"? Mh…
    Militia Christi? Come se a Cristo servisse una "milizia" su questa terra…
    A Cristo che ha detto: "Il mio Regno non è di questo mondo". A Cristo che "disse a Pietro: 'Rimetti la tua spada nel fodero' " ? Mi sembra un po' inutile. E anche un po' superbo.

  5. todikaion
    giugno 1, 2011

    Il dovere di testimonianza…inutile? Superbo?

  6. anonimo
    giugno 1, 2011

    Mi correggo dal post prima.
    Sfigati e vigliacchi…
    Fortuna che non vincerete mai (e che non rappresentate davvero la religione cristiana)…

    F.

  7. todikaion
    giugno 1, 2011

    Dai con un sforzo ce la fai a firmarti, coraggiosone di un F.

  8. anonimo
    giugno 1, 2011

    No no no. Inutile e superbo non è il dovere di testimonianza. E' l'idea che a Cristo serva una "milizia", cioè un braccio armato. So che "militia Christi" indica la comunità dei credenti e la disciplina del cristiano che procede sulla strada delle virtù: ma qui, da voi, c'è stato uno spostamento semantico, e "militia" indica invece un'attitudine alla lotta. Il che mi sembra inutile, perchè Cristo ha già i suoi eserciti, e superbo, perchè pretende di offrire una formazione armata secolare a Chi non la ha mai espressamente legittimata.

  9. anonimo
    giugno 1, 2011

    Secondo la tua logica la Legge non dovrebbe esistere poiché ristabilire l'ordine è un ' inutilità.

    STATE BENE COSI' !!!

    per la ragazza del #1 :

    Ignorare chelottare contro l'affermazione di adozioni gay e pseudomatrimoni gay non rimanga come un bene all'umanità , beh , mi sembra comico, quantunque tu abbia ragione , ossia che le battaglie da fare sono moltissime.
    Ahinoi si fà quel che si può.

    Ad ogni modo non scordiamoci che è dalla pseudocultura che si passa ai fatti ed al dominio politico, soprattutto in democrazia.

    I gruppi omosessualisti sono come i gruppi femministi, strumento dei potentati che non daranno né all'uno né all'altro le utopie che vagheggiano , lasciandoli insoddisfatti ma portandoci tutti nel baratro, cosicché il potere sia consolidato in modo ancor maggiore e pervasivo.

    saluti

    Davide

  10. anonimo
    giugno 1, 2011

    Grandissimi!  Onore a Militia Christi.

    alla lesboinvasata n°1: visto che i cartelli di Militia Christi sono immorali perchè non appendi qualche perla di saggezza di Mario Mieli.
    Te ne suggerisco una: «Noi checche rivoluzionarie sappiamo vedere nel bambino […]l'essere umano potenzialmente libero. Noi, sì, possiamo amare i bambini. Possiamo desiderarli eroticamente rispondendo alla loro voglia di Eros, possiamo cogliere a viso e a braccia aperte la sensualità inebriante che profondono, possiamo fare l'amore con loro. Per questo la pederastia è tanto duramente condannata: essa rivolge messaggi amorosi al bambino[…]>>
    Ma forse non va bene (è troppo lunga) .

  11. anonimo
    giugno 1, 2011

    Mi dovete spiegare perchè più siete religiosi, più siete pieni di odio…ma  l' avete letto mai il vangelo? carità cristiana, comprensione, empatia, pietà…Cristo si vergogna di voi…io sono credente, ma prendo le distanze dalla chiesa, e da gente come voi, che è lontana anni luce dagli insegnamenti di Gesù…la mia migliore amica è bisessuale, e vi assicuro che è più piena di pietà e bontà per il prossimo di tutti voi…tanto per specificare, non sono gay, e parlo perchè il disprezzo a priori non lo tollero.

  12. anonimo
    giugno 1, 2011

    n°11: ti rifai alla visione falsa e buonista del cristianesimo, ovvero filtrata dal relativismo e dal politicamente corretto, oppure ti confondi con la Wicca ("fa ciò che vuoi purchè non danneggi nessuno") o con il buddhismo commerciale, o con i figli dei fiori ,o con i film disney.
    Può anche essere che la tua amica sia piena di bontà e amore per il prossimo. Questo è meraviglioso e anzi deve coltivarlo. Sono il primo ad ammettere che ciò che manca nelle persone (e anche nei cristiani di oggi) è il dedicarsi al prossimo. Certo è che la tua amica non è con la sua bisessualità che aiuta il prossimo, non è con atti venerei che aiuta le persone, non è con la sua ideologia gay che fa degli atti concreti di amore. Così appaga solo i propri turpi desideri , come fa ogni persona nella lussuria. Se ritiene così importante aiutare gli altri dovrebbe scegliere di farlo invece che crogiolarsi nella libidine.

  13. anonimo
    giugno 2, 2011

    Il problema è che non sapete veramente niente del cristianesimo…studiate e poi ne riparliamo eh….


    Vi posto una interessantissima retrospettiva evangelica….

  14. todikaion
    giugno 2, 2011

    Proprio perchè siamo "religiosi" (in realtà è meglio dire credenti visto che non facciamo parte di nessun istituto religioso) non ci conformiamo alla mentalità del mondo, all'anti-vangelo secondo Lady Gaga.
    Armando

  15. todikaion
    giugno 2, 2011

    All'anonimo del commento #8. Ma che ci prendi per un esercito?
    Eh, beh…ci mancava questa!
    Guarda ogni tanto giochiamo a risiko con il "Salvation Army".
    Armando

  16. anonimo
    giugno 2, 2011

    Nel nome di Cher, Madonna e Kylie Minogue….amen

  17. anonimo
    giugno 2, 2011

    ma quale sdegno del quartiere…andatevi a leggere i blog del quartiere e vedrete come il 90% dei residenti sia favorevole…..io ci vivo all'esquilino e vi posso assicurare che il villaggio nn da fastidio a nessuno.
    Lo sapete che chi dice le bugie va all'inferno? Non ve l'hanno insegnato all'oratorio?

  18. anonimo
    giugno 2, 2011

    N. 12 non mi confondo nè con le wicca, nè col buddismo, nè con i figli dei fiori, nè con i film disney, nè tantomeno col manuale delle giovani marmotte…io ho semplicemente ben chiaro nella mente cosa è scritto nel vangelo, vangelo, lo ripeto, così il concetto è più chiaro. E' lì che ho letto le parole e i concetti che ho riportato, non nei giornalini dal parrucchiere.
    Sono la persona meno politicamente corretta del mondo, vi dico solo questo: siete aggressivi, supponenti, ed offensivi (che vi dà il diritto di dare dei "porci" a persone che sono comunque vostri fratelli, per quanto la cosa vi schifi?)
    Solo la presunzione di giudicare (ve lo ricordate CHI è che giudicherà alla fine, o ve lo devo ricordare io?), di permettersi di dire che una persona è "turpe" vi fa disonore, e vi ripeto ancora questo: Cristo si vergogna di voi, e dubito fortemente che quando arriverà il vostro momento, sarete ricompensati per tutto l' odio che cercate di seminare. La mia amica aiuta gli altri, sempre, e se nella sua intimità si dedica alla "libidine", credo che Gesù apprezzi più lei che voi che siete esattamente come il fariseo nel tempio (vangelo di Luca, o anche questo è troppo falso e buonista per voi?)

  19. todikaion
    giugno 2, 2011

    #17 Ma i residenti del quartiere hanno scelta?
    #18 che sia una porcata (con tutto il rispetto per animali e persone) è fuori dubbio.
    Se la martellante propaganda di un potere forte fa accettare il contrario la verità urge ancora di più come forma di carità.
    E lo si fa sia per la gente già oberata di problemi in un quartiere (chi dice che ci vive lo deve sapere se no mente) già particolare e problematico di suo; ma anche verso gli omosessuali che hanno così un'alternativa rispetto alla degradante china prospettata dall'Arcigay.
    Armando
    p.s. Firmatevi, grazie!

  20. anonimo
    giugno 2, 2011

    Qui non ci capiamo…chi lo dice che è fuori dubbio che sia una porcata? tu? e chi sei tu, che puoi dire cosa è una porcata e cosa no? l' emissario di Cristo in terra? per me sarebbero porcate le cose che dite voi, allora? chi decide chi ha ragione? con quello striscione sono stati INSULTATI!
    non c'è possibilità di dialogo con chi si sente la verità in tasca…e questo mi dispiace…
    e comunque…che problema aggiuntivo sarebbe questo euro pride per il quartiere? temete contagi, che i bambini vengano pervertiti, che i gay si buttino addosso agli etero e li violentino? fammi capire, perchè davvero qui io ti dico mela, e tu mi rispondi pesca…
    ah, ti informo che i gay ragionano con la loro testa, sono persone normalissime (eh, si…), e ti rivelo un segretone segretissimo…probabilmente ne conosci tanti e non te ne sei nemmeno accorto…perchè non sono diversi da te, non vanno in giro sculettando con le mani che sventolano, e non parlano in falsetto guardando i maschi con la bava alla bocca…
    se riesci, fatti un esame di coscienza, prima di parlare di carità…
    ps. non mi firmo perchè non metto il mio nome su internet per principio…ma considerato che non ho minacciato nessuno, nè offeso, non credo che sia importante sapere se mi chiamo pinca palla, francesca o chissachè…

  21. anonimo
    giugno 2, 2011

    #19 Qua non si tratta di avere o meno scelta….se i residenti dell'esquilino disapprovassrero quello che sta avvenendo nel loro quartiere farebbero sentire la propria voce. Come mai invece in tutti i blog di quartiere il 90% dei post e commenti è favorevole? Come mai in tutti i blog del quartiere la locandina del Pride Park camopeggia in prima pagina?
    Poniamo anche il caso che i residenti non avwessero avuto scelta (cosa non veritiera visto che tentativi di raccolte firme qualcuno li ha fatti e nessuno ha raggiunto numeri degni di nota), se fossero stati contrari a quale pro tutti i blog suddetti ( posseduti da residenti del quartiere stesso) pubblicherebbero materiale positivo?

    Il fatto che i residenti dell'esquilino non vogliano il parco è una vostra pura e deliberata affermazuione non basata su fatti reali…è evidente

    Certo che è un quartiere problematico, ma non certo per il pride….un conto è la malavita, il problema integrativo, un conto è ospitare una manifestazione civile, democratica, regolamentata e di respiro internazionale, che può solo portare del bene al quartiere.

    "ma anche verso gli omosessuali che hanno così un'alternativa rispetto alla degradante china prospettata dall'Arcigay."

    Un solo commento a questa tua ipocrita frase: AHAHAHAHAH

  22. todikaion
    giugno 2, 2011

    Chi decide che hai ragione?
    Lo sai che l'Europride è stato fatto contro ogni vincolo storico insito nel luogo e oltre qualsiasi limite di manifestazione per un luogo del genere?
    Ipocrita?
    la parabola di Mario Mieli è sotto gli occhi di tutti, discussa poco più su.
    Per quanto riguarda l'Esquilino tu lo sai quali sono le comunità che lo formano?
    Sai che è improbabile che possano essere rappresentate da un blog?
    Sai che probabilmente gli unici contenti per motivi demagogici sono il circolo Pd Esquilino e suoi affiliati?
    Se non ti firmi non capisco chi sei e quali commenti hai scritto prima, ergo non si capisce più un tubo.
    Capisco che ci sguazzi nella confusione, ma noi no.

  23. anonimo
    giugno 2, 2011

    Io non sguazzo nella confusione, e modera i termini, dato che non mi conosci…ok, hai ragione, facciamo che mi chiamo francesca, e ho scritto i commenti 11, 18 e 20.
    NON sono quindi la persona che ti ha dato dell' ipocrita, se posso cerco sempre di tenermi su toni civili…NON sono il commento 21.
    Vedo che comunque hai risposto solo ad un punto del mio commento (20), diciamo il più "facile"…
    Comunque, tanto per la cronaca…a me di Mario Mieli importa poco e niente, io valuto le persone per quello che fanno, e non in base a quale "categoria" appartengono, come pare facciate voi…se un gay è una brutta persona, io non ho problemi a dirlo, così come per un etero, un nero, un cattolico, un ebreo, o un disabile in carrozzina…non sono politicamente corretta, come vedi!
    Io sono di Roma, e certe situazioni le conosco…ma allora del casino che c'è stato per il giubileo non ne vogliamo parlare? giorni di caos, per una cosa che riguardava solo il Vaticano (si, Roma NON è della chiesa, lo stato italiano è laico, ci sono migliaia di non cattolici a Roma), milioni di persone che hanno invaso la città…e mi vieni a parlare dell' euro pride?
    Ah, certo, il giubileo era intoccabile, milioni di euro buttati al vento nel nome di Dio…peccati perdonati se si passava sotto la porta santa…simonia…ti dice niente?
    La demagogia si trova dappertutto…anche in voi…io per me cerco di tenerla a distanza, provo a ragionare con la mia testa, e me la vedrò con Dio per quello che ho fatto e pensato, semmai…

  24. todikaion
    giugno 2, 2011

    Allora Francesca le persone le valuto anche io, ma le ideologie che vogliono equiparare eterosessualità a omosessualità le combatto.
    Già che mi equipari Giubileo (al di là dei significati ha come fulcro San Pietro zona extraterritoriale) all' Europride vuol dire che la propaganda ti ha un pò plagiata. Quì non stiamo parlando del casino tipo primo Maggio a S. Giovanni (anche lì ci sarebbe da discutere quantomeno sulla piazza concessa), ma di qualcos'altro che pure se stai a Roma dovresti conoscere.
    Armando

  25. todikaion
    giugno 2, 2011

    Per rispondere all'altra parte del tuo commento #20 non è che paventiamo, ma deploriamo lo spettacolo indegno offerto alle persone e la propaganda di un'ideologia malsana che limita soprattutto gli omosessuali.
    Lo striscione è fatto proprio per svegliare le persone a non subire tale malsana rappresentazione. 

  26. anonimo
    giugno 2, 2011

    E' obiettivamente squallido  il "gay pride" in sé stesso.
    In secondo luogo è obiettivamente sovversivo propagandare tali assurdità.

    Forse conviene ricordare quel che disse il Cristo , invece di continuare a credere che fosse un fautore del "peace & love" …

    dal santo Vangelo di san Matteo ( 10, 34-40 )

    «Non pensate che io sia venuto a mettere pace sulla terra; non sono venuto a mettervi la pace, ma la spada. Perché io sono venuto a mettere disaccordo tra figlio e padre, tra figlia e madre, tra nuora e suocera, e i nemici dell'uomo saranno quelli di casa sua.  Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; e chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me. E chi non prende la sua croce e non viene dietro a me, non è degno di me. Chi avrà trovato la sua vita, la perderà; ma chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la ritroverà. Chi riceve voi, riceve me; e chi riceve me, riceve colui che mi ha mandato».

    dal santo Vangelo di san Giovanni ( 3, 16-21 e 3, 31-36 )

    «Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio. E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio».

    «Chi viene dall'alto è al di sopra di tutti; ma chi viene dalla terra, appartiene alla terra e parla della terra. Chi viene dal cielo è al di sopra di tutti. Egli attesta ciò che ha visto e udito, eppure nessuno accetta la sua testimonianza; chi però ne accetta la testimonianza, certifica che Dio è veritiero. Infatti colui che Dio ha mandato proferisce le parole di Dio e dà lo Spirito senza misura. Il Padre ama il Figlio e gli ha dato in mano ogni cosa. Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi non obbedisce al Figlio non vedrà la vita, ma l'ira di Dio incombe su di lui»

    dal santo Vangelo di san Luca (11, 23 )

     «Chi non è con me, è contro di me; e chi non raccoglie con me , disperde »

    dal santo Vangelo di san Luca ( 16, 1-13 e 16,19-31 )

     «Diceva anche ai discepoli: «C'era un uomo ricco che aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: Che è questo che sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non puoi più essere amministratore. L'amministratore disse tra sé: Che farò ora che il mio padrone mi toglie l'amministrazione? Zappare, non ho forza, mendicare, mi vergogno. So io che cosa fare perché, quando sarò stato allontanato dall'amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua. Chiamò uno per uno i debitori del padrone e disse al primo: Tu quanto devi al mio padrone? Quello rispose: Cento barili d'olio. Gli disse: Prendi la tua ricevuta, siediti e scrivi subito cinquanta. Poi disse a un altro: Tu quanto devi? Rispose: Cento misure di grano. Gli disse: Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta. Il padrone lodò quell'amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce.
    Ebbene, io vi dico: Procuratevi amici con la disonesta ricchezza, perché, quand'essa verrà a mancare, vi accolgano nelle dimore eterne.
    Chi è fedele nel poco, è fedele anche nel molto; e chi è disonesto nel poco, è disonesto anche nel molto.
    Se dunque non siete stati fedeli nella disonesta ricchezza, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
    Nessun servo può servire a due padroni: o odierà l'uno e amerà l'altro oppure si affezionerà all'uno e disprezzerà l'altro. Non potete servire a Dio e a mammona»

    «C'era un uomo ricco, che vestiva di porpora e di bisso e tutti i giorni banchettava lautamente. Un mendicante, di nome Lazzaro, giaceva alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi di quello che cadeva dalla mensa del ricco. Perfino i cani venivano a leccare le sue piaghe. Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli nel seno di Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando nell'inferno tra i tormenti, levò gli occhi e vide di lontano Abramo e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell'acqua la punta del dito e bagnarmi la lingua, perché questa fiamma mi tortura. Ma Abramo rispose: Figlio, ricordati che hai ricevuto i tuoi beni durante la vita e Lazzaro parimenti i suoi mali; ora invece lui è consolato e tu sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stabilito un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi non possono, né di costì si può attraversare fino a noi. E quegli replicò: Allora, padre, ti prego di mandarlo a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca, perché non vengano anch'essi in questo luogo di tormento. Ma Abramo rispose: Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro. E lui: No, padre Abramo, ma se qualcuno dai morti andrà da loro, si ravvederanno. Abramo rispose: Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi».

    Giusto per essere chiari…

    saluti, Davide

  27. anonimo
    giugno 2, 2011

    Io non mi ritengo plagiata…le propagande mi irritano, sempre…cerco solo di far capire un diverso punto di vista: il diritto di CHIUNQUE a manifestare.
    Senza insulti (Pork non è certo un complimento, è una brutta offesa), e senza intolleranze. Sono PERSONE con sentimenti, lo capite?
    Spettacolo indegno…ideologia malsana…malsana rappresentazione…sono giudizi cattivi, pieni di astio, possibile che non ve ne rendiate conto? che arrogarsi la ragione a priori, è da presuntuosi, e da prepotenti? perchè volete che tutti siano come voi? siete cattolici? bene, vivete da cattolici (se ci riuscite, perchè non è facile), e lasciate che gli altri vivano come vogliono…mi ripeto, ma se sbagliano, c'è Dio per giudicarli, non è obbligatorio uniformarsi ai precetti della chiesa, è una scelta (libero arbitrio, Sant' Agostino, Tommaso d' Aquino…hai presente?), voi l' avete fatta, buon per voi, continuate, ma gli altri sono LIBERI di fare, di sbagliare, di scegliere.
    E poi scusa, ma allora un ateo, o un agnostico,  che ha dovuto sorbirsi il giubileo a Roma per UN ANNO (Roma, ribadisco, non è territorio della chiesa) non aveva il diritto di dire che era frutto di una ideologia malsana, di superata superstizione? ma non sono apparsi striscioni di insulti…questo non vi dà da pensare? immagino di no, perchè voi vi ritenete nel giusto senza dubbi, mai…voi avete tutti i diritti, gli altri devono sparire…
    Io  spero e prego che la maggioranza della gente sia più caritatevole, e aperta, e che non succedano fatti spiacevoli…quado un gay viene picchiato, o ucciso, a me piange il cuore, per lo spregio di una vita e per il razzismo che c'è nel mondo…
    FRANCESCA

  28. anonimo
    giugno 2, 2011

    Francesca il tuo discorso sarebbe condivisibile se e solo se ognuno di noi avesse la sua opinione.
    La Verità però non è opinione. Tutto qua.

    L'essere contro gli pseudomatrimoni gay e l'adozione gay come denunciare l'omosessualità come vizio e quindi considerare ogni propaganda che cerchi di far ritenere l'omosessualità normale , questo è in sé irrazionale.

    Il fatto che tu scriva un periodo del genere :

    Io  spero e prego che la maggioranza della gente sia più caritatevole, e aperta, e che non succedano fatti spiacevoli…quado un gay viene picchiato, o ucciso, a me piange il cuore, per lo spregio di una vita e per il razzismo che c'è nel mondo...

    presupponendo in realtà che invece per noi il giudizio non sia il medesimo tuo ed il nostro sentimento non ne sia coninvolto , beh, ti qualifica per quel che sei , e preferisco non aggiungere altro…

    Davide

  29. anonimo
    giugno 2, 2011

    Scusa, e cosa sarei? ora me lo devi scrivere chiaramente, voglio proprio vedere cosa hai da ridire su di me, che sono stata ragionevole in ogni mio commento, pur nel disaccordo, o almeno credo…
    Non ho detto che tu andresti a picchiare un gay, non l' ho fatto perchè non ti conosco, ma ho detto, si, che secondo me non avete carità cristiana per i termini con i quali vi esprimete, non te li riporto, ma te li ha già evidenziati, e lo ribadisco, e dico anche che certi striscioni possono legittimare certe aggressioni che accadono, e non mi puoi dire che non è vero…che ne sapete che non c'è qualche omofobo che leggendolo non si senta "ispirato"? mi pare che i gay vengano abbastanza spesso malmenati, e non serve fomentare queste situazioni…quello striscione istiga all' odio…gli hanno dato di porci, o no?
    poi ti pregherei di non usare quel tono condiscendente e offensivo con me, e aggiungi pure quello che vuoi, io ho le spalle larghe, accetto qualunque critica e rispondo, ma sentirmi dire "quello che sei", no, tira fuori il coraggio e scrivi pure quello che pensi…
    FRANCESCA

  30. todikaion
    giugno 2, 2011

    Giudicare il gay pride non è cattivo, è doveroso, sempre per quelli che dici che se sbagliano saranno giudicati e anche per la società tutta vittima di una propaganda deleteria.
    L'individualismo e l'omertà del lasser faire non ci appartengono, noi ci spendiamo per il bene comune andando anche controcorrente.  E questo vale anche per chi è picchiato (qualsiasi persona) se ce ne fregassimo di tutto staremmo molto meglio no?
    Il Giubileo se non lo sai è l'occasione data ai peccatori (e chi non lo è) di pentirsi e guadagnarsi il premio eterno.
    Non so se capisci la differenza Francesca
    Armando
    p.s. Personalmente no so quel che sei 🙂 però almeno ti devo dare atto della civiltà della discussione.

  31. anonimo
    giugno 2, 2011

    Proprio perchè c'è CHI giudicherà, ritengo che bisognerebbe abbassare i toni, ed essere un po' più cauti nei giudizi…poi penso (parere mio) che la salvezza eterna c'è anche per chi non è andato al giubileo sotto la porta santa (esempio scemo…chi non è andato perchè non aveva soldi e ha "perso l' occasione", che fa, brucia in eterno? Dio non ragiona così…bisogna credere, e cercare di essere migliori…Dio sa meglio di noi…)
    Non giudicare, se non vuoi essere giudicato…ho capito (ma lo sapevo già prima di cominciare questo confronto) che non avevo speranza di ispirare una qualche riflessione, o un po' di apertura, ma va bene lo stesso…anche se non capisco e mai capirò questa sicurezza di avere ragione…io mi domando sempre se quello che faccio è giusto, e non basta un brano della bibbia, o le parole di un vescovo a convincermi…ci devo ragionare, e farlo mio…ho paura, ma davvero, di chi dice "è così perchè E' così"…la "Verità"…beati voi che sapete qual è il "bene comune", che avete tutte le risposte e andate avanti senza farvi domande…io non posso…
    FRANCESCA
    ps. io cerco sempre di essere civile…urla e insulti non fanno parte del mio mondo.

  32. anonimo
    giugno 2, 2011

    Tu parti prevenuta Francesca perché secondo te siamo degli oppressori e dei fanatici quando ribadire i seguenti concetti:

    a) l'omosessualità, essendo un vizio, non ha licenza di pubblicità

    b) le richieste di pseudomatrimoni gay sono insensate e sovversive

    c) le richieste di adozioni gay sono insensate e sovversive

    è doveroso ed il concepirli deriva da un'analisi razionale della realtà.

    Se si afferma si può forse peccare di sensibilità , ma ciò non toglie nulla all'essenza di quel che si afferma e che non è fatto per soddisfare il libero gusto individuale .
    Essendo inoltre che non siamo noi ad andare nei fora altrui , qui quelli attaccati siamo noi come gli insulti anonimi confermano.

    Ecco che di conseguenza la nostra durezza è comprensibile per quanto, COMUNQUE SIA , io credo che derivi da un deficitario autocontrollo sulle proprie passioni di cui posso senza problemi ammettere la responabilità.

    Venendo a noi Francesca quello striscione è correttissimo poiché il vizio è vizio.
    Non si può né edulcorarlo né abbellirlo.

    Il fatto che esso possa favorire atti discriminatori contro i gay è del tutto non-sequenziale dacché lo scopo è testimoniare che questo evento è un obbrobrio e che tale vada giudicato.

    Seguendo la tua logica scorretta, perché ignori il fatto che alla lettura di tale striscione dei gay risentiti possano compiere ritorsioni su Militia Christi o su qualche cattolico?
    La violenza non ha versi univoci.

    Inoltre "incitare alla violenza" è impossibile in quello striscione poiché si usano termini che lo facciano.
    La stessa scritta  "pride pork" non implica in sé alcun messaggio violento e che lo si riesca a pensare senza malafede ed opportunismo mi rimane arduo ammetterlo.

    Chi è libero di sbagliare accetta però anche le conseguenze che tale sbaglio comporta, non facciamo i furbi Francesca.

    Già il semplice fatto che per te sia possibile essere razionali senza essere credenti è illogico ed opportunistico, volto a farci passare come oppressori fanatici oscurantisti.
    La Verità invece , essendo Una ed Universale , è tale per tutti ed è incontraddicibile.
    Non serve essere credenti per affermare quel che io ho ribadito nei tre punti soprascritti.

    Inoltre il fatto che tu creda che la religione sia un fatto sentimentalisco e psicologico determina che tu , ignorando che l' intelletto agente ( studiato dal san Tommaso d'Acquino che ami citare ) , ossia l'intelligenza umana, comunica con la Verità stessa e compartecipa della sua Universalità ,  non comprenda che la Religione è volta alla divinizzazione dell' uomo.

    Ecco allora ché ci potranno anche essere individualità estremamente razionali eppure poco intelligenti…
    Chi è senza Dio non è saggio ma stolto, indipendentemente dalla sua razionalità.

    PEr quanto mi riguarda io non pretendo nulla dagli altri.
    Semplicemente "dura lex sed lex"  ed "ignoranza legis non excusat".

    Smetti di far la furba e vedrai che sarò capace anche di usare toni digitali comprensivi e distesi.

    saluti.

  33. anonimo
    giugno 2, 2011

    Correggo :

    Si, qui si può forse peccare di sensibilità , ma ciò non toglie nulla all'essenza di quel che si afferma

    poiché non si usano termini che lo facciano

    Già il semplice fatto che per te sia possibile essere intelligenti senza essere credenti è illogico

    Davide

  34. anonimo
    giugno 2, 2011

    Guarda, caro senza firma (per cui non so nemmeno se abbiamo già parlato prima), io non faccio la furba, se rileggi quello che ho scritto, te ne accorgerai…e modera i toni anche tu…sono stata chiara e sincera, e per me puoi usare i toni che vuoi, io oltre che le spalle larghe ho la pelle dura.
    La "Verità Universale"…lo è per te, ti rimane difficile capirlo? quello che per te è un vizio per altre persone non lo è, i gay non vanno in giro a dire che sono quelli giusti, vorrebbero solo non essere emarginati e malmenati…se fossimo in uno stato dove religione e fede concidono, al limite avresti ragione, ma in Italia non è così, per  cui tu sei libero di vivere come più ti aggrada, nessuno te lo impedirà mai…e anche loro…tra l' altro non sono contagiosi, per cui, rischi zero…e ora basta, tanto qui stiamo a ripetere le stesse cose all' infinito…io mi sono spiegata più che chiaramente…una sola cosa, e se non rispondi per me è uguale: la violenza non sarà univoca, ma quando hai sentito "etero aggredito e ucciso da gay "? questo non sarà esaustivo, ma aiuta a riflettere…
    FRANCESCA

  35. todikaion
    giugno 2, 2011

    Beh Francesca purtroppo quello che hai esposto è un errore comune di mala interpretazione del Cristianesimo.
    Se non potessimo giudicare niente non sapremmo neanche dove sta il bene e dove sta il male. Il giudizio ultimo e intimo di una persona non ci spetta, per questo non possiamo neanche dire che Giuda  è condannato essendo la Misericordia di Dio infinitamente più grande di quello che pensiamo e aver fatto breccia nella disperazione dell'ex apostolo. Ma prudenzialmente non è salutare seguirlo a modello, anzi. Quando la Chiesa proclama dei Santi lo fa appunto giudicandoli degni di essere modello per tutti i cristiani.
    Per quanto riguarda le indulgenze nell'anno giubilare (da quì):
    Chi per infermità o altro motivo non può uscire dalla propria abitazione può ricevere l'indulgenza offrendo a Dio la preghiera e la sofferenza, unendosi a quanti compiono nel modo ordinario l'opera prescritta.
    Armando

  36. todikaion
    giugno 2, 2011

    Francesca ha detto:
    la violenza non sarà univoca, ma quando hai sentito "etero aggredito e ucciso da gay "? questo non sarà esaustivo, ma aiuta a riflettere…

    Scusa se entro nella tua discussione con Davide, ma forse ti interesserà leggere questo:
     
    Johannesburg – Bambino di 4 anni, è stato brutalmente percosso, e ucciso, per essersi rifiutato di chiamare la compagna della madre, “papà”.
    Lydia Nkomo, e sua figlia Aletta Lesiba, entrambe commesse nel negozio di proprietà della coppia , hanno riferito di aver visto la compagna della madre biologica scagliarsi violentemente contro il bambino dopo la richiesta, ed il conseguente rifiuto dello stesso, di chiamare la donna, papà.
    Entrambe le commesse hanno testimoniato d’aver visto la compagna della madre picchiare violentemente il bambino sotto gli occhi della madre naturale, senza che questa sia minimamente intervenuta per proteggerlo.
    Al bambino sono state riscontrate lesioni di tale entità, da esse paragonate a quelle causate dalla caduta da un secondo piano di un edificio.

  37. anonimo
    giugno 2, 2011

    Guarda Armando, davvero penso di aver esposto le mie idee in maniera più che chiara, sono visioni diverse, tutto qui, non c'è altro da dire.
    Io accetto ogni scambio di vedute, e devo dire che tu mi sembri una persona molto più pacata del tuo amico Davide, che mi accusa con molto livore di essere in malafede, di fare la "furba" e di essere opportunista…però non ammette che dare di porci a delle persone è un' offesa pura e semplice, ed è inutile dire che è la verità, e che bisogna dirla per quanto dura sia…e che non è necessario scrivere "ammazziamo tutti i gay" per istigare all' intolleranza…poi se vogliamo prenderci in giro…
    Voglio fare un passo verso di voi, ammettiamo pure che i gay siano in torto, va bene…ma anche fosse, ti pare umano usare parole come turpe, vergognoso, e via dicendo? ti pare cristiano? a me no.
    Tengo anche a dire che non ho una visione sentimentalistica e psicologica della religione, non vedo Gesù come "peace and love", anzi…

    Allora mettiamola così: giudicate pure, in effetti tutti lo fanno, anche io, ma dal giudizio non tiriamo fuori la condanna…quella davvero spetta solo a Dio, sarete d' accordo…e dare di porci, dire che sono turpi, e dire che sono prede di turpi desideri, e della libidine, che non devono "pubblicizzarsi"questo è condannare…non sarebbe molto più cristiano dire: stai peccando, e te lo dico, senza ferirti e senza condannarti, e pregherò per te? e ora datemi della falsa, o della sentimentale, a scelta, ma vi assicuro che questo è il mio pensiero vero…

    Se così non fosse, da parecchio sarei passata agli insulti, come altre persone qui…non avrei retto tutto questo tempo…

    Per quanto riguarda l' articolo che forse "mi interesserà leggere" (comunque l' avevo già letto giorni fa)…chiunque tu sia, se ti vai a leggere bene bene i miei post, ha scritto chiarissimamente che una brutta persona è brutta chiunque sia, sempre. Non puoi negare però che sono più i gay malmenati e uccisi per la loro natura di quanto accada il contrario…di questo si parlava in particolare…che poi un gay possa commettere un reato, certo che può succedere, e proprio perchè sono persone come le altre, guarda un po', ma allora perchè non mi fai un' altra ricerchina su internet e mi paragoni quanti genitori etero hanno massacrato i figli rispetto ai genitori gay? ah, aspetta, i genitori gay sono meno, allora facciamo così etero contro gay, delitti vari in gara, poi fai una proporzione e me la riporti, e ne parliamo…ma dai, questo è pretestuoso e basta, e non c' entra molto col discorso che si sta facendo.
    FRANCESCA

  38. anonimo
    giugno 2, 2011

    Francesca per me la violenza è legittima solo come proporzionale difesa.

    Che siano preti pedofili o insegnati pedofili o genitori pedofili od adescatori pedofili sigle per me sono tutti macchiati , loro stessi.
    Un insegnante pedofilo non  infanga la categoria dei maestri , ugualmente un prete pedofilo verso la chiesa ed un genitore pedofilo verso la famiglia.
    Che poi di tali cose , se accadute a uomini di Chiesa , siano da giudicare più duramente , io personalmente concordo.

    Ad ogni modo la tua furbizia consiste in queste 3 cose  :

    1) presuppore che noi qui si sia incapaci di provare empatia per gli altri

    2) presupporre che noi qui siamo a favore della violenza contro i gay

    3) presuppore che noi qui si voglia costringere i gay di essere gay, di provare sentimenti gay , di avere rapporti gay.

    Queste sono menzogne e non c'entrano nulla con i tre punti che avevo scritto nel mio messaggio precedente , ossia:

    a) l'omosessualità, essendo un vizio, non ha licenza di pubblicità
    b) le richieste di pseudomatrimoni gay sono insensate e sovversive
    c) le richieste di adozioni gay sono insensate e sovversive

    Il gay pride contraddice a) , b) e c) e risulta essere quindi un qualcosa di illegittimo , o se si vuole, di innaturale.

    Il tuo grave errore logico consiste invece nel valutare la Verità come un qualcosa di individuale essendo ciò impossibile.
    Quest'ultimo fattore è quello che inficia del tutto la discussione tra noi e svela che il tuo porti era solo artificialmente ben disposto.

    saluti, Davide

  39. todikaion
    giugno 2, 2011

    Ciao Francesca ero sempre io che ho messo l'articolo, ma l'ho fatto solamente perchè tu hai scritto:
    la violenza non sarà univoca, ma quando hai sentito "etero aggredito e ucciso da gay "? questo non sarà esaustivo, ma aiuta a riflettere…
    Non intendevo fare classifiche  delittuose.
    Ripeto poi cose che ho già scritto; non penso che gli omosessuali siano rappresentati dal gaypride che trovo essere una porcata.
    Come vedi questa frase è lontana da quello che mi attribuisci.
    Poi scrivi molto bene:
    Non sarebbe molto più cristiano dire: stai peccando, e te lo dico, senza ferirti e senza condannarti, e pregherò per te?
    Questo sarebbe valido per quelle persone che non si mettono in mostra e ne fanno un orgoglio comunque, ma noi cerchiamo anche di impedire quello che non è solamente un peccato (se no facciamo a non capirci come ti capita con Davide), ma una pericolosa ideologia antisociale.
    Armando

  40. anonimo
    giugno 2, 2011

    Davide, mi fai cascare le braccia…io non sono artificiale, e non faccio la furba, e mi pongo con civiltà verso chiunque…non so più come dirtelo, e mi domando perchè non ci vuoi credere, comunque fai tu…se la pensi così, non cambierai idea perchè te lo dico io.

    Comunque:

    1- Dai termini che hai usato verso i gay, non mi sembra di poter ricavare empatia nemmeno a sforzarmi modello ernia.

    2- Non penso che tu faresti mai violenza su una persona, o che sei a favore, dove mai l' ho fatto capire?

    3- qui manco il liceo classico e la laurea mi aiutano…non ho capito.

    Quello che tu chiami sovversivo e illegittimo e innaturale, che non ha licenza di pubblicità, ed è una vergogna, lo è per la religione, e siamo tutti d' accordo (sono stata io la prima a dire che chi vuole essere cattolico deve vivere secondo quella morale), ma non lo è per lo stato, e qui siamo in uno stato laico, e quindi mi dispiace per te, puoi essere contrario, ma non hai modo di impedirlo. Su questo concordi?

    Il discorso sui pedofili mi sfugge…io non ho toccato l' argomento…

    Per questa benedetta Verità, ho già detto ad Armando che sono visioni differenti, la mia per te è sbagliata, l' ho capito, ed è inutile tornarci sopra.

    Per Armando: se i gay peccatori si mettono in mostra perdono il diritto di essere compatiti? e se non sanno di peccare, perchè si dovrebbero nascondere?

    E per favore Davide, smetti di dirmi che sono falsa, se vuoi confrontarti con me, parti dal presupposto che sono in buona fede, se no è inutile.
    FRANCESCA

  41. todikaion
    giugno 3, 2011

    Per Armando: se i gay peccatori si mettono in mostra perdono il diritto di essere compatiti? e se non sanno di peccare, perchè si dovrebbero nascondere?

    Il gay dovrebbe "mettersi in mostra" con chi è capace di aiutarlo, non con chi lo radica nel vizio in modo da forzare l'opinione pubblica.
    Il peccato è una categoria per il discorso che stiamo facendo fuorviante che volutamente ti avevo chiesto di evitare per capirci meglio.
    Il creare scandalo verso gli altri e il combattere questo non è un argomento religioso.
    Armando

  42. anonimo
    giugno 3, 2011

    Scusa, non mi è chiaro un concetto: qui si parla dei gay che si mettono in mostra con questo euro pride, voi lo trovate scandaloso, io dico che essendo in uno stato laico, hanno tutti i diritti di manifestare…

    Fin qui ci siamo. Ora tu mi dici che il combattere questa ideologia antisociale non è argomento religioso, che il peccato non c' entra…

    Non fate questo guidati dai vostri principi religiosi? capisco che religione e società per voi vanno logicamente di pari passo, per cui…

    ps. comunque la mia domanda resta…se NON SANNO di sbagliare, non devono essere compatiti? e come pretendi che si facciano aiutare, o che restino nascosti? soprattutto in uno stato che non li condanna? domanda seria, non provocazione.
    FRANCESCA

  43. todikaion
    giugno 3, 2011

    Ripeto il dare scandalo con il proprio comportamento è qualcosa che disturba profondamente l'ordine sociale. Non ha nulla di religioso. Ti faccio un esempio:
    "lo scandalo per il cosidetto Bunga Bunga del premier".
    Condannato da persone che sono tutto tranne che religiose e neanche perchè viola (inesistenti, un giudizio imparziale lo può facilmente provare) leggi positive, ma per una "morale civile".
    Infatti anche se non positivamente condannato (e tanto più il gaypride che è l'esaltazione pubblica di un vizio e non quello di festa private meno scabrose) e accettato dallo stato non vuol dire che non ripugni  chi ha a cuore la civiltà, il decoro etc.
    Lo Stato non sono i nostri politici che stanno portando avanti un'agenda sovranazionale (che tale è la propaganda omosessualista) con o senza il nostro consenso; il popolo spesso è portatore di quei valori civili che in momenti di crisi come questo si perdono.
    E mi devi dare ragione perchè se no a te basterebbe che lo stato prevedesse una condanna (cosa alquanto lontana dalla nostra realtà) per stare dalla mia parte.
    E' chiaro che in questo clima di confusione i primi a farne le spese sono proprio gli omosessuali che vengono spinti a destra e sinistra a seconda degli interessi senza che gli venga prospettata la verità sulla loro condizione.
    Quanto siano responsabili singolarmente solo Dio lo sa, noi non possiamo fare altro che pregare per loro (come hai detto giustamente tu) e continuare a dire la verità (tanto più che come dici tu non sanno) anche con toni maieutici un pò forti.
    Armando

  44. anonimo
    giugno 3, 2011

    #28
    La Verità però non è opinione. Tutto qua.

    E' questo che vi rende persone inutili, anzi pericolose…..guarda cosa è sempre successo storicamente quando persone invasate come voi convinte di possedere la verità viene ascoltata.
    Nazismo, comunismo, crociate, shariah….questi sono esempi storici di cosa succede quando qualcuno convinto di possedere la verità, di essere nel giusto assoluto viene ascoltato

  45. todikaion
    giugno 3, 2011

    Inizi dicendo che la Verità è un'opinione (è quindi è una mentre le opinioni sono molte)e poi citando ideologie che erano opinioni (infatti nate anche l'una in contrapposizione dell'altra) vuoi dire che insomma tutte le opinioni si possono difendere, ma non la verità?

    Beh, che dire, non sei Francesca.

  46. anonimo
    giugno 3, 2011

    #36
    Forse invece interessa a voi leggere queste cose:

    http://www.giornalettismo.com/archives/123297/le-vittime-degli-abusi-contro-giovanni-paolo-ii-ha-protetto-i-preti-pedofili/

    http://www.giornalettismo.com/archives/123297/le-vittime-degli-abusi-contro-giovanni-paolo-ii-ha-protetto-i-preti-pedofili/

    http://www.repubblica.it/online/cronaca/preti/conferma/conferma.html

    http://bollettino-di-guerra.noblogs.org/post/2011/01/04/italiano-prete-accusato-di-violenza-sessuale-e-favoreggiamento-della-prostituzione-nei-confronti-di-alcune-detenute/

    http://www.giornalettismo.com/archives/107219/don-giovanni-usai-arrestato-violenze-prostituzione/

    Ho fatto una ricerca di 5 minuti, con un pò più di tempo potrei riempirci 200 pagine….ma non vi vergognate a parlarci di moralità? Tra l'altro appigliandovi a notizie di calibro scandalistico come quella delle lesbiche sudafricane o le perversioni di Mario Mieli? Smettetela siete penosi, abbiate almeno il buongusto di tacere quando in questi precisi giorni un MINISTRO della VOSTRA chiesa viene accusato di favoreggiamento alla prostituzione e abusi sessuali….

  47. todikaion
    giugno 3, 2011

    Ma certo (occhio che nella foga hai ripetuto il link) la cosa importante è però che non è l'ìnsegnamento della Chiesa, anzi quei preti rappresentano tutto il contrario degli insegnamenti della Chiesa, guarda quà:
    http://todikaion.splinder.com/post/24600665/don-seppia

  48. anonimo
    giugno 3, 2011

    #45 Ho dimenticato di mettere  le virgolette e comunque la prima frase era tratta dal post #28 di Davide e no non sono Francesca.
    Comunque concordo con quanto dice Francesca….la verità non esiste, o meglio se esiste non la sappiamo, nè noi, ma tantomeno VOI. Voi siete solo convinti di possederla…punto…trattasi di PRESUNZIONE MAGNA.
    Io riportavo solo esempi storici in cui qualcuno che si è ritenuto depositario della verità (quali voi vi ritenete) è stato ascoltato ed ha avuto seguito….

  49. todikaion
    giugno 3, 2011

    Guarda anche dire che la Verità non esiste è affermare una verità quindi menti, lo so che non sei Francesca, ma faresti meglio a firmarti per rispetto di lei (che non ha detto che la verità non esiste) con cui ti potrei confondere.
    Armando

  50. anonimo
    giugno 3, 2011

    Caro mio….la chiesa può insegnare quello che vuole ma se poi i suoi componenti sono i primi a commettere qualunque nefandezza non è degna di essere ascoltata. Non basta dire….bisogna agire secondo quanto si dice…tu dici "credo la chiesa" come fai a legittimare la chiesa quale comunità di dio in terra, come rappresentante di dio in terra….se i suoi componenti si comportano poi così.

    PS – Non è con un link malizioso e fazioso come questo che mi convincerai a credere che i gay sono pervertiti pedofili….(semmai è l'atteggiamento sessuofobo della chiesa stessa a spingere e forzare le pulsioni sessuali verso canali errati) ho spiegato già in un mio precedente post le spiegazioni scientifico-psichiatriche alla base di queste "coincidenze" e non starò qui a ripeterle tanto le hai sicuramente lette.

  51. todikaion
    giugno 3, 2011

    1) Non so chi sei e cosa hai scritto d'altronde non ti firmi
    2) il post che ti ho mandato non è per niente fazioso infatti rioporta solo cose oggettive, le conclusioni traile da sola (penso tu sia una donna, ma è una supposizione)
    3) il male di alcune persone (veramente una minima parte comunque) all'interno della Chiesa non inficia la bontà del Vangelo. Come dire che dato che alcuni giudici sono corrotti la magistratura non serve.
    Armando

  52. anonimo
    giugno 3, 2011

    "Guarda anche dire che la Verità non esiste è affermare una verità quindi menti, lo so che non sei Francesca, ma faresti meglio a firmarti per rispetto di lei (che non ha detto che la verità non esiste) con cui ti potrei confondere.
    Armando"

    Il vostro modo di pensare mi fa veramente ridere…pur di avere ragione interpreteresete qualunque cosa a vostro uso e consumo, riuscireste anche a rigirare la frittata più bollente.
    "dire che la Verità non esiste è affermare una verità quindi menti" tale affermazione è frutto della più becera culturetta filosofica da 4 soldi…siamo al sillogismo socratico in pratica.
    Anche perchè non ho dato l'inesistenza della verità come un dogma tanto è vero che mi sono spiegato dicendo "se esiste non la sappiamo, nè noi, ma tantomeno VOI"
    Mai sentito parlare di relativismo? Ratzinger ci ha fatto addirittura un saggio…

  53. todikaion
    giugno 3, 2011

    E infatti parlava di dittatura del relativismo.

  54. anonimo
    giugno 3, 2011

    Guarda, il tuo discorso non fa una piega, (e non ci vedo malafede), tranne che per due cose (sempre secondo me): non vedo niente di male nell' esistenza dei gay e non li giudico viziosi (e si era capito), e di conseguenza non credo che uno stato civile debba metterli fuori legge…se succedesse, starei sulle barricate, non c'è dubbio, perchè il diritto alla libertà, quando non fa del male a nessuno, io lo difendo…

    E i gay non mi sembra che facciano male a nessuno…non sovvertono nessun ordine, chi non è gay non cambia orientamento (la mia migliore amica è bisessuale, e non ci ha mai provato, e io non ho mai pensato a stare con una donna), perchè la loro esistenza non travia gli altri, non corrompe gli etero, e al di là del gay pride che, te lo concedo, è abbastanza vistoso, conducono vite quotidiane uguali alla mia e alla tua…non hai  mai pensato che la confusione, lo scandalo, i colori, l' ostentazione del gay pride non sia altro che la reazione, giusta o no, alle ingiustizie, ai razzismi, alle violenze che spesso devono subire?

    Non ti posso quindi dare  ragione, anche perchè ti dico, davvero e sinceramente, che non credo che la maggioranza del popolo sia così contraria ai gay (non parlo di adozioni e matrimoni, discorso troppo lungo, parlo solo del loro diritto a essere visibili).

    Il tuo esempio, per la mia morale, non è calzante: per me il premier può fare ciò che vuole, tranne che andare con minorenni, e con i nostri soldi…se nella sua intimità vuole fare festini,a me poco importa…e non sono una berlusconiana…capisco che la mia morale ti sembrerà scandalosa, e molto elastica, come a me la vostra sembra retrograda, ma se discutiamo è proprio perchè abbiamo due visioni del tutto opposte.

    Io infatti non pretendo di farvi cambiare idea…ma quei toni maieutici che tu definisci un po' forti, sono quelli che feriscono persone con sentimenti e sensibilità…persone che non si sentono sbagliate, e non vogliono cambiare…che gli vogliamo fare, farli sparire? questo era il concetto che da subito ho esposto, e che ribadisco…

    Ti faccio la domanda al contrario: se nella bibbia, nel vangelo, non ci fosse una parola contro i gay, contro gli atti "contro natura", sareste contrari lo stesso? cioè giudichereste secondo una morale personale?

    Se la risposta è si, concorderai con me che a volte le convinzioni intime sono talmente forti che si difendono a prescindere.
    FRANCESCA (questa sono io, mi firmo sempre adesso)

    ps.io non parlo di preti pedofili e varie, perchè è tutto un altro argomento, e da credente mi fa una rabbia insopportabile, soprattutto quando vengono difesi…ma qui si è già pronunciato Davide, col quale stranamente sono d' accordo.

  55. todikaion
    giugno 3, 2011

    1) Parto dall'ultimo, sì, perchè a prescindere dal dato rivelato che conferma, l'uomo e la donna sono stati creati complementari. Solo tra di loro si può realizzare quel rapporto coniugale per cui sono (in questo caso la Bibbia supera qualsiasi giro di parole)una sola carne.
    2) Non devono sparire, certo, ci sono modi per aiutarle, ma devono superare il muro di propaganda contraria, anche attraverso striscioni che un pò bruscamente riportano alla realtà.
    3) Sul premier ti sembrerà strano ma i soldi sono i suoi, stabilire se ci sono stati rapporti da minorenne (avendo compiuto 18 anni un mese dopo le prime feste) è impossibile. Rimane un atteggiamento moralizzatore fatto proprio anche dalla magistratura che a te forse non appartiene, ma che sola può spiegare un'ostilità nei suoi confronti per dei festini.
    4) Anche se la maggioranza della popolazione pensasse che l'omosessualità sia una cosa normale non per questo diventerebbe di per sè normale. La realtà oggettiva (che è quella che vivono le persone omosessuali) non cambierebbe.
    5) Non è vero che non traviano nessuno, anzi ti dico che l'esibizionismo spinto all'estremo e la grande visibilità mediatica sono funzionali ad una loro accettazione per abitudine da parte della società.
    6) Questa erotizzazione inoltre radica nella tendenza omosessuale, comporta uno sviluppo dei più piccoli sempre più disordinato, con una gioventù sempre più allo sbando.
    7) non è vero che tutto ciò non provoca cambiamenti in realtà tutto ciò è teso a provocare cambiamenti e  a sovvertire la morale sessuale.
    8) continui a farmi puntare il dito contro le persone (mettere i gay fuori legge) quando io parlo sempre di comportamenti e filosofie (tipo quella relativistica) sottostanti. Non è che tendi a fare del vittimismo? Te lo dico senza retorica Francesca
    Armando

  56. anonimo
    giugno 3, 2011

    Il vittimismo non mi appartiene, se mi conoscessi non lo diresti assolutamente, il fatto è che tendo a riunire nelle mie risposte a te anche quelle ai ragionamenti del tuo amico, che mi è parso molto più aggressivo e intollerante…

    1 Che l' uomo e la donna siano complementari non c'è dubbio, ma io credo che la realtà omosessuale, essendoci sempre stata, possa tranquillamente convivere con quella che per te è la condizione naturale.
    Tutto qui, e se non ci fosse bisogno del gay pride per cercare visibilità, e non fossero tormentati, non ti accorgersti nemmeno della loro presenza, te lo assicuro.

    2 Il fatto di aiutarli è consequenziale al fatto di ritenerli sbagliati…loro non ci si sentono, per cui è un po' difficile, non trovi? non si può curarli (e come poi?) senza la loro approvazione…

    3 Il premier lasciamolo perdere se non ti dispiace, ci manca solo di ingolfarci nella politica…a quest' ora è già abbastanza impegnativa questa discussione…

    4 Se la maggioranza delle persone non avesse niente contro i gay, per una giusta o no legge dei numeri, diventerebbero "normali", come è diventato normale, che so, il divorzio quando è diventato legale, e tutti ne hanno potuto usufruire…non puoi accettare che la società cambi, se non pretende che tu faccia cose che reputi sbagliate (divorziare o diventare gay)?

    5 Qui si torna al punto di cui sopra. La tua Verità non te la toglie nessuno, è tua, ti appartiene, se il resto del mondo, anche sbagliando, non la segue, tu potrai sempre vivere onorandola, come farei io…se mettiamo i gay fossero messi fuori legge, continuerei a rispettarli.

    6 La gioventù è allo sbando altro che per i gay…onestamente…è allo sbando per genitori pessimi, modelli vergognosi (è più vergognosa una ragazza di vent' anni che sculetta in tv senza saper fare una mazza e va a letto con chi la aiuta, e guadagna migliaia di euro, secondo me, altro che i gay), e per lo svilimento dello studio e dell' impegno.

    7 La morale sessuale non cambia solo se si vedono modelli sbagliati…cambia perchè, ti piaccia o no, cambiano i tempi…i gay ci sono sempre stati, prima si nascodevano, ora vogliono vivere la loro vita alla luce del sole…e per ora lo possono fare…per esempio, lo ripeto, ho vissuto anni accanto a questa mia amica, e non ha avuto la benchè minima influenza su nessuno, spero che tu mi creda…

    8 Qui si torna a Davide, non facevo vittimismo, mi riferivo a lui, alle sue parole…i tuoi discorsi filosofici e sociologici, benchè sensati e ragionati,  da un certo punto di vista (io ascolto sempre chi ho davanti, per rispetto e perchè vale sempre la pena di ascoltare tutti), mi trovano in disaccordo, e si è capito, ma è stata comunque una discussione interessante.
    FRANCESCA

  57. anonimo
    giugno 3, 2011

    Da pessimo individuo , ergo cristiano ( perché per cristiano si intende una singola persona ) , torno a casa non al massimo della sobrietà.
    Scrivo questo perché è così.
    Si abbia pietà.

    FRANCESCA, a noi ( chi ha pensato che lo scriva come fascio alzi la mano! Vecchie carogne! )

    Ma prima di tutto debbo intervenire verso Armando.

    L'oggettività non ha senso.
    Questo termine è stato preso in prestito dall'ottocento tedesco…ed è dei più deleteri!
    io soggetto,  ciò che indago oggetto, l'analisi che si fa ( se si è in grado ) imparziale.
    un altro termine può essere obiettivo come obiettività. Qualsiasi cosa, per il semplice fatto di esistere, è oggettiva!!!

    Davide, mi fai cascare le braccia…io non sono artificiale, e non faccio la furba, e mi pongo con civiltà verso chiunque…non so più come dirtelo, e mi domando perchè non ci vuoi credere, comunque fai tu…se la pensi così, non cambierai idea perchè te lo dico io.

    I miei dubbi sono miei.Abbi pietà.

    1- Dai termini che hai usato verso i gay, non mi sembra di poter ricavare empatia nemmeno a sforzarmi modello ernia.

    2- Non penso che tu faresti mai violenza su una persona, o che sei a favore, dove mai l' ho fatto capire?

    3- qui manco il liceo classico e la laurea mi aiutano…non ho capito.

    Dimostrare empatia su internet è privo di senso.
    Io individualmente ho conoscenti gay.Debbo scrivertelo per palesarti un'empatia che, comunque sia, per il semplice fatto che tu non la sperimenterai mai , per te non esiste?

    Per il secondo punto, le tue contraddizioni lo lasciano intendere. Non mi riferisco alla tua intenzione, ma alle contraddizioni che ho epsplicato.

    Per il terzo punto c'è stato un errore di battitura.
    Discorsalmente: i gay a non essere gay, i gay a non provare sentimenti gay, i gay a non avere sentimenti gay, tutto ciò , comunque nefasto , riguarda la sola coscienza dei gay,

    Quello che tu chiami sovversivo e illegittimo e innaturale, che non ha licenza di pubblicità, ed è una vergogna, lo è per la religione, e siamo tutti d' accordo (sono stata io la prima a dire che chi vuole essere cattolico deve vivere secondo quella morale), ma non lo è per lo stato, e qui siamo in uno stato laico, e quindi mi dispiace per te, puoi essere contrario, ma non hai modo di impedirlo. Su questo concordi?

    Il tuo ragionamento è fallace.

    Lo stato è passivo rispetto a ciò che lo forgia. Può forgiarlo la Verità come l'ideologia, lo stato è uno strumento.

    Di conseguenza oggi domina una ideologia innaturale ed illegittima poiché lo stato la protegge e la foraggia.

    L'immacolata concezione è della Beata Vergine Maria, non certo dello stato.

    Il discorso sui pedofili mi sfugge…io non ho toccato l' argomento…

    era per tornare al discorso di alcuni che , per il semplice sbaglio nefando ed ignobile di una persona ( che quantunque debba pagare rimane sempre una persona che ha una sua dingità ed un suo vissuto individuale ) additano all'istituzione la macchia di questo

    Per questa benedetta Verità, ho già detto ad Armando che sono visioni differenti, la mia per te è sbagliata, l' ho capito, ed è inutile tornarci sopra.

    La Verità è Una altrimenti non sarebbe quel che è.
    La Verità, essendo Universale, non può essere una visione la quale implica, per natura , una parzialità ( non esiste la vista a 360° , facci caso )

    E per favore Davide, smetti di dirmi che sono falsa, se vuoi confrontarti con me, parti dal presupposto che sono in buona fede, se no è inutile.

    Ci proverò.

    Scusa, non mi è chiaro un concetto: qui si parla dei gay che si mettono in mostra con questo euro pride, voi lo trovate scandaloso, io dico che essendo in uno stato laico, hanno tutti i diritti di manifestare…

    No. Che lo facciano è dovuto al pervertimento della legge stessa.

    Ad ogni modo, per venirti incontro, è ovvio che stando ai canoni che passa l'epoca attuale tutto ciò sia normale, anche se non è così.

    Sappi che, ad ogni modo per noi non è un problema affermare qualcosa di sconveniente rispetto al mondo.
    Siamo cristiani.

    se NON SANNO di sbagliare, non devono essere compatiti? e come pretendi che si facciano aiutare, o che restino nascosti? soprattutto in uno stato che non li condanna? domanda seria, non provocazione.

    Io non posso sapere né dire come si debbano comportare…
    Il fatto che non sappiano di sbagliare è un'attenuante.
    Gli effetti nefasti ad ogni modo restano.

    non vedo niente di male nell' esistenza dei gay e non li giudico viziosi (e si era capito)

    Neanche io vedo nulla di male nell'essere gayquantunque giudichi l'ATTO gay  gravemente vizioso.

    e di conseguenza non credo che uno stato civile debba metterli fuori legge…se succedesse, starei sulle barricate, non c'è dubbio, perchè il diritto alla libertà, quando non fa del male a nessuno, io lo difendo…

    Vedi che avevo ragione a scrivere che sei furba!
    Noi non abbiamo mai sostenuto cose del genere…

    non hai  mai pensato che la confusione, lo scandalo, i colori, l' ostentazione del gay pride non sia altro che la reazione, giusta o no, alle ingiustizie, ai razzismi, alle violenze che spesso devono subire?

    Sinceramente? SI.
    E se accade credo che accada proprio per l'ottusità degli uomini verso i gay che per il semplice fatto di essere tali, di non essere capiti come tali, sono stati opressi.
    Ciò non significa che tale avvenimento sia da salutare con goia , da prendere da esempio e da incoraggiare.
    E' e rimane , comunque sia, un'atto obbrobbrioso e da impedire.

    Il tuo esempio, per la mia morale, non è calzante: per me il premier può fare ciò che vuole, tranne che andare con minorenni, e con i nostri soldi…se nella sua intimità vuole fare festini,a me poco importa…e non sono una berlusconiana…capisco che la mia morale ti sembrerà scandalosa, e molto elastica, come a me la vostra sembra retrograda, ma se discutiamo è proprio perchè abbiamo due visioni del tutto opposte.

    Discorso troppo arduo da affrontrare via blog, soprattutto perché la democrazia non è una forma di governo efficiente e corretta ( vedasi Aristotele ).

    Io infatti non pretendo di farvi cambiare idea…ma quei toni maieutici che tu definisci un po' forti, sono quelli che feriscono persone con sentimenti e sensibilità…persone che non si sentono sbagliate, e non vogliono cambiare…che gli vogliamo fare, farli sparire? questo era il concetto che da subito ho esposto, e che ribadisco…

    Qui nessuno vuole cambiare i gay.
    Noi vogliamo che i gay smettano di essere carne da macello pubblicista per i potentati occulti che ci dominano.

    che i gay, finalmente, si rendano coto che fare gay pride, pretendere pseudomatrimoni gay e le adozioni gay , sono atti illogici e nefandi che porteranno la società al baratro, sempre più verso la schiavitù , sottomessi al principe di questo mondo ed ai dominatori dell'epoca attuale.

    se nella bibbia, nel vangelo, non ci fosse una parola contro i gay, contro gli atti "contro natura", sareste contrari lo stesso? cioè giudichereste secondo una morale personale?

    Innanzi tutto tale domanda non ha senso dacché tali giudizi ci sono.
    In secondo luogo la razionalità giungerebbe da sé a tali giudizi proprio in virtù del fatto che la Verità è quel che è ovunque e per chiunque.

    ______________

    veniamo agli anonimi , volpi senza dignità.

    La Verità però non è opinione. Tutto qua.

    E' questo che vi rende persone inutili, anzi pericolose…..guarda cosa è sempre successo storicamente quando persone invasate come voi convinte di possedere la verità viene ascoltata.
    Nazismo, comunismo, crociate, shariah….questi sono esempi storici di cosa succede quando qualcuno convinto di possedere la verità, di essere nel giusto assoluto viene ascoltato

    Grazie per aver riportato una mia frase ( la prima che si legge ).

    Ebbene, mi spiegheresti come fanno ad essre una ideologia le crociate, e cosa le caratterizzerebbe?

    Attendo!

    Ad ogni modo non si può, a rigore, essere nel giusto.

    Il giusto è l'atto empirico che accade.
    Semmai si può essere nella Giustizia e ciò cambia radicalmente le prospettive.

    Inolte la Verità non può possedersi. Essa, essendo …

  58. anonimo
    giugno 3, 2011

    Inolte la Verità non può possedersi. Essa, essendo Universale semmai possiede noi.

    Cosicché , in ealtà , non è poi così difficile riconoscere chi abusi e sproloqui sulla Verità.

    Uno dei peccati che non verrano perdonati è l'impugnazione dell Verità.
    E' un grave peccato contro lo Spirito Santo.

    la verità non esiste, o meglio se esiste non la sappiamo, nè noi, ma tantomeno VOI. Voi siete solo convinti di possederla…punto…trattasi di PRESUNZIONE MAGNA.

    Che la Verità non esista è ovvio dato che essa E'.

    Se non potessimo sapere la Verità innanzi tutto ci sarebbe impossibile dirci poiché per dire che io sono io abbisogno di criteri che confermino tale cosa e lo appurino.

    Che qualcosa sia tal qualcosa è dovuto alla Verità che IMPLICA il fatto che le possibilità di quel qualcosa non siano tale altra cosa affinché sia impedita la contraddizione,

    se la verità non avesse senso, a rigore, noi non saremmo capaci di esistere.

    Io riportavo solo esempi storici in cui qualcuno che si è ritenuto depositario della verità (quali voi vi ritenete) è stato ascoltato ed ha avuto seguito…

    a) Nessuno è in sé depositario della Verità

    b) quantunque bisogna indagare su ognuno, non credo che tu sia in grado di poter dire se noi , qel che affermiamo, lo si dica secondo Verità o no, per il semplice fatto che tu la disconosci.

    La tua parola , intellettualmente, non fa testo.

    Il vostro modo di pensare mi fa veramente ridere…pur di avere ragione interpreteresete qualunque cosa a vostro uso e consumo, riuscireste anche a rigirare la frittata più bollente.

    La Verità è superiore alla ragione, se non te ne fosti reso conto!

    "dire che la Verità non esiste è affermare una verità quindi menti" tale affermazione è frutto della più becera culturetta filosofica da 4 soldi…siamo al sillogismo socratico in pratica.

    Embé?
    Spiegati perché hai lasciato il discorsetto in sospeso…

    Anche perchè non ho dato l'inesistenza della verità come un dogma tanto è vero che mi sono spiegato dicendo "se esiste non la sappiamo, nè noi, ma tantomeno VOI"
    Mai sentito parlare di relativismo? Ratzinger ci ha fatto addirittura un saggio…

    Quindi la Verità c'è ma è inconoscibile!

    E voi siete gli alfieri della razionalità?

    Suvvia anonimo! Non ti avvedi delle sciocchezze che scrivi?

    E se ti chiedessi di motivarmi il relativismo?Sei in grado?

    In realtà il relativo per esistere presupponne giust'appunto della Verità giacché per poter essere, il contingente ed il parziale,  necessitano dell'Assoluto che permetta ad essi la loro esistibilità poiché senza un perno causante/motivante , il relativo è assoluto e ciò è ovviamente contraddittorio.

    saluti, Davide

  59. anonimo
    giugno 3, 2011

    CIAO FRANCESCA!

    ( vedi che semo empatici!!! Ma l'ho scritto solo perché sei donna…forse! )

  60. todikaion
    giugno 3, 2011

    Ciao Francesca
    Beh non mi accostare troppo a Davide che non mi da neanche ragione.
    l'ideologia gay non è sempre esitita, anzi è uno dei tratti della rivoluzione sessuale del '68, quella che ha provocato i danni peggiori alla società e alla Chiesa.
    I tempi quindi sono cambiati e in peggio. Il divorzio per esempio ha portato oggettivamente allo sfascio dell'istituto familiare, egoismi a danno dei figli che a loro volta cresceranno privi della stabilità familiare.
    Il matrimonio è per sua natura fatto per l'eternità proprio perchè c'è un progetto educativo che non si può interrompere ed è chiamato famiglia.
    Il matrimonio è più che un diritto, una responasbilità.
    Il divorzio e l'aborto non sono resi giusti nè normali dalla maggioranza delle persone, solamente questa decide per l'altra minoranza che vuole farlo, ma questo fatto non rende queste azioni giuste.
    Essere gay non diventa normale e il disagio che è avvertito da tutti (e che le associazioni gay infatti imputano alla società omofoba) non sparisce.
    L'omosessaulità in antichità era cosa molto diversa da come la si vive oggi, tra l'altro. Esisteva poi (sempre per società decadenti) una specie di pederastia iniziatica dove il maestro iniziava al sesso i giovinetti. Anche quella normale?
    Tu prendi dei casi patologici (eche avevano altri significati e che non pretendevano di formare coppie essendo:
    a) la passività vista come sottomissione e stigmatizzata
    b) il creare una famiglia dopo tale periodo di prematurità un dovere
    Nessuna società mai permetterebbe di celebrare l'omosessualità come normale, addirittura fondare un inesistente orgoglio non di persone, ma di inclinazioni sessuali.
    Tutte le società e non solo quelle cristiane si sono sviluppate sulla base della complementarietà uomo, donna. Questo è l'unico mattone della società e non se ne possono vantare altri. Il modello che legittima come normale un diverso orientamento sessuale quindi è disgregatore della famiglia e dell'intera società. Ripeto qui poi stimo parlando dell'esaltazione e della propaganda di tali stili di vita.
    Tutto qui io non parlo (e lo ripeto) di quegli omosessuali che non si sentono rappresentati dal gaypride. Anzi loro proprio non seguendo l'antimorale prospettatagli come normale che poi è uno viaggio verso il degrado privato e pubblico e quindi staccandosi (con difficoltà sempre maggiore vista la rilevanza sempre maggiore del fenomeno) da una certa mentalità riusciranno a ritrovarsi a vivere normalmente (sempre con più difficoltà) e magari sanare le ferite che si portano dietro.
    Lo staccarsi da certe associazioni però è un passo molto difficile (tanto più meritorio chi le condanna), tanto più se queste pretendono di rappresentare e fanno di tutto contro chi si stacca da loro e ci prova (e ci riesce) a vivere una vita normale.
    Non bisogna accumunarli tutti al gaypride e non mi accostare al pur buon (ma che fa un discorso che non capisco) Davide.
    Armando

  61. anonimo
    giugno 3, 2011

    "Chi decide che hai ragione?
    Lo sai che l'Europride è stato fatto contro ogni vincolo storico insito nel luogo e oltre qualsiasi limite di manifestazione per un luogo del genere?
    Ipocrita?
    la parabola di Mario Mieli è sotto gli occhi di tutti, discussa poco più su.
    Per quanto riguarda l'Esquilino tu lo sai quali sono le comunità che lo formano?
    Sai che è improbabile che possano essere rappresentate da un blog?
    Sai che probabilmente gli unici contenti per motivi demagogici sono il circolo Pd Esquilino e suoi affiliati?
    Se non ti firmi non capisco chi sei e quali commenti hai scritto prima, ergo non si capisce più un tubo.
    Capisco che ci sguazzi nella confusione, ma noi no"

    E chi decide che avete ragione voi?
    E' stato fatto contro ogni vincolo storico? E chi lo dice? Lo dite voi….
    anche perchè la legge prevede che le piazze storiche possano essere utilizzate per più di 3 giorni solo manifestazioni istituzionalie….e l'europride è patrocinato "appena" da Roma Capitale, Provincia di ROma e Regione Lazio…..il che lo rende manifestazione istituzionale (tra l'altro pagante l'affitto del suolo pubblico e in maniera profumata), poi tra l'altro non prendiamoci in giro, che l'esquilino è talmente pieno di degrado, abusivismi, etc…che non sarà certo una sorta di festa dell'unità (perchè il modello del pride village o come se chiama è lo stesso)
    a deturpare i giardini di Piazza Vittorio ( se poi volete appigliarvi a qualunque cavolata pur di avere ragione fate pure ma non aspettate che la gente poi vi prenda sul serio)
    E lo sai che potrei dirti la stessa cosa della via crucis al colosseo? 
    Nessun circolo del Pd esquilino….anzi, ti dò un pò di link

    Intanto leggi i commenti DEI RESIDENTI (ovvero nostri) all'unico articolo negativo ( che poi esprime eminentemente preoccupazioni di ordine tecnico-pratico e non morale):
    http://www.degradoesquilino.com/2011/05/piazza-vittorio-vietata-a-manifestazioni-discriminatorie.html

    e poi guarda qua:

    http://www.romatoday.it/cronaca/apertura-europride-park-piazza-vittorio-1-giugno-2011.html

    Del primo link ti riporto anche un estratto: "al quartiere invece sembrano levarsi voci un pò diverse. "E' una festa per tutti, una bella festa in un ambiente tranquillo dove chiunque può entrare, bere qualcosa e passare una serata piacevole". Sono le parole di Nena, proprietaria, insieme al marito Peppe, di un chiosco di cibo e bevandeappena fuori dai giardini. La signora, residente nel quartiere, sembra aver accolto di buon grado l'iniziativa che, lontana, secondo lei, dall'essere "esagerata o indecente" è piuttosto "un'occasione per i cittadini di vivere una piazza normalmente lasciata a sè stessa". "Sono madre di famiglia, ho 4 figli – continua Nena – e penso che ognuno della sua vita possa fare ciò che vuole". 

     

    Dello stesso avviso è Enzo che, con la moglie Antonella, gestisce un bar sulla piazza. "Normalmente qui è pieno di ubriaconi che finiscono per prendersi a bottigliate in testa, almeno con una bella festa l'ambiente si risolleva dal solito degrado e poi – prosegue – che importanza ha chi organizza la festa?Sono tutti gay e quindi? Quello che conta è che si facciano le cose per bene". Con l'aria stupita di chi sembra non averci neanche pensato, Marina e Bonifacio, residenti proprio in piazza Vittorio, cadono quasi dalle nuvole: "Il problema dovrebbe essere che è un'evento organizzato da gay e lesbiche? Piuttosto, se proprio ci dobbiamo lamentare, c'è troppo rumore. Con questa musica per 12 giorni come dormiamo?". Una festa come tante, dunque, o almeno questa sembra essere l'opinione dei residenti del noto quartiere multietnico che, dalla faccia, sembrano tutt'altro che scandalizzati."

    http://esquilino.wordpress.com/

    http://www.liquida.it/esquilino/

  62. anonimo
    giugno 3, 2011

    Ah…mi sono dimenticato "Per quanto riguarda l'Esquilino tu lo sai quali sono le comunità che lo formano?
    Sai che è improbabile che possano essere rappresentate da un blog?"

    E allora visto che, secondo quanto tu dici io non potrei essere a conoscienza dell'opinione di tutte le comunità dell'esquilino….ti rigiro la domanda….come fai a te a dire che i residenti dell'esquilino non vogliono l'europark? 
    Almeno io 3 o 4 blog che sostengono quello che dico te li ho postati….invece le tue sono solamente deduzioni….
    Sai quali sono gli unici "residenti" a protestare….quelli di Casa Pound….che sono uno dei cancri del nostro quartiere e che da anni tentiamo di far sloggiare.
    Per quanto riguarda le "comunità" che formano l'esquilino….te credi veramente che la comunità cinese o indiana etc…dovrebbero contare? Credi veramente che noi Italiani dovremmo chiedere il permesso ad altri per fare le cose in casa nostra….c'è solo una comunità che conta, quella dei RESIDENTI….

    ah già…la firma

    famo

    Marcoesquilino…mi assumo la paternità di tutti i post riguardanti il quartiere

  63. anonimo
    giugno 3, 2011

    Cioè…a leggervi pare che l'omosessuale che sta bene con se stesso sia un mostro orrendo, mentre l'unico omosessuale buono è quello che non si accetta e che se ne sta in casa a pregare e a fustigarsi….ma fatemi il piacere….lo sapete come si chiama quest'ultima cosa? Omosessualità Egodistonica classificata nel DSM IV come MALATTIA…mentre malattia non è l'omosessualità.
    Non è che siete egodistonici pure voi?

    Marcoesquilino

  64. anonimo
    giugno 3, 2011

    Marcoequilino me riporteresti i passi che ti fanno dedurre tali cose?
    Fà 'r piacere.

    Davide

  65. anonimo
    giugno 3, 2011

    Certo davide, presto fatto:

    Tutto qui io non parlo (e lo ripeto) di quegli omosessuali che non si sentono rappresentati dal gaypride. Anzi loro proprio non seguendo l'antimorale prospettatagli come normale che poi è uno viaggio verso il degrado privato e pubblico e quindi staccandosi (con difficoltà sempre maggiore vista la rilevanza sempre maggiore del fenomeno) da una certa mentalità riusciranno a ritrovarsi a vivere normalmente (sempre con più difficoltà) e magari sanare le ferite che si portano dietro.

    marcoesquilino

    PS- La maggior parte di noi gay non si riconosce nelle associazioni omosessuali, personalmente nn amo il pride, ma per le sue modalità, non per la sua essenza costitutiva non vi ho mai preso parte perchè condivido che mostrarsi con una tale "carnevalata" sia parzialmente controproducente.
    Dico parzialmente perchè è uno dei pochi modi per farsi sentire purtroppo.
    Però trovo ridicole le vostre parole. Voi criticate il pride in sostanza, non in forma ( per dirla come Aristotele ) io ne critico la forma…il che è diverso.
    Se facessimo manifestazioni vestiti con i nostri abiti da lavoro…a dimostrare ciò che veramente siamo ( tra l'altro i gay sono i gruppi con il più alto tasso di alfabetizzazione ) reclamando ugualmente i diritti che ci spettano, in quanto persone e cittadini sicuramente trovereste il modo di criticarci comunque.
    Spero di essere stato chiaro nel concetto.

    Marcoesquilino

  66. anonimo
    giugno 3, 2011

    La tua deduzione è alquanto forzata.
    Ti risponderà il diretto interessato per farti capire quel che ha scritto.

    Un'altra domanda:  vivere bene la propria omosessualità cosa significa per te?
    Perché anche noi auspichiamo che i gay si accettino e vivano bene la loro omosessualità.

    Se poi un eterosessuale si scopre gay, perché un gay non può scoprisi eterosessuale?Ma che siete scemi?

    Davide

  67. waltergolden
    giugno 3, 2011

    Per marcoesquilino: durante i numerosi volantinaggi fatti in piazza Vittorio e dintorni per protestare contro il gay pride abbiamo ricevuto numerose attestazioni di stima e solidarietà da parte dei residenti e dei passanti; non tutti si sono evidentemente fatti lobotomizzare dalle lobby omosessuali, come le persone da te citate, tutt'altro! Vale poi l'adagio che una menzogna, anche ripetuta da sei miliardi di persone resta pur sempre una menzogna. 
    Sul venire poi a piangere per il fatto di avere poche occasioni per far sentire la propria voce, mi sembra che tu qui sfiori veramente il ridicolo: in televisione, sui giornali e su quasi tutti i media parlano di fatto quasi solo persone favorevoli alla pratica dell'omosessualità. Per non parlare poi dei politici, con in testa il sindaco di roma che ha dato un caloroso appoggio all'iniziativa (come anche i "fascisti" di Casapound).

    Accenni poi ad una questione molto interessante e in realtà poco nota riguardo alla derubricazione dell'omosessualità dal DSM. Questa decisione non è stata però il frutto di un dibattito scientifico ma di un'operazione ideologica. Dal 1968 gli attivisti gay esercitarono pressioni ed ottennero di partecipare alla "commissione nomenclatura" dell'Associazione  Psichiatrica Americana che aveva il compito di redigere e aggiormare il DSM. Nel 1973 si giunse ad una decisione clamorosa: si mise ai voti la deubricazione dell'omosessulità. Così quindi, non in base a serie e rigorose ricerche scientifiche ma grazie ad una votazione l'omosessualità fu derubricata. Lo psichiatra Irving Bieber disse al proposito "non si può davvero sostenere che la nuova posizione ufficiale riguardo all'omosessualità sia una vittoria della scienza. Non è ragionevole votare su questioni scientifiche come se si trattasse di mettere ai voti se la terra sia piatta o rotonda". Non tutti gli psichiatri e psicologi cedettero comunque a questo diktat: emblematico (tra i molti)è il caso di Joseph Nicolosi che elaborò la "terapia riparativa" per aiutare le persone a uscire dallo stato di omosessualità, e tutto questo senza flagellarsi come dici te, semmai la frusta la usano i "devoti" a mario mieli…   dissediss

  68. todikaion
    giugno 3, 2011

    Va bene Marco ti avevo risposto 50 post fa, però sei stato preciso nel riportare le cose.
    Quindi inizio: 
    I link che mi hai postato sembrano più commerciali e di basso giornalismo che altro.
    Lo sappiamo benissimo che le istituzioni (anche il Comune) ha avallato l'Europride, ma questo non vuol dire che l'ha fatto contro il vincolo che lega quella Piazza storica. Le istituzioni fanno quello che vogliono e a cose fatte chi si lamenta? Siamo italiani d'altronde. Nonostante questo e nonostante che i commercianti hanno di che guagnarci (in fondo i gay sono consumatori come altri e anche più facoltosi in genere) ti posso assicurare che abbiamo ricevuto sostegni nelle nostre iniziative in piazza.

    Alcuni di noi sono proprio residenti (ma non hanno Blog) e conoscono un pò stando lì da qualche generazione…io pur non essendo di lì conosco la zona e ti posso riportare le reazioni ai nostri volantinaggi.
    Al di là dell'atteggiamento ostile degli omosessuali generalmente ostili o increduli che qualcuno osasse contraddirli, ci sono stati i soliti individualisti che dicevano e lasciategli fare come vogliono. Il resto erano attenti e sorpresi e non pochi apertamente soddisfatti, più di qualcuno appoggiava la nostra iniziativa, ma aveva paura ad esporsi. Altri no.
    Tutto ciò in un clima molto ostile e in una comunità poco ricettiva (in fondo ha già altri problemi, forse per questo l'hanno scelta) come quella di Piazza Vittorio.
    Tra l'altro un gay su Gaylive mi ha detto: "e se le famiglie sono scandalizzate che se ne vadano da un'altra parte, Roma è tanto grande" Capito?

    Veniamo al capitolo immigrati: al di là del singolo bangalese leghista che mi parlava delle manovre politiche fatte di interessi (che non conosco, ma conosco quelle italiane) pro-omosessualità in India, tutti ricevevano il volantino con decoroso rispetto, lo leggevano, qualcuno qualche apprezzamento, quando capiva cosa stava succedendo.

    In realtà la mossa di fare l'Europride a Piazza Vittorio credo che sia anche un esperimento politico; si vuole vedere come le comunità tradizionali che vivono lì reagiscono al gay pride. Tutto questo viene fatto alle spalle della popolazione italiana da poteri così forti che si sono riusciti a comprare (grazie all'avallo delle istituzioni che ormai controllano) una via vicino al Colosseo, sì proprio vicino a dove si fa la Via Crucis che si fa lì dal 1750, più di un secolo prima della presa di Roma.

    Vedo che sei proprio residente che vive il quartiere se conosci così bene la posizione di Casapound….

    Veniamo al commento #63
    A parte che il Manuale è stato riformato per voto per corrispondenza, l'omosessaulità è così normale che si fa addirittura il gaypride.
    No dico hai mai visto gli eterosessuali (a no omosessuali egoditonici, gli eterosessauli per te non esistono) farla?
    Se non loro perchè non quelli che non possono stare con una sola donna (anche loro vittime di un disordine)?
    Quì non si tratta di contestare la forma, ma proprio la sostanza.
    Al di là che più che diritti bisognerebbe chiamarli desideri, non tutti hanno gli stessi diritti. Due omosessuali non possono essere neanche chiamati coppia, intendendosi con questo termine due persone complementari (non uno scienziato e un religioso) ossia un uomo e una donna. Che poi impongano a suon di omofobie varie tutto un diverso lessico è un altro discorso, ma la realtà non cambia.
    Sull'omosessulaità egodistonica pensa c'è chi non la chiama malattia e ha pure la pretesa di riorientare l'identità ferita. La differenza con l'omosessalità è solamente la presa di coscienza che viene impedita anche attraverso questi riti collettivi fatti dal gran maestro Grillini con il coro della pitonessa Lady Gaga. La china degradante che viene tracciata quì è poi quella delle saune, dei locali col buco etc. è logico che presa da questo luna park la gente sembri felice. Ma la realizzazione personale è un'altra cosa e non si può mascherare surrogando il rapporto omosessuale (degradante) all'unico rapporto che completa veramente, quello eterosessuale.
    Questo non vuol dire che le relazioni tra due uomini non abbiano valore, personalmente ho un alto concetto dell'amicizia sulla scorta anche di Nostro Signore. Il rapporto omosessaule è però il tradimento di ogni amicizia.

    Se pure a te da fastidio l'Europride perchè da una rappresentazione degradante di quello che sei perchè non manifesti con noi?
    ah già per te è tutta strategia forse facendo vedere troppe stranezze l'immagine di normalità svanisce.

    O non è così?

    Armando

  69. anonimo
    giugno 3, 2011

    O mamma…non credevo di dare inizio a una querelle di tale portata…

    Comunque: sono donna, assolutamente, e non capisco perchè ci debba essere dubbio su questo 🙂

    DAVIDE
    1 Dimostrare empatia non è mai privo di senso…e non dubito che tu conosca dei gay, ma a me i termini che hai usato (e che ho riportato più su) non sono piaciuti, mi sono sembrati pesanti, offensivi e supponenti. Ma credo che tu l' abbia capito, per cui diciamo che tu non hai niente contro i gay (non faccio la furba, è solo che non giudico che non conosco, infatti qui ho solo giudicato quello che avete scritto, non voi come persone in toto), ma i termini che hai usato sono scritti e visibili.

    2 C'è per fortuna una enorme  differenze tra le parole e gli atti, a me le tue parole non piacciono, ma non posso permettermi di dire che le metteresti in pratica la con violenza, per il semplice fatto che non ti conosco.

    3 Ok, l' avevo immaginato.

    Il mio ragionamento non è fallace, nel senso che è ovvio che lo stato è uno strumento, e può avallare sbagli e distorsioni (di ogni tipo), ma quello che intendevo (e si capiva, ora non fare il furbo tu) è che visto che ORA le cose stanno così, non potete materialmente impedire il gay pride, o che i gay si mostrino in tutto il loro essere, per quanto ciò vi irriti. Di conseguenza quello striscione, e tutte le vostre idee per ora sono vostri desideri, ma la legge non vi appoggia. Che poi voi la riteniate una vergogna, non ha importanza, non riconoscete questo stato, ma siete obbligati (civilmente e moralmente) a rispettarlo, per puro senso civico.

    Che poi io andrei sulle barricate se le cose si capovolgessero, si spiega in un semplice modo: i gay non ti obbligano ad essere gay, ma se le cose si rivoltassero loro sarebbero costretti a "non essere gay"…c'è una sottile differenza.
    Io difenderei anche il tuo dirito ad essere cattolico osservante e pure bigotto, per principio di libertà, ma solo nel caso che tu non volessi costringere gli altri a fare lo stesso…non ho detto che E' così, tutto il paragrafo è una pura ipotesi (chiarisco).

    Mi sono spiegata meglio?

    La legge sarà pure pervertita, ma è legge, e finchè non permette violenze, o obbliga, o opprime, si deve rispettare…

    Lo sdegno e lo scandalo non mi sembrano motivi sufficienti…sempre per il fatto che siamo in uno stato laico.

    Nemmeno per me è un problema affermare qualcosa di sconveniente al mondo…non saranno di certo le stesse cose, ma vogliamo ammorbidire un po' i toni con cui si comunica questo sdegno? il fatto che tu abbia la Verità tatuata sul petto non ti consente comunque di offendere gli altri.

    "PORCI" E' UN' OFFESA, scusa il maiuscolo, ma da qui è nato tutto questo confronto…

    Dovresti sapere invece come si dovrebbero comportare i gay…se sai che sono turpi e immondi, devi anche sapere cosa devono fare…non sono polemica, ma questa Verità ora servirebbe proprio…e sicuramente hai un' idea, per cui dilla, apertamente. Non devono essere messi fuori legge, ma non devono assecondare i loro istinti…c'è una sola conseguenza a questo: farsi curare, o nascondersi al mondo, mi pare…se non è così, aspetto la tua alternativa…

    Ieri sera pregavo, e ho chiesto a Dio da che parte stava durante questa discussione (io non ce l' ho la Verità)…ovviamente non mi ha risposto, ma io mi sono fatta un' altra domanda, e te le giro, visto che tu puoi rispondermi: in questo mondo, di ingiustizie, di odio, di indifferenza, di morte, di dolore, di bambini che muoiono, di vecchi che sono soli, ma davvero è così importante stare a guardare se due uomini stanno insieme? Ma non sarebbe più normale, stanti i fatti,impegnarsi prima per stare più vicini, ed essere più umani, tutti, invece di sbirciare nelle camere da letto degli altri? Ubi maior…
    Non mi dare della retorica, perchè è la domanda più seria che ho fatto in tutta questa discussione! E' quello che chiederei al papa se ci potessi parlare: perchè si parla prevalentemente di sesso (fuori dal matri, tra gay, col preservativo, ecc.), e mai di volersi un po' più di bene tra noi?

    Che poi il gay pride sia un po' un baraccone, ci può stare, non sono in totale disaccordo con te, anche se a me non dà fastidio, ma siccome io reputo i gay adulti pensanti, lascia che se ne accorgano da soli, tanto è vero che parecchi non ci vanno…e siccome le persone si giudicano individualmente, ognuno fa quello che meglio crede. Perchè devi pensare che chi ci va è per forza un povero idiota che fa da carne da macello senza accorgersene?
    FRANCESCA

  70. anonimo
    giugno 3, 2011

    ARMANDO
    Lo so anche io che la società si basa sull' unione uomo-donna…anche solo per il semplice e banale motivo che se no ci si estinguerebbe…

    Ma due adulti (gli esempi che portavo erano solo per dire che il fenomeno nelle due verie menifestazioni c'è sempre stato) consenzienti, consapevoli e vaccinati, che non si sentono in torto, e che vivono una vita armoniosa tra di loro (esistono, e ne conosco), chiedo anche a te (se hai letto la mia risposta a Davide)…cosa devono fare? Ma seriamente, dimmelo…

    Per il divorzio e l' aborto vale lo stesso discorso…in Italia esistono, voi lo trovate aberrante, ma per vostra fortuna, nessuno mai vi costringerà a divorziare o le vostre donne ad abortire…dovete capire che esistono persone che non la pensano come voi, e che anche se per voi sbagliano, sono libere, in questo stato, di fare queste scelte, e vivere fuori dalla Verità…e anche per loro ci sarà, semmai, un giudizio ben più alto…
    Io stessa trovo che il matrimonio sia preso troppo alla leggera, soprattutto quello cattolico…e per questo non mi sposerò in chiesa. Ho troppo rispetto per Dio per andare a promettere qualcosa che non posso mantenere…mi spiego: sto con una persona che amo, ma so che se un giorno non lo amassi più, per gravi motivi, non per noia o per capriccio, lo lascerei, non sarei capace di sacrificarmi per tutta la vita…sapendo questo di me stessa, non vado in chiesa a promettere di stare con questa persona per sempre, perchè sarebbe una bugia, o meglio, una cosa che non sono in grado di assicurare a Dio…non lo faccio per ipocrisia, ma se mi capite, proprio per il motivo opposto…

    Questa è la mia morale, la mia Verità, per voi non ho capito niente, io invece aspetto che sia il mio momento per sentirmelo dire da Chi ne sa più di tutti noi messi insieme e moltiplicati per mille…
    FRANCESCA

  71. anonimo
    giugno 3, 2011

    Ciao Francesca,
    Pride Pork lo striscione così recita.
    Da che parte sta Nostro Signore?
    Da chi cerca la BVerità che è lui anche attraverso enorim sacrifici.
    L'individualismo della nostra società deriva proprio dalla mentalità che hai descritta su aborto e divorzio.
    Mi dispiace che tu non pensi che l'amore si misura dal sacrificio che già sei pronta a mollare. 
    Armando

  72. anonimo
    giugno 3, 2011

    che dire…il medioevo ve lo siete perso,sareste stati degli ottimi inquisitori…
    cos'è l'amore?quello che il vostro gesù professava,è molto lontano dal vostro odio,se aveste letto bene la bibbia si parla anche di amori omosessuali,uomini e donne..dateci una letta…
    il vostro etremismo grazie al cielo è isolato,la paura del diverso ha causato solo male sulla terra.vi fanno schifo gli omosessuali e perdete tempo a difendere i vostri preti che toccano e molestano i vostri figli…vi pare amore?non credo possiate giudicare,tantomeno se due adulti coscienti e consenzienti si amano,se vi fa schifo è un problema vostro.
    invece che istigare all'odio,cercate di cogliere il vero messaggio del vostro dio,mi sembrate molto lontani.
    fate moralità dove serve davvero,non abbiate paura degli omosessuali che non vi hanno nemmeno in nota.
    inquisizione e nazismo son stati superati.
    guardatevi dentro,nessun essere umano può odiare così tanto.
    il mondo non andrà mai avanti per quelli come voi.siete voi i diversi.nessun buon credente pensa con così tanto odio.
    vergognatevi voi,non siete nessuno

  73. anonimo
    giugno 3, 2011

    ARMANDO
    mi hai capito proprio male…io sono disposta al sacrificio, e anche lui, e siamo già stati messi abbondantemente alla prova. Non racconto altro, perchè già mi sono pentita di aver messo in piazza il mio rapporto, comunque mi spiego ancora meglio: intendevo che nel caso il sentimento finisse, e ripeto non per noia o per capriccio o per egoismo, tutti e due siamo dell' idea che non ha senso continuare a condividere una vita dove non c'è più amore reciproco, e che non è più piena di sentimento.

    Lo striscione così recita, ed è un insulto.

    Per l' aborto e il divorzio potrei anche essere d'accordo con te sull' individualismo, resta il fatto che sono cose permesse, sarebbe meglio che non ci fossero, ma è meglio che ci siano piuttosto che ci siano donne picchiate, o figli non voluti e abbandonati (cito volutamente i casi limite che secondo me che rendono queste due cose lecite e non frutto di capricci e immaturità)
    FRANCESCA

  74. anonimo
    giugno 3, 2011

    ma allora siete veramente coglioni

  75. anonimo
    giugno 3, 2011

    detto da gente che si mangia il corpo di cristo e si beve il suo sangue… non so cosa sia più contro natura, il cannibalismo o l'omosessualità…

    PS: il mestruo della madonna lo bevete?

    PPS: è don seppia che ha attaccato lo strisicone? LOL

  76. anonimo
    giugno 3, 2011

    ……..e voi sareste la milizia di cristo? siete feccia razzista!

  77. anonimo
    giugno 3, 2011

    #67 e #68

    La stessa APA dopo decenni di dibattiti affermò che non esistevano prove scientifiche alla base della pregressa classificazione dell'omosessualità.
    E ancora allo stato attuale non ne esistono prove. A quel punto decise di mettere ai voti la cosa, e siccome ovviamente l'associazione psichiatrica americana conta migliaia di membri la votazione venne fatta via posta, ma questo non le toglie valore direi….
    Ad oggi ripeto non esistono studi scientifici che affermino quanto voi dite.
    Come anche il vostro amico Nicolosi non ha prove scientifiche di riuscire a "curare" l'omosessualità e anche la sua terapia si basa su alcuni studi empirici e non su analisi scientifiche accurate e nessuno è in grado di affermare scientificamente se si tratti di lavaggio del cervello o di guarigione.
    Tanto è vero che l'Ordine Nazionale Italiano degli Psicologi ha formalmente vietato la terapia riparativa bollandola come dannosa.
    Al giorno d'oggi chi dice di poter curare l'omosessualità e lo fa rischia di essere cancellato dall'ordine.
    Molte associazioni di psicologi e psichiatri di tutto il mondo hannodichiarato l’impossibilità di giudicare con criteri scientifici gli studi teorici di Joseph Nicolosi che vengono bollati come  "aneddotici e lacunosi". Lo stesso Nicolosi, riguardo all’efficacia delle proprie terapie ha dichiarato che la sua terapia ha effetto solo su un terzo dei suoi pazienti che avrebbero avuto un significativo miglioramento.
    Gli altri pazienti sarebbero invece “guariti” in quanto si astengono dal sesso.
    Infine un altro terzo non ha ricavato beneficio alcuno.
    Sempre lo stesso Nicolosi ha inoltre dichiarato di non poter curare definitivamente l'omosessualità ma portare l'omosessuale ad uno stile di vita più regolato ( induzione all'egodistonia o alla rimozione

    Se poi vogliamo prendere un altro manuale della psichiatria, l'ICD-10 dell'OMS  vediamo come neanche qui l'omosessualità compaia come patologia ma solo come variante situazionale. Anche in questo caso fu depennata dal precedente ICD-9 ma durante la Conferenza Mondiale della Sanità.

    Se poi per voi rimane una patologia sono problemi vostri, fatto sta che per il 90% della comunità scientifica non lo è, se poi vogliamo dare ascolto a quel 10% vi porto un altro esempio se proprio vogliamo "spaccare il culo ai passeri" vi dico che c'è addirittura chi, tra gli scienziati, dice che l'HIV non esiste….( direi che è un parallelismo calzante della serie…malattie come un'opinione)

  78. anonimo
    giugno 4, 2011

    ……..e voi sareste la milizia di cristo? siete feccia razzista!

    you welcome!

    detto da gente che si mangia il corpo di cristo e si beve il suo sangue… non so cosa sia più contro natura, il cannibalismo o l'omosessualità…

    PS: il mestruo della madonna lo bevete?

    PPS: è don seppia che ha attaccato lo strisicone? LOL

    you welcome!

    ma allora siete veramente coglioni

    you welcome!

    che dire…il medioevo ve lo siete perso,sareste stati degli ottimi inquisitori…
    cos'è l'amore?quello che il vostro gesù professava,è molto lontano dal vostro odio,se aveste letto bene la bibbia si parla anche di amori omosessuali,uomini e donne..dateci una letta…
    il vostro etremismo grazie al cielo è isolato,la paura del diverso ha causato solo male sulla terra.vi fanno schifo gli omosessuali e perdete tempo a difendere i vostri preti che toccano e molestano i vostri figli…vi pare amore?non credo possiate giudicare,tantomeno se due adulti coscienti e consenzienti si amano,se vi fa schifo è un problema vostro.
    invece che istigare all'odio,cercate di cogliere il vero messaggio del vostro dio,mi sembrate molto lontani.
    fate moralità dove serve davvero,non abbiate paura degli omosessuali che non vi hanno nemmeno in nota.
    inquisizione e nazismo son stati superati.
    guardatevi dentro,nessun essere umano può odiare così tanto.
    il mondo non andrà mai avanti per quelli come voi.siete voi i diversi.nessun buon credente pensa con così tanto odio.
    vergognatevi voi,non siete nessuno

    you welcome!

    ____

    x Francesca :

    1tu credi che su internet, quando si affrontano discorsi generali e quindi non ci si riferisce a NESSUNO, si possa palesare la propria empatia? Suvvia è alquanto ridicolo!

    2Quali parole?

    3Bene

    Il tuo ragionamento è fallace proprio perché non ha senso. E' evidente che i gay oggi riescano in parte nei loro propositi.
    E' sotto gli occhi di tutti.
    Come è evidente che questo stato , permeato dalle ideologie relativiste e ateiste e materialste ecc , sia uno strumento per distruggere la società e no certo per preservarla o tutelarla.

    Un'altra fallacia che ti segnalo è questa : noi non rispettiamo per senso civico QUESTO stato poiché esso non merita rispetto per via delle ideologie che lo permeano.
    Semmai rispettiamo lo stato in sé, ed è cosa ben diversa, ma è un discorso lungo da affrontare…

    Altra fallacia logica consiste nel fatto di reputare che l'affermazione della Giustizia sia parzialismo, sia partigianeria, sia faziosità.
    Se i gay riuscissero ad ottenere le adozioni e lo pseudomatrimonio , oltre alla possibilità di pubblicizzarsi che già hanno, ciò rimarrebbe IN SE' ingiusto, indipendentemente dai noi cattolici.
    Essendo ingiusto ciò sarebbe violenza.
    Ai gay non si vieta affatto di essere gay ( o non hai capito ancora o sei furba davvero ) ma di sovvertire la legittima società, che è ben diverso.

    L'ultima fallaccia è questa : a meno che non governino direttamente dei sacerdoti, lo stato è SEMPRE laico per definizione.

    Nemmeno per me è un problema affermare qualcosa di sconveniente al mondo…non saranno di certo le stesse cose, ma vogliamo ammorbidire un po' i toni con cui si comunica questo sdegno? il fatto che tu abbia la Verità tatuata sul petto non ti consente comunque di offendere gli altri.

    Mi potresti fare la cortesia di riportarmi le frasi offensive che ho scritto?
    Perché veramente sto rimanendo allibito.

    "PORCI" E' UN' OFFESA, scusa il maiuscolo, ma da qui è nato tutto questo confronto…

    ??????????????

    NO.
    Scrivere che un ubriacone è molesto, fastidioso d'odore e facilmente irritabile , oppure scrivere che chi si ubriaca è uno stupido ed un incoscente è offensivo?

    Per quanto riguarda degli atti libidinosi , languidi e perversi , il termine porci è quello più indicato SOPRATTUTTO QUANDO i gay , in gran numero, sono orgogliosi delle sconcezze che compiono.

    Dovresti sapere invece come si dovrebbero comportare i gay…se sai che sono turpi e immondi, devi anche sapere cosa devono fare…non sono polemica, ma questa Verità ora servirebbe proprio…e sicuramente hai un' idea, per cui dilla, apertamente. Non devono essere messi fuori legge, ma non devono assecondare i loro istinti…c'è una sola conseguenza a questo: farsi curare, o nascondersi al mondo, mi pare…se non è così, aspetto la tua alternativa…

    Ieri sera pregavo, e ho chiesto a Dio da che parte stava durante questa discussione (io non ce l' ho la Verità)…ovviamente non mi ha risposto, ma io mi sono fatta un' altra domanda, e te le giro, visto che tu puoi rispondermi: in questo mondo, di ingiustizie, di odio, di indifferenza, di morte, di dolore, di bambini che muoiono, di vecchi che sono soli, ma davvero è così importante stare a guardare se due uomini stanno insieme? Ma non sarebbe più normale, stanti i fatti,impegnarsi prima per stare più vicini, ed essere più umani, tutti, invece di sbirciare nelle camere da letto degli altri? Ubi maior…

    Vedi dov'è il tuo errore?

    Io , per quanto un gay possa scegliere la continenza o di riscoprire la propria eterosessualità , non sto lì col fucile a controllare che non abbia rapporti.Questa è cosa che riguarda lui.

    Perché adoperi un ragionamento perverso?

    Esiste la confessione e quegli può usarla ma ciò implica che si sia pentiti, che si cercherà di evitare di peccare con i vari mezzi a disposizione ( vigilanza, preghiera ecc ), che si riconosca che ciò che si fà è altamente vizioso.

    Per quanto mi riguarda, ad esempio, a me capita di ubriarcarmi e cerco sempre di evitare il più possibile perché tale cosa è viziosa ergo mi porterà a depermi ed a morire nel peccatto.
    Mi confesso pentito perché mi alzo i giorni dopo la sbornia che non mi piaccio e consapevole di aver sia esagerato sia sbagliato eda aver mancato contro il corpo che il Signore mi ha donato ( IL SIGNORE E' PADRONE DEL CORPO, NOI NE SIAMO AMMINISTRATORI…evidentemente è questo che ti sfugge! )
    Faccio progressi ma non riesco a vincere.
    Ciò può dipendere da dei limiti oppure da una scarsa applicazione.
    Dio sà, non noi.

    Ad ogni modo io già ti ho scritto ma tu non leggi.
    Il fatto che due uomini o due donne facciano e riescano nei punti a) b) e c) è male che si aggiunge al male.

    Bisogna lottare contro il male e se oggi si riesce ad evitare qualcosa è tanto di quadagnato.

    Inoltre il vizio è il padre dei crimini. Più i vizi sono comuni più la percentuale di crimini cresce…

    Tu chiedi Misericordia e non la leggi nei nostri discorsi.VUOI LA VERITA' ? HAI RAGIONE!!!
    Il problema è che non si può avere misericorida se prima non si ha giustizia.
    Se poi credi che noi e la Chiesa si parli solo di sesso , beh , sbagli di grosso.E' però vero che le questioni etiche sono l'ultimo baluardo legittimo essendo che la società sul piano economico-culturale-popolare vive intrisa di illegittimità.
    Se questi sono i temi principali è perché questi, nella società capitalista, fanno parte del campo degli ultimi legittimi ed evidenti rimasti.

    Si è in guerra Francesca, è questo che si ignora…

    Davide

  79. todikaion
    giugno 4, 2011

    Per Francesca l'unica che merita risposta:
    non voglio che metti in mezzo la tua relazione ti faccio solo una domanda, dato che metti in conto che finirà allora è meglio che non fai un figlio.
    Capisci che se vuoi costruire una famiglia il matrimonio può essere "solo" per sempre.
    Per il resto degli anonimi se vuoi vedere insulti veri, pregiudizi e persecuzioni (citate quelle contro Nicolosi) Francesca, basta che leggi loro.
    Armando

  80. anonimo
    giugno 4, 2011

    Bellissimo quel toni adeguati alla gravità del fatto  non solo perchè il fatto è grave (gente omosessuale, bisessuali, etero e trans che chiacchierano in un parco, inaudito!) ma anche perchè è legittimo insultare un intera categoria che neanche si conosce.
    Perchè non appendere fuori dalle chiese, durante il periodo del catechismo BENVENUTI alla PEDOSCUOLA !?

  81. todikaion
    giugno 4, 2011

    Aridaje! 
    E' il modello che si propone che è diverso uno dove la devianza è la regola e l'altro dov'è l'eccezione che conferma la regola, opposta.
    Armando

  82. anonimo
    giugno 4, 2011

    x FRANCESCA – Lasciali stare finchè sein in tempo…questa gente è capace di farti il lavaggio del cervello in 5 minuti…

  83. anonimo
    giugno 4, 2011

    ARMANDO
    forse non mi sono spiegata, non metto in conto che "finirà", non ci penso proprio, metto in conto che "potrebbe" finire, lo ritengo fortemente improbabile, perchè non ho il minimo problema, nè alcuna indecisione nel mio rapporto, metto solo in conto, ripeto, che "potrebbe" finire…ma ti giro la domanda…nell' ipotesi che io facessi un figlio, ti sembrerebbe giusto farlo crescere in una famiglia senza amore? perchè l' amore non te lo puoi inventare, anche questa è una verità. Io so che nell' improbabilissimo caso farei così, e per questo non mi sposo in chiesa.

    COMMENTO 82

    Non preoccuparti io sono immune a qualunque lavaggio del cervello, di ogni tipo 😉
    Sono qui solo perchè, essendoci capitata per vie traverse, ho voluto dare la mia opinione, e a dirla tutta, trovo la discussione abbastanza interessante…anche perchè se si vuole criticare qualcosa o qualcuno, per onestà bisogna prima conoscere di cosa si parla…
    io sono credente, ma per vari motivi prendo totale distanza dalla chiesa, (non ci vado da anni, se non quando non c'è la messa, da sola) come istituzione (non dai singoli preti perchè non li conosco tutti!),
    nessuno mi convincerà MAI di cose che non ho pensato con la mia testa…
    Io ho un carissimo amico che studia in seminario, (ho un altro conoscente, che è membro attivo della parrocchia ed è la persona più cattiva e perfida che abbia mai conosciuto, proprio in virtù della religione), la mia migliore amica (più che una sorella), è bisessuale, ho parecchie conoscenze mussulmane, mia nonna è di religione greco-ortodossa, figurati un po' che mescolume è la mia vita…
    I miei genitori mi hanno dato un' educazione al rispetto di tutto e tutti, a non parlare per partito preso, e soprattutto a smuovere sempre il sedere quando vedo un' ingiustizia, una prevaricazione, o una prepotenza…ecco perchè è nato tutto, per la mia critica totale al tono dello striscione incriminato…
    Le opinioni le rispetto, se ci sono persone che hanno qualcosa contro i gay, liberissimi, tanto nella testa degli altri non ci si entra, ma non accetto che si imponga ad un altro la propria visione con la prepotenza!

    DAVIDE

    Si, anche verso una categoria astratta si può manifestare empatia, l' empatia è nell' essere più intimo di chi la prova, si "sente" in ogni parola e in ogni gesto, anche in un semplice saluto…quando c'è.

    Ma davvero pensi che i gay vogliano distruggere la società? davvero gli attribuisci tutto questo potere…perchè se fosse così, allora non si spiega perchè devono soffrire ogni giorno per essere quello che "vogliono" essere…io adopererò anche un ragionamento perverso, ma la vita che tu scrivi che un gay deve fare è una tortura crudele, un incubo, e non trovo altre parole per definirla…

    Va da sè che io, sempre per i miei principi, non ho nulla contro i matrimoni gay (e lasciamo cadere l' argomento, se non non se ne esce), per le adozioni ho le mie perplessità, che NON sono comunque le vostre, ed è un altro discorso troppo lungo (ma preciso che non sono perplessità dovute ad un giudizio contro i gay, se poi a qualche gay che legge interessa saperlo, lo spiego volentieri).

    Ma ti dico solo questo, che è un' altra perla che tu definirai Wicca, ma io non ho niente di streghesco, anzi, sono la razionalità fatta persona: la violenza è quando ti si toglie qualcosa, quando si calpesta un tuo diritto, quando ti si umilia, e non quando ti SENTI umiliato dalla condotta di un altro che in realtà non ti pensa proprio, e vuole solo fare la sua vita senza interferire nella tua.

    Il vostro sentirvi detentori della verità e della giustizia è il vostro guaio,  dico seriamente, perchè perdete di vista il vero senso di tutto.

    Insomma, in nome di Cristo  Re, a me non piace la frase "si è in guerra"…e ripeto, ho paura di chi parla così…

    Insomma, tirando le somme, non c'è nessuna guerra, e mi ripeto di nuovo, vivete la vostra vita con le vostre convinzioni, un vero cattolico, un vero fedele non ha problemi a rimanere sulla "retta via" anche se circondato di "perversione"…nessuno vi vieta di rimanere vergini fino alle nozze, di non divorziare, di non abortire, di andare a messa, e così via…

    Il Signore è padrone del "tuo" corpo, ma c'è gente che non la pensa così, e sono solo fatti loro, è questo il punto  dove non ci incontreremo mai, sono fatti loro, e semmai se la vedranno loro con Dio, non è accettabile che altre persone debbano dire a chiunque come deve vivere, lo stesso Gesù ha lasciato libera scelta di condotta, con tutte le conseguenze che essa comporta.

    Tra l' altro presumo che siate ragazzi relativamente giovani, per cui spero che con l' età raggiungiate una maggiore consapevolezza di compassione…(detto così sembra che io sia una nonna…non è così).
    FRANCESCA

  84. todikaion
    giugno 4, 2011

    Grande Francesca!
    Ringrazio Dio perchè non hai ascoltato l'invito ad andartene fuori e per la domanda che mi hai posto, che mi da l'occasione di approfondire ciò che volevo dire.
    nell' ipotesi che io facessi un figlio, ti sembrerebbe giusto farlo crescere in una famiglia senza amore?
    Bene cara Francesca le condizioni ideali te le ho accennate prima: due persone che fanno un progetto per la vita e in ogni atto sessuale sono aperti alla vita nella costruzione della loro famiglia.
    In questo caso è esclusa la possibilità che hai prospettato.
    Poniamo l'ipotesi da te prospettata (sesso fuori del matrimonio) :una volta che rimani incinta e hai un figlio te hai la responsabilità verso questa nuova vita. Te naturalmente non indica solo te, anche il tuo ragazzo (il tuo uomo, il compagno come lo vuoi chiamare ) è tanto responsabile quanto te visto che queste cose si fanno in due (e sempre dall'incontro tra un uomo e una donna), non credo che tu non possa amare una creatura che sta crescendo dentro di te. Le difficili condizioni che per un motivo o per l'altro (non ultimo questa società priva di ogni assistenza, dove una madre può uccidere suo figlio gratuitamente, ma un malato si deve pagare il ticket delle analisi) rendono difficoltosa la sua crescita devono essere rimosse anche con l'aiuto della società e delle persone di buona volontà (e guarda che se ti guardi intorno trovi pure quelle, non solo quelle che se ne fregano e dicono lascia fare), anche nel caso limite di lasciarlo a strutture di accoglienza che lo cresceranno al posto della madre che si rifiuta di farlo. Ti ricordo che è innocente di tutto il male del mondo (lo stupro dal quale potrebbe essere nato, l'esposizione a radiazioni che possono causare malattie, la povertà e la fragilità dei rapporti) e che è piccolissimo e indifeso.
    p.s. Oggi mi è successo un piccolo miracolo, lo racconto sul mio Blog e te lo dedico.
    p.p.s. Complimenti per l'eroismo con il quale leggi i commenti di Davide, devo dire però che sembrate non capirvi, forse anche per colpa sua , ma ci mette molta passione e esperienza personale nelle cose.
    Per Davide: vienici a trovare qualche volta, ci farebbe bene a tutti.
    Gli appuntamenti li conosci.
    Un abbraccio 
    Armando

  85. anonimo
    giugno 4, 2011

    x Armando : ieri stavo per passare ma, come succede ultimamente, dei contrattempi me lo hanno impedito.
    AO, sò serio, scrivo pé davero!

    x Francesca : 

    -Per quanto mi riguarda, essendo circondato appunto dalla perversione, che inizia dal sistema economico vigente, da sistema politico vigente , dall'organizzazione sociale vigente , già paleso di esser cattolico e contesto quel che non va bene con i pochi mezzi che oggi ci sono e di cui, il migliore è sempre il proprio stile di vita.
    Che lo faccia bene o male, con convinzione od ipocrisia, è sicuramente possibile , ma bisognerebbe conoscere il sottoscritto per saperlo.

    -Il desiderare il bene ed agire per il bene non implicanoche le proprie azioni siano buone.
    I punti a), b) e c) che ho scritto hanno una valenza sociale non valenza di condotta individuale.
    Su queste cose "non si può lasciar perdere"

    -Non siamo noi che muoviamo guerra agli altri ( vedi che sei furba? perché ci metti in mezzo "in nome di cristo Re"? ) ma sono gli altri che muovono guerra a noi.
    Noi stiamo solo difendendo la società che a quanto pare non avverte a pieno la gravità dei fatti.
    Questi argomenti sono , assieme a pochi altri, gli ultimi contro la sovversione totale della società.

    -Io non ti ho mai definita Wicca.

    -L'intelligenza è poi qualcosa di più della sola razionalità e si può essere altamente razionali  senza di converso essere molto intelligenti od essere molto intelligenti pur essendo poco razionali.

    Il Signore è padrone del "tuo" corpo, ma c'è gente che non la pensa così, e sono solo fatti loro, è questo il punto  dove non ci incontreremo mai, sono fatti loro, e semmai se la vedranno loro con Dio, non è accettabile che altre persone debbano dire a chiunque come deve vivere, lo stesso Gesù ha lasciato libera scelta di condotta, con tutte le conseguenze che essa comporta.

    Tra l' altro presumo che siate ragazzi relativamente giovani, per cui spero che con l' età raggiungiate una maggiore consapevolezza di compassione…(detto così sembra che io sia una nonna…non è così)

    Ma quel che vai ribadendo è l'ovvio, DIAMINE!
    LO SO  ANCHE IO CHE C'E' GENTE CHE LA PENSA DIVERSAMENTE. LA VEDO VIVERE e PARLARE TUTTI I GIORNI. E' "CAPITATO" CHE ANCHE IO ESISTA, SAI?

    Qui se c'è qualcuno che deve ritenersi offesso quello sono io poiché tu continui a ritenermi un idiota ed un coglione presupponendo che io argomenti avendo la mente tarata.

    Ora.
    Il pensiero individuale non cambia la realtà in sé ma la può cambiare per la realtà individuale che usa scorrettamente il pensiero ossia non lo adegua e non lo incanala secondo la Verità Universale.
    Io stesso ho scritto che la condotta individuale ( dai pensieri, ai sentimenti alle azioni ), viziosa o virtuosa , finché non lede gli altri , è questione individuale ed ognuno se la vedrà con Dio

    -Qui nessuno ha scritto come si debba vivere.
    E' una tua invenzione che mi infastidisce alquanto.
    Qui ribadiamo cosa è virtù e cosa è vizio perché , per farti un esempio in àmbito d'azione economica risparmiare o concumare i propri guadagni non sono la stessa cosa.
    Ciò lo facciamo perché le cose devono essere chiare.
    Che ognuno poi si regoli.
    Ma sui punti a), b) e c) non c'è libertà di condotta che tenga perché lì non ha senso né giustificazione.

    -Per quanto mi riguarda la compassione, come ho già scritto, è una parola vuota se non si lotta per la giustizia.
    La compassione quando si scrive digitalmente in un àmbito così distaccato e soprattutto quando , come i messaggi dimostrano , si è circondati da serpi , è difficile da avere.
    E' difficle da dare quando si è consapevoli che la compassione che reclamate per voi a noi non è concessa.
    La compassione vera la darò a tempo debito , se Dio vorrà e ne sarò in grado , perché la carità è roba viva , non virtuale.

    -Io sto difendendo una posizione legittima. Su questo mi concentro.
    Non avendo offesso nessuno ho provato a rispondere a tutti.

    saluti.
    Davide

  86. anonimo
    giugno 4, 2011

    @todikaion
    C'è bisogno di "leggitimare" l'mosessualità? Davanti a chi o a che cosa? La tua (vostra) ignoranza vi rende ciechi, ma non per questo spetta a noi illuminarvi.
    Roberto

  87. todikaion
    giugno 4, 2011

    Infatti non si deve, ma ce chi lo "impone" alle istituzioni di tutti i paesi, a tutti. Se no sto Europride a che serve per te?
    Armando

  88. anonimo
    giugno 4, 2011

    ARMANDO

    Ma guarda…io pensavo che Davide fosse uno dei vostri, membro del blog…vedi, non si sa mai abbastanza…

    Leggo con "eroismo" i suoi commenti perchè rispondo sempre a tutti…non nascondo che a volte mi ha fatto innervosire, soprattutto perchè mi dà della falsa, furba e quant' altro…ma mi è venuto il sospetto che non  creda al mio atteggiamento perchè non crede che una persona che la pensa al suo opposto possa essere in buona fede…comunque…è chiaro che non ci capiremo mai…ma il confronto fa bene sempre…

    è per questo che non me ne sono andata…

    Per quanto riguarda la famiglia…certo che sarebbe auspicabile la condizione da te prospettata…a me in questo caso il tuo discorso mi sta bene, la mia obiezione è che la vita non va sempre così, e difendo il diritto di chi non se la sente (anche portare avanti una gravidanza e poi lasciare il bambino può essere un problema), ad agire come meglio crede…io stessa non abortirei, anche se mai dire mai…ma ho due conoscenti che l' hanno fatto…io non ho criticato nessuna delle due, ho solamente fatto presente mille e mille volte che dovevano pensare a quello che facevano, che non si tornava indietro, che una volta fatto potevano rovinarsi la vita…ma in effetti non credo che un aborto fatto in tempo sia un omicidio, nel mio intimo credo che la vita come la intendo io (IO, che non ho la Verità assoluta in tasca, e sbaglio, così prevengo DAVIDE), inizi al momento in cui l' embrione diventa feto ed avverte dolore, insomma quando si è pienamente formato il sistema nervoso, quindi dopo la decima settimana…quindi per me non è ancora un innocente, una vittima, o quant' altro…ma forse lo sarebbe se venisse al mondo in un clima di sofferenza o non accettazione…ma qui ti prego, è inutile aprire il dibattito, lo dico per amore di pace, perchè sono due atteggiamenti che non potremo mai conciliare, io preferisco tutelare la vita di chi c'è già, voi logicamente con la logica del sacrificio auspicate un impegno che io, ripeto, non mi sento di accollare agli altri…se mai deciderei per me…

    è qui che non ci capiremo mai, pur nell' utilità del confronto…io difendo il diritto alla libertà di scelta, pur nell' errore, anche la vostra, e non accetto quelle che per me sono imposizioni…

    DAVIDE…"in nome di Cristo Re" è la frase finale del blog…smetti con questo fatto della furba, se non mi dai ragione se dico che sei "de coccio"!
    Non mi pare che i gay, o chiunque altro, ti abbiano mosso guerra…ti darei ragione se ti volessero costringere ad un rapporto gay, o a far abortire la tua donna, o a fare sesso prima del matri, ma non è così, per cui sei tu in guerra, eccome…una guerra in nome di principi che possono pure essere giusti, ma li proponi con arroganza e prepotenza…e con insulti che hai avallato (PORCI E' UN INSULTO, non cercare di farmi fessa perchè avrai già capito che sono un osso duro…dire molesto, o incosciente non è uguale a dire porco…dai davide, non ci prendiamo per i fondelli…è un insulto, e lo ribadisco per la centesima volta).

    E mi pare che hai scritto eccome come si debba vivere, se non vuoi che i gay manifestino, che si sposino, e così via…è ovvio che hai un' idea di quello che dovrebbero o non dovrebbero fare…se tu dici che una cosa è vizio, già stai dicendo che chi lo fa non lo deve fare…o sono troppo terra terra?

    Non leggo compassione nei tuoi discirsi, no…mi ricordi una persona che conosco, che non fa altro che fare discorsi su Dio, la fede, il papa e il cammino spirituale, e non fa altro che giudicare e condannare il prossimo…sicuramente sbaglio, ma le cose che dici somigliano  tanto alle cose che dice lui…per Armando sospendo il giudizio, in virtù del suo atteggiamento civile…

    Ma poi dov'è che non avete la compassione? siete oppressi, vi è fatta volenza…dimmi tu…certo che se per te è violenza dover vedere due gay sposarsi, ognuno potrebbe definire violenza una cosa che non gli va…a me non vanno quelli che vanno in bici sul marciapiede…perchè quella che tu continui a definire Realtà oggettiva della Verità continua a non essere una legge riconosciuta da tutti…ma non ne posso più di ribadire questo concetto…insomma il cielo è celeste, questa è una verità, TUTTI lo vedono, quella che riconosci tu non è oggettiva, nel senso, lo spiego prima che ti imbizzarrisci, che è nella bibbia, nel vangelo, nella parola di Dio, ma oggettivamente Dio non è sceso di persona a dirlo, ora intendo, per cui fatti una ragione che tante persone che non vogliono credere hanno il diritto di farlo…

    e guarda che ti parlo da credente e sto facendo una fatica incredibile a scrivere certe cose, ma la mia fede è una cosa, e il diritto degli altri di fare quello che preferiscono, finchè non fanno del male (MALE VERO, non scandalo o sdegno) è un' altra.

    Spero sia tutto chiaro…
    FRANCESCA

    Ma onestamente, non ti giudico perchè non ti conosco, ma ti dico che per quanto ho letto mi sembri una persona dalla mente alquanto chiusa, e anche supponente, a differenza di Armando, col quale, pur trovandomi in disaccordo, ci può essere una qualche forma di dialogo, quantomeno perchè usa toni molto pacati e non è prevenuto…

    Proprio perchè vivi nel mondo reale (e io non ho mai detto il contrario) e vedi queste persone, io difendi il mio ovvio…te ne sei accorto ora che quello che definisci ovvio era il punto di tutto il nostro scontro?
    E se concordi che ognuno se la vedrà con Dio nel suo momento, che parliamo a fare? Lotta, difendi la società che sogni, senza fare imposizioni agli altri, per i tuoi principi e così sia…

  89. todikaion
    giugno 4, 2011

    Ciao Francesca l'omicidio non dipende da quanto è sviluppato un essere umano o da quanto prova dolore. Basterebbe allora imbottire di analgesici qualcuno e farlo fuori e uno non sarebbe punito. Non è così.
    MI dispiace, ma non ci può essere opinione in questo. Rimane il fatto che c'è una legge, ma questo non significa nulla. Tra l'altro anche la scienza ha dimostrato che durante l'aborto la vittima cerca di scappare. Proprio per questo un medico si è convertito da abortista ad antiabortista. Tra l'altro viviamo in una società che grazie alle scoperte della tecnica ci dice tutto il contrario, della vivacità e della simbiosi che si instaura con la madre (che d'altronde è la sua "casa") fin dai primi tempi.
    Scusa non era per fare polemica però il relativismo non mi piace mai specie quando si parla della vita delle persone.
    Davide è mio amico ci mancherebbe, ma fa un percorso più solitario (purtroppo) rispetto a noi. 
    A proposito (per Davide) vieni almeno l'11 davanti alla statua del Serafico S. Francesco a S. Giovanni, ore 16.00, 17.30.
    Armando

  90. anonimo
    giugno 4, 2011

    No, figurati, ero davvero non polemica quando ho scritto di lasciar stare l' argomento…su questo davvero non ritengo sia il caso di discutere, la tua posizione è legittima e io la rispetto, non ribatto nemmeno i tuoi argomenti, perchè se no non se ne esce più, e lo dico senza secondi fini…già ci stiamo impelagando in concetti abbastanza ardui, non aggiungerei altro…

    del resto, ho ben chiarito che io stessa non lo farei, quindi puoi ben capire che pur nelle mie idee di rispetto totale per le scelte di vita degli altri, per me stessa ho ben altre convinzioni…

    Che conoscessi Davide l' avevo capito, solo che lo avevo preso per un admin del blog…sam
    FRANCESCA

  91. anonimo
    giugno 4, 2011

    Siete dei poveracci fanatici del nulla che avete nel cervello!  seguite un personaggio di fantasia ma non ne cogliete proprio le uniche cose intelligenti che esprime tipo : non giudicare, ama il tuo prossimo come te stesso, porgi l'altra guancia, etc etc io che non ci credo sono libero di fare i cavoli che voglio ma voi se non siete ipocriti dovreste vergognarvi. Voi e quelli che vi hanno abusato (seguendo la loro natura) quando facevate catechismo e che ora ipocritamente ostentano quest' odio per gli omosessuali mentre nei loro covi si trombano a vicenda. ah ah ah ah ipocritiiiiiii!!!!!!!!!!!  un Ateo eterosessuale che rispetta gli omosessuali ma che odia i beoti!!!

  92. anonimo
    giugno 4, 2011

    Secondo me è sbagliata l'idea di fondo: che l'omosessualità pregiudichi la società e i suoi valori. Non vedo in che modo…

    Pregiudica la famiglia? E perchè? Chi vuole farsi una famiglia "mammà-papà-figlioletti", è libero di farsela, come io sono libero di farmi una famiglia "io-il mio ragazzo". 

    Pregiudica gli eterosessuali? Forse che visto che io sono gay, tutti i miei vicini di casa diventano gay? (magari!) Con questo ragionamento, i gay a contatto con gli etero diventano etero?

    Pregiudica i valori? Come se l'omosessualità fosse la causa di tutti i mali? Boh… non riesco proprio a capire cosa c'è che non va. 

  93. todikaion
    giugno 4, 2011

    Si, ok io comunque parlavo in generale purtroppo si arriva persino a negare che siano essere umani pur di giustificare il gesto.
    Davide non è l'amministratore, neanche io lo sono do una mano lo faccio de facto ma il "capo" è un altro e si occupa di facebook.
    Armando 

  94. anonimo
    giugno 4, 2011

    Ops! Sono l'anonimo del commento #8. Scusate, ma non entro spesso qui.

    @ Armando #15
    Mi sembrava chiaro che il mio uso di "esercito" era un'immagine. Esattamente come il vostro uso di "militia", che (ri-ops!) vuol dire proprio "esercito".

    @ Davide #9
    Non ho mai detto che è inutile ristabilire un ordine, nè che non ci vuole una Legge.
    Mi rendo conto che usi la tua, di logica: che consiste nello spostare l'attenzione dal problema di cui si sta discutendo (l'opportunità di una "militia" cristiana), su un aspetto solo in parte congruente (l'ordine e la Legge).
    Secondo la mia logica, ripeto, "inutile" non è la Legge. Inutile è il mezzo che proponete (una "militia" che si fregia del nome di Cristo).

    Ovviamente, prima si dovrebbe dimostrare che c'è un ordine da ristabilire. E qui casca l'asino. Perchè secondo me, di dis-ordinato nell'omosessualità non c'è proprio niente. Quindi, nello specifico, la vostra azione è doppiamente inutile.

  95. todikaion
    giugno 4, 2011

    C'è un ordine ed è quello iscritto nella natura delle persone fatte complementariamente come uomini e donne.
    Te lo devo dimostrare?
    Essere militanti qualifica la nostra azione nel mondo.
    Armando

  96. anonimo
    giugno 4, 2011

    L'omosessualità non nega l'ordine uomo-donna. A questo ne aggiunge un altro (uomo-uomo, o donna-donna).
    Perchè l'omosessualità deve essere dis-ordinata? Se procede verso la pienezza dell'amore e verso un fine superiore, non vedo dov'è il disordine.

  97. anonimo
    giugno 4, 2011

    La vita è una milita sopra la terra recita la santa Bibbia.

    Quantunque io ti abbia già risposto chiaramente, ti faccio notare che, essendo la società non più legittima, una militia è ipso facto necessaria , per quanto questa rimanga sul piano della testimonianza e dell'azione politica.

    Inoltre.
    Prima della logica c'è la verità.
    La verità è quel che è proprio perché è antecedente al dimostrabile ed antecedente alla prova empirica.

    Per quanto riguarda la condizione omosessuale , che questa , CETERI PARIBUS,  sia viziosa dipende esattamente dalla realtà delle cose.

    Ma questo è un discorso che riguarda l'individuo.

    L'ordine di cui parlavamo è quello sociale ed in questo caso la confusione strumentale ed opportunistica è la tua.

    Davide

  98. anonimo
    giugno 4, 2011

    il messaggio sopra era per l'anonimo  n 94

    Secondo me è sbagliata l'idea di fondo: che l'omosessualità pregiudichi la società e i suoi valori. Non vedo in che modo…

    Pregiudica la famiglia? E perchè? Chi vuole farsi una famiglia "mammà-papà-figlioletti", è libero di farsela, come io sono libero di farmi una famiglia "io-il mio ragazzo". 

    Pregiudica gli eterosessuali? Forse che visto che io sono gay, tutti i miei vicini di casa diventano gay? (magari!) Con questo ragionamento, i gay a contatto con gli etero diventano etero?

    Pregiudica i valori? Come se l'omosessualità fosse la causa di tutti i mali? Boh… non riesco proprio a capire cosa c'è che non va.

    a) essendo un vizio l'omosessualità può pregiudicare potenzialmente la società. Ciò è certo dato che una società di viziosi è debole e più propensa al crimine.

    b) l'omosessualità come scleta individuale non intacca la famiglia.

    c) Far ritenere un vizio come normale, propagandarlo , in più impegnarsi per riuscire ad ottenere pseudo-matrimoni gay o civili ed anche le adozioni per gay o conviventi, questo si è sovversivo.

    d) Non si tratta affatto di essere gay o non gay per quanto riguarda il punto c).

    e) che pregiudichi i valori è certo. Che sia causa di tutti i mali non lo sostiene nessuno e sarebbe d'altronde un'evidente contraddizione logica.

    f) l'omosessuale , in sé , ha molte strade davanti che può sceglie a suo favore o sfavore.
    Quel che non và è quel che fate al punto c) di cui sopra.

  99. anonimo
    giugno 4, 2011

    Siete dei poveracci fanatici del nulla che avete nel cervello!  seguite un personaggio di fantasia ma non ne cogliete proprio le uniche cose intelligenti che esprime tipo : non giudicare, ama il tuo prossimo come te stesso, porgi l'altra guancia, etc etc io che non ci credo sono libero di fare i cavoli che voglio ma voi se non siete ipocriti dovreste vergognarvi. Voi e quelli che vi hanno abusato (seguendo la loro natura) quando facevate catechismo e che ora ipocritamente ostentano quest' odio per gli omosessuali mentre nei loro covi si trombano a vicenda. ah ah ah ah ipocritiiiiiii!!!!!!!!!!!  un Ateo eterosessuale che rispetta gli omosessuali ma che odia i beoti!!!

    You welcome!

    Davide

  100. todikaion
    giugno 4, 2011

    Per l'anonimo #96
    C'è anche un altro ordine uomo-bambino, quello padre-figlia e perchè no quello uomo animale (esistono pure le bestialità) si aggiungono tutti, tutti nella "pienezza" verso "qualcosa di superiore".
    Che bello!
    Armando
    p.s. almeno il significato di militia l'hai capito…

  101. anonimo
    giugno 4, 2011

    -Francesca dobbiamo mettere le cose in chiaro.
    Che ci sia comprensione reciproca, sinceramente, non mi interessa.
    La vera umiltà , sul piano del pensiero e del razionale ( si badi ), è abbandonare i propri costrutti per riconoscere la verità.

    -Io reputo la tua sincerità e la tua tenacia pregievoli ma ti faccio presente che fai ragionamenti illogici ma soprattuto basati su costrutti falsi.
    Questo rovina molto, in sé.

    -Ognuno di noi ha "l'intendo io".
    Ma qui appare una scelta : scegliere che tale intendere segua la verità oppure no.
    La Verità non è di nessuno, semmai siamo tutti propri della Verità…
    Fin tanto che non si sfora nell'illegittimità , ossia dal vizio non si passa al sovvertimento , alcune azioni possono venir tollerate.
    Non è parere.

    -La guerra che intendevo è la guerra che il "principe di questo mondo" ha verso l'ordine leggittimo ,ordine legittimo che può venir sovvertito solo con la complicità degli uomini.
    La nostra è, per l'appunto, legittima difesa anche di quello che ci non capiscono quel che , nel piccolo, qui si fà.

    -Ti ho già spiegato che , su internet , avere quel tipo di relazionabilità che tu consigli è difficile.
    Inoltre siamo attorniati da gente che non è come te, ma passa il tempo ad insultare e scrivere stupidaggini illogiche.
    Ancora c'è anche il nostro personale fardello. Come già ti ho scritto tu pretendi compassione da parte nostra per gli altri , eppure non vai neanche pensando che anche noi ne siamo , per la stessa questione e per lo stesso modo in cui ci manifestiamo nell'affrontarla, meritevoli.
    La compassione inoltre si dimostra con i fatti e , sinceramente, accostarla al calore umano è frutto della distorsione romantica e sentimentalistica della nostra epoca.

    Questo ruolo non è un ruolo piacevole, che compromette relazioni,stabilità finanziaria e libertà civile, senza stare a fare esempi di individui del movimento in questione a cui io non oso neanche paragonarmi.

    -PORCI non è insulto. Te l'ho già spiegato.

    -Il Signore è Dio di tutto :
    Dio della Guerra come Dio della Pace, Dio della Giustizia come Dio della Compassione ,
    Dio del Rigore come della Misericordia.

    -le persone che non vogliono credere sono libere di vivere come credono.NOn sono libere si dovvertire l'ordine legittimo.
    Che ci riescano o no, dipende dalla Volontà divina e dalla fedeltà degli uomini che collaborano al progetto divino.
    Terminati i tempi, i nodi verranno al pettine ed ognuno verrà giudicato secondo il metro a lui adatto.
    Dio lo sà, non noi.

    -leggi il giudizio del Signore sullo scandalo e poi ritorna qui a confermare contro il Signore quel che affermi.

    -Chi ha in vista la Gloria di Dio, quegli non cerca il potere.
    Se ci fosse un'ordine leggittimo le sofferenze atroci dell'epoca attuale non sussisterebbero né potrebbero darsi le disperazione che porta gli individui all'ateismo od il vizio dilagante che li coopta nell'empietà.

    – Ricorda il detto del santo Cipriano interrogato dai musulmani:

    "perché voi Cristiani che dovreste porgere l'altra guancia ci attaccate?"

    "perché il cristiano è tenuto a subire individualmente ma è obbnligato ad intervenire per soccorrere il proprio fratello"

    – i principi sono tali per tutti altrimenti non sarebbero principi ma convenzioni arbitrarie.

    E mi pare che hai scritto eccome come si debba vivere, se non vuoi che i gay manifestino, che si sposino, e così via…è ovvio che hai un' idea di quello che dovrebbero o non dovrebbero fare…se tu dici che una cosa è vizio, già stai dicendo che chi lo fa non lo deve fare…o sono troppo terra terra?

    Io a quanto pare scrivo inutilmente.

    Davide

  102. anonimo
    giugno 4, 2011

    Al commento 100: non c'è un ordine uomo-bambino, padre-figlio, uomo-animale perchè questi non sono ordini che contemplano l'amore reciproco: che invece può essere vissuto con pienezza anche da due uomini o da due donne consapevoli.

    Davide, commento 97. Non posso che ripetere che sposti il nucleo del problema, ripetendo a oltranza le stesse cose, ma senza rispondere al problema che avevo posto.

    Al commento 98.
    a. potenzialmente? se dobbiamo valutare tutto quello che è potenziale dobbiamo condannare, ad esempio, la Chiesa, perchè è "potenzialmente" intollerante, o "potenzialmente" struttura di potere contraria allo spirito originale di Cristo.
    a2. una società di viziosi è più propensa al crimine? chi lo dice? non mi risulta che i gay siano più criminali degli altri. E a dirla tutta, non mi risulta che esistano società non viziose.
    b. appunto.
    c. l'omosessualità è un vizio dal tuo (vostro) punto di vista.
    d. si.
    e. "è certo"? in che senso? prima dicevi che "potenzialmente" pregiudica la società, ma di "certo" pregiudica i valori? e la società non si fonda su valori? questa è "un'evidente contraddizione logica".
    f. visto che non è un vizio, "va" anche chiedere il riconoscimento di diritti (tra parentesi: "fate" va bene generalizzando; "io" non chiedo, ad esempio, le adozioni).

    THX.

  103. todikaion
    giugno 4, 2011

    E chi te l'ha detto che non contemplano amore?
    Amore purtroppo è una parola abusata, la abusi tu fuori dall'ordine suo proprio (io parlo dell'amore coniugale non delle altre forme d'amore come l'amicizia) lo possono fare anche i sostenitori di queste cose.
    Armando

  104. anonimo
    giugno 4, 2011

    DAVIDE
    Si, scrivi inutilmente…ma solo perchè hai la tua convinzione radicata, e ne hai pieno diritto, ma secondo il mio modestissimo parere, con la tua intransigenza, guasti quel che di buono e ragionevole ci può essere i questo blog.

    Mi perdonerai se non ho più voglia di digitare le stesse parole per la decima volta…a differenza di come è accaduto con Armando, il discorso con te non evolve, in nessun modo…io non sono d' accordo con Armando, e lui non è d' accordo con me, ma avrai notato come alcuni punti sono stati sviscerati, discussi, e benchè il disaccordo generale rimanga, c'è stato da entrambe le parti non dico un avvicinamento, ma quantomeno un chiarimento, e perchè no, un minimo di accordo parziale.

    Questo è un bene, senza dubbio, anche solo se è servito ad mettere in comunicazione le nostre menti, che rimangono comunque lontane.

    Con te questo non è possibile, ma il fatto che mollo la presa non vuol dire che hai avuto ragione su di me, o che mi hai convinto, o che non so più cosa dire, ma solo che non riesco davvero a rielaborare  gli stessi concetti in un altro modo ancora.

    A differenza di me, le tue orecchie sono chiuse, non fai un passo, nè vanti, nè indietro…va bene così…se parlassimo di persona, potrei andare avanti per altri tre giorni, ma visto che digitare a ripetizione è stancante, io passo la mano…se proporrai un altro argomento sarò lieta di confrontarmi con te, non è che non ti voglio parlare, ma su questo argomento abbiamo davvero detto dieci volte le stesse cose, per cui…

    Due cose te le voglio dire, però: primo, nell' interesse dei tuoi amici del blog, e nel tuo stesso interesse, lascerei stare l' argomento crociate et similia…credo che qualunque persona, e forse anche i ragazzi stessi di questo blog, ti direbbero che a livello storico (e non morale, intendiamoci), la chiesa, o chi si nascondeva dietro di essa, ha commesso crimini indicibili, per cui lascerei proprio perdere…secondo, tu dici che non penso che voi siate meritevoli di compassione…se vai a leggere ho affermato che mi batterei anche per il vostro diritto ad essere quello che siete, se vi fosse impedito (cerca bene che lo ritrovi…), per cui non venirmi a dire che la mia è compassione a senso unico…la proverei anche per te se dovesse verificarsi l' occasione…forse un po' di visione romantica e sentimentalistica ti farebbe bene, ti addolcirebbe un po'…non so se hai letto "Quo Vadis?"…ebbene, tu mi ricordi tanto il personaggio di Crispo…fu rimproverato molto dolcemente dallo stesso Pietro per la sua severità…lo so che è solo un romanzo, se ti capita leggilo, certo non è un vangelo, è un po' lungo, ma ne vale la pena…
    FRANCESCA

  105. anonimo
    giugno 4, 2011

    No no no. Inutile e superbo non è il dovere di testimonianza. E' l'idea che a Cristo serva una "milizia", cioè un braccio armato. So che "militia Christi" indica la comunità dei credenti e la disciplina del cristiano che procede sulla strada delle virtù: ma qui, da voi, c'è stato uno spostamento semantico, e "militia" indica invece un'attitudine alla lotta. Il che mi sembra inutile, perchè Cristo ha già i suoi eserciti, e superbo, perchè pretende di offrire una formazione armata secolare a Chi non la ha mai espressamente legittimata.

    a) Militia Christi non è un braccio armato né pretende di fornire al Signore tale servizio.

    b) la lotta politica rientra a tutti gli effetti nel dovere di ogni cristiano.

    c) l'attitudine alla lotta non implica come conseguenza il menar le mani né, men che meno , l'ingaggiare le armi.

    d) ti sembra inutile l'attitudine alla lotta o l'esistenza di eserciti cristiani?

    -Per il primo caso vedi il punto b).

    -Nel secondo caso basterebbe leggersi i Padri.
    Che sia cristiana o meno , la  legittimità della potestà temporale ( in tutti i suoi ordini ) dipende dal proprio adempiere alla loro funzione.

    e) La funzione temporale è riconosciuta e non negata da Cristo. Al Signore non è estraneo nulla dipendendo tutto da Lui.

    f) Ci si salva per i propri meriti tramite la Grazia di Dio. Noi siamo mezzi di Dio nel mondo.

    Se non hai capito, sto qua.

    davide

  106. anonimo
    giugno 4, 2011

    a)  calcolando che non si può essere dei potenziali intolleranti se si procede dalla Verità e calcolando che la Chiesa , in sé, è un'autorità spirituale e non un potere, a te l' onere della prova.

    Ricordando inoltre che la formulazione stessa delle strutture come gli atti compiuti dipendono dagli uomini non dalla Chiesa.

    a2) le tue deduzioni sono illogiche e scollegate fra loro. Io non ho scritto nulla contro i gay che, a quanto leggo, mi sembrano iuna vostra ossessione piuttosto che nostra.

    Innanzi tutto una società più viziosa è una società con un bassa preferenza temporale ed è una società ontologicamente più debole poiché i vizi intorpidiscono psichicamente e fisicamente.

    Ciò comporta la possibilità di una maggior crescita dell'egoismo ed ugualmente una maggior possibilità di smarrire la Via.

    Il resto ( la questione dei crimini od anche la nascita di false ideologie ) è una deduzione scontata.

    SI BADI BENE.
    IL VIZIO E' NECESSARIO!
    Come imparare la virtù senza il vizio? come meritare?

    Il problema è il cedere o non cedere al vizio. Quando una società cede al vizio sovverte l'ordine legittimo.
    La società attuale ha , ad esempio, quasi sovvertito l'intero ordine legittimo.

    b) infatti.

    c) Veramente al punto c) intendevo ben altre cose e non l'essere gay.
    Non mischiare le carte.
    Io ho scritto che agire per far scambiare un vizio per una normalità è illegittimo ( oltre agli altri concetti dello pseudomatrimonio e delle adozioni ) , non che essere gay sia illegittimo per quanto sia vizioso in sé.
    Se non sei in grado di comprenderlo io non posso ripetermi ad libitum.

    La questione vizio ad ogni modo è solo tangenziale rispetto a quello che stiamo trattando, seppur ne è il fattore scatenante ( vedasi punto a2 ).

    d) invece no.

    e)Sul piano della società hai ragione. L'omosessualità in sé non pregiudica. Per l'individuo invece la questione cambia essendo che tale preferenza sessuale è viziosa lo intacca.

    f) i diritti che paventi non esistono. Ad ogni modo il fatto che richieda quegli pseudo diritti non è correlato alla viziosità , ma all'intenzione sovversiva.

    Scusa se generalizzo. Dammi una sigla e scriverò con e su te.

    Davide

  107. anonimo
    giugno 4, 2011

    Francesca non è mia intenzione star qui a scrivere se hai ragione o no.
    Essendo parte in causa , ossia essendo io io stesso, non sarei molto obiettivo ( non oggettivo ARMANDO! ).

    Quel che mi indispettisce di te è il fatto che tu stia sempre a rimarcare la differenza , a ricordarci quanto sei aperta , tenace , forte e buona.
    Sembrerebbe quasi che  io non sia degno di te…

    Tieniti dunque questi presunti pregi assieme la tuo cripto-femminismo.

    Per il resto:

    -i crimini , di chiunque siano, non vanno negati né protetti.

    -Ugualmente quel che affermiamo non è inerente ad un nostro fantomatico diritto.
    E' inerente alla Giustizia in sé stessa per quanto riguarda l'ordinamento sociale.

    Saluti. Davide
     
    p.s. nun c'è trippa pé Gatti ( l'ex giocatore del Perugia s'intende! )

  108. anonimo
    giugno 5, 2011

    DAVIDE

    sei veramente un personaggio fantastico…io non ho mai detto di essere aperta (ho detto che cerco di avere la mente aperta, questo si), tenace (questo però me lo ha detto Armando!), forte e buona…ma quando mai…io ho detto che  mi batto quando vedo quella che mi pare un' ingustizia, che è molto diverso…e poi quale differenza ho mai rimarcato, se non la mia idea di difendere i diritti altrui da quelle che ritengo, forse sbagliando, prepotenze?

    e ti dirò, non sono buona per niente…solo non insulto gli altri e sono educata per principio. Il fatto che non perda la calma è frutto di un lungo lavoro interiore, che mi ha fatto diventare impermeabile a qualunque provocazione, fatta in buona fede, o no.

    Non presumo nessun pregio (quelli che ho, non li ho esternati qui), e non sono una cripto-femminista…questa è comica, perchè di femminismo non si è proprio parlato, nemmeno in senso lato, se non quando si parlava di aborto o divorzio, ma anche lì, io parlavo dei diritti di tutti e due i sessi, quindi mi sa che se era una provocazione, te la dovevi studiare meglio…se ho capito male, colpa mia…magari spiegami…

    Se, e ribadisco SE (con te è sempre meglio specificare le cose) il "NON C'E' TRIPPA PER GATTI" è riferito al fatto che ti ho detto che mollo, mi dispiace deluderti, ma non ha vinto nessuna battaglia…anzi, il contrario, c' era un confronto e l' hai perso, visto che mollo perchè discutere con te ormai non è per niente interessante, nè produttivo…certo, se scriverai a me, ti risponderò, ma non riscriverò di nuovo le mie opinioni, perchè penso di averle esposte fno alla nausea, mia e di chi legge…preferisco, se ci sarà occasione, continuare a discutere con Armando, che è un interlocutore molto più stimolante…
    FRANCESCA

  109. anonimo
    giugno 5, 2011

    Di tutto quel che ho scritto non hai provato a confutare nulla, se non rifugiandoti nei "diritti individuali".
    Ed io  ti ho già scritto ,che "il mi pare" non ha senso e che tali diritti non possono essere un danno per gli altri.
    Appunto il "non c'è trippa pé gatti" è ciò : l'individuale non può nulla sull'Universale.
    Quel che è ingiusto tale è oltre ogni gusto.Non è la Verità che si deve adattare a noi, è l'inverso.

    Le differenze che rimarchi , poi, sono scritte , del tuo lavoro interiore ( buon per te ) ad esempio  nulla ci interessa.
    Il tuo cripto-femminismo basta che leggi quel che scrivi  dall'ultimo capoverso, ossia da "Se" a "stimolante".
    Perché questa sete di vittoria? Perché tutta questa importanza che ti dai?

    I tuoi pensieri su di me non posso contestarli perché io sono me, parte in causa, non sono obiettivo per definizione.
    Accetto e rifletto e ti ringrazio per questa occassione.
    No problem…

    p.s. anche io sono educato e circostanzio gli aggettivi che uso. Qui non è mai stata in discussione la tua educazione.E' per questo che con te è da un po' che si dialoga mentre con altri è impossibile a-priori per il loro modo pregiudiziale ed INTOLLERANTE di porsi.

    Davide

  110. todikaion
    giugno 5, 2011

    Siete troppo forti tutti e due, però forse non è il caso visto che siete tutti e due di Roma di vedervi, magari sabato 11 a S. Giovanni (16.00-17.30) e ne parlate/parliamo?
    Armando

  111. anonimo
    giugno 5, 2011

    DAVIDE

    Io non mi do poi tutta questa importanza, o meglio, mi do la grande  importanza che spetta ad ognuno, in quanto essere umano…

    So anche che non te ne importa del mio lavoro interiore (anche se non vedo perchè al limite non ti potrebbe interessare, anche solo come spunto di discussione su una cosa che dovremmo fare tutti…vedi che sei abbastanza brusco e scortese nel porti?), l' ho scritto solo per spiegare che non mi ritengo perfetta, ma che non mi arrabbio e non rispondo con maleducazione anche quando l' istinto me lo suggerirebbe eccome…

    Ammetto infatti senza problemi che un paio di volte ho avuto difficoltà a mantenere un certo tono, ma ho resistito appunto perchè non mi piace nè il pregiudizio nè la maleducazione…ed è riferito ANCHE a chi la pensa come me ed è antrato per insultarvi ed è poi sparito…

    Mi sforzo, ma in quel capoverso non ci vedo nulla nè di criptico, nè di femminista…mi sa che mi è sfuggito qualcosa…

    Forse ti farà ridere, ma contrariamente a quello che mi sembra che pensi, io sono una persona per certi versi anche abbastanza conservatrice…il femminismo mi appartiene proprio poco…

    Comunque, pace, ci siamo spiegati davvero a sufficienza…

    ARMANDO

    Guarda, io verrei pure a sentirvi…solo che se rileggi, io ho scritto che sono di Roma, ma purtroppo non vivo più lì…se ho scritto che conosco le situazioni è perchè ci sono vissuta fino a pochi anni fa, ci torno a volte, e ho molti amici che ci vivono…
    FRANCESCA

  112. todikaion
    giugno 5, 2011

    A presto Francesca allora!
    Armando

  113. anonimo
    giugno 5, 2011

    Grazie ARMANDO, pur nella quasi totale diversità di vedute, è stato interessante il confronto con te!
    FRANCESCA

  114. anonimo
    giugno 5, 2011

    non mi sembra proprio che gesù si sia mai scagliato contro gli omosessuali come fate voi e nemmeno  che abbia mai rivolto tanto odio verso delle persone che semplicemente hanno abitudini diverse da quelle comuni.  se una persona si comporta secondo la legge perchè non dovrebbe essere libera di amare chi vuole? se entrambe le persone sono adulte e consenzienti perchè la cosa vi infastidisce così tanto?
    la verità è che la religione è nata per dare delle risposte mentre la chiesa per dare ordini. vi scagliate contro l'omosessualità ma non dite nulla sui preti pedofili. parlate di carità ma lo IOR ha tanti di quei soldi da sfamare tutta l'africa. ma quanti sono morti di AIDS per la vostra campagna contro l'uso del preservativo? quanti sono stati torturati e uccisi dall'inquisizione? e vogliamo parlare delle crociate? perchè allora non crocifiggete tutti i gay come facevano con le streghe? fate un po' un bilancio di tutto il danno che voi e il vostro assurdo e immotivato odio che dispensate tanto facilmente alle diverse minoranze che non si adeguano ai vostri canoni ci avete arrecato. la chiesa è l'oppio dei popoli. sapete cosa diceva gandhi?
    "ammiro molto la figura di gesù e mi convertirei se vedessi un solo cristiano comportarsi come lui'' questo dice tutto.

  115. todikaion
    giugno 5, 2011

    Se hai la pazienza di leggere bene quello che scriviamo sui nostri Blog trovi la risposta a queste tue affermazioni, magari ne scriveremo anche prossimamente.
    La Chiesa cattolica conta, tra i suoi, migliaia di persone che hanno consacrato la vita al servizio dei lebbrosi. Varrebbe la pena di cercare a quale fonte si alimenta questo eroismo. (Gandhi)
    Qualche anno più tardi l'India vedrà Madre Teresa di Calcutta.
    Un articolo recente su Gandhi.
    Armando

  116. anonimo
    giugno 13, 2011

    "C'è anche un altro ordine uomo-bambino, quello padre-figlia e perchè no quello uomo animale (esistono pure le bestialità) si aggiungono tutti, tutti nella "pienezza" verso "qualcosa di superiore".

    Ebbene questa è la natura di cui parlate….queste è ciò che è effettivamente naturale ( non molto uomo-bestia perchè la natura non prevede accoppiamenti fra specie animali differenti ).
    E' proprio per questo che definire come "naturale" il rapporto uomo-donna e definire "innaturali" tutti gli altri non ha senso. 
    Esistono delle leggi morali e delle leggi legali ma le fa l'uomo, non le fa la natura e non le fa Dio…le fa l'uomo, così come l'uomo ha stabilito che il rapporto uomo-donna è l'unico moralmente accettabile, e su quali basi? Così come l'uomo ha deciso di relegare l'omosessualità, la pedofilia o l'incesto nelle pratiche immorali….ma ci devono essere delle basi oggettive per fare questo. Per decidere cosa è morale e cosa non lo è….
    E' oggettivamente disordinato il raporto uomo-bambino, perchè il bambino non può essere consensiente in quanto, pur sperimentando pulsioni sessuali, non è in grado di discriminare e quindi non può essere consensiente (in fondo è proprio su questo che legalmente viene definito il reato di pedofilia…sul fatto che per definizione il bambino non è consensiente) e per il fatto che un uomo adulto non dovrebbe avere stimoli sessuali verso un essere che non è sessualmente formato.
    Il rapporto padre-figlia, se pure fosse consensiente e non si trattasse di una bambina rimane oggettivamente disordinato in quanto porta a maggiore incidenza di sindromi congenite e quindi ha dati oggettivi per essere definito non conveniente ergo…immorale

    Invece l'unica base del "disordine" nel rapporto omosessuale è invece la sola incapacità di procreare….e tale incapacità a procreare non dovrebbe rendere disordinato il rapporto di una coppia sterile? A logica sì direi, tanto è vero che nella bibbia Sara fa giacere Abramo con Agar pur di fargli fare un figlio e tanto è vero che la Sacra Rota annulla il matrimonio in caso di sterilità….ma come mai oramai la sterilità non è vista più come una colpa? ( cosa che prima era) Perchè l'uomo si è sviluppato e ha capito che l'essere sterili non invalida il rapporto d'amore fra due persone….e così non può invalidare un rapporto d'amore omosessuale.

    Marcoesquilino

  117. todikaion
    giugno 13, 2011

    No e ti ho già risposto prima sulla complementarietà etc.
    ti piace S. Tommaso? ragionaci su.
    Ciao

  118. anonimo
    giugno 16, 2011

    A Marcoesquilino: Se si fa passare il concetto che è naturale e morale il rapporto omosessuale, diventa molto più difficile opporre delle obiezioni alle disgustose derive pedofile e incestuose.

    <<E' oggettivamente disordinato il raporto uomo-bambino, perchè il bambino non può essere consenziente in quanto, pur sperimentando pulsioni sessuali, non è in grado di discriminare e quindi non può essere consensiente (in fondo è proprio su questo che legalmente viene definito il reato di pedofilia…sul fatto che per definizione il bambino non è consenziente) e per il fatto che un uomo adulto non dovrebbe avere stimoli sessuali verso un essere che non è sessualmente formato.>>

    I)   Il fatto che "il bambino non sia MAI consenziente" è stato contestato da molti "progressisti" , come ad esemio Foucault (o il nostrano Aldo Busi), che affermano che questo concetto derivi da un pregiudizio ("ageism" contro i bambini= cioè l' eqivalente di omofobia nei confronti della pedofilia) che il bambino sia inferiore , e quindi incapace di giudizio autonomo. Per ovviare a ciò si potrebbe (e si sta già facendo) creare un programma che dia ai bambini fin da piccoli gli elementi per godere di una sessualità consapevole ( educazione sessuale fin dalle elementari ).Così solo lo stupro sarebbe condannato, ma non il sesso consenziente.
    I movimenti di liberazione dei giovani (youth) stanno lottando per abbassare la maggiore età e l' età del consenso. Così come i movimenti pedofili reclamano il diritto dei bambini di fare sesso. Ai primordi l' ILGA e la Nambla insieme lottavano per una liberazione dei gay a qualsiasi livello (senza differenza di età), richiamandosi alla sessualità tra uomo e bambino della antica Grecia. Un esempio recente è l' Olanda, dove al gay pride hanno fatto sfilare anche "bambini gay" di 11 anni, che volevano manifestare i loro "diritti". Allo stesso modo in Olanda le associazioni che hanno fatto approvare il matrimonio gay hanno iniziato a lottare per la legalizzazione della pedofilia.
    II)  Il fatto che un uomo non debba essere attratto da un bambino (cioè che non è ancora sviluppato sessualmente, cioè in grado di avere figli) è abbastanza difficile da sostenere se già accetti un rapporto (quello gay) che strutturalmente è incongruo alla riproduzione. Con quale ragione limiti un rapporto sessuale perchè non conforme alla riproduzione (cioè uomo-bambino) quando esalti uno stesso rapporto non conforme alla riproduzione (quello omosessuale)? La sola ragione può essere estetica, cioè che le forme infantili non ti piacciono, ma questo può essere visto come un giudizio soggettivo.

    In sostanza, abolite le ragioni morali religiose e quelle naturali, l' unico ostacolo sono le leggi in vigore. E quelle appunto i progressisti cercano di cambiare.

    <<Il rapporto padre-figlia, se pure fosse consenziente e non si trattasse di una bambina rimane oggettivamente disordinato in quanto porta a maggiore incidenza di sindromi congenite e quindi ha dati oggettivi per essere definito non conveniente ergo…immorale>>

    E chi dice che devono fare un figlio?. Possono sempre adottarlo. Nell' incesto si parla di stare insieme come coppia e fare sesso. Seguendo il ragionamento dell' "quando due persone si amano non è immorale o contro natura" anche l' incesto così inteso è legittimo. Il problema sarebbe di natura anagrafica (cioè burocratica, ma non morale). Questi non sono ragionamenti astrusi: i Radicali hanno anche proposto una legge per depenalizzare l' incesto.

    Non ti basta? esistono anche gruppi che vogliono legalizzare la zoofilia (peraltro già legale in Italia), con la motivazione che l' amore e la sessualità devono essere libere, e che comunque l' uomo è un animale e quindi non è contro natura fare sesso con gli animali.

    In conclusione: o si mettono barriere rigide su ciò che è naturale/ morale, e cioè non si ammette il sesso all' infuori della procreazione ,o si rischia di finire nel baratro infernale della sessualità libera in tutte le sue forme.

    P.S: la differenza tra il rapporto di una coppia sterile e una omosessuale è la stessa che c'è tra suonare una chitarra con corde rotte e "suonare" una panchina (facendo gli stessi movimenti con le mani). Entambe non producono suono di chitarra ma non si può dire che sia la stessa cosa.

    Algophagitis-VIII

  119. todikaion
    giugno 16, 2011

    In sostanza, abolite le ragioni morali religiose e quelle naturali, l' unico ostacolo sono le leggi in vigore. E quelle appunto i progressisti cercano di cambiare.

    la differenza tra il rapporto di una coppia sterile e una omosessuale è la stessa che c'è tra suonare una chitarra con corde rotte e "suonare" una panchina (facendo gli stessi movimenti con le mani)

    Complimenti!
    Armando

  120. anonimo
    giugno 16, 2011

    Grazie per l'accurata disamina e complimenti anche da parte mia.

    Davide

  121. anonimo
    luglio 12, 2011

    ma sapete do dovete anna??? ce chiamate perversi, ce chiamate diversi ma i veri pervertiti so i preti maniaci, i preti pedofili, ed i preti falsi ed ipocriti che alimentano questo fuoco di odio!!! GAY IS NOT BAD!!! w l' amore gay piu pulito di quello vostro!!! bigotti e trogloditi!!!

  122. anonimo
    luglio 12, 2011

    l'odio non c'è ci si impegna a combattere unìideologiua di cui, visti gli slogan, sembri pervaso fino al midollo
    Armando

  123. anonimo
    luglio 26, 2011

    scusate tanto, militiani e paladini dei gay
    ma davero nun c'avete gnente da fa che scrive tutte ste cazzate?
    ma lavorare no?
    pensare ai ccnl scaduti, ai salari da fame, ai prezzi delle case proibitivi e al nero futuro che ci attende se non siamo pronti a ribellarci no?
    i militia qua ce l'hanno coi gay, quest'altri "oddio per carita'…. i frustoni innanzitutto"
    SVEJAAAA

  124. todikaion
    luglio 26, 2011

    Perchè non ci conosci anonimo #123, noi naturalmente ci occupiamo anche di quello, ma alla gente non frega tanto.
    Armando

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 1, 2011 da in Senza categoria con tag .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: